Tedeschi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Tedeschi (disambigua).
Tedeschi
Tedeschi
Martin Lutero · Otto von Bismarck · Ludwig van Beethoven · Immanuel Kant · Johann Wolfgang von Goethe · Johann Gutenberg · Johann Sebastian Bach · Richard Wagner · Wilhelm Friedrich Hegel · Albrecht Dürer · Karl Marx · Max Weber · Konrad Adenauer · Friedrich Schiller · Karl Benz · Konrad Zuse · Marlene Dietrich · Helmut Kohl · Carl von Clausewitz · Max Planck · Angela Merkel · Albert Einstein · Johannes Kepler · Friedrich Nietzsche · Rudolf Diesel
Luogo d'origine Germania Germania
Popolazione 75 milioni[1][2] (dai 100 ai 150 milioni includendo gli oriundi con ascendenti di origine tedesca[1])
Lingua Tedesco
Religione Cattolicesimo; protestantesimo (luteranesimo)
Distribuzione
Germania Germania[1][2] 75.000.000
Stati Uniti Stati Uniti[3] 50.000.000
Brasile Brasile[4] 5.000.000
Canada Canada[5] 3.200.000
Sudafrica Sudafrica[6] 1.200.000
Francia Francia[7][8] 1.000.000
Australia Australia[9] 812.000
Argentina Argentina[10] 600.000
CSI CSI[11] 600.000
Italia Italia[12][13] 500.000
La diffusione dell'etnia tedesca alla vigilia della prima guerra mondiale

I tedeschi (Deutsche in lingua tedesca) sono un gruppo etnico localizzato prevalentemente in Germania. Dei 100 milioni di persone che al mondo parlano tedesco, circa 75 milioni si considerano tedeschi. In un'accezione più ampia possono essere definiti tedeschi, oltre agli abitanti della Germania, anche gli svizzeri (e i belgi) germanofoni, gli austriaci, gli altoatesini e alcuni milioni di immigrati e loro discendenti, di madrelingua non tedesca, che hanno accettato forme di vita e di cultura legate al mondo germanico.

Approssimativamente, vi sono altri 80 milioni di individui che hanno antenati tedeschi (i Deutschstämmige), in particolare negli Stati Uniti[14], in Brasile[15], Argentina[16], Francia[17], Cile[18] e Canada[19] i quali tuttavia non parlano il tedesco come lingua nativa.

Ciò premesso, il numero totale dei tedeschi, nei paesi di lingua germanica e al di fuori di essi, risulta oscillare tra i 75 e i 160 milioni di unità a seconda dei criteri che li definiscono.

Origine del nome[modifica | modifica sorgente]

Il termine tedesco Deutsche trae origine dall'Alto tedesco antico diutisc (da diot, popolo) che si riferiva alla "lingua del popolo" germanico. Tuttavia, non è ancora chiaro se la parola fosse comunemente utilizzata in qualità di etnonimo. L'uso del sostantivo ein diutscher, per indicare "un tedesco" emerge solamente nel Medio alto tedesco ed è attestato dalla seconda metà del XII secolo. L'aggettivo e il sostantivo italiano "tedesco" traggono la loro origine dalla suddetta parola.

Tedeschi nel mondo[modifica | modifica sorgente]

Proclamazione dell'Impero tedesco avvenuta nella Reggia di Versailles, 1871 (Bismarck è vestito di bianco)
Nel 1930 quasi 100 milioni di persone in giro per il mondo erano di origine tedesca, ovvero il 4,5% della popolazione mondiale.[20][21][22]
Durante il secondo dopoguerra milioni di immigrati di origine tedesca nell'Europa dell'est furono uccisi o deportati

Il termine "tedesco" può identificare varie tipologie etniche. Può pertanto essere utilizzato per distinguere i cittadini tedeschi effettivamente tali dai cittadini di diversa origine; può indicare le minoranze linguistiche tedesche di altre nazioni; soprattutto in inglese, il termine Ethnic Germans viene adoperato più genericamente per indicare i discendenti di emigranti tedeschi.

Minoranze di cultura tedesca, anche se in alcuni casi maggioritariamente non germanofone, sono rappresentate in diversi paesi dell'Europa centrale e orientale (Polonia, Ungheria, Romania, Russia), ma anche dell'Africa (Namibia) e dell'America del Sud (Brasile meridionale, Cile meridionale, Argentina e Paraguay) e, soprattutto, in America settentrionale.

La comunità di ascendenze tedesche più numerosa al mondo dopo quella radicata in Germania, è presente infatti negli Stati Uniti e conta, secondo le statistiche ufficiali statunitensi, circa 50 milioni di persone (tenendo anche conto di circa 800.000 oriundi austriaci), ovvero oltre il 17% degli abitanti (rilevazione 2005) degli States. Tale comunità risulta essere anche il gruppo etnico europeo più consistente al di fuori dell'Europa. La maggior parte dei tedeschi americani vive negli stati del Medio-atlantico (Pennsylvania) e del Nord Midwest (Iowa, Minnesota, Ohio, Wisconsin, Illinois, Indiana, North Dakota, South Dakota e Missouri orientale) ma si possono individuare delle "enclavi" in altri stati (ad esempio in Texas e Louisiana) Notevole pure l'apporto tedesco alla popolazione di Canada (circa il 9% della popolazione) ed Australia (circa il 4%).

Sin dal Medioevo gruppi di tedeschi hanno colonizzato vaste aree dell'Europa Orientale e prima della seconda guerra mondiale erano presenti minoranze di una certa entità in Cecoslovacchia (tedeschi dei Sudeti e tedeschi dei Carpazi), Russia (tedeschi di Russia), Polonia, Transilvania e Paesi Baltici (soprattutto in Lettonia). Dopo il conflitto si sono verificate espulsioni e migrazioni volontarie che ne hanno notevolmente ridotto il numero. Secondo i censimenti più recenti, in Polonia si contano 152.900 tedeschi, in Russia 597.212, nella Repubblica Ceca 39.106, in Slovacchia 5.405, in Ungheria 150.000, in Romania 60.000 e, nei Paesi Baltici, poche decine di migliaia.

Alcuni gruppi possono essere classificati come tedeschi anche se hanno perso la propria lingua madre e parte delle proprie tradizioni. Fra questi sono compresi i circa due milioni di tedeschi che prima degli anni novanta vivevano nell'Unione Sovietica, specialmente in Russia e Kazakhstan, e la gran maggioranza dei 50 milioni di oriundi germanici (e austro-germanici) radicati negli Stati Uniti d'America.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Germans and foreigners with an immigrant background, recuperato tramite Internet Archive
  2. ^ a b Latest Census Underlines Multicultural German Reality, Deutsche Welle
  3. ^ US Demographic Census
  4. ^ A imigração alemã
  5. ^ Ethno-Cultural Portrait of Canada
  6. ^ Genealogy of Afrikaaners
  7. ^ France
  8. ^ Alsatians
  9. ^ 2001 CENSUS: ANCESTRY - DETAILED PAPER (Census Paper No. 03/01b)
  10. ^ Observatorio de Colectividades
  11. ^ Том 4 - "Национальный состав и владение языками, гражданство".
  12. ^ Cittadini Stranieri. Bilancio demografico anno 2006 e popolazione residente al 31 dicembre - Tutti i paesi di cittadinanza Italia
  13. ^ South Tyrol in Figures
  14. ^ 49.2 million German Americans as of 2005 according to the United States Census Bureau, US demographic census. URL consultato il 2 agosto 2007. .
  15. ^ A Imigração Alemã no Brasil | Brasil | Deutsche Welle | 3.12.2009
  16. ^ «Relaciones culturales entre Alemania y la Argentina» The Embassy claims there are 600,000 people of German descent and 50,000 German citizens.
  17. ^ ethnologue
  18. ^ German Embassy in Chile.
  19. ^ 2001 Canadian Census gives 2,742,765 total respondents stating their ethnic origin as partly German, with 705,600 stating "single-ancestry".
  20. ^ Dati da United Nations Department of Economic and Social Affairs, Population Division. "The World at Six Billion," 1999.
  21. ^ "Deutsche auf der Erde" (1930), map
  22. ^ Qui sono stati usati i dati delle Nazioni Unite (2,07 miliardi di persone nel mondo nel 1930), e la somma delle popolazioni nella mappa. 2,07 miliardi di persone costituiscono il 100% della popolazione mondiale e 93.379.200 costituisce il numero di tedeschi. La percentuale di popolazione mondiale con ascendenza tedesca ammontava nel 1930 pertanto a x=93.379.200*100%/2.070.000,000=4,5110724637681=4,5%

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]