Secondo dopoguerra italiano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Secondo dopoguerra)
« L'aria pareva più pura, persino la natura più bella; quanta fiducia negli uomini, quanta speranza che fosse sorta l'era degli uomini di buona volontà, disinteressati, senza ambizioni, per cui gli alti uffici fossero soltanto un dovere e una missione […] Fu lo spazio d'un mattino.[1] »

La locuzione secondo dopoguerra italiano indica un periodo storico compreso tra la fine della seconda guerra mondiale e gli anni seguenti in un periodo il cui termine va considerato nel contesto complessivo e che può essere determinato schematicamente da date diverse tra di loro.

Secondo un'interpretazione storiografica, il deterioramento del governo di centro-sinistra, nato come un tentativo di riformare le istituzioni politiche italiane, segnò la fine di quelle speranze di rinnovamento diffuse nel secondo dopoguerra[2] che andrebbe quindi compreso in un'età approssimativamente estesa tra il 1945 e gli anni '60 che segnano la crisi definitiva dei partiti e della società civile che avevano fondato la Repubblica nata dopo la guerra.[3]

La riunificazione del Paese diviso[modifica | modifica sorgente]

Ferruccio Parri

Dopo la lacerazione causata dalla divisione tra il Centro-Nord, presidiato dai tedeschi, e il Sud, occupato dagli Alleati, alla fine della guerra in Italia si era formata una frantumazione e sovrapposizione dei centri di potere dello Stato: il governo monarchico, il governo d'occupazione degli Alleati, quello dei comandi militari d'occupazione, quello dei Comitati di liberazione nazionale si soverchiavano e contrastavano tra loro determinando una crisi dello stato unitario a cui si era spesso sostituito l'intervento del Vaticano nelle ultime fasi della guerra e dopo l'immediato dopoguerra. «La liberazione di Roma è l'ingresso delle truppe alleate, non come a Genova, Torino, Milano ecc., l'ingresso delle formazioni partigiane. Su tutta la scena, infine, è il Santo Padre, il Vaticano che domina, con tutt'altra forza che il CLN.»[4]

Pietro Nenni

La guerra di liberazione al Nord aveva alimentato le speranze rivoluzionarie di una parte della Resistenza che aveva visto nell'assunzione di Ferruccio Parri, espressione del CLN, al governo (1945) un primo passo verso un rinnovamento istituzionale e sociale:

« Ecco arrivato il vento del Nord che apporterà il rinnovamento spazzando ogni resistenza.[5] »

Il rinnovamento politico, che era parso configurarsi con la cosiddetta "epurazione" - l'allontanamento dalle fabbriche e dagli uffici pubblici di coloro che avevano collaborato con il passato regime - e con l'annuncio del governo Parri di un'imposta sul capitale, si spense invece di fronte ad una forte opposizione interna ed esterna:

« La destra liberale e i democristiani conservatori consideravano [quei provvedimenti] un attacco alla struttura economica della società italiana... La Sezione economica della Commissione alleata minacciò di fermare le forniture di carbone e di altre materie prime...[6] »

A deludere ogni velleità rivoluzionaria intervenne poi «quella forza enorme che nello stato moderno costituisce la burocrazia, la struttura amministrativa dello Stato...per natura conservatrice: la sua forza propria è nella continuità delle funzioni, non certo nel loro sconvolgimento.»[7]

Con Alcide De Gasperi, successo appena due anni dopo al governo Parri, prevalse l'idea di una necessaria continuità: l'amministrazione centrale dello Stato rimase immutata, i codici di leggi, anche quelli vigenti durante il fascismo, furono conservati. L'opposizione di gruppi capitalistici ostili ad ogni intervento dello Stato in economia, sostenuti dalla presenza di uomini politici della scuola liberista, fece mancare una visione di programmazione economica da parte dello Stato su cui basare la ricostruzione.

I problemi della ricostruzione[modifica | modifica sorgente]

Sebbene la struttura industriale del Paese non fosse stata gravemente danneggiata, anche per l'intervento di salvaguardia degli operai,[8] sussistevano grandi difficoltà per la riconversione industriale alla produzione di pace e per i rifornimenti di materie prime.[9] Disastrose le condizioni invece delle maggiori città italiane distrutte dai bombardamenti, delle strutture stradali, dell'agricoltura, non tanto per la produzione di grano che nel 1945 era al 75% di quella di prima della guerra, quanto per quella dello zucchero e della carne scesa al 10%e al 25% di quella anteguerra.[10]

Manifestazioni, come quella di Milano del 1945, si susseguirono in tutta Italia per il razionamento dei generi alimentari che favoriva il mercato illegale della "borsa nera". Mentre la disoccupazione cresceva, aumentava la perdita di valore della lira tanto che il costo della vita era di 20 volte maggiore rispetto al 1938 e nel 1946, nel giro di un anno, i prezzi raddoppiarono.

Ma la guerra aveva provocato anche disastri morali con la lotta armata ai nazifascisti che in alcuni casi si era trasformata da guerra patriottica di liberazione in una vera e propria guerra civile[11] coi suoi strascichi di odi e vendette private.[12]

L'ordine pubblico era fortemente compromesso dalla delinquenza per bande organizzata in molte regioni e dal movimento separatista siciliano per le sue complicità mafiose anche se «naturalmente, il separatismo non fu tutto mafia né tutti i mafiosi furono separatisti. Moltissimi seguaci del movimento non ebbero nulla a che vedere con la mafia...»[13]

Il ritorno alla vita politica[modifica | modifica sorgente]

La prima pagina del Corriere della Sera dell'11 giugno 1946 dichiara la vittoria della Repubblica, annunciata il giorno precedente ma che sarà proclamata solo il 18, al Referendum istituzionale del 2 e 3 giugno.
Palmiro Togliatti

Il fallimento del rinnovamento auspicato dal governo Parri fu aggravato dal deterioramento dell'ordine pubblico messo in crisi dai conflitti nelle fabbriche del Nord e dalle occupazione delle terre al Sud. Parri, per l'opposizione dei liberali e anche per il mancato appoggio dei partiti della sinistra, fu costretto nel dicembre 1945 alla dimissioni in favore di Alcide De Gasperi, appoggiato da una coalizione comprendente i partiti del CLN, con l'esclusione del Partito d'Azione, con Palmiro Togliatti ministro della Giustizia e Pietro Nenni ministro degli Esteri. De Gasperi rimase ininterrottamente capo del governo sino al 1953 caratterizzando la storia italiana di quel periodo decisivo per il suo immediato futuro.

Le forze progressiste tornarono in primo piano con la vittoria al referendum istituzionale, a cui furono ammesse al voto per la prima volta in Italia anche le donne, del 2 giugno 1946 per la scelta tra monarchia e repubblica. Invano Vittorio Emanuele III, nel tentativo di salvare l'istituto monarchico, un mese prima del referendum aveva abdicato in favore del figlio Umberto. Lo scrutinio assegnò 12.718.641 voti per la repubblica contro i 10.718.502 voti per la monarchia. Con il referendum si votò anche per la scelta dei componenti dell'Assemblea Costituente per l'elaborazione di una nuova carta costituzionale in sostituzione dello Statuto Albertino.

La maggioranza dei voti andò ai grandi partiti di massa mentre quasi scompariva dalla scena politica il Partito d'Azione, espressione delle elites borghesi che avevano combattuto il fascismo. Tuttavia sussisteva ancora un equilibrio fra progresisti e moderati poiché comunisti e socialisti rappresentavano il 40% dei votanti. Un'affermazione particolare ebbe il movimento dell'Uomo Qualunque fondato dal giornalista Guglielmo Giannini.

Capo provvisorio dello Repubblica fu un liberale indipendente Enrico De Nicola che dal 1º gennaio 1948, a norma della prima disposizione transitoria della Costituzione, assunse titolo ed attribuzioni di Presidente della Repubblica.

L'Italia nel sistema politico internazionale[modifica | modifica sorgente]

Alcide De Gasperi

Alla fine della seconda guerra mondiale l'Italia si trovò in una particolare situazione internazionale: sino all'armistizio dell'8 settembre 1943 l'Italia aveva combattuto come alleata con la Germania nazista dalla quale si era inizialmente dissociata fino successivamente a dichiararle guerra come nemica. Nel frattempo si era sviluppato un movimento di liberazione nazionale contro l'occupazione tedesca e i loro collaboratori della Repubblica sociale che aveva contribuito alla vittoria delle forze alleate. Per gli Alleati l'Italia però era considerata una nazione sconfitta alla quale veniva riconosciuta solo la condizione di cobelligeranza. Questo fece sì che l'Italia nella conferenza di pace di Parigi (1946) venisse considerata alla stessa stregua delle altre nazioni europee alleate della Germania sconfitte per cui le condizioni di pace impostele furono molto gravose.

« Ebbene, permettete che vi dica con la franchezza che un alto senso di responsabilità impone in quest'ora storica a ciascuno di noi: questo Trattato è, nei confronti dell'Italia, estremamente duro...[14] »

Nei precedenti accordi tra gli Alleati infine l'Italia era stata assegnata all'area politica occidentale contrapposta per la sua posizione strategica nel Mediterraneo, alla progressiva costituzione del blocco comunista nei Balcani.

Rivendicando questa importanza strategica italiana e la sua partecipazione effettiva alla guerra contro i tedeschi, il rappresentante del governo italiano, il presidente del consiglio Alcide De Gasperi chiedeva «di dare respiro e credito alla Repubblica d'Italia» rivendicando che «il rovesciamento del regime fascista ...non sarebbe stato così profondo se non fosse stato preceduto dalla lunga cospirazione dei patrioti che in patria e fuori agirono a prezzo di immensi sacrifici, senza l'intervento degli scioperi politici delle industrie del Nord, senza l'abile azione clandestina degli uomini dell'opposizione parlamentare e antifascista...»[15] L'Assemblea dei vincitori non tenne in nessun conto le richieste di De Gasperi che il 10 febbraio 1947 firmò il Trattato di pace.

L'Italia dovette subire rettifiche di frontiera in favore della Francia e della Jugoslavia, restituire alla Grecia le terre occupate e rinunciare a tutte le colonie, sia quelle fasciste che quelle prefasciste. Come risarcimenti l'Italia dovette pagare milioni di dollari, ricevuti in prestito dagli Stati Uniti, all'URSS, all'Albania, all'Etiopia, alla Grecia e alla Jugoslavia. La flotta navale fu quasi interamente consegnata ai vincitori. Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia rinunciarono a chiedere le riparazioni di guerra.[16]

La perdita delle colonie non fu sentita in Italia come una diminuzione importante sia per lo scarso valore attribuito a quelle terre sia per il processo di decolonizzazione ormai avanzato in Europa.

« A differenza di quella di Trieste, la questione delle colonie non era sentita profondamente dalle grandi masse dei contadini e degli operai, dagli abitanti delle campagne e della provincia italiana. Il clamore sollevato in Italia fu dovuto soprattutto allo sfruttamento della questione da parte di vecchi ufficiali delle truppe coloniali, di politici opportunisti e di nostalgici.[17] »

L'esclusione dei partiti comunisti e socialisti dal governo[modifica | modifica sorgente]

Giuseppe Saragat

Un particolare dibattito storiografico si è aperto a proposito della svolta politica del maggio 1947 in Italia vista come un riflesso della "guerra fredda" con la contrapposizione che venne a crearsi alla fine della seconda guerra mondiale tra due blocchi internazionali, generalmente categorizzati come Occidente (gli Stati Uniti d'America, gli alleati della NATO e i Paesi amici) e Oriente, o più spesso blocco comunista (l'Unione Sovietica, gli alleati del Patto di Varsavia e i Paesi amici).

In Italia all'interno del partito socialista (congresso del gennaio 1947) vi fu una scissione tra la corrente minoritaria degli "autonomisti" con a capo Giuseppe Saragat, sostenitori di una politica filoccidentale, e i "fusionisti" di Pietro Nenni, orientati ad una collaborazione di governo con i comunisti.

Nacque così il PSDI (Partito socialista democratico italiano) di Saragat disposto a collaborare con la Democrazia cristiana e a schierarsi per una politica atlantica. De Gasperi poté allora formare per più di cinque anni una serie di gabinetti centristi quadripartito formati da democristiani, repubblicani, socialdemocratici e, più tardi, liberali.

L'esclusione dei partiti della sinistra è stata vista da una parte della storiografia come il risultato di un accordo politico di De Gasperi con gli americani per ottenere dagli Stati Uniti un prestito di 100 milioni di dollari.

Lo storico cattolico Pietro Scoppola, che ebbe modo di consultare i documenti presenti nelle carte di De Gasperi, dichiara invece: «Non ho trovato nulla negli appunti di De Gasperi che autorizzi l'ipotesi di un'intesa pregiudiziale al prestito per l'esclusione dei comunisti dal governo.»[18] Tuttavia, vi furono certamente delle pressioni dal Dipartimento di Stato americano per l'esclusione dei comunisti e la formazione di un governo di centro che «opportunamente aiutato sul piano economico» avrebbe potuto raccogliere nuovi consensi elettorali. Secondo lo storico la rottura con i comunisti fu per De Gasperi più che una scelta, una necessità «un prendere atto di una situazione di fatto già esistente per il progressivo e ulteriore irrigidirsi della politica rispettiva degli Stati Uniti e dell'Unione Sovietica».[19]

Di parere diverso lo storico Giampiero Carocci che attribuisce a De Gasperi la subordinazione della politica italiana alle direttive degli Stati Uniti e di aver fatto confluire nella Democrazia Cristiana gli interessi «dei conservatori e delle forze tradizionalmente dominanti» anche se ebbe il merito di essersi opposto «alle spinte più rozzamente clericali e a quelle reazionarie del Vaticano» di papa Pio XII.[20]

Dalle elezioni del 18 aprile 1948 a quelle del 7 giugno 1953[modifica | modifica sorgente]

« La forza di rottura, potenzialmente contenuta nel testo costituzionale radicalmente innovatore rispetto non solo alla ideologia fascista ma anche a quella liberale, non ha trovato energie sufficienti a metterla in opera, sicché la costituzione materiale, quale si è di fatto realizzata, ha privato di efficacia non solo e non tanto singoli precetti costituzionali, quanto la sua più profonda essenza.[21] »
Giuseppe Di Vittorio segretario della CGIL dal 1945 al 1957

I principi politici della nuova Carta Costituzionale, entrata in vigore il 1º gennaio 1948 vennero messi alla prova dalle elezioni del 18 aprile 1948.

La situazione economica con l'applicazione della "linea Einaudi" nel frattempo andava migliorando: la diminuzione dell'inflazione, anche a prezzo di un aumento della disoccupazione, riportava lo sviluppo economico nell'alveo del tradizionale sistema capitalistico. L'appoggio della Confindustria, soddisfatta dall'allontanamento dal governo di socialisti e comunisti, e l'arrivo di investimenti dall'estero, fece sì che la produzione del 1948 tornasse ai livelli del 1938. Non soddisfatto della condizione dei lavoratori il movimento sindacale si era unito in una confederazione (CGIL) che manifestava nelle piazze il suo dissenso represso dai duri interventi della polizia al comando del ministro degli interni Mario Scelba.

Le elezioni del 1948 videro il trionfo elettorale della Democrazia Cristiana che rispetto alle elezioni del 1946 guadagnò cinque milioni di voti (48% dei voti) mentre il "Fronte Democratico Popolare", comunisti e Psi uniti, ne persero un milione. Questa schiacciante vittoria era dovuta ad una serie di cause:

« Se il popolo italiano voterà per affidare il governo a un potere nel quale l'influenza dominante spetti ad un partito la cui ostilità al programma di assistenza americano è stata ripetutamente e clamorosamente espressa, dovremmo concludere che il popolo italiano desidera dissociarsi da tale programma.[22] »
  • il colpo di stato comunista a Praga (febbraio 1948) che accrebbe la paura che i comunisti volessero fare altrettanto in Italia;
  • l'appoggio dato alla DC dal Vaticano e dal clero che predicò il voto al partito cattolico come un dovere per i credenti.

Nonostante la maggioranza conseguita De Gasperi non volle fondare la sua politica sul solo partito cattolico e chiamò al governo esponenti dei partiti laici minori anche per tenere a freno le spinte integraliste all'interno della DC.

L'Italia che in politica estera aveva già aderito dal 1948 agli organismi europeistici dell'OECE e del Consiglio d'Europa, rese definitivo il suo schieramento dalla parte occidentale con l'adesione alla NATO nell'aprile del 1949. L'inserimento nel mercato europeo continuò con l'adesione alla CECA e nel 1957 alla Comunità economica europea CEE vista dagli imprenditori italiani come una garanzia della prevalenza dell'economia di mercato sugli interventi e controlli statali.

L'adesione allo schieramento filoccidentale del governo uscito dalle elezioni del 1948 fece aumentare le tensioni sociali che si espressero nell'attentato a Palmiro Togliatti (14 luglio 1948) e nella scissione all'interno della CGIL, con la formazione nel 1950 della CISL, di orientamento cattolico e della UIL di ispirazione repubblicana e socialdemocratica, che indebolì la forza contrattuale del sindacato.

Le elezioni politiche del 1953, le seconde del dopoguerra, segnarono la crisi della DC che aveva tentato con la legge maggioritaria, o "legge truffa" come la chiamarono le sinistre che non la fecero approvare, di proseguire nella sua egemonia. La perdita di quasi un milione di voti rispetto alle elezioni del '48 contrassegnò la crisi del centrismo evidenziata dalle dimissioni dal governo di De Gasperi e dal susseguirsi di una serie di governi instabili politicamente.

I governi centristi avviarono una parziale riforma agraria nelle zone più depresse del Paese, già avviata con il progetto De Gasperi-Segni nell'aprile del 1949 per l'espropriazione e il frazionamento delle grandi proprietà agricole. La legge che alla fine venne approvata assegnava ai contadini «solo un terzo o metà delle terre originariamente destinate alla redistribuzione»[23] La riforma divenne strumento di clientelismo elettorale e non riuscì a formare l'auspicata classe di piccoli proprietari contadini ma piuttosto piccole aziende a carattere familiare e perciò scarsamente produttive che ben presto abbandonarono la coltivazione della terra con un massiccio esodo in occasione, dopo il 1959, del boom economico.

Gli stessi governi approvarono l'istituzione della Cassa del Mezzogiorno che con un'azione di sovvenzioni statali ai privati cercò di avviare, con una politica di costruzione di grandi infrastrutture, la unificazione sociale ed economica del Meridione al resto d'Italia. Con il potenziamento dell'IRI, per lo sviluppo delle imprese statali, e la creazione dell'ENI (1953), per la ricerca e produzione degli idrocarburi, lo Stato diveniva poi imprenditore allo scopo di controllare l'iniziativa privata e impedire manovre speculative sul mercato petrolifero.

Il "miracolo economico"[modifica | modifica sorgente]

Il piano Marshall, operativo sino al 1953, aveva dato una prima spinta alla ricostruzione del paese che iniziò a procedere rapidamente e con le sue forze verso lo sviluppo economico a partire dal 1954 sino all'entrata nel Mercato comune nel 1957. Nel giro di pochi anni l'Italia divenne uno stato prevalentemente urbano e industriale sino a posizionarsi al settimo posto tra i paesi più industrializzati. Un rilevante progresso si ebbe nell'industria tessile, siderurgica, meccanica, chimica, petrolchimica e dell'edilizia.

Questa grande espansione economica fu determinata da una serie di elementi concomitanti:

  • una favorevole congiuntura internazionale caratterizzata da un incremento vertiginoso del commercio internazionale. Anche la fine del tradizionale protezionismo economico italiano incentivò il sistema produttivo italiano costringendolo ad ammodernarsi e a confrontarsi con la concorrenza.
  • La disponibilità di nuove fonti di energia e la trasformazione dell'industria dell'acciaio furono gli altri fattori decisivi. La scoperta del metano e degli idrocarburi in Val Padana, la realizzazione di una moderna industria siderurgica sotto l'egida dell'IRI, permise di fornire alla rinata industria italiana acciaio a prezzi sempre più bassi.
  • Ma il «miracolo economico» non avrebbe avuto luogo senza il basso costo del lavoro. Gli alti livelli di disoccupazione negli anni cinquanta furono la condizione perché la domanda di lavoro eccedesse abbondantemente l'offerta, con le prevedibili conseguenze in termini di andamento dei salari.[24]

Lo sviluppo quindi, non fu omogeneo ed anzi aggravò lo squilibrio tra Nord e Sud:

« Il boom aveva fatto entrare nel mondo moderno del benessere un numero di Italiani molto maggiore che in precedenza, ma sempre una minoranza. Circa il 25 per cento della popolazione aveva raggiunto un livello di vita decente, secondo i modelli di vita dell'Europa occidentale, ma la maggioranza rimaneva di gran lunga al di sotto di questo livello e una parte notevole viveva ancora ai limiti della sopravvivenza.[25] »

Tra gli effetti negativi del boom vanno alla fine annoverati:

  • l'abbandono imponente delle campagne;
  • la brusca trasformazione dei costumi;
  • il consumismo;
  • uno sregolato sviluppo edilizio.

I socialisti al governo[modifica | modifica sorgente]

Aldo Moro

Dopo una serie di tentativi da parte delle correnti più conservatrici della DC di spostare l'asse del governo a destra dello schieramento politico italiano con le conseguenti vicende del governo Tambroni, con il mutamento del clima politico internazionale nella coesistenza pacifica tra Occidente e Oriente, il partito socialista italiano cominciò a collaborare con il governo prima con un appoggio parlamentare esterno al governo di Amintore Fanfani (1962) ed infine con la partecipazione diretta al governo di Aldo Moro (1963).

Il leader del partito socialista italiano Pietro Nenni dopo la denunzia dei crimini di Stalin fatta da Kruscev al XX Congresso del PCUS (febbraio 1956), dopo la repressione armata da parte dell'URSS della rivolta ungherese (ottobre 1956) si andava convincendo «che i valori della democrazia e della libertà erano altrettanto importanti della socializzazione dei mezzi di produzione.[26]»

L'ingresso dei socialisti al governo trovò una forte opposizione da parte della Confindustria mentre altri imprenditori erano favorevoli alla corresponsabilizzazione dei lavoratori come giovevole per la produzione, se non altro per la diminuzione degli scioperi, non sottovalutando poi una maggiore stabilità politica che avrebbe permesso la realizzazione di una programmazione economica più accurata.

I socialisti in cambio del loro appoggio al governo chiesero l'istituzione delle regioni a statuto ordinario, una riformma agraria tendente alla soppressione della mezzadria, la riforma della scuola e soprattutto la nazionalizzazione della produzione elettrica che fu attuata nel 1962 con il governo Fanfani con la creazione dell'ente statale ENEL. Venne attuata anche la scuola media unica con l'obbligo scolastico fino al 14º anno d'età. Fu invece bloccata la riforma agraria e l'istituzione delle regioni dove la corrente conservatrice della DC temeva il costituirsi delle "regioni rosse".

La sinistra avanzata giudicò l'apertura a sinistra della DC come un'operazione di trasformismo:

« Il centro-sinistra degli anni Sessanta non fa eccezione a questa regola; anche in quella occasione la classe dirigente tradizionale si comportò in conformità all'esperienza di sempre e accettò l'ingresso dei socialisti nella maggioranza obbedendo alla legge di cooptare nel governo una parte dell'opposizione. Alla medesima regola si attennero i socialisti, spinti verso il governo dalla profonda convinzione che dal di fuori poco o nulla poteva farsi per rinnovare il paese.[27] »

Controprova di questo giudizio fu la scissione all'interno del PSI dei massimalisti che fondarono il nuovo partito del PSIUP rifiutandosi, come dicevano, di dare sostegno alle forze conservatrici. Sullo stesso piano fu l'opposizione del PCI al centro-sinistra premiata, assieme al PSIUP, nelle elezioni del 28 aprile 1963 da un aumentato consenso elettorale.

Il nuovo governo Moro (agosto 1963-dicembre 1964) si trovò così in gravi difficoltà anche per la fase di recessione che attraversava l'economia italiana ma riuscì a portare a termine importanti riforme, con l'astensione dei comunisti, come lo "Statuto dei lavoratori" e l'ordinamento regionale.

La svolta del PCI e il deterioramento del centro-sinistra[modifica | modifica sorgente]

Il 21 agosto 1964 Palmiro Togliatti era morto a Yalta lasciando un testamento politico dove auspicava una nuova via italiana al socialismo:

« Una più profonda riflessione sul tema della possibilità di una via pacifica di accesso al socialismo ci porta a precisare che cosa intendiamo per democrazia in uno Stato borghese [...] Sorge così la questione della possibilità di conquista di posizioni di potere da parte delle classi lavoratrici, nell'ambito di uno Stato che non ha cambiato la sua natura di Stato borghese e quindi se sia possibile la lotta per una progressiva trasformazione, dall'interno, di questa natura.[28] »

Contro questa eventuale partecipazione comunista al governo nel 1964 le forze reazionarie organizzarono un colpo di Stato che fallì per la sua stessa inefficienza. Si trattava di quello che venne scoperto più tardi nel 1967 come lo "scandalo del SIFAR".

Le elezioni del 1968 raforzarono sia la DC che il PCI mentre subì un tracollo, effetto della delusione degli elettori della sua politica al governo, il nuovo partito PSU nato dalla unificazione dei due partiti socialisti.

Intorno agli anni 1967-1968 incominciò una parziale ripresa dell'economia ma nel 1969 il rinnovo dei contratti di lavoro generò nel Paese un'ondata di proteste e manifestazioni di piazza. La Destra vedeva in questi sconvolgimenti dell'ordine pubblico una minaccia di sovversione e invocava l'intervento dello Stato forte.

Il 12 dicembre del 1969 una bomba ad alto potenziale venne fatta esplodere nella Banca dell'agricoltura in Piazza Fontana a Milano che causò sedici morti e sessanta feriti: un episodio di terrorismo politico di cui furono accusati prima gli anarchici e successivamente i neofascisti. L'avvenimento aprì la strada a una serie fatti eversivi come il tentativo di colpo di Stato nel 1970 di Valerio Borghese, ex ufficiale della RSI e l'azione insurrezionale di movimenti clandestini armati. A complicare il clima politico concorse il movimento di contestazione studentesca che investì l'Italia dal 1969.

« Il paese stava pagando alla fine degli anni Sessanta, il prezzo delle innumerevoli contraddizioni maturate negli anni del "miracolo": l'incapacità delle forze politiche moderate di realizzare le necessarie riforme, le divisioni della Sinistra, l'incapacità del partito comunista, ancora chiuso nel suo "limbo", di condizionare dall'esterno la direzione politica del paese, le velleità dei ceti più reazionari, politicamente impotenti ma tentati a battere ancora la strada del terrorismo e dell'eversione.[29] »

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Arturo Carlo Jemolo in La Stampa, 2 giugno 1974
  2. ^ A. Desideri, Storia e storiografia, Vol. III, Ed. D'Anna, Messina-Firenze, 1980, p.1053
  3. ^ Anna D'Andrea, Il secondo dopoguerra in Italia, 1945-1960, ed. Pellegrini, 1977
  4. ^ F. Chabod, L'Italie contemporaine. Conférences donnés à l'Institut d'Études Politiques de l'Université de Paris in A. Saitta, Storia e miti del '900, La Nuova Italia, Firenze, 1974
  5. ^ Pietro Nenni in F. Chabod, L'Italia contemporanea (1918-1948), ed. G. Einaudi, 1961, p.139
  6. ^ Norman Kogan, L'Italia del dopoguerra. Storia politica dal 1945 al 1966, Laterza ed., Bari, 1968
  7. ^ F. Chabod, Op. cit.
  8. ^ Antonio Gambino, Storia del dopoguerra: dalla liberazione al potere DC, Volume 1, ed. Laterza, 1978, p.33
  9. ^ Luigi De Rosa, Lo sviluppo economico dell'Italia dal dopoguerra a oggi, Laterza, 1997
  10. ^ Antonio Gambino, Op. cit., p.71
  11. ^ Norberto Bobbio, Dal fascismo alla democrazia: i regimi, le ideologie, le figure e le culture politiche, ed. Baldini Castoldi Dalai, 2008 p.141 e sgg.
  12. ^ Claudio Pavone, Una guerra civile. Saggio storico sulla moralità nella Resistenza, Editore Bollati Boringhieri, 2006
  13. ^ Salvatore Nicolosi, Sicilia contro Italia: il separatismo siciliano, ed. C. Tringale, 1981, p.VII
  14. ^ A. De Gasperi, in Il nuovo Corriere della Sera, 11 agosto 1946
  15. ^ A. De Gasperi, Op. cit.
  16. ^ Trattato di pace con l'Italia, art.74, in Bendiscioli-Gallia, Documenti di storia contemporanea, ed. Mursia, Milano, 1971
  17. ^ N. Kogan, Op. cit.
  18. ^ P. Scoppola, La proposta politica di De Gasperi, Il Mulino, Bologna, 1977
  19. ^ P. Scoppola, Op. cit.
  20. ^ G. Carocci, Storia d'Italia dall'Unità ad oggi, Feltrinelli, Milano, 1975
  21. ^ Costantino Mortati, Istituzioni di diritto pubblico, ed. Cedam, 1975 in Erik Gobetti, 1943-1945, la lunga liberazione, ed. Franco Angeli, 2007 p.248
  22. ^ Dichiarazione del segretario di Stato statunitense George Marshall in Camillo Daneo La politica economica della ricostruzione, 1945-1949, Einaudi, 1975, p.249
  23. ^ N. Kogan, Op. cit.
  24. ^ «Dal 1953 al 1959 la poduttività sia aumentata del 53%, i salari solo del 7%.» in Guido Crainz, Storia del miracolo italiano: culture, identità, trasformazioni fra anni cinquanta e sessanta, Donzelli Editore, 2005 p.195 e sgg.
  25. ^ N. Kogan, Op. cit.
  26. ^ N. Kogan, Op. cit.
  27. ^ E. Scalfari, L'autunno della Repubblica, Etas Kompas, Milano, 1968
  28. ^ Palmiro Togliatti, Memoriale di Yalta, Palermo, Sellerio 1988
  29. ^ A. Desideri, Op. cit. p.1066

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Bauer E. – Storia controversa della seconda guerra mondiale, 7 volumi, De Agostini, 1971.
  • Bocca G. – Storia d'Italia nella guerra fascista, Mondadori, 1996.
  • Boffa G. – Storia dell'Unione Sovietica, parte II, Mondadori, 1979.
  • Churchill W. – La seconda guerra mondiale, 6 volumi, Mondadori, Milano, 1948.
  • DeFelice R. – Mussolini il Duce, Einaudi, 1981.
  • Hillgruber A. – La distruzione dell'Europa, il Mulino, 1991.
  • Morris E. – La guerra inutile, Longanesi, 1993.
  • Shirer W. – Storia del Terzo Reich, Einaudi, 1990.
  • Giorgio Candeloro, Storia dell'Italia moderna. Vol. 10: La seconda guerra mondiale. Il crollo del fascismo. La Resistenza, Feltrinelli, 1984, ISBN 8807808056.
  • ADSTANS (pseudonimo di Paolo Canali), Alcide De Gasperi nella politica estera italiana, 1943-1953 , Mondadori, Milano, 1953
  • Igino Giordani, Alcide De Gasperi il ricostruttore, Roma, Edizioni Cinque Lune, 1955
  • Giulio Andreotti, De Gasperi e il suo tempo, Milano, Mondadori, 1956
  • Gianni Baget Bozzo, Il partito cristiano al potere: la DC di De Gasperi e di Dossetti 1945-1954, Firenze, Vallecchi, 1974.
  • Giuseppe Rossini, Alcide De Gasperi. L'età del centrismo 1947-1953, Roma, Cinque Lune, 1990
  • Nico Perrone, De Gasperi e l'America, Palermo, Sellerio, 1995 ISBN 8-83891-110-X
  • Andrea Riccardi, Pio XII e Alcide De Gasperi - Una storia segreta, Roma Bari, Laterza, 2003
  • Marialuisa-Lucia Sergio, De Gasperi e la «questione socialista». L'anticomunismo democratico e l'alternativa riformista, Soveria Mannelli, Rubbettino, 2004
  • Giovanni Sale, De Gasperi gli USA e il Vaticano. All'inizio della guerra fredda, Milano, Jaca Book, 2005
  • Luciano Radi, La Dc da De Gasperi a Fanfani, Soveria Mannelli, Rubbettino, 2005
  • Giuseppe Chiarante, Tra De Gasperi e Togliatti. Memorie degli anni cinquanta, Roma, Carocci, 2006
  • Diomede Ivone, Marco Santillo, De Gasperi e la ricostruzione (1943-1948), Roma, Edizioni Studium, 2006
  • Elena Aga Rossi e Victor Zaslavsky, Togliatti e Stalin. Il PCI e la politica estera staliniana negli archivi di Mosca. Bologna, Il Mulino 1997 (2007 sec. ed.)
  • Aldo Agosti, Palmiro Togliatti. Torino, UTET 1996
  • Aldo Agosti, Togliatti negli anni del Comintern 1926-1943: documenti inediti dagli archivi russi. Roma, Carocci 2000
  • Giorgio Bocca, Palmiro Togliatti. Milano, Mondadori 1997
  • Franco De Felice, Serrati, Bordiga, Gramsci e il problema della rivoluzione in Italia. 1919-1920, Bari, De Donato 1971
  • Pietro Di Loreto. Togliatti e la doppiezza: il PCI tra democrazia e insurrezione, 1944-49. Bologna, Il Mulino, 1991
  • Giuseppe Galasso, Seguendo il P.C.I.: da Togliatti a D'Alema (1955-1996), Lungro, C. Marco 1998
  • Giorgio Galli, Storia del PCI. Milano, Bompiani, 1976.
  • Carlo Maria Lomartire, Insurrezione 14 luglio 1948: l'attentato a Togliatti e la tentazione rivoluzionaria, Milano, Mondadori 2006
  • Palmiro Togliatti, Memoriale di Yalta, Palermo, Sellerio 1988
  • Sergio Zavoli. La notte della Repubblica, Mondadori Oscar Bestsellers, 1995.
  • Camilla Cederna, ‘’Nostra Italia del miracolo’’, Longanesi, 1980

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]