Etnonimo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

L'etnonimo (dal greco ἔθνος éthnos, "tribù", + ὄνυμα ónyma, variante dorico-eolica dell'attico ὄνομα "nome") è il nome di un popolo.[1] Viene usato anche come sinonimo di etnico, potendo designare quindi il nome degli abitanti di un paese, di una regione o di una città.[2]

Endoetnonimi ed esoetnonimi[modifica | modifica sorgente]

L'etnonimo può essere di due tipi:

  • endoetnonimo, quando è generato e/o utilizzato dalla stessa comunità cui si riferisce;
  • esoetnonimo, quando è attribuito alla comunità da un altro popolo a essa esterna.

Per esempio, tedesco è un esoetnonimo, mentre Deutsche/die Deutschen è l'endoetnonimo. In questo caso l'origine è comune (germanico *thiodisk-);[3] non è così nel caso del polacco Niemiec, probabilmente dalla tribù germanica dei Nemeti,[4] o da niemych (muto, per estensione "che non parla polacco").[5] Analogamente ungherese (così come Hungarian e Ungarer, probabilmente dal bulgaro Onogur, nome di una tribù turca)[6] è l'esoetnonimo mentre magyar è l'endoetnonimo; stessa cosa per armeno (endoetnonimo hay) e albanese (endoetnonimo shqiptar).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Nomi d'Italia, Novara, Istituto geografico De Agostini, 2009, p. 8.
  2. ^ Nomi d'Italia, Novara, Istituto geografico De Agostini, 2009, p. 3.
  3. ^ Giacomo Devoto, Avviamento all'etimologia italiana, Milano, Mondadori, 1979, p. 425.
  4. ^ The Journal of Indo-European studies. URL consultato il 19 dicembre 2010.
  5. ^ Max Vasmer, Etymological dictionary of the Russian language, Mosca, Progress, 1986, III, p. 62.
  6. ^ Encyclopædia Britannica – On-Ogur. URL consultato il 19 dicembre 2010.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]