Spada di San Pietro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La spada di San Pietro

La spada di San Pietro (in polacco: Miecz swietego Piotra) è una reliquia cristina e si ritiene fosse la spada con cui San Pietro apostolo tagliò l'orecchio del servo del sommo sacerdote al momento dell'arresto di Gesù nel Getsemani.[1]

Attualmente si trova Museo Arcidiocesano di Poznań e una copia esatta della stessa, fatta da Bogdan Puchalski, si trova esposta in una teca nella cattedrale dei Santi Pietro e Paolo di Poznań.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La spada ha una punta larga, simile nella forma ad un dussack o ad un machete. La lama è stata fatta da un singolo pezzo di ferro con l'aggiunta di un piccolo guardamano.

Copia della spada esposta nella cattedrale di Poznań

Essendo stata danneggiata e rovinata dalla corrosione non ha più le dimensioni originarie: la lunghezza attuale è di 70.2 cm, ma probabilmente in origine doveva essere più lunga di 1-2 cm; la larghezza nel punto più largo della lama è di 9,4 cm. Presenta poi un foro a 10.3 cm dalla parte terminale dell'impugnatura, con un diametro di 0.4 cm.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La spada è menzionata per la prima volta nel 1609 nel "Vitae Episcoporum Posnaniensium" di Jan Długosz, che pensa sia l'originale spada romana (gladio) usata da San Pietro come riportato nel Vangelo, o una copia dell'originale fatta per il papa Stefano VII.

La spada giunse a Poznań nel 968 come dono di papa Giovanni XIII per il vescovo polacco Jordan o per, l'allora duca, Miecislao I. L'arcidiacono della cattedrale di Poznań nel 1699 scrisse qualcosa sulla spada, descrivendola come una parte della spada di San Pietro, portato a Poznań dal vescovo Jordan, e solitamente conservata nei locali in cui si trovano i tesori della cattedrale, dove vi rimaneva ad eccezione delle poche volte all'anno in cui veniva esposta al popolo. Un decreto del capitolo della cattedrale Poznań riferisce che la spada è poi stata spostata nella sala capitolare, un luogo più adatto a conservare questo nobile artefatto.

Secondo una leggenda del folklore britannico, san Giuseppe di Arimatea portò la spada in Gran Bretagna e fu conservata presso l'abbazia di Glastonbury per molti anni, fino a quando l'abate non la diede a San Giorgio che con essa sconfisse un malvagio cavaliere che minacciava l'abbazia per impossessarsi della spada.[2]

Autenticità[modifica | modifica wikitesto]

Per molti anni, gli storici hanno considerato la spada come una copia, realizzata probabilmente nel X secolo, ma una ricerca condotta dagli scienziati del Museo dell'Esercito Polacco di Varsavia suggerisce che l'arma potrebbe essere stata forgiata nel I secolo nel confine orientale dell'Impero romano.[3]

Tuttavia, gli scienziati dal Museo dell'Esercito Polacco di Poznań, la considerano più probabilmente una copia medievale. Altri esperti, come Marian Głosek e Leszek Kajzer, suggeriscono che la spada sia stata creata nel primo quarto del XIV secolo.

Indipendentemente da quando è stata forgiata, ha la più lunga documentazione in Polonia, insieme con la spada dei re di Polonia, Szczerbiec.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ vd. Giovanni 18, 1-11
  2. ^ Royal St. George. Folklore or Fact? dal sito berkshirehistory.com
  3. ^ (PL) "Piotrowy miecz w folii", articolo del 25 novembre 2005

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (PL) M. Głosek e I. Kajzer, Miecz św. Piotra z katedry poznańskiej, Kwartalnik Historii Kultury Materialnej, 1974.
  • (PL) Z. Rola, Tajemnice Ostrowa Tumskiego, Kraków, 2000.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]