Regno di Polonia (1025-1138)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Regno di Polonia
Regno di Polonia – Bandiera Regno di Polonia - Stemma
Dati amministrativi
Lingue ufficiali Latino
Lingue parlate polacco, ruteno
Capitale Gniezno, Cracovia
Dipendente da Sacro Romano Impero
Politica
Forma di Stato Regno
Forma di governo Monarchia
Nascita 1025 con Boleslao I
Causa Congresso di Gniezno
Fine 1138 con Boleslao III
Territorio e popolazione
Religione e società
Religioni preminenti Cristianesimo
Evoluzione storica
Preceduto da Ducato di Polonia
Succeduto da Regno di Polonia (1138-1320)

Il Regno di Polonia dei primi Piast fu uno stato polacco esistito negli anni tra l'incoronazione di Boleslao I di Polonia nel 1025 e la morte di Boleslao III di Polonia nel 1138. La base legale per l'esistenza di questo regno cristiano fu stabilita nel 1000 durante il Congresso di Gniezno, nel quale la Polonia fu riconosciuta come stato dal Sacro Romano Impero e dal Papa.

Re[modifica | modifica wikitesto]

In questo periodo, la Polonia fu governata dai seguenti Re e Duchi:

Dati[modifica | modifica wikitesto]

  • Lingua ufficiale: Latino (scritto), Polacco (parlato)
  • Capitale: Gniezno e Cracovia
  • Sistema politico: una monarchia, in cui il re doveva rispettare le tradizioni del popolo
  • Successione: tutti i figli maschi del re avevano eguale diritto al trono (il più forte diventava re).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Polonia Portale Polonia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Polonia