Dinastia Yuan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il territorio degli Yuan nel 1294

La dinastia Yuan (cinese: 元朝 yuáncháo; mongola: Их Юань улс.PNG Их Юань улс; proveniente dalla Mongolia) regnò sulla Cina dal 1279 al 1368, dopo essere stata costituita nel 1271 da Kublai Khan.

[modifica | modifica wikitesto]

Genghis Khan diede inizio all'invasione mongola della Cina con varie incursioni nei territori controllati dalla dinastia Jīn, che deteneva il potere nella parte settentrionale della nazione, invasione culminata con la conquista della capitale Pechino. Nell'anno 1234 Ögödei, terzo figlio di Genghis Khan e suo successore, distrusse definitivamente la dinastia Jīn, che aveva più volte combattuto contro i Mongoli. Nell'anno 1258 Möngke, figlio di Tolui, invase il Sichuan dando inizio alla conquista del territorio dei Song Meridionali, ma la sua morte avvenuta nel 1259, e la successiva lotta intestina per la successione, interruppe i piani di conquista, tuttavia ripresi da Khubilai Khan e culminati nell'occupazione di Canton nel 1276 e nella definitiva distruzione (nel 1279) della dinastia Song con la morte dell'ultimo suo imperatore.

Khubilai Khan[modifica | modifica wikitesto]

History of China
Storia della Cina
MITOLOGICA
Tre Augusti e Cinque Imperatori
ANTICA
Dinastia Xia c. 2100 – c. 1600 a.C.
Dinastia Shang c. 1600 – c. 1046 a.C.
Dinastia Zhou c. 1045 – 256 a.C.
 Dinastia Zhou occidentale
 Dinastia Zhou orientale
   Periodo delle primavere e degli autunni
   Periodo dei regni combattenti
IMPERIALE
Dinastia Qin 221–206 a.C.
Dinastia Han 206 a.C. – 220 d.C.
  Dinastia Han occidentale
  Dinastia Xin
  Dinastia Han orientale
Tre Regni 220–280
  Wei, Shu e Wei
Dinastia Jìn 265–420
  Jin occidentale Sedici regni
304–439
  Jin orientale
Dinastie del Nord e del Sud
420–589
Dinastia Sui 581–618
Dinastia Tang 618–907
  (Wu Zetian 690–705)
5 dinastie
e 10 regni

907–960
Dinastia Liao
907–1125
Dinastia Song
960–1279
  Song del Nord W. Xia
  Song del Sud Dinastia Jīn
Dinastia Yuan 1271–1368
Dinastia Ming 1368–1644
Dinastia Qing 1644–1911
MODERNA
Repubblica di Cina 1912–1949
Repubblica popolare
cinese

1949–presente
Repubblica di Cina
(Taiwan)

1949–presente

Khubilai Khan fu il primo imperatore della dinastia Yuan e governò dal 1279 al 1294. La riunificazione della Cina portò benefici economici soprattutto per ciò che riguarda il commercio anche con le popolazioni europee (Marco Polo). Ma i problemi che ne derivarono furono maggiori dei benefici: per esempio: le leggi mongole jasagh mal si adattavano alla società cinese. I conquistatori non tenevano in considerazione attività economiche o di sussistenza che erano alla base della civiltà cinese, come l'agricoltura e l'artigianato, mentre davano eccessivo risalto alle attività di allevamento e militari, tipiche delle popolazioni mongole. Tutto questo portò, per due volte nel 1274 e nel 1281 al fallimento della conquista del Giappone, con una cospicua perdite di risorse. Il fallimento fu dovuto allo scoppio di forti tempeste, chiamate dai giapponesi vento divino (kamikaze).

Decadenza[modifica | modifica wikitesto]

La fine della dinastia Yuan avviene nel 1368, con la conquista di Pechino da parte dell'imperatore Zhu Yuanzhang, il fondatore della dinastia Ming. Già dal 1340 le rivolte antimongole si erano notevolmente accentuate, in tutte le province cinesi. Come accade in tutti i periodi interdinastici, non mancavano le lotte interne tra i pretendenti al trono, mentre i combattimenti contro i mongoli procedevano ininterrottamente. Ma anche tra i generali mongoli regnava lo scompiglio, così ognuno faceva guerra all'altro, indebolendosi a vicenda. La dinastia Yuan non resistette a lungo sotto i colpi delle forze di Zhu, e nel 1368 essa finì.

Yuan settentrionali[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la caduta di Yingchang sotto i colpi dei Ming nel 1370, gli Yuan superstiti si ritirarono in Mongolia, dove adottarono formalmente il nome di Grandi Yuan (大元), meglio conosciuti come Yuan settentrionali (北元). I Ming e gli Yuan settentrionali si disputarono a lungo il titolo di legittimi imperatori della Cina: anche se gli storici generalmente considerano gli imperatori della dinastia Ming come i legittimi successori della dinastia Yuan, gli Yuan settentrionali continuarono a rivendicare il loro rango almeno fino al XV secolo.

Nel 1372 l'esercito Ming inseguì le forze Yuan settentrionali in Mongolia, ma fu sconfitto da queste ultime, guidate dall'imperatore Zhazong (Biligtü Khan Ayushiridara) e dal suo generale Köke Temür. La lotta riprese nel decennio successivo e alla fine, nel 1388, le forze Ming inflissero una decisiva sconfitta agli Yuan settentrionali. Divenne allora imperatore Yesüder, un discendente di Arig Bek, anziché uno dei discendenti di Khubilai Khan. Nei secoli successivi salirono sul trono vari sovrani gengiskhanidi, per lo più succubi di potenti signori della guerra, mentre le relazioni con i Ming conobbero periodi di guerra alternati ad altri di pace. Nel 1402 Örüg Temür Khan (Guilichi) abolì il titolo di Grande Yuan, ma fu sconfitto da Öljei Temür Khan (Bunyashiri), protetto di Tamerlano (Tīmūr Barlas) nel 1403. Alcuni decenni dopo il nuovo khan Batumongke (14641517/43) assunse il titolo Dayan, da "Da Yuan" ("Grande Yuan"), e riunì i Mongoli. I suoi successori continuarono a governare fino alla sottomissione alla dinastia Qing, che mise fine agli Yuan settentrionali nel 1635.

Lista degli imperatori Yuan[modifica | modifica wikitesto]

nome durata regno
Khubilai (1279-1294)
Temür (1294-1307)
Kaishan (1307-1311)
Ayurbarwada (1311-1320)
Shidibala (1321-1323)
Yesün Temür (1323-1328)
Tugh Temür (1329-1332)
Toghön Temür (1333-1368)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]