Dinastia Shang

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
History of China
Storia della Cina
MITOLOGICA
Tre Augusti e Cinque Imperatori
ANTICA
Dinastia Xia c. 2100 – c. 1600 a.C.
Dinastia Shang c. 1600 – c. 1046 a.C.
Dinastia Zhou c. 1045 – 256 a.C.
 Dinastia Zhou occidentale
 Dinastia Zhou orientale
   Periodo delle primavere e degli autunni
   Periodo dei regni combattenti
IMPERIALE
Dinastia Qin 221–206 a.C.
Dinastia Han 206 a.C. – 220 d.C.
  Dinastia Han occidentale
  Dinastia Xin
  Dinastia Han orientale
Tre Regni 220–280
  Wei, Shu e Wei
Dinastia Jìn 265–420
  Jin occidentale Sedici regni
304–439
  Jin orientale
Dinastie del Nord e del Sud
420–589
Dinastia Sui 581–618
Dinastia Tang 618–907
  (Wu Zetian 690–705)
5 dinastie
e 10 regni

907–960
Dinastia Liao
907–1125
Dinastia Song
960–1279
  Song del Nord W. Xia
  Song del Sud Dinastia Jīn
Dinastia Yuan 1271–1368
Dinastia Ming 1368–1644
Dinastia Qing 1644–1911
MODERNA
Repubblica di Cina 1912–1949
Repubblica popolare
cinese

1949–presente
Repubblica di Cina
(Taiwan)

1949–presente

La dinastia Shang (cinese: 商朝) o dinastia Yin (殷代) (ca. 1600 a.C. - ca. 1046 a.C.) è la seconda dinastia cinese storica, che regnò sulla Cina nordorientale, nella valle del Fiume Giallo. La dinastia Shang seguì la semi-mitica dinastia Xià e precedette la dinastia Zhōu. Le informazioni sulla dinastia Shang provengono dai resoconti della tarda dinastia Zhou, della dinastia Han, dallo Shi Ji di Sima Qian e dalle iscrizioni Shang su manufatti di bronzo e sugli ossi oracolari usati per la scapulomanzia, gusci di tartaruga, scapole o altre ossa di animali sulle quali si fu rinvenuto il primo significativo corpus di caratteri cinesi scritti. Le iscrizioni sugli ossi, che datano alla seconda metà della dinastia, riportavano la data, il nome dell'indovino e l'argomento della divinazione; talvolta era anche annotata l'interpretazione della risposta e il risultato del pronostico. Da queste divinazioni si possono trarre molte informazioni sulla politica, l'economia, la cultura, la religione e le conoscenze scientifiche dell'epoca.

Un sito delle capitali della dinastia Shang, le rovine di Yin (殷墟), si trova vicino all'odierna Anyang. Gli scavi archeologici degli anni Venti e Trenta hanno riportato alla luce undici tombe reali e le fondazioni di palazzi e luoghi di culto, contenenti armi da guerra e resti di sacrifici animali e umani, e una gran quantità di manufatti in bronzo, giada, pietra, osso e ceramica.

Ritrovamenti archeologici[modifica | modifica sorgente]

Localizzazione della civiltà Shang in Cina.

Durante la dinastia Song (960-1279), intellettuali e aristocratici divennero avidi collezionisti di antichi manufatti, ed alcuni di essi sostenevano di aver trovato vasellame in bronzo della dinastia Shang con iscrizioni. [1] Ciò nonostante, gli archeologi del XIX secolo non conoscevano documenti scritti precedenti il periodo della dinastia Zhou (1046 - 256 a.C.). [1] Nel 1899, i farmacisti cinesi della tarda dinastia Qing vendevano "ossi di drago" ornati con strani caratteri arcaici. Nel 1928, fu rintracciata l'origine di questi "ossi di drago" in un sito vicino Anyang nella valle del Fiume Giallo, nell'odierna provincia di Henan, dove l'Accademia Cinese delle Scienze iniziò gli scavi archeologici, che continuarono fino all'invasione giapponese del 1937. Nel 1950 fu scoperta un'altra capitale della dinastia Shang vicino a Zhengzhou.[1]

Nel sito del palazzo reale di Yin Xu, furono rinvenuti grandi pilastri di pietra, con fondazioni in argilla pisè e piattaforme dure come cemento che originariamente sostenevano 53 edifici costruiti con travi di legno.[1] Nelle immediate vicinanze del complesso principale c'erano pozzi sotterranei usati come magazzini e come quartieri di servizio e abitativi.[1] Le mura di argilla di Zhengzhou erano alte circa 8 metri e formavano una cinta rettangolare di circa 6,5 chilometri intorno alla città.[2]Le tecniche di costruzione di queste mura di argilla pisé erano state ereditate da culture più antiche: mura più antiche sono state rinvenute infatti nei siti neolitici della cultura di Longshan (c. 3000 - 2000 a.C.)[2] Nel 1959, a Yanshi, a sud del Fiume Giallo vicino a Luoyang, fu rinvenuto un insediamento della cultura di Erlitou, che è spesso associata con la leggendaria dinastia Xia, precedente quella Shang. [3]Anche qui furono scoperti grandi edifici che suggerivano l'esistenza di una monarchia dinastica precedente la dinastia Shang. Gli esami al radiocarbonio hanno indicato come datazione per la cultura di Erlitou il periodo fra il 2100 e il 1800 a.C. [4]

Fra i ritrovamenti, le conchiglie di Cypraea trovate ad Anyang, testimoniano le connessioni della civiltà della dinastia Shang con attività marittime.[4] Relazioni commerciali e diplomatiche attraverso la via della seta e le spedizioni marittime nell'Oceano Indiano per raggiungere altri imperi non ebbero luogo fino al regno dell'imperatore Wu durante la dinastia Han (202 a.C. - 220 d.C.).[5][6]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Scultura dell'epoca Shang/Zhou, XIV-X secolo a.C.
Vaso di bronzo ornato con disegni di draghi e tigri.

La dinastia Shang sarebbe stata fondata dal comandante Shang Tang che si ribellò all'ultimo dispotico sovrano della dinastia Xia e lo sconfisse nella battaglia di Mingtiao. La civiltà Shang era basata sull'agricoltura, e praticava la caccia e l'allevamento di animali. Le Memorie di uno storico di Sima Qian affermano che la capitale della dinastia Shang cambiò sei volte. L'ultimo e il più importante trasferimento fu quello nella città di Yin, nel 1350 a.C., che segnò l'età d'oro della dinastia.

Proprio per questo la denominazione di dinastia Yin è diventato un diffuso sinonimo della dinastia Shang. I giapponesi e i coreani comunemente si riferiscono alla dinastia Shang con il nome di dinastia Yin (In). Una linea ereditaria di sovrani Shang regnò su gran parte della Cina settentrionale, e l'esercito Shang combatté frequentemente contro i popoli insediati nelle vicinanze e contro i nomadi della steppa dell'Asia interna.

Le capitali della dinastia Shang, in particolare quella di Yin, erano i centri di una brillante vita di corte, dove si svilupparono rituali cortesi per propiziare la benevolenza degli spiriti nei confronti dei sovrani. Il re, oltre ad essere il capo politico, era il centro del culto degli antenati e degli spiriti. Il sovrano praticava spesso personalmente la scapulomanzia, specialmente verso la fine della dinastia. Testimonianze rinvenute nelle tombe reali indicano che i membri delle famiglie reali erano sepolti con oggetti di valore, che dovevano servire nell'aldilà. Forse per la stessa ragione, centinaia di persone, forse schiavi, erano sepolti vivi insieme al re morto.

La dinastia Shang aveva sviluppato un complesso sistema di scrittura. Anche la fusione del bronzo e la produzione di vasellame era molto avanzata nel periodo della cultura Shang. Gli astronomi della dinastia Shang avevano già scoperto Marte e varie comete. In questo periodo furono inventati molti strumenti musicali. L'influenza della dinastia Shang si estendeva fino agli estremi nord-orientali della regione dell'odierna Pechino, [7] Alcuni luoghi di sepoltura in questa regione, durante il primo periodo Shang, contengono bronzi della cultura Shang insieme a gioielli d'oro in stile locale.[7]

Vaso rituale, dinastia Shang Dynasty, XIII secolo a.C. - Arthur M. Sackler Gallery, Smithsonian Institute

I sovrani Shang, nelle loro divinazioni mostrano spesso preoccupazioni nei confronti dei gruppi fang, barbari che vivevano al di fuori delle regioni tu che costituivano il centro della cultura Shang. In particolare, il gruppo tufang della regione Yan Shan è regolarmente menzionato come un gruppo ostile alla dinastia Shang.[7]

Di Xin, noto anche come Zhou, l'ultimo re della dinastia Shang, si suicidò dopo la disfatta del suo esercito ad opera della dinastia Zhou. Le leggende raccontano che la sconfitta fu dovuta al tradimento dell'esercito che si unì ai ribelli in occasione della battaglia decisiva.

Un romanzo classico, L'investitura degli dei, o la Creazione degli dei (cinese tradizionale: 封神演義; cinese semplificato: 封神演义; pinyin: fēngshén yǎnyì) racconta la guerra tra Yin e Zhou, entrambi sostenuti e favoriti da dei propizi.

Dopo il collasso della dinastia Yin, i sopravvissuti della famiglia reale cambiarono il loro cognome dal reale (子) (pinyin: zi) al nome della dinastia caduta, (殷). La famiglia rimase aristocratica e spesso fornì servizi alla dinastia Zhou che era succeduta.

Territorio della dinastia Shang

Economia ed organizzazione sociale e militare[modifica | modifica sorgente]

Vaso di bronzo con manico, dinastia Shang

Dal 1500 a.C., la prima dinastia Shang fu impegnata nella produzione su larga scala di vasellame e armi in bronzo.[8] Questo genere di produzione necessitava di una imponente forza lavoro impegnata nelle miniere, nel trasporto e nella raffinazione del rame, dello stagno e del piombo. La corte e l'aristocrazia richiedevano un gran numero di oggetti in bronzo per vari scopi, civili e militari. Con l'aumento del bronzo disponibile, l'esercito dispose di un miglior assortimento di armi. Il bronzo fu anche impiegato nella produzione dei carri diffusi dal 1200 a.C.[9]

Oltre al loro ruolo di comandanti militari, i re Shang asserivano la loro supremazia sociale anche con il loro ruolo di sacerdoti supremi e con la direzione delle cerimonie di divinazione.[9] Come rivelano gli ossi oracolari, i re Shang erano considerati i membri più qualificati della società ad offrire sacrificio agli antenati reali, agli dei e al dio Di, che era ritenuto responsabile della pioggia, del vento e del tuono.[9]

Ascia di bronzo, usata in combattimento e come oggetto rituale

La fanteria dell'epoca Shang era armata con armi di pietra e di bronzo, che comprendevano le lance máo, le asce yuè e ge, l'arco, ed elmi di cuoio e di bronzo [10]. I carri non venivano usati in combattimento, ma piuttosto come veicoli di comando o come simboli di potere.[11]

Le masse cittadine e rurali rifornivano i sovrani Shang di lavoratori e di soldati coscritti per esigenze di difesa e di conquista.[12] I nobili erano obbligati a fornire i loro eserciti locali, equipaggiati ed armati, mentre i re Shang mantenevano un esercito di un migliaio di uomini nella capitale, al loro diretto comando.[13]

Sovrani della dinastia Shang[modifica | modifica sorgente]

Nome postumo
Convenzione: Nome postumo o Re + nome postumo
Ordine Regno Cinese Pinyin Note
01 29 Tāng sconfisse il tiranno Jié (桀) della dinastia Xià (夏)
02 02 太丁 Tài Dīng
03 32 外丙 Wài Bǐng
04 04 仲壬 Zhòng Rén
05 12 太甲 Tài Jiǎ
06 29 沃丁 Wò Dǐng
07 25 太庚 Tài Gēng
08 17 小甲 Xiǎo Jiǎ
09 12 雍己 Yōng Jǐ
10 75 太戊 Tài Wù
11 11 仲丁 Zhòng Dīng
12 15 外壬 Wai Ren
13 09 河亶甲 Hé Dǎn Jiǎ
14 19 祖乙 Zǔ Yǐ
15 16 祖辛 Zǔ Xīn
16 20 沃甲 Wò Jiǎ
17 32 祖丁 Zǔ Dīng
18 29 南庚 Nán Gēng
19 07 陽甲 Yáng Jiǎ
20 28 盤庚 Pán Gēng Gli Shang si stabiliscono a Yīn (殷). Il periodo che inizia con Pán Gēng è anche denominato dinastia Yīn, inizio dell'età d'oro della dinastia Shāng.
21 29 小辛 Xiǎo Xīn
22 21 小乙 Xiǎo Yǐ
23 59 武丁 Wǔ Dīng La maggior parte degli ossi oracolari studiati sono di questo periodo.
24 12 祖庚 Zǔ Gēng
25 20 祖甲 Zǔ Jiǎ
26 06 廩辛 Lǐn Xīn
27 06 庚丁 Gēng Dīng o Kang Ding (康丁 Kāng Dīng)
28 35 武乙 Wǔ Yǐ
29 11 文丁 Wén Dīng
30 26 帝乙 Dì Yǐ
31 30 帝辛 Dì Xīn o Zhòu (紂), Zhòu Xīn (紂辛) o Zhòu Wáng (紂王)
Note:
  1. tutte le date sono approssimative. Vedi anche dinastia Zhou.
  2. I nomi personali della maggior parte dei sovrani Shang sono ignoti. I nomi seguenti sono probabilmente postumi.

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e Fairbank pag. 33.
  2. ^ a b Fairbank, 34.
  3. ^ Fairbank, 34–35.
  4. ^ a b Fairbank, 35.
  5. ^ Sun 1989, 161-167.
  6. ^ Chen 2002, 67-71.
  7. ^ a b c Yan Sun, Colonizing China's Northern Frontier: Yan and Her Neighbors During the Early Western Zhou Period in International Journal of Historical Archaeology, vol. 10, nº 2, giugno 2006, pp. 159-177(19), DOI:10.1007/s10761-006-0005-3.
  8. ^ Ebrey, 17.
  9. ^ a b c Ebrey, 14.
  10. ^ Wang Hongyuan, 1993
  11. ^ Shaughnessy, Edward L. Historical Perspectives on The Introduction of The Chariot Into China. Harvard Journal of Asiatic Studies, Vol. 48, No. 1 (Jun., 1988), pp. 189-237
  12. ^ Sawyer, 33.
  13. ^ Sawyer, 34.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Chen, Yan (2002). Maritime Silk Route and Chinese-Foreign Cultural Exchanges. Beijing: Peking University Press. ISBN 7-301-03029-0.
  • Fairbank, John King and Merle Goldman (1992). China: A New History; Second Enlarged Edition (2006). Cambridge: MA; London: The Belknap Press of Harvard University Press. ISBN 0-674-01828-1
  • Keightley, David N. (1978). Sources of Shang History: The Oracle-Bone Inscriptions of Bronze Age China. University of California Press, Berkeley. Large format hardcover, ISBN 0-520-02969-0 (out of print); A 1985 paperback 2nd edition is still in print, ISBN 0-520-05455-5.
  • Keightley, David N. (2000). The Ancestral Landscape: Time, Space, and Community in Late Shang China (ca. 1200 – 1045 B.C.). China Research Monograph 53, Institute of East Asian Studies, University of California – Berkeley. ISBN 1-55729-070-9, ppbk.
  • Lee, Yuan-Yuan and Shen, Sin-yan. (1999). Chinese Musical Instruments (Chinese Music Monograph Series). Chinese Music Society of North America Press. ISBN 1-880464-03-9
  • Needham, Joseph (1986). Science and Civilization in China: Volume 4, Part 3. Taipei: Caves Books, Ltd.
  • Sawyer, Ralph D. and Mei-chün Lee Sawyer (1994). Sun Tzu's The Art of War. New York: Barnes and Noble Inc. ISBN 1-56619-297-8
  • Shen, Sinyan (1987), Acoustics of Ancient Chinese Bells, Scientific American, 256, 94.
  • Sun, Guangqi (1989). History of Navigation in Ancient China. Beijing: Ocean Press. ISBN 7-5027-0532-5.
  • Sun, Yan. "Colonizing China's Northern Frontier:Yan and Her Neighbors During the Early Western Zhou Period." International Journal of Historical Archaeology (10, no. 2, 2006): 159-177.
  • Wang, Hongyuan 王宏源 (1993). The Origins of Chinese Characters 漢字字源入門. Sinolingua, Beijing, ISBN 7-80052-243-1, ppbk.
  • Timperley, Harold J. The Awakening of China in Archaeology; Further Discoveries in Ho-Nan Province, Royal Tombs of the Shang Dynasty, Dated Traditionally from 1766 to 1122 B.C.. 1936.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]