Luoyang

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Luoyang
Città-prefettura
(ZH) 洛阳 (Luòyáng)
Le antiche mura
Le antiche mura
Localizzazione
Stato Cina Cina
Provincia Henan
Territorio
Coordinate 34°40′11″N 112°26′32″E / 34.669722°N 112.442222°E34.669722; 112.442222 (Luoyang)Coordinate: 34°40′11″N 112°26′32″E / 34.669722°N 112.442222°E34.669722; 112.442222 (Luoyang)
Superficie 15 492 km²
Abitanti 6 549 486 (2010)
Densità 422,77 ab./km²
Contee 15
Altre informazioni
Cod. postale 471000
Prefisso +86 (0)379
Fuso orario UTC+8
Targa 豫C
Cartografia
Mappa di localizzazione: Cina
Luoyang
Luoyang – Mappa
Sito istituzionale

Luoyang (Caratteri cinesi semplificati: 洛阳, caratteri cinesi tradizionali: 洛陽, pinyin: Luòyáng) è una città della provincia del Henan in Cina. Ha più di sei milioni di abitanti (2010) e occupa un'area di 15.492 km².

Storia[modifica | modifica wikitesto]

affreschi nelle Tombe degli Han orientali

Localizzata nella pianura centrale cinese, attraversata dal fiume Luo, Luoyang è una delle sette antiche capitali cinesi. La città originale fu costruita nel XI a.C.: e prese il nome di Chengzhou, anche se già nel V millennio a.C. è stata un centro di comunità protoagricole,[1] e verso il III millennio a.C. la piana subì un forte popolamento.

Fu la capitale della dinastia Zhou a partire dal 770 a.C. La città fu distrutta durante una guerra civile nel 510 a.C. e ricostruita l'anno seguente per volere del re. Nella zona occidentale della città attuale, sempre ai tempi della dinastia Zhou, fu fondata Wangcheng, località nella quale il re Ping installò la sede del suo regno. In questo sito sono state rinvenute una cinta muraria e palazzi in legno con tetto in ceramica.

Nell'anno 25 d.C., Luoyang si convertì nella capitale della Dinastia Han orientale. Durante la dinastia degli Han Orientali (25-220 d.C.) la vecchia Wangcheng fu rifondata col nome di Luoyi o Luoyang. A quei tempi l'imperatore Guag Wu attivò i lavori di ampliamento della cinta muraria e della ristrutturazione del palazzo reale Nan Gong. Sulla riva destra del fiume Luo invece è stato rinvenuto un centro di strutture rituali, costruito a partire dal 59 a.C.

A poca distanza dal centro di strutture rituali si notano i resti dell'Accademia Imperiale, impreziosita da classici Confuciani.

La dinastia Wei e anche la dinastia Jìn si stabilirono in Luoyang. Per vari secoli fu il centro di gravità della Cina, ciononostante, la fine della dinastia Jin portò alla distruzione della città.

Nell'anno 68 d.C. vi fu costruito il primo tempio buddista della Cina, il tempio del cavallo bianco, il quale è ancora esistente anche se non rimane quasi nulla dell'edificio originale. Il tempio attuale è praticamente una costruzione del XVI secolo. Sono stati rinvenuti invece i resti della cinta muraria, lunga 13 chilometri e quelli dei palazzi Nan Gong e Bei Gong, quest'ultimo costruito intorno al 65 d.C. dall'Imperatore Ming Di.

Nel 493, la dinastia Wei del Nord trasferì la capitale da Datong a Luoyang e iniziò la costruzione delle Grotte di Longmen e la ristrutturazione della città. Più di 30.000 rappresentazioni del Buddha della epoca di questa dinastia si trovano in queste grotte.

Turismo[modifica | modifica wikitesto]

particolare delle Grotte di Longmen
  • le Grotte di Longmen sono state istituite patrimonio dell'umanità dal novembre del 2000.
  • Il tempio del cavallo bianco è a 12 chilometri a est della città moderna.
  • Guanlin, un insieme di templi costruiti in onore dell'eroe del periodo dei tre Regni, Guan Yu.
  • Il Museo Luoyang di Tombe antiche, è l'unico museo di questo tipo in Cina.

Città gemellate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Roberto Ciarla, Atlante di Archeologia, Utet, Torino, 1998, pag.362

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Cina Portale Cina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cina