Dinastia Sui

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
History of China
Storia della Cina
MITOLOGICA
Tre Augusti e Cinque Imperatori
ANTICA
Dinastia Xia c. 2100 – c. 1600 a.C.
Dinastia Shang c. 1600 – c. 1046 a.C.
Dinastia Zhou c. 1045 – 256 a.C.
 Dinastia Zhou occidentale
 Dinastia Zhou orientale
   Periodo delle primavere e degli autunni
   Periodo dei regni combattenti
IMPERIALE
Dinastia Qin 221–206 a.C.
Dinastia Han 206 a.C. – 220 d.C.
  Dinastia Han occidentale
  Dinastia Xin
  Dinastia Han orientale
Tre Regni 220–280
  Wei, Shu e Wei
Dinastia Jìn 265–420
  Jin occidentale Sedici regni
304–439
  Jin orientale
Dinastie del Nord e del Sud
420–589
Dinastia Sui 581–618
Dinastia Tang 618–907
  (Wu Zetian 690–705)
5 dinastie
e 10 regni

907–960
Dinastia Liao
907–1125
Dinastia Song
960–1279
  Song del Nord W. Xia
  Song del Sud Dinastia Jīn
Dinastia Yuan 1271–1368
Dinastia Ming 1368–1644
Dinastia Qing 1644–1911
MODERNA
Repubblica di Cina 1912–1949
Repubblica popolare
cinese

1949–presente
Repubblica di Cina
(Taiwan)

1949–presente

La dinastia Sui (隋朝 Pinyin: Suí), (581-618) precedette la dinastia Tang e riunificò la Cina dopo quasi quattro secoli di lotte intestine, divisioni politiche e dinastiche.

Sovrani della dinastia Sui[modifica | modifica sorgente]

Nome postumo (Shi Hao 諡號)
Per convenzione si usa far precedere il nome della dinastia al nome postumo: "Sui" + nome postumo
Cognome familiare e nome Periodo di regno Ere storiche (Nian Hao 年號) e loro durata
Wendi (文帝 wen2 di4) Yang Jian (楊堅 yang2 jian1) 581-604 Kaihuang (開皇 kai1 huang2) 581-600
Renshou (仁壽 ren2 shou4) 601-604
Yangdi (煬帝 yang2 di4) Yang Guang (楊廣 yang2 guang3) 605-617 Daye (大業 da4 ye4) 605-617
Gongdi (恭帝 gong1 di4) Yang You (楊侑 yang2 you4) 617-618 Yining (義寧 yi4 ning2) 617-618


Fu una dinastia di breve durata, appena 37 anni, ma fondamentale per l'inizio del consolidamento dell'impero e della Cina come unica nazione. Appoggiò energicamente il buddhismo e ricostruì economicamente il territorio dando nuovo prestigio internazionale al Paese. Si arrivava da un lungo momento di lotte, il periodo Wei-Jin iniziato intorno al 220 con la decadenza del regime degli Han orientali. Vi furono separazioni e riunificazioni altalenanti, ma soprattutto, forti conflitti nell'area settentrionale. Il periodo viene definito anche come quello "dei sedici stati" proprio per la comparsa di numerosi regni.

Estensione dell'impero cinese sotto la dinastia Sui (581 – 618 d.C.)

Nel 587 Wendi Yang Jian fonda la dinastia Sui, ma già da sei anni aveva soppiantato gli Zhou Settentrionali. L'anno successivo riesce a sconfiggere il monarca della dinastia Chen, in Indocina, rendendone tributario il regno. Per migliorare il controllo sul territorio, trasferisce la sua residenza a nord. Nel 589 Yang Jian riesce finalmente a riunificare l'impero. Contemporaneamente iniziano le riforme burocratiche e funzionali nella gestione del territorio: l'imperatore inserisce un sistema gestito da tre ministeri e sei dipartimenti; le pene del sistema giudiziario si ammorbidiscono e viene instaurato un nuovo metodo per la scelta dei funzionari imperiali che potranno accedere alla carica dopo una serie di esami. Non sono momenti facili, tanto che nel 590 fioriscono alcune rivolte. Sarà il figlio dell'imperatore, il principe Yangdi Yang Guang, a porsi al comando delle truppe per domare le ribellioni. Inoltre Yang Guang fa edificare una nuova capitale, la città di Jiangdu, l'odierna Yangzhou.

Nel 604 il principe sale al trono e diventa il secondo imperatore della dinastia Sui. Contributo importante all'unificazione, crescita economica e controllo della Cina, è lo scavo del Canale Imperiale lungo più di 1.500 chilometri. La via d'acqua artificiale crea una rete di vie navigabili grazie all'intersezione con i fiumi e i canali naturali: diventa più facile e veloce trasportare materie prime, vettovaglie e truppe in molti angoli dell'impero. Le due principali capitali, Lo-yang e Ch'ang-an vengono collegate a sud con la bassa valle dello Yangtze e alla baia di Hangchow; a nord vicino all'area di Tientsin.

Riguardo ai rapporti con gli stati confinanti, ai regni ormai tributari si deve aggiungere la razzia di Taiwan. Vanno male invece le spedizioni contro l'area della Corea e, dalla parte opposta, contro i Turchi dell'est. Non va bene neppure la spedizione in Mongolia. I malumori crescono, anche per l'alta tassazione imposta ai sudditi. Aristocratici e popolo non vogliono più Yangdi Yang Guang. La rivolta inizia nel 613, poi la situazione sfugge al controllo e nel 616 l'imperatore si rifugia nella sua Jiangdu. Nel 618 viene strangolato dal figlio di un suo generale che apparteneva all'area di comando settentrionale[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Encyclopaedia Britannica, volume 5, pagina 580, comma 4 del capitolo C "Medio periodo"; edizione in inglese del 1963

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]