Dinastia Song

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Song
Song - Localizzazione
Dati amministrativi
Nome completo Dinastia Song
Nome ufficiale
Lingue ufficiali Cinese
Lingue parlate
Capitale Kaifeng (汴京) (960–1127)

Lin'an (臨安) (1127–1276)

Politica
Forma di governo Monarchia
Nascita con Song Tai Zu
Fine con Song Bing
Territorio e popolazione
Massima estensione 2.800.000 km² nel 1111
Popolazione 118.800.000 nel 1120
Economia
Valuta Wén cinese etc.
Religione e società
Religioni preminenti Buddismo, Taoismo, Religione popolare cinese
Evoluzione storica
Preceduto da Cinque dinastie e dieci regni
Succeduto da Dinastia Yuan
Ora parte di Cina, Hong Kong, Macao, Vietnam
History of China
Storia della Cina
MITOLOGICA
Tre Augusti e Cinque Imperatori
ANTICA
Dinastia Xia c. 2100 – c. 1600 a.C.
Dinastia Shang c. 1600 – c. 1046 a.C.
Dinastia Zhou c. 1045 – 256 a.C.
 Dinastia Zhou occidentale
 Dinastia Zhou orientale
   Periodo delle primavere e degli autunni
   Periodo dei regni combattenti
IMPERIALE
Dinastia Qin 221–206 a.C.
Dinastia Han 206 a.C. – 220 d.C.
  Dinastia Han occidentale
  Dinastia Xin
  Dinastia Han orientale
Tre Regni 220–280
  Wei, Shu e Wei
Dinastia Jìn 265–420
  Jin occidentale Sedici regni
304–439
  Jin orientale
Dinastie del Nord e del Sud
420–589
Dinastia Sui 581–618
Dinastia Tang 618–907
  (Wu Zetian 690–705)
5 dinastie
e 10 regni

907–960
Dinastia Liao
907–1125
Dinastia Song
960–1279
  Song del Nord W. Xia
  Song del Sud Dinastia Jīn
Dinastia Yuan 1271–1368
Dinastia Ming 1368–1644
Dinastia Qing 1644–1911
MODERNA
Repubblica di Cina 1912–1949
Repubblica popolare
cinese

1949–presente
Repubblica di Cina
(Taiwan)

1949–presente

La dinastia Song (in cinese: 宋朝; in pinyin: Sòng Cháo; in Wade-Giles: Sung Ch'ao; in Cantonese Jyutping: sung3 ciu4) regnò sulla Cina dal 960 al 1279. La sua fondazione riportò l'unità politica in Cina che si era persa con la caduta della Dinastia Tang nel 907. Gli anni compresi in questo intervallo sono noti come il periodo delle Cinque dinastie e dieci regni. Essa è stata il primo governo nella storia del mondo ad emettere a livello nazionale banconote o vera carta moneta e il primo governo cinese a stabilire una marina militare permanente. Questa dinastia vide anche il primo utilizzo noto della polvere da sparo, così come la prima rilevazione del nord tramite una bussola.

La dinastia Song si divide in due periodi ben definiti: dal 960 al 1127 la capitale è a Kaifeng 开封 e la dinastia prende il nome di Song Settentrionali o Bei Song 北宋; dal 1127 e controllava gran parte della Cina, in seguito alle invasioni dei Jurchen (fondatori della Dinastia Jīn 金朝), fino al 1279 la dinastia prende il nome di Nan Song o Song Meridionali 南宋. La Capitale dei Song Meridionali fu Hangzhou 杭州. La sua caduta ad opera dei Mongoli segnò la fine della dinastia e l'inizio della dominazione mongola con la Dinastia Yuan 元朝.[1]

Durante il periodo della dinastia Song, la popolazione della Cina raddoppiò di numero. Ciò fu dovuto all'ampliamento della coltivazione del riso in Cina centrale e meridionale, all'uso della maturazione precoce a sud-est e in Asia meridionale e dalla produzione di abbondanti eccedenze alimentari.[2][3] Il censimento fatto dai Song del Nord registrò una popolazione di circa 50 milioni di abitanti, proprio come durante le dinastie Han e Tang. Tuttavia, si stima che la popolazione fosse in realtà di circa 100 milioni di persone.[4]

La vita sociale durante la dinastia Song fu vibrante. I cittadini si riunivano per vedere e scambiare preziose opere d'arte, il popolo si mescolava tra feste pubbliche e incontri privati, e le città godevano di vivaci quartieri di intrattenimento. La diffusione della letteratura e della conoscenza è stata rafforzata dalla precedente invenzione della stampa a xilografia e dall'introduzione della stampa a caratteri mobili avvenuta nell'XI secolo. La tecnologia, le scienze, la filosofia, la matematica, l'ingegneria e altre attività intellettuali fiorirono nel corso di questi anni. Filosofi come Cheng Yi e Zhu Xi rinvigorirono il confucianesimo con nuovi pensieri intrisi di ideali buddhisti, che portarono alla nascita del neo-confucianesimo. Nonostante che l'istituzione degli esami imperiali esistesse fin dal dinastia Sui, essi divennero molto più importanti durante il periodo Song. Ciò fu fondamentale nel passaggio da una élite aristocratica ad una élite burocratica.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Lista degli imperatori della dinastia Song.

Song del Nord, 960–1127[modifica | modifica sorgente]

L'imperatore Taizu di Song (regno tra il 960 e il 976) unificò la Cina ponendo fine al periodo di frammentazione politica conosciuto come il tempo delle Cinque dinastie e dieci regni. Egli stabilì, presso Kaifeng, un forte governo centrale a capo di tutto l'impero. Assicurò una stabilità amministrativa, promuovendo il sistema degli esami imperiali per la nomina dei burocrati statali, basata sull'abilità e il merito (al posto della posizione aristocratica o militare) e promosse progetti che comportarono efficienza nelle comunicazioni in tutto l'impero. Durante una di queste iniziative, i cartografi furono in grado di creare mappe dettagliate di ogni provincia e delle città. Queste mappe furono poi raccolte in un grande atlante.[5] L'imperatore Taizu inoltre promosse la ricerca scientifica e le innovazioni tecnologiche, sostenendo opere come la torre dell'orologio astronomico progettato e costruito dall'ingegnere Zhang Sixun.[6]

L'imperatore Taizu di Song (r. 960-976 ), in un ritratto

La corte imperiale Song mantenne rapporti diplomatici con la dinastia Chola in India, con i Fatimidi in Egitto, con il regno Srivijaya malese e con il Khanato Karakhanidi dell'Asia centrale. Altri paesi furono soci commerciali.[7][8][9][10] Tuttavia, solo gli stati più vicini alla Cina ebbero il maggiore impatto sulla sua politica interna ed estera. Dalla sua nascita sotto Taizu, la dinastia Song si alternò tra guerra e diplomazia con le popolazioni Kitai della Dinastia Liao nel nord-est e con le popolazione Tangut della Dinastia Xia occidentale nel nord-ovest. I Song utilizzarono la forza militare nel tentativo di sconfiggere la dinastia Liao e di riconquistare la Sedici Prefetture, un territorio sotto il controllo Kitai che è stato tradizionalmente considerato parte della Cina.[11] Tuttavia, gli eserciti Song furono respinti dalle forze Liao che si impegnarono in aggressive campagne annuali nel territorio Song settentrionale fino al 1005, quando la firma del trattato di Shanyuan pose termine a questi scontri. I Song furono costretti a pagare un tributo ai Kitai, ma tuttavia non comportò un grave danno per la loro economia dal momento che i Kitai erano fortemente dipendenti dalle enormi importazioni di merci dai Song.[12] Più significativamente, furono costretti a riconoscere lo stato Liao come al suo pari diplomatico.[13] La dinastia Song è riuscita ad intraprendere numerose vittorie militari sui Tanguts nei primi anni dell'XI secolo, questi successi culminarono in una campagna guidata dallo scienziato, generale e statista Shen Kuo (1031-1095).[14] Tuttavia, questa campagna si è rivelata un fallimento a causa di un ufficiale rivale di Shen che disubbidì agli ordini portando alla perdita del territorio del Xia occidentale.[15] Vi fu anche una significativa guerra combattuta contro la dinastia Lý del Vietnam (1075-1077) su una disputa di confine e la rottura dei rapporti commerciali con il regno dei Đại Việt.[16] Dopo che le forze Ly inflissero gravi danni in una sortita a Guangxi, il comandante dei Song Guo Kui (1022-1088) entrò a Thăng Long (la moderna Hanoi).[17] Tuttavia, gravi perdite da entrambe le parti indussero il comandante Ly Thuong Kiệt (1019-1105) a spingere verso un trattato di pace che consentisse ad entrambe le parti di sospendere lo sforzo bellico; i territori conquistati furono reciprocamente scambiati nel 1082, insieme ai prigionieri di guerra.[18]

Cuscino con decorazioni incise. Dinastia Song del Nord, XII secolo

Nel corso dell'II secolo le rivalità politiche divisero i membri della corta per via dei differenti approcci dei vari Ministri riguardo alla gestione della complessa società che si era creata e della fiorente economia. L'educatore e stratega Fan Zhongyan (989-1052) fu il primo a ricevere il contraccolpo politico quando tentò di proporre riforme per il miglioramento del sistema di reclutamento dei dipendenti, aumentando gli stipendi dei funzionari minori e istituendo programmi di aiuto per consentire ad una gamma più ampia di persone di essere istruite e di poter usufruire del servizio di Stato.[19] Dopo che Fan fu costretto a dimettersi dal suo incarico, Wang Anshi (1021-1086) divenne Cancelliere della corte imperiale. Con l'appoggio dell'imperatore Shenzong (1067-1085), Anshi criticò duramente il sistema educativo e la burocrazia statale. Cercò di porre rimedio alla corruzione all'interno dello stato e alla negligenza. Wang attuò una serie di riforme chiamate "Nuove Politiche", tra cui una riforma fiscale che interessava i terreni, l'istituzione di diversi monopoli statali, il sostegno alle milizie locali e la creazione di standard più elevati per l'esame imperiale per renderlo più pratico per consentire agli uomini più abili a governare di passarlo.[20] Tali riforme crearono fazioni politiche nella corte. Il gruppo sostenitore di Wang Anshi, noto anche come "i riformatori", si scontrò con i ministri della fazione più conservatrice guidati da Sima Guang (1019-1086).[21] Quando una fazione soppiantava un'altra nella posizione di maggioranza dei ministri della corte, allontanava i funzionari rivali allontanandoli a governare su regioni frontaliere e remote dell'impero.[20] Una delle vittime di spicco della rivalità politica, fu il famoso poeta e statista Su Shi (1037-1101), che fu imprigionato e poi esiliato per aver criticato le riforme di Wang.[20]

Una statua policroma appartenente alla Dinastia Liao, provincia dello Shanxi, in Cina (907-1125)

Mentre la corte Song centrale rimase politicamente divisa e si concentrò sugli affari interni, arrivarono preoccupanti notizie dai nuovi eventi che accadevano a nord stato Liao. La Jurchen, una tribù esistente all'interno dell'impero Liao, si ribellò ad essi e formarono un proprio stato, la dinastia Jin (1115-1234).[22] Il funzionario dei Song Tong Guan (1054-1126) consigliò all'imperatore Hui Zong (1100-1125) di formare un'alleanza con i Jurchen e di organizzare una campagna militare congiunta per rovesciare totalmente la dinastia Liao. Tuttavia, lo scarso rendimento e la debolezza militare dell'esercito Song fu subito chiara ai Jurchen che ruppero la loro alleanza lanciando una invasione nel territorio Song nel 1125, seguita da un'altra due anni più tardi. Durante quest'ultima invasione, i Jurchen catturarono non solo la capitale Song a Kaifeng, ma lo stesso imperatore Hui Zong ormai ritirato, il suo successore Qin Zong e la maggior parte della corte imperiale.[22] Ciò avvenne nell'anno di Jingkang (in Cinese 靖康) ed è noto come l'umiliazione di Jingkang (in cinese 靖康 之耻). Le forze Song restanti raggruppatesi sotto l'auto-proclamato Gaozong (1127-1162) si ritirarono a sud del fiume Yangtze per stabilire la nuova capitale della dinastia Song a Lin'an (nella moderna Hangzhou). La conquista Jurchen della Cina settentrionale e lo spostamento della capitale da Kaifeng a Lin'an fu la linea di demarcazione tra la dinastia Song del Nord e la dinastia Song del Sud.

Song del Sud, 1127-1279[modifica | modifica sorgente]

I Song Settentrionali nel 1111.
I Song Meridionali nel 1142.

Sebbene indeboliti e spinti verso sud lungo il fiume Huai, i Song meridionali trovarono nuovi modi per sostenere la loro forte economica e difendere il proprio territorio dagli scontri con la dinastia Jīn. Essi vantavano abili ufficiali militari, come Yue Fei e Han Shizhong. Il governo promosse una massiccia costruzione e progetti di miglioramento del porto e l'edificazione di fari e magazzini portuali al fine di sostenere il commercio marittimo verso i principali porti marittimi internazionali, come Quanzhou, Canton e Xiamen.[23][24][25] Al fine di proteggere e sostenere le tante navi che solcavano le acque del Mar Cinese Orientale e del Mar Giallo (tra la Corea e il Giappone ), nell'Oceano Indiano nel Mar Rosso, si presentò la necessità di creare un corpo militare dedicato.[26] Pertanto la dinastia Song stabilì in Cina la prima marina militare permanente nel 1132[25] con sede in Dinghai.[27] Grazie a tale flotta, i Song si prepararono ad affrontare le forze navali dei Jīn sul fiume Yangtze nel 1161, nella battaglia di Tangdao e nella battaglia di Caishi. Durante questi scontri le navi della marina Song impiegarono le navi dotate di ruote a pale, armate di trabucco che permetteva di lanciare bombe piene di polvere da sparo.[27] Nonostante che le forze Jīn, comandate dall'imperatore Hailing, vantassero 70.000 uomini su 600 navi da guerra, mentre le forze Song erano di soli 3.000 uomini imbarcati su 120 navi,[28] le forze di questi ultimi uscirono vittoriose in entrambe le battaglie, proprio grazie a queste tecnologie adottate sulle proprie navi.[29] Successivamente la marina militare fu notevolmente ampliata, arrivando a contare circa 52.000 marinai combattenti.[27] Il governo Song confiscò porzioni di terreno di proprietà della nobiltà terriera al fine di aumentare le entrate per questi rafforzi militari, un atto che causò un forte dissenso e la perdita della fedeltà da parte dei principali membri della società.[30][31][32]

Una statua di Bodhisattva in legno, dinastia Jīn (1115-1234).

Sebbene la dinastia Song avessi dimostrato di essere in grado di trattenere i Jīn, un nuovo pericoloso nemico salì al potere sopra la steppa, nei deserti e nelle pianure a nord dei territori della dinastia Jīn. I mongoli, guidati da Gengis Khan (r. 1206-1227), inizialmente ad invadere i Jīn nel 1205 e 1209, adoperandosi in grandi incursioni attraverso i suoi confini e, nel 1211, un enorme esercito mongolo fu formato per l'invasione finale.[33] La dinastia Jīn fu costretta a sottomettersi, come vassalli, ai mongoli e quando improvvisamente postarono la loro capitale da Pechino a Kaifeng i mongoli interpretarono questo gesto come una rivolta.[34] Sotto la guida di Ögedei Khan (r. 1229-1241), sia la dinastia Jīn e che la dinastia Xia occidentale vennero conquistate dagli eserciti mongoli.[34][35] I mongoli invasero anche la Corea, il califfato abbaside del Medio Oriente e della Russia. Il capo mongolo Mongke Khan condusse in seguito una campagna militare contro i Song nel 1259, ma morì il 11 agosto durante la battaglia della fortezza Diaoyu a Chongqing.[36] La morte di Mongke e la conseguente crisi di successione costrinsero Hulagu Khan a ritirare il grosso delle forze mongole fuori del Medio Oriente dove erano statie condotte per combattere contro i Mamelucchi egiziani (che sconfissero i mongoli rimasti a Ain Jalut). Anche se Hulagu si alleò con Kublai Khan, le sue forze non erano in grado di cooperare nell'assalto contro i Song a causa della guerra di Hulagu con il Khanato dell'Orda d'Oro.[37]

Kublai continuò l'assalto contro i Song, guadagnando un punto d'appoggio temporaneo sulla riva sud dello Yangtze.[38] Kublai iniziò quindi i preparativi per prendere Ezhou, ma una guerra civile in sospeso con suo fratello Ariq Böke - un pretendente rivale al Khaganato mongolo - lo forzò a spostare il grosso delle sue truppe verso nord.[39] In assenza di Kublai, le forze Song furono comandate dal Cancelliere Jia Sidao in un assalto che riuscì a spingere le forze mongole oltre le rive settentrionali del Yangzi.[40] Ci furono piccoli attacchi di frontiera fino al 1265, quando Kublai vinse una importante battaglia nel Sichuan.[41] Dal 1268-1273, Kublai bloccò il fiume Yangzi con la sua marina e assediò Xiangyang, l'ultimo ostacolo sulla sua strada per invadere il riccoo bacino del fiume Yangzi.[41] Kublai dichiarò ufficialmente la creazione della dinastia Yuan nel 1271. Nel 1275, un esercito Song di 130.000 soldati comandata da Jia Sidao fu pesantemente sconfitta.[42] Nel 1276 gran parte del territorio Song fu sottomesso dalle forze Yuan.[35]

Nella battaglia di Yamen, del 1279, sul Delta del Fiume delle Perle, l'esercito Yuan, guidato dal generale Zhang Hongfan, sconfisse definitivamente la resistenza Song. L' ultimo sovrano rimanente, il giovane imperatore di soli 8 anni, Huaizong di Song, si suicidò insieme con il primo ministro Lu Xiufu e 800 membri del clan reale.[43] Su ordine di Kublai il resto della ormai decaduta famiglia reale fu mantenuta illesa. Al deposto imperatore Gong Di fu dato il titolo di "Duca di Ying", ma poi fu esiliato in Tibet, dove intraprese una vita monastica. L'ex imperatore sarebbe poi stato costretto a suicidarsi sotto gli ordini del nipote di Kublai, Gegeen Khan, per paura che potesse compiere un colpo di stato per ripristinare il suo regno.[44]

Arti, cultura[modifica | modifica sorgente]

Tenendo una bacchetta sotto l'albero di pino, Xu Daoning, Dinastia Song, National Palace Museum, Taipei

La dinastia Song sviluppò il sistema degli esami per reclutare membri dell'amministrazione imperiale. Tale sistema, in nuce già presente con la Dinastia Tang fu esteso e codificato. L'efficiente burocrazia permise un livello di centralizzazione e di capacità di controllo sia politico che economico sulla società come mai si era prima verificato. I governatorati militari, ed in genere tutto l'apparato militare e il suo peso nella vita civile, fu grandemente diminuito e di fatto estromesso dal centro decisionale imperiale.

Le città prosperarono grazie all'attivo sistema commerciale e manifatturiero. La classe dei mercanti raggiunse un livello sino ad allora ineguagliato di ricchezza, ma non riuscì ad ottenere spazio politico, grazie anche all'efficiente sistema di esami pubblici, che permetteva comunque l'ingresso per meriti letterari e di moralità confuciana. Ciò diede l'avvio a una speciale classe sociale, definita gentry dagli storici, che comprende i proprietari terrieri più ricchi e i letterati - talora provenienti da famiglie di mercanti - che, pur essendo imbevuti di ideali e cultura confuciana, non avevano passato gli esami e non erano organicamente integrati al sistema amministrativo imperiale. Tale classe faceva da interlocutore con gli amministratori, avanzando le istanze locali e coadiuvando nel controllo sociale.
Ciò fu reso possibile anche dall'enorme diffusione che ebbe la Stampa e l'allargamento della scolarizzazione nella società. Sebbene la stampa fosse stata inventata già sotto la dinastia Tang, è solo con i Song che essa diventa mezzo principale dello scambio e della diffusione di idee.
Con la stampa i Song poterono realizzare la prima cartamoneta della storia, utile per l'enorme volume degli scambi commerciali tra le varie regioni cinesi, oltre che per le basi commerciali cinesi che si andavano creando nel sudest asiatico (Vietnam, Champa, Malesia, Bengala).

Molti storici hanno posto l'accento su quella che può essere definita una rivoluzione industriale mai compiuta.

Esistevano "fabbriche" addette alla produzione in serie di manufatti in Porcellana unicamente per l'esportazione, altre unicamente per il consumo a corte, altre per la vendita locale. Sarebbero occorsi ancora secoli perché altre civiltà fossero in grado di imitare la Cina nella produzione della ceramica invetriata, limitandosi, come in Europa, a semplici terrecotte dipinte successivamente alla cottura. Lo storico Robert Hartwell ha stimato che la produzione di ferro in Cina sia aumentata di sei volte dal 806 al 1078 e che in quest'ultimo anno in Cina se ne producessero 125.000 tonnellate l'anno (il doppio della produzione britannica del 1788).
L'introduzione del cotone, specialmente a sud, costituì una enorme nuova risorsa e una nuova industria tessile. Le cartiere prosperarono nel Zhejiang così come la produzione di lacca. La produzione di polvere da sparo e cannoni permise di fronteggiare invasioni turche degli Xi Xia durante il periodo dei Song Meridionali. Cannoni furono adattati alle enormi giunche da carico per i commerci marittimi. Data tanta ricchezza e potenza non è un caso se la capitale Hangzhou fosse più popolosa di qualsiasi altra città europea coeva.

Nonostante questi ed altri grandi progressi, tuttavia, gli studiosi affermano che, a causa del mancato sviluppo di una classe borghese capitalista, non vi fu mai, durante la dinastia Song, una vera e propria rivoluzione industriale così come la si intende canonicamente. Ciò è dovuto anche ad una visione non scientifica della realtà, alla costante sovrabbondanza di manodopera a basso costo, alla mancanza di leggi che proteggessero la proprietà privata e la libertà individuale, e soprattutto all'enorme prestigio che aveva la burocrazia statale.

Dal punto di vista delle arti, invece, con i Song raggiunsero la piena maturità la pittura, la calligrafia e la già citata porcellana.

In campo culturale, il Buddhismo fu in costante declino, sempre più marginalizzato dalla cultura dominante. Questa abbracciò la nuova sintesi di Taoismo e Confucianesimo che si andò formalizzando durante i Song e che ebbe come massimo esponente il filosofo Zhu Xi (1130-1200), il maggiore della scuola del Neoconfucianesimo, lixue. Discutibilmente lo scienziato cinese più grande, Shen Kuo (1031-1095), appartenuto a questa età di storia cinese.
La storiografia si concentrò sul problema della legittimità dinastica ed ebbe in Sima Guang (1019-1086) il suo massimo esponente. In campo politico il massimo autore fu senza dubbio il riformista Wang Anshi (1021-1086). Suo oppositore politico, nonché massimo poeta della dinastia Song, fu Su Dongpo (1037-1101).
In questo periodo fiorirono le gigantesche enciclopedie il cui genere influenzò tutti i settori. Si stamparono enciclopedie letterarie, geografiche, mediche, sulla storia politica e sull'agronomia, nonché le tradizionali opere storiografiche. La trattatistica spaziò dall'agopuntura alla farmacopea, dall'algebra (estrazione di radici cubiche, introduzione dello zero) alla costruzione di orologi meccanici, critica letteraria alla definizione del gusto artistico in ambito pittorico e poetico. Non minore importanza ebbero le opere archeologiche: studi di numismatica, di classificazione dei bronzi antichi e studio delle più antiche forme di scrittura.

Questa esplosione artistica e intellettuale raggiunse e permeò anche le società della Corea, del Vietnam e del Giappone.

Società[modifica | modifica sorgente]

Diritto, giustizia e scienza forense[modifica | modifica sorgente]

Dipinto del XII secolo

Il sistema giudiziario utilizzato dai Song mantenne la maggior parte del codice legale adottato dalla precedente dinastia Tang e fu la base del diritto tradizionale cinese fino all'epoca moderna.[45] Gli sceriffi erano deputati a mantenere la legge e l'ordine nelle giurisdizioni municipali e, occasionalmente, si avventuravano nelle campagne.[46] I magistrati ufficiali che sopraintendevano ai casi giudiziari, non solo si occupavano di applicare il diritto scritto ma promuovevano anche la morale nella società.[45] Ai giudici spettava il compito di determinare il colpevole di un atto criminale e di infliggere la pena, spesso nella forma di fustigazione.[45][47] Un individuo che veniva condotto in tribunale come accusato di un reato penale o civile non era considerato come totalmente innocente fino a prova contraria, mentre anche gli accusatori erano visti come sospettabili da parte del giudice.[47] Per via delle costose spese giudiziarie e dell'incarcerazione immediata per coloro che erano accusati di reati penali, il popolo Song perferiva risolvere le controversie e le liti in privato, senza l'intervento di un giudice.[47]

Shen Kuo nel suo Mèng Xī Bǐ Tán si scontrò contro le credenze tradizionali cinesi in materia di anatomia. Si presuppone che questo forse stimolè l'interesse per le autopsie post-mortem nella cina Cina del XII secolo.[48][49] Il medico e il giudice Song Ci (1186-1249) scrisse un lavoro pionieristico della scienza forense per l'esame dei cadaveri al fine di determinare la causa della morte (strangolamento, avvelenamento, annegamento, trauma, ecc ) e per dimostrare se il decesso sia dovuto a omicidio, suicidio o morte accidentale.[50] Song Ci ha sottolineò l'importanza del corretto svolgimento delle procedure medico legali durante le autopsie e la registrazione accurata dei risultati tramite impiegati ufficiali.[51]

Cucina e abbigliamento[modifica | modifica sorgente]

Un vassoio per il cibo realizzato con lacca rossa e ornato da disegni, datato tra il XII e il XIII secolo

Il tipo di cibo che doveva essere consumato e gli ambiti da indossare erano stabiliti da delle leggi secondo lo stato e la classe sociale. Per le classi inferiori gli alimenti tipici erano il riso, la carne di maiale e il pesce salato.[52] L'abbigliamento era composto da indumenti realizzati in canapa o cotone, con un colore standard bianco o nero. I pantaloni erano l'abbigliamento dei contadini, dei soldati, degli artigiani e dei commercianti, anche se ricchi mercanti potevano scegliere di indossare abiti più ricamati e camicie maschili che scendevano sotto la vita. Inizialmente l'abbigliamento dei funzionari era rigidamente definito dal sistema di classificazione sociale. Tuttavia, col passare del tempo questa regola venne sempre meno seguita e ogni ufficiale poteva esporre il suo status indossando vesti di seta in diversi colori tradizionali che pendevano a terra intorno ai piedi o tramite specifici tipi di acconciature o anche particolari tipi di cinture.[53]

Le donne indossavano abiti lunghi, camicie che scendevano al ginocchio, gonne e giacche con maniche lunghe o corte, mentre quelle che provenivano da famiglie benestanti potevano portare sciarpe viola sulle loro spalle. La differenza principale dell'abbigliamento femminile da quello degli uomini è che era fissato a sinistra e non a destra.[54]

Sono stati ritrovati de menu di taverne dell'epoca della dinastia Song che elencano antipasti per le feste, banchetti, feste e carnevali. Essi rivelano, per gli appartenenti alle classi superiori, una dieta varia e ricca. Essi potevano scegliere tra una vasta varietà di carni e pesce, tra cui gamberi, oche, anatre, cozze, molluschi, daini, lepri, pernici, fagiani, francolino, quaglie, volpi, tasso, vongole, granchi e moltro altro.[52][55][56] I latticini furono rari nella cucina cinese di quel periodo, Il manzo fu raramente consumato, poiché il bue era un prezioso animale. La carne di cane era assente dalla dieta dei ricchi, anche se il povero poteva sceglierla se necessario.[57] La gente inoltre consumava datteri, uvetta, giuggiole, pere, susine, albicocche, succo di pera, succo di lychee, frutta, miele e bevande allo zenzero, succo di papaya, spezie, zenzero, salsa di soia, olio, olio di sesamo, sale e aceto.[55][58]

Economia[modifica | modifica sorgente]

Navi Song disegnate da Zhang Zeduan.

La dinastia Song vantava una delle economie più prosperose e avanzate del mondo medievale. I cinesi Song investivano i loro fondi in società per azioni e in molte imbarcazioni a vela, nel periodo in cui il commercio visse un periodo estremamente prosperoso, sia verso l'estero che all'interno attraverso gli scambi lungo il Gran Canale e il fiume Yangzi.[59] Le famiglie di mercanti e le imprese private furono incoraggiate ad occupare le industrie che non erano già monopoli gestiti dallo stato.[20][60] Sia il privato che le industrie controllate dal governo soddisfacevano le esigenze di una popolazione cinese in crescita demografica.[20][60] Artigiani e commercianti formavano delle corporazioni che stabilivano i salari dei lavoratori, le imposte e i prezzi dei beni.[59][61]

L'industria del ferro è stata perseguita sia da imprenditori privati, sia da grandi impianti gestiti direttamente dallo stato.[62] L'economia Song fu abbastanza stabile da produrre oltre un centinaio di milioni di chilogrammi di ferro in un anno.[63] Una larga deforestazione della Cina sarebbe continuata se non vi fosse stata l'innovazione dell'uso del carbone al posto della legna negli altiforni per la produzione della ghisa.[63] Gran parte dei metalli venivano impiegati per uso militare, ma in parte furono destinati anche alle esigenze del crescente mercato interno. Il commercio del ferro in Cina fu favorito dalla costruzione di nuovi canali, facilitando il flusso dei prodotti dai centri di produzione al grande mercato della capitale.[64]

Una banconata Jiaozi

La produzione annuale di moneta di rame, nel 1085, ha raggiunto i circa sei miliardi di monete.[2] Il progresso più notevole nell'economia Song è stata l'introduzione, per la prima volta al mondo, di carta moneta stampata, nota come Jiaozi.[2] Per la stampa, la corte dei Song istituì diverse fabbriche a conduzione governativa nelle città di Huizhou, Chengdu, Hangzhou e Anqi.[65] La forza lavoro impiegata in questi stabilimenti era molto grande, si ritiene che nel 1175 la fabbrica a Hangzhou impiegasse più di mille operai al giorno.[65]

Il potere economico della Cina dei Song influenzò profondamente le economie straniere. Il geografo marocchino al-Idrisi scrisse nel 1154 a proposito delle navi mercantili cinesi nell'Oceano Indiano e dei loro viaggi annuali in cui portavano ferro, spade, seta, velluto, porcellana e vari tessuti in luoghi come Aden (nello Yemen), sul fiume Indo e nell'odierno Iraq.[26] Gli stranieri, a loro volta, ebbero un impatto sull'economia cinese. Per esempio, molti commercianti musulmani dell'est asiatico e dell'Asia centrale si recarono in Cina per commercio, diventando una forza preminente nel settore delle importazioni ed esportazioni, mentre alcuni di loro furono anche nominati come supervisori degli affari economici.[65]

Il commercio marittimo con il sud-est del Pacifico, con l'India, con l'Islam e con l'Africa orientale, portò ai commercianti grande fortuna e stimolò una enorme crescita enorme nel settore della costruzione navale nella provincia del Fujian.[66]

Scienza, tecnologia e ingegneria[modifica | modifica sorgente]

Polvere da sparo[modifica | modifica sorgente]

Una illustrazione di un trabucco da Wujing Zongyao un manoscritto del 1044. I trabucchi come questi venivano utilizzati per lanciare i primi tipi di bombe esplosive.[67]

I progressi nella tecnologia delle armi fu impreziosita dalla scoperta della scoperta della polvere da sparo. L'evoluzione dei primi lanciafiamme, delle granate esplosive, delle armi da fuoco, dei cannoni e delle mine interrate, ha permesso ai Song di tenere lontani i nemici fino al loro crollo finale avvenuto nel XIII secolo.[68][69][70][71][72] Il manoscritto Wujing Zongyao del 1044 è stato il primo libro della storia che ha descritto le formule per preparare la polvere da sparo e il loro uso specifico nelle diverse armi.[67] Mentre era impegnato in una guerra contro i Mongoli, nel 1259, il funzionario Li Zengbo scrisse nel suo Kezhai Zagao, che la città di Qingzhou era in grado di produrre da mille a duemila bombe in involucri di ferro al mese, facendone arrivare a Xiangyang e Yingzhou circa 10-20.000 di tali ordigni alla volta.[73] A sua volta, i mongoli invasori impiegarono soldati cinesi settentrionali e utilizzarono questi stessi tipi di armi con polvere da sparo contro i Song.[74] Dal XIV secolo, le armi da fuoco e i cannoni furono adottati anche in Europa, India e Medio Oriente Islamico.

Misurazione delle distanze e navigazione meccanica[modifica | modifica sorgente]

Già durante la dinastia Han, quando lo Stato necessitava di poter disporre di metodi per misurare efficacemente le distanze di tutto l'impero, i cinesi realizzarono odometro meccanico.[75] L'odometro cinese era realizzato sotto forma di una carrozza con ruote a cui erano collegate degli ingranaggi interni che segnavano le specifiche unità di misura della lunghezza in uso a quel tempo, il , per mezzo del suono di un tamburo o di una campana.[76] Le specifiche per l'odometro del XII secolo sono state riportate da Lu Daolong, che lo descrisse ampiamente nel testo storico "Song Shi (scritto nel 1345).[77]

Durante il periodo della dinastia Song, il veicolo odometro era stato abbinato ad un altro antico e complesso dispositivo meccanico, noto come il "carro che punta a sud".[78] Questo dispositivo, originariamente realizzato da Ma Jun nel III secolo, era costituito da un differenziale che permetteva ad una figura montata su di esso di puntare sempre in direzione sud, indipendentemente da dove le ruote del veicolo girassero.[79] Il concetto di differenziale di questo veicolo, utilizzato in questo caso per la navigazione, si trova ora applicato nelle automobili moderne, al fine di applicare la stessa quantità di momento meccanico alle ruote rotanti a velocità diverse.

Eclettismo, invenzioni e astronomia[modifica | modifica sorgente]

Diagramma dell'interno dell'orologio astronomico di Kaifeng descritto dal libro di Su Song, scritto nel 1092 e pubblicato in forma stampata nell'anno 1094.

Personalità eclettiche, come gli statisti Shen Kuo e Su Song (1020-1101) incarnarono i progressi in tutti i campi di studio, tra cui la biologia, la botanica, la zoologia, la geologia, la mineralogia, la meccanica, l'orologeria, l'astronomia, la medicina, la farmaceutica, l'archeologia, la matematica, la cartografia, l'ottica, la critica artistica e altro ancora.[80][81][82]

Shen Kuo fu il primo ad accorgersi della declinazione magnetica del polo nord, mentre sperimentava la bussola.[83][84] Shen teorizzò che i climi geografici si modificavano gradualmente nel tempo.[85][86] Formulò, inoltre, una teoria sulla formazione della terra attraverso concetti accettati anche dalla geomorfologia moderna.[87] Eseguì esperimenti ottici con la camera oscura solo pochi decenni dopo che Ibn al-Haytham fosse stato il primo a farlo.[88] Egli migliorò anche gli strumenti astronomici, come il tubo di puntamento astronomico allargato, che permise a Shen Kuo di fissare la posizione della stella polare (che si era spostata nel corso dei secoli).[89] Shen Kuo fu noto anche per gli orologi idraulici. Inventò una nuova clessidra più efficiente con una interpolazione di ordine superiore nella misura del tempo rispetto a quella lineare per la calibrazione.[89]

Su Song è conosciuto per il suo trattato sull'orologeria scritto nel 1092, dove descrisse e illustrò con dovizia di particolari il suo orologio astronomico alimentato ad acqua e alto 12 metri, costruito a Kaifeng. La torre dell'orologio fu caratterizzata sia dai grandi strumenti astronomici come la sfera armillare e il globo celeste, sia era guidato da un meccanismo di scappamento precoce a intermittenza di lavoro (circa due secoli prima che lo scappamento a verga appaia negli orologi medioevali).[90][91] Inoltre, la torre dell'orologio di Song Su presentava il primo esemplare di trasmissione infinita di potenza a catena,[92] un dispositivo meccanico essenziale che troverà molti usi pratici nel corso dei secoli, come nella bicicletta. La torre di Su era composta da una ruota dentata rotante con 133 manichini che ruotando facevano suonare delle campane e battere dei tamburi ad un tempo preciso.[93] Nel suo libro stampato, Su Song, pubblicò un atlante composto da cinque Carta celeste. Questi grafici appaiono simili alla proiezione cilindrica centrografica, quest'ultima una innovazione cartografica di Gerardus Mercator del 1569.[94][95]

Matematica e cartografia[modifica | modifica sorgente]

Mappa della Cina scolpita sulla roccia.

Vi sono stati notevoli progressi nella matematica durante l'epoca Song. Il libro pubblicato nel 1261 dal matematico Yang Hui (c. 1238-1298) ha riportato la prima illustrazione cinese del triangolo di Pascal, anche se fu scritto in precedenza intorno al 1100 da Jia Xian.[96] Yang Hui descrisse inoltre dei calcoli combinatori per la realizzazione dei quadrati magici e la prova teorica sulla quarantatreesima proposizione di Euclide sui parallelogrammi e fu il primo ad utilizzare coefficienti negativi di "x" nelle equazioni di secondo grado.[97] Contemporanea di Yanh, Qin Jiushao (c. 1202-1261) è stato il primo ad introdurre il simbolo di zero nella matematica cinese,[98] prima di ciò venivano utilizzati degli spazi vuoti al posto degli zeri nel sistema di conteggio ad aste.[99] Egli è anche noto per aver studiato il teorema cinese del resto, la formula di Erone ei dati astronomici utilizzato nella determinazione del solstizio d'inverno. L'opera maggiore di Qin fu il trattato matematico in nove sezioni pubblicate nel 1247.

La geometria era essenziale per il rilevamento e per la cartografia. Le prime mappe cinesi esistenti risalgono al IV secolo a.C.,[100] ma fino a Pei Xiu (224-271) erano prive dell'elevazione topografica, di un sistema a griglia rettangolare formale e dell'uso di una scala graduata standard delle distanze.[101][102] A seguito di una lunga tradizione, Shen Kuo realizzò una mappa in rilievo, mentre le altre mappe del 1137 presentavano una scala graduata di 1:900,000.[103][104] In un blocco di pietra di 0,91 metri quadrati erano scolpite con precisione i contorni costieri e i fiumi della Cina che si estendevano fino all'India.[105] Inoltre, carta geografica più antica del mondo conosciuta in formato cartaceo era contenuta nell'enciclopedia curata da Yang Jia nel 1155. Essa mostrava la Cina occidentale senza il sistema di griglia formale che era caratteristica delle mappe cinesi realizzati in modo più professionale.[106]

Stampa a caratteri mobili[modifica | modifica sorgente]

Una della carte celesti di Su Song contenute in Xin Yi Xiang Fa Yao e pubblicate nel 1092. È realizzata grazie ad una proiezione simile alla proiezione cilindrica centrografica modificata di Mercatore. Su di essa viene raffigurata la corretta posizione della stella polare grazie alle osservazioni astronomiche di Shen Kuo.[94][95] Gli atlanti celesti di Su Song sono i più antichi in forma stampata.[107]

L'innovazione della stampa a caratteri mobili fu realizzata dall'artigiano Bi Sheng (990-1051) e fu descritta per la prima volta dallo scienziato e statista Shen Kuo nel suo libro Mèng Xī Bǐ Tán del 1088.[108][109] La collezione di caratteri tipografici realizzati in argilla di Bi Sheng fu tramandata e conservata con cura ad uno dei nipoti di Shen Kuo.[109][110] La stampa a caratteri mobili migliorò l'utilizzo già diffuso delle xilografie per stampare migliaia di documenti e volumi letterari, destinati ad una popolazione sempre più alfabetizzata. L'avanzamento della stampa ha avuto un profondo impatto sulla formazione degli studiosi, in quanto i libri stampati garantivano una maggiore disponibilità e un maggior velocità di diffusione rispetto alle laboriose copie manoscritte.[111][112] Ciò, durante la dinastia Song, contribuì alla crescita della mobilità sociale e l'espansione dell'élite colta, che crebbe notevolmente in dimensione tra l'XI e il XIII secolo.[111][113]

I caratteri mobili inventati da Bi Sheng furono, infine superati, dalla stampa a xilografia a causa delle limitazioni apportate dal grande numero di caratteri cinesi. Tuttavia la stampa a caratteri mobili continuò ad essere utilizzata e migliorata in periodi successivi. Un studioso vissuto durante la dinastia Yuan, Wang Zhen (1290-1333) implementò un processo di composizione veloce dei caratteri mobili di Bi Sheng e ne sperimentò uno che utilizzava lo stagno come supporto per i caratteri.[114] Il tipografo Hua Sui (1439-1513), durante la dinastia Ming, realizzò il primo metodo di stampa a caratteri mobili cinesi in metallo (utilizzando il bronzo) nel 1490.[115] Nel 1638 la Gazzetta di Pechino utilizzò come processo di stampa i caratteri mobili al posto della xilografia.[116] Tuttavia fu durante la dinastia Qing che i lavori di stampa di massa iniziarono a impiegare i caratteri mobili. Ciò incluse la stampa delle sessantasei copie dei 5.020 volumi dell'enciclopedia Gujin Tushu Jicheng del 1725. Ciò richiese la lavorazione di 250.000 caratteri mobili in bronzo.[117] Dal XIX secolo la stampa mediante torchio calcografico in stile europeo sostituì i vecchi metodi cinesi, mentre la stampa a xilografia tradizionale continuò ad essere impiegata, seppur raramente, per ragioni artistiche.

Costruzioni idrauliche e nautica[modifica | modifica sorgente]

Vista dall'alto e laterale di una chiusa per i canali navigabili, progetto pionieristico realizzato nel 984 dal vicecapo dei trasporto per Huainan, l'ingegnere Qiao Weiyo.[118]

L'innovazione più importante nella nautica avvenuta nel periodo Song sembra essere stata l'introduzione della bussola magnetica che ha permesso una navigazione più precisa in mare aperto, indipendentemente dal tempo atmosferico.[103] La bussola con l'ago calamitato, conosciuta in cinese come "ago che punta a sud", fu per la prima volta descritta da Shen Kuo nei suo Mèng Xī Bǐ Tán e il suo uso attivo da parte dei marinai è citato nel Pingzhou Ketan (萍洲可談), Chiaccherate a Pingzhou, di Zhu Yu del 1119.

Vi sono stati altri considerevoli progressi nel campo dell'ingegneria idraulica e della tecnologia nautica durante la dinastia Song. L'invenzione della chiusa per i canali navigabili del X secolo permise di sollevare e abbassare diversi livelli di acqua di alcuni segmenti di un canale, ciò aiutò considerevolmente la sicurezza nel traffico canalare e permise l'adozione di chiatte di grandi dimensioni.[119] Tra le altre innovazioni, l'introduzione di compartimenti stagni nelle navi, per mezzo di paratie, permise di evitare che esse affondassero anche se lo scafo era parzialmente danneggiato.[112][120] Se le navi venivano danneggiate, i cinesi dell'XX secolo impiegavano bacini di carenaggio per le riparazioni, mantenendole fuori dall'acqua.[121] Le navi Song disponevano di traverse che permettevano di rafforzarne la struttura.[122]. I timoni di poppa erano montati sulle navi cinesi fin dal I secolo, come si può notare da un modello conservato presso la tomba Han. Nel periodo Song, i cinesi idearono un timone più efficiente e più basso in modo che le navi potessero viaggiare in acque di profondità minore.[122] I Song utilizzavano delle ancore con denti sporgenti disposte su un modello circolare anziché in una unica direzione.[122] David Graff e Robin Higham affermano che questo sistema sia il più affidabile per l'ancoraggio delle navi.[122]

Ingegneria strutturale e architettura[modifica | modifica sorgente]

La Pagoda Lingxiao di Zhengding, Hebei, costruita nel 1045 ed alta 42 metri, realizzata in mattoni e legno.

Durante il periodo Song, l'architettura raggiunse nuove vette per quanto riguarda la raffinatezza. Autori come Yu Hao e Shen Kuo scrissero libri che delineavano gli stili architettonici, artigianali e di ingegneria strutturale dei secoli X e XI, rispettivamente. Shen Kuo utilizzò gli appunti di Yu Hao quando descrisse gli aspetti tecnici, come i rinforzi obliqui integrati nelle torri a Pagoda diagonale per contrastare il vento.[123] Shen Kuo fece riferimento anche alle dimensioni specificate di Yu e le unità di misura per i vari tipi di edifici.[124] L'architetto Li Jie (1065-1110), che pubblicò il Yingzao Fashi ("Trattato sui metodi architettonici") nel 1103, ampliò notevolmente le opere di Yu Hao e compilò i codici di costruzione utilizzati poi in tutto l'impero.[125] Egli si dedicò alla formulazione dei metodi standard di costruzione, progettazione e applicazione dei fossati e delle fortificazioni in pietra, della lavorazione del legno, della tornitura e della foratura, della lavorazione del bambù, delle piastrelle, della costruzione di pareti, noché della pittura e decorazione muraria. Inoltre. fornì le proporzioni per una mensola in muratura.[126][127] Nel suo libro, Li fornì illustrazioni dettagliate degli elementi architettonici e delle sezioni degli edifici. Queste illustrazioni mettono in evidenza le varie applicazioni di mensola a staffe, di bracci a sbalzo, di cordoli e travi trasversali e diagrammi che mostrano i vari tipi di costruzione di sale di dimensioni graduate.[128] Egli ha anche delineato le unità standard di misura e dimensione di tutti i componenti edilizi descritti ed illustrati nel suo libro.[129]

Progetti di grandiose costruzioni sono state promosse dal governo, comprese la realizzazioni di imponenti pagode cinesi buddisti e l'edificazione di enormi ponti (legno o pietra, a travata o ad arco segmentato). Molte delle torri a pagoda costruite durante i Song furono erette ad altezze che superano i dieci piani. Alcune delle più famose sono la pagoda di ferro, costruita nel 1049 durante il periodo dei Song del Nord e la Pagoda Liuhe costruita nel 1165 durante la dinastia Song meridionale. Tuttavia ve ne erano molte altre. La più alta è la Pagoda Liaodi di Hebei, costruita nel 1055, con una altezza totale di 84 m. Alcuni dei ponti raggiunsero lunghezze di 1.220 m ed alcuni erano sufficientemente ampi da permettere il passaggio di due carri simultaneamente su un corso d'acqua o su un burrone.[130] Il governo ha anche supervisionato la costruzione dei propri uffici amministrativi, degli appartamenti del palazzo, delle fortificazioni della città, dei templi ancestrali e dei templi buddisti.[131]

Le professioni di architetto, artigiano, carpentiere e ingegnere strutturale non erano viste come professionalità al pari di quella dello studioso di una scuola confuciana ufficiale. La conoscenza architettonica era stata tramandata oralmente per migliaia di anni, in molti casi da padre a figlio. È noto che durante il periodo Song fossero comunque presenti scuole di ingegneria e architettura strutturale. Una di queste, di altro prestigio, era presieduta dal celebre costruttore di ponti Cai Xiang (1012-1067) nella provincia medioevale del Fujian.[132]

Tra gli edifici edificati dai Song, vi furono anche delle strutture tombali piramidali, come ad esempio le tombe imperiali dei Song situate a Gongxian, nella provincia di Henan.[133] Circa 100 km da Gongxian vi sono delle altre tombe a Baisha, con elaborate decorazioni in legno e colonne e piedistallo che adornano le pareti interne.[133] Le due ampie camere sepolcrali presentano un tetto a forma conica.[134] Ai lati dei viali che conducono a questi edifici vi sono file di di statue di pietra di funzionari, di animali e di creature mitologiche .

Imperatori della dinastia Song[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Lista degli imperatori della dinastia Song.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Rossabi 1988, p. 76
  2. ^ a b c Ebrey, Walthall & Palais 2006, p. 156.
  3. ^ Brook 1998, p. 96
  4. ^ Veeck et al. 2007, pp. 103–104
  5. ^ Needham 1986b, p. 518
  6. ^ Needham 1986c, pp. 469–471
  7. ^ Hall 1985, p. 23
  8. ^ Sastri 1984, pp. 173, 316
  9. ^ Shen 1996, p. 158
  10. ^ Brose 2008, p. 258
  11. ^ Mote 1999, p. 69.
  12. ^ Ebrey, Walthall & Palais 2006, p. 154.
  13. ^ Mote 1999, pp. 70–71.
  14. ^ Sivin 1995, p. 8.
  15. ^ Sivin 1995, p. 9.
  16. ^ Anderson 2008, p. 207.
  17. ^ Anderson 2008, p. 208.
  18. ^ Anderson 2008, pp. 208–209.
  19. ^ Ebrey, Walthall & Palais 2006, p. 163.
  20. ^ a b c d e Ebrey, Walthall & Palais 2006, p. 164.
  21. ^ Sivin 1995, pp. 3–4.
  22. ^ a b Ebrey, Walthall & Palais 2006, p. 165.
  23. ^ Wang 2000, p. 14.
  24. ^ Sivin 1995, p. 5.
  25. ^ a b Paludan 1998, p. 136.
  26. ^ a b Shen 1996, pp. 159–161.
  27. ^ a b c Needham 1986d, p. 476.
  28. ^ Levathes 1994, pp. 43–47.
  29. ^ Needham 1986a, p. 134.
  30. ^ Ebrey, Walthall & Palais 2006, p. 239.
  31. ^ Embree & Gluck 1997, p. 385.
  32. ^ Adshead 2004, pp. 90–91.
  33. ^ Ebrey, Walthall & Palais 2006, p. 235.
  34. ^ a b Ebrey, Walthall & Palais 2006, p. 236.
  35. ^ a b Needham 1986a, p. 139.
  36. ^ Ebrey, Walthall & Palais 2006, p. 240.
  37. ^ Rossabi 1988, pp. 55–56.
  38. ^ Rossabi 1988, p. 49.
  39. ^ Rossabi 1988, pp. 50–51.
  40. ^ Rossabi 1988, p. 56.
  41. ^ a b Rossabi 1988, p. 82.
  42. ^ Rossabi 1988, p. 88.
  43. ^ Rossabi 1988, p. 94.
  44. ^ Rossabi 1988, p. 90.
  45. ^ a b c Ebrey, Walthall & Palais 2006, p. 161.
  46. ^ McKnight 1992, pp. 155–157.
  47. ^ a b c Gernet 1962, p. 107.
  48. ^ Sivin 1995, pp. 30–31
  49. ^ Sivin 1995, pp. 30–31, footnote 27.
  50. ^ Gernet 1962, p. 170.
  51. ^ Sung 1981, pp. 12, 72.
  52. ^ a b Gernet 1962, pp. 134–137.
  53. ^ Gernet 1962, pp. 127–30.
  54. ^ Gernet 1962, p. 129.
  55. ^ a b Rossabi 1988, p. 78.
  56. ^ West 1997, p. 73.
  57. ^ Gernet 1962, pp. 135–136.
  58. ^ West 1997, p. 86.
  59. ^ a b Ebrey, Walthall & Palais 2006, p. 157.
  60. ^ a b Needham 1986c, p. 23.
  61. ^ Gernet 1962, pp. 88, 94.
  62. ^ Wagner 2001, pp. 178–179, 181–183.
  63. ^ a b Ebrey, Walthall & Palais 2006, p. 158.
  64. ^ Embree & Gluck 1997, p. 339.
  65. ^ a b c Needham 1986e, p. 48.
  66. ^ Peter Golas, Rural China in the Song in The Journal of Asian Studies, vol. 39, nº 2, 1980, pp. 291–325, DOI:10.2307/2054291, JSTOR 2054291.
  67. ^ a b Needham 1986e, p. 117.
  68. ^ Needham 1986e, p. 80.
  69. ^ Needham 1986e, p. 82.
  70. ^ Needham 1986e, pp. 220–221.
  71. ^ Needham 1986e, p. 192.
  72. ^ Rossabi 1988, p. 79.
  73. ^ Needham 1986e, pp. 173–174.
  74. ^ Needham 1986e, pp. 174–175.
  75. ^ Needham 1986c, p. 283.
  76. ^ Needham 1986c, pp. 281–282.
  77. ^ Needham 1986c, pp. 283–284.
  78. ^ Needham 1986c, p. 291.
  79. ^ Needham 1986c, p. 287.
  80. ^ Ebrey 1999, p. 148
  81. ^ Needham 1986a, p. 136.
  82. ^ Needham 1986c, p. 446.
  83. ^ Mohn 2003, p. 1.
  84. ^ Embree & Gluck 1997, p. 843.
  85. ^ Chan 2002, p. 15.
  86. ^ Needham 1986b, p. 614.
  87. ^ Sivin 1995, pp. 23–24.
  88. ^ Needham 1986c, p. 98.
  89. ^ a b Sivin 1995, p. 17.
  90. ^ Needham 1986c, p. 445.
  91. ^ Needham 1986c, p. 448.
  92. ^ Needham 1986c, p. 111.
  93. ^ Needham 1986c, pp. 165, 445.
  94. ^ a b Needham 1986d, p. 569.
  95. ^ a b Needham 1986b, p. 208.
  96. ^ Needham 1986b, pp. 134–137.
  97. ^ Needham 1986b, pp. 46, 59–60, 104.
  98. ^ Needham 1986b, p. 43.
  99. ^ Needham 1986b, pp. 62–63.
  100. ^ Hsu 1993, pp. 90–93.
  101. ^ Hsu 1993, pp. 96–97
  102. ^ Needham 1986b, pp. 538–540.
  103. ^ a b Sivin 1995, p. 22.
  104. ^ Temple 1986, p. 179.
  105. ^ Needham 1986b, pp. 547–549, Plate LXXXI
  106. ^ Needham 1986b, pp. 549, Plate LXXXII
  107. ^ Sivin 1995, p. 32.
  108. ^ Needham 1986e, pp. 201–203.
  109. ^ a b Sivin 1995, p. 27.
  110. ^ Needham 1986c, p. 33.
  111. ^ a b Ebrey 1999, p. 147.
  112. ^ a b Ebrey, Walthall & Palais 2006, p. 159
  113. ^ Ebrey 2006, pp. 159–160.
  114. ^ Needham 1986e, pp. 206–208, 217.
  115. ^ Needham 1986e, pp. 212–213.
  116. ^ Brook 1998, p. xxi
  117. ^ Needham 1986e, pp. 215–216.
  118. ^ Needham 1986d, p. 350.
  119. ^ Needham 1986d, pp. 350–351.
  120. ^ Needham 1986d, p. 463.
  121. ^ Needham 1986d, p. 660.
  122. ^ a b c d Graff & Higham 2002, p. 86
  123. ^ Needham 1986d, p. 141.
  124. ^ Needham 1986d, pp. 82–84.
  125. ^ Guo 1998, pp. 4–6.
  126. ^ Needham 1986d, p. 85.
  127. ^ Guo 1998, p. 5.
  128. ^ Needham 1986d, pp. 96–100, 108–109.
  129. ^ Guo 1998, pp. 1–6.
  130. ^ Needham 1986d, pp. 151–153.
  131. ^ Needham 1986d, p. 84.
  132. ^ Needham 1986d, p. 153.
  133. ^ a b Steinhardt 1993, p. 375.
  134. ^ Steinhardt 1993, p. 376.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • S. A. M. Adshead, T'ang China: The Rise of the East in World History, New York, Palgrave Macmillan, 2004, ISBN 1-4039-3456-8. (hardback).
  • James A. Anderson, 'Treacherous Factions': Shifting Frontier Alliances in the Breakdown of Sino-Vietnamese Relations on the Eve of the 1075 Border War in Don J. Wyatt (a cura di), Battlefronts Real and Imagined: War, Border, and Identity in the Chinese Middle Period, New York, Palgrave MacMillan, 2008, pp. 191–226, ISBN 978-1-4039-6084-9.
  • Shouyi Bai, An Outline History of China, Revised, Beijing, Foreign Languages Press, 2002, ISBN 7-119-02347-0.
  • Peter K. Bol, The Rise of Local History: History, Geography, and Culture in Southern Song and Yuan Wuzhou in Harvard Journal of Asiatic Studies, vol. 61, nº 1, 2001, pp. 37–76, DOI:10.2307/3558587, JSTOR 3558587.
  • Timothy Brook, The Confusions of Pleasure: Commerce and Culture in Ming China, Berkeley, University of California Press, 1998, ISBN 978-0-520-22154-3.
  • Michael C. Brose, People in the Middle: Uyghurs in the Northwest Frontier Zone in Don J. Wyatt (a cura di), Battlefronts Real and Imagined: War, Border, and Identity in the Chinese Middle Period, New York, Palgrave MacMillan, 2008, pp. 253–289, ISBN 978-1-4039-6084-9.
  • Patricia Buckley Ebrey, Anne Walthall e James B. Palais, East Asia: A Cultural, Social, and Political History, Boston, Houghton Mifflin, 2006, ISBN 0-618-13384-4.
  • Patricia Buckley Ebrey, The Cambridge Illustrated History of China, Cambridge, Cambridge University Press, 1999, ISBN 0-521-66991-X. (paperback).
  • Ainslie Thomas Embree e Carol Gluck, Asia in Western and World History: A Guide for Teaching, Armonk, ME Sharpe, 1997, ISBN 1-56324-264-8.
  • Alan Kam-leung Chan, Gregory K. Clancey e Hui-Chieh Loy, Historical Perspectives on East Asian Science, Technology and Medicine, Singapore, Singapore University Press, 2002, ISBN 9971-69-259-7.
  • John King Fairbank e Merle Goldman, China: A New History, 2nd enlarged, Cambridge; London, The Belknap Press of Harvard University Press [1992], 2006, ISBN 0-674-01828-1.
  • Julius Thomas Fraser e Francis C. Haber, Time, Science, and Society in China and the West, Amherst, University of Massachusetts Press, 1986, ISBN 0-87023-495-1.
  • Jacques Gernet, Daily Life in China on the Eve of the Mongol Invasion, 1250-1276, Translated by H. M. Wright, Stanford, Stanford University Press, 1962, ISBN 0-8047-0720-0.
  • David Andrew Graff e Robin Higham, A Military History of China, Boulder, Westview Press, 2002.
  • Qinghua Guo, Yingzao Fashi: Twelfth-Century Chinese Building Manual in Architectural History: Journal of the Society of Architectural Historians of Great Britain, vol. 41, 1998, pp. 1–13.
  • Kenneth Hall, Maritime trade and state development in early Southeast Asia, Hawaii, University of Hawaii Press, 1985, ISBN 0-8248-0959-9.
  • Valerie Hansen, The Open Empire: A History of China to 1600, New York & London, W.W. Norton & Company, 2000, ISBN 0-393-97374-3.
  • James M. Hargett, Some Preliminary Remarks on the Travel Records of the Song Dynasty (960–1279) in Chinese Literature: Essays, Articles, Reviews (CLEAR), 1985, pp. 67–93.
  • James M. Hargett, Song Dynasty Local Gazetteers and Their Place in The History of Difangzhi Writing in Harvard Journal of Asiatic Studies, vol. 56, nº 2, 1996, pp. 405–442, DOI:10.2307/2719404, JSTOR 2719404.
  • Robert M. Hartwell, Demographic, Political, and Social Transformations of China, 750-1550 in Harvard Journal of Asiatic Studies, vol. 42, nº 2, 1982, pp. 365–442, DOI:10.2307/2718941, JSTOR 2718941.
  • Robert P. Hymes, Statesmen and Gentlemen: The Elite of Fu-Chou, Chiang-Hsi, in Northern and Southern Sung, Cambridge, Cambridge University Press, 1986, ISBN 0-521-30631-0.
  • Mei-ling Hsu, The Qin Maps: A Clue to Later Chinese Cartographic Development in Imago Mundi, vol. 45, 1993, pp. 90–100, DOI:10.1080/03085699308592766.
  • Louise Levathes, When China Ruled the Seas, New York, Simon & Schuster, 1994, ISBN 0-671-70158-4.
  • Peter Lorge, War, Politics and Society in Early Modern China, 900–1795, 1st, New York, Routledge, 2005.
  • Brian E. McKnight, Law and Order in Sung China, Cambridge, Cambridge University Press, 1992.
  • Peter Mohn, Magnetism in the Solid State: An Introduction, New York, Springer-Verlag, 2003, ISBN 3-540-43183-7.
  • F. W. Mote, Imperial China: 900–1800, Harvard, Harvard University Press, 1999.
  • Joseph Needham, Science and Civilization in China: Volume 1, Introductory Orientations, Taipei, Caves Books, 1986a.
  • Joseph Needham, Science and Civilization in China: Volume 3, Mathematics and the Sciences of the Heavens and the Earth, Taipei, Caves Books, 1986b.
  • Joseph Needham, Science and Civilization in China: Volume 4, Physics and Physical Technology, Part 2: Mechanical Engineering, Taipei, Caves Books, 1986c.
  • Joseph Needham, Science and Civilization in China: Volume 4, Physics and Physical Technology, Part 3: Civil Engineering and Nautics, Taipei, Caves Books, 1986d.
  • Joseph Needham, Science and Civilization in China: Volume 5, Chemistry and Chemical Technology, Part 7: Military Technology; The Gunpowder Epic, Taipei, Caves Books, 1986e.
  • Ann Paludan, Chronicle of the Chinese Emperors, London, Thames & Hudson, 1998, ISBN 0-500-05090-2.
  • C. J. Peers, Soldiers of the Dragon: Chinese Armies 1500 BC-AD 1840, Oxford, Osprey Publishing, 2006.
  • Morris Rossabi, Khubilai Khan: His Life and Times, Berkeley, University of California Press, 1988, ISBN 0-520-05913-1.
  • R. C. Rudolph, Preliminary Notes on Sung Archaeology in The Journal of Asian Studies, vol. 22, nº 2, 1963, pp. 169–177, DOI:10.2307/2050010, JSTOR 2050010.
  • Nilakanta, K.A. Sastri, The CōĻas, Madras, University of Madras, 1984.
  • Edward H. Schafer, War Elephants in Ancient and Medieval China in Oriens, vol. 10, nº 2, 1957, pp. 289–291, DOI:10.2307/1579643, JSTOR 1579643.
  • Tansen Sen, Buddhism, Diplomacy, and Trade: The Realignment of Sino-Indian Relations, 600–1400, Manoa, Asian Interactions and Comparisons, a joint publication of the University of Hawaii Press and the Association for Asian Studies, 2003, ISBN 0-8248-2593-4.
  • Fuwei Shen, Cultural flow between China and the outside world, Beijing, Foreign Languages Press, 1996, ISBN 7-119-00431-X.
  • Nathan Sivin, Science in Ancient China, Brookfield, Vermont, VARIORUM, Ashgate Publishing, 1995.
  • Nancy Shatzman Steinhardt, The Tangut Royal Tombs near Yinchuan in Muqarnas: an Annual on Islamic Art and Architecture, X, 1993, pp. 369–381.
  • Tz’u Sung, The Washing Away of Wrongs: Forensic Medicine in Thirteenth-Century China, translated by Brian E. McKnight, Ann Arbor, University of Michigan Press, 1981, ISBN 0-89264-800-7.
  • Robert Temple, The Genius of China: 3,000 Years of Science, Discovery, and Invention, with a foreword by Joseph Needham, New York, Simon and Schuster, 1986, ISBN 0-671-62028-2.
  • Gregory Veeck, Clifton W. Pannell, Christopher J. Smith e Youqin Huang, China's Geography: Globalization and the Dynamics of Political, Economic, and Social Change, Lanham, Rowman & Littlefield Publishers, 2007, ISBN 0-7425-5402-3.
  • Donald B. Wagner, The Administration of the Iron Industry in Eleventh-Century China in Journal of the Economic and Social History of the Orient, vol. 44, nº 2, 2001, pp. 175–197, DOI:10.1163/156852001753731033.
  • Lianmao Wang, Return to the City of Light: Quanzhou, an eastern city shining with the splendour of medieval culture, Fujian People's Publishing House, 2000.
  • Stephen H. West, Playing With Food: Performance, Food, and The Aesthetics of Artificiality in The Sung and Yuan in Harvard Journal of Asiatic Studies, vol. 57, nº 1, 1997, pp. 67–106, DOI:10.2307/2719361, JSTOR 2719361.
  • Arthur F. Wright, Buddhism in Chinese History, Stanford, Stanford University Press, 1959.
  • Zheng Yuan, Local Government Schools in Sung China: A Reassessment in History of Education Quarterly, vol. 34, nº 2, 1994, pp. 193–213, DOI:10.2307/369121, JSTOR 369121.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]