Zhu Yuanzhang

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Zhu Yuanzhang
Zhu Yuanzhang
Ritratto ufficiale dell'Imperatore
Imperatore
In carica 23 gennaio 1368 – 24 giugno 1398
Predecessore Hui Zong
Successore Jianwen
Nome completo Kaitian Xingdao Zhaoji Liji Dasheng Zhishen Renwen Yiwu Junde Chenggong Gāo​

開天行道肇紀立極大聖至神仁文義武俊德成功高皇帝

Nascita ottobre 1328
Morte 24 giugno 1398
Dinastia Ming
Padre Zhu Shizhen
Madre Chen Erniang
Consorte Xiao Ci

Zhu Yuanzhang (Lingua cinese: 朱元璋; 21 ottobre 132824 giugno 1398) è stato imperatore della Cina dal 23 gennaio 1368 al 24 giugno 1398.

Viene indicato principalmente col nome da imperatore "Hongwu" (洪武帝; Wade-Giles: Hung-woo) e fu il primo della dinastia Ming, durata circa tre secoli.

Le origini[modifica | modifica sorgente]

Zhu Yuanzhang nacque il 21 ottobre 1328, figlio di un contadino di una provincia del basso Fiume azzurro. Dopo che la sua famiglia venne impoverita ulteriormente a causa dell'ingente carestia del 1344, decise di andare in un convento buddhista, benché non ne condividesse appieno le idee. Intorno al 1350 entrò a far parte di un gruppo di ribelli. Grazie a questo si incrociò con un movimento rivoluzionario, quello dei cosiddetti "Turbanti Rossi", ma non vi si unì.

Avviamento per la carica di imperatore[modifica | modifica sorgente]

Le rivolte contadine e religiose contro la dinastia mongola Yuan erano già incominciate dal 1350, a causa del declino che si era venuto a creare per diversi motivi, ma in particolare a causa della corruzione dell'impero, per le inondazioni del Fiume Giallo e per le carestie, dal 1320, sempre più frequenti. Per la sua situazione di povertà anche Zhu Yuanzhang prese parte a queste rivolte. Dopo aver acquisito prestigio grazie alle sue abilità di stratega militare, occupò nel 1359 Nanchino. Nel 1368, conquistò Pechino, dove si proclamò imperatore, con il nome augurale di "Hongwu", che significa "grandezza militare". Divenuto imperatore, scacciò gli Yuan, che si rifugiarono nelle steppe della Mongolia, e diede inizio alla dinastia Ming.

Politica da imperatore[modifica | modifica sorgente]

Divenuto imperatore, spostò, prima di tutto, la capitale a Nanchino[1]. Subito dopo investì tutte le risorse che possedeva per attuare una ristrutturazione del sistemo agricolo. Questa consisteva in tre punti sostanziali:

  • la rimessa in funzione dei canali e delle opere irrigue
  • la sistemazione del corso del Fiume Giallo
  • l'aumento di attività destinate alla gelsicoltura

Si impegnò attivamente nella difesa dei contadini e in loro favore. Come primo passo confiscò la terra ai ricchi e la ridistribuì ai contadini. Nonostante ciò, dovette aumentare la pressione fiscale su di loro. Hongwu ebbe sempre il punto di dare spazio all'agricoltura, trascurando la manifattura ed il commercio, perciò la società durante il suo dominio fu di tipo rurale.

Un altro punto della sua politica fu dedicato all'abolizione di tutte le religioni pre-esistenti, per far sì che la religione dell'impero fosse il confucianesimo, poiché era la religione che si apprestava meglio alla sottomissione all'imperatore. Infatti, questa, esaltava l'obbedienza.

In seguito, Hongwu riportò in vigore il sistema degli esami, organo assai efficiente per la nomina delle cariche più importanti[2].

Nel periodo poco anteriore alla sua morte, Hongwu si fidò sempre meno dei suoi funzionari, che, ormai diventati dispotici, giustiziarono e arrestarono migliaia di oppositori. Zhu Yuanzhang morì il 24 giugno 1398 all'età di 70 anni.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ porto di rilievo posto alla foce del Fiume Azzurro - capitale anche per la dinastia Song
  2. ^ decaduto nell'ultimo periodo della dinastia Yuan - causa ulteriore del suo declino

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Capo della dinastia Ming Successore
Dinastia inesistente 23 gennaio 1368 – 24 giugno 1398 Jianwen
Predecessore Imperatore della Cina Successore China Qing Dynasty Flag 1889.svg
Hui Zong 23 gennaio 1368 – 24 giugno 1398 Jianwen

Controllo di autorità VIAF: 62349118 LCCN: n80056911

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie