Gran Premio di Cina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la competizione motociclistica, vedi Gran Premio motociclistico di Cina.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Gran Premio di Cina
Altri nomi 中国大奖赛
Sport Automobilismo Automobilismo
Categoria Formula 1
Federazione FIA
Paese Cina Cina
Luogo circuito di Shanghai
Cadenza Annuale
Formula Gran Premio di Formula 1
Storia
Fondazione GP 2004
Numero edizioni 10 valevoli per il mondiale
Ultima edizione GP 2013
Particolare del circuito.

Il Gran Premio di Cina (Cinese semplificato: 中国大奖赛; Pinyin: Zhōngguó Dàjiǎngsài) è una gara automobilistica di Formula 1 che si svolge a partire del 2004 sul circuito di Shanghai.

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'idea di portare la Formula 1 in Cina nasce negli anni novanta. Il governo cinese aveva inizialmente individuato un'area presso la città di Zhuhai nel Guangdong, nella parte meridionale del Paese, per la costruzione di un autodromo. Il Circuito di Zhuhai fu così creato con l'intento di ospitare la F1 già a partire dal 1999, ma il circuito non venne considerato adeguato dalla FIA.[1] Il governo non recedette dall'idea e, anche grazie all'esperienza degli organizzatori del Gran Premio di Macao, riuscì nell'intento di far entrare una gara nel calendario del mondiale nel 2004.

Il podio dell'edizione 2008.

Nel 2002 il management del Circuito di Shanghai ha siglato un accordo settennale con la FOM per ospitare il Gran Premio di Cina dal 2004 al 2011. La prima gara venne così effettuata il 26 settembre 2004, e venne vinta da Rubens Barrichello su Ferrari.[2]. Nel 2005 la Cina ospitò l'atto finale del mondiale che incoronò Fernando Alonso e la Renault.[3] campioni del mondo, rispettivamente, piloti e costruttori.

Nel 2006, il gran premio fu vinto da Michael Schumacher alla sua ultima vittoria prima del ritiro dalle competizioni. L'edizione 2006 del gran premio venne caratterizzata da molti colpi di scena, che lo resero molto vivace, questo grazie al fattore pioggia che ha prima favorito la gara di Alonso e poi Schumacher[4].

Nel novembre 2008 uno dei manager del circuito di Shanghai, Qiu Weichang, ha prospettato che il gran premio non venga più tenuto in futuro stante le grosse perdite che derivano dalla gestione del circuito. A seguito anche della cancellazione del Gran Premio di Francia, Qui Weichang ha affermato che una decisione verrà presa nel 2009.[5] Nel corso dell'appuntamento del 2010 Ecclestone ha assicurato sulla presenza del gran premio anche negli anni futuri.[6]

Nel 2009 il gran premio è stato collocato come terzo appuntamento della stagione, spostandosi da ottobre ad aprile.

Albo d'oro[modifica | modifica sorgente]

Anno Circuito Pilota Vettura Resoconto
2004 Shanghai Brasile Rubens Barrichello Italia Ferrari Resoconto
2005 Shanghai Spagna Fernando Alonso Francia Renault Resoconto
2006 Shanghai Germania Michael Schumacher Italia Ferrari Resoconto
2007 Shanghai Finlandia Kimi Räikkönen Italia Ferrari Resoconto
2008 Shanghai Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito McLaren-Mercedes Resoconto
2009 Shanghai Germania Sebastian Vettel Austria Red Bull-Renault Resoconto
2010 Shanghai Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Mercedes Resoconto
2011 Shanghai Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito McLaren-Mercedes Resoconto
2012 Shanghai Germania Nico Rosberg Germania Mercedes Resoconto
2013 Shanghai Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari Resoconto

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Vittorie per costruttore[modifica | modifica sorgente]

Pos. Costruttore Vittorie
1 Italia Ferrari 4
2 Regno Unito McLaren 3
3 Francia Renault 1
= Austria Red Bull 1
= Germania Mercedes 1

Vittorie per motore[modifica | modifica sorgente]

Pos. Motore Vittorie
1 Germania Mercedes 4
= Italia Ferrari 4
3 Francia Renault 2

Pole position per pilota[modifica | modifica sorgente]

Pos. Pilota Pole
1 Germania Sebastian Vettel 3
= Regno Unito Lewis Hamilton 3
3 Spagna Fernando Alonso 2
4 Brasile Rubens Barrichello 1
= Germania Nico Rosberg 1

Pole position per costruttore[modifica | modifica sorgente]

Pos. Costruttore Pole
1 Austria Red Bull 3
2 Francia Renault 2
= Regno Unito McLaren 2
= Germania Mercedes 2
5 Italia Ferrari 1

Pole position per motore[modifica | modifica sorgente]

Pos. Motore Pole
1 Francia Renault 5
2 Germania Mercedes 4
3 Italia Ferrari 1

Giri veloci per costruttore[modifica | modifica sorgente]

Pos. Costruttore GPV
1 Regno Unito McLaren 3
2 Italia Ferrari 2
= Austria Red Bull 2
4 Francia Renault 1
= Regno Unito Brawn 1
= Svizzera Sauber 1

Giri veloci per motore[modifica | modifica sorgente]

Pos. Motore GPV
1 Germania Mercedes 4
2 Italia Ferrari 3
= Francia Renault 3

Podi per costruttore[modifica | modifica sorgente]

Pos. Costruttore Podi
1 Regno Unito McLaren 9
2 Italia Ferrari 7
3 Austria Red Bull 4
4 Francia Renault 3
= Germania Mercedes 3
6 Regno Unito BAR 1
= Giappone Toyota 1
= Regno Unito Brawn 1
= Regno Unito Lotus 1

Podi per motore[modifica | modifica sorgente]

Pos. Motore Podi
1 Germania Mercedes 13
2 Francia Renault 8
3 Italia Ferrari 7
4 Giappone Honda 1
= Giappone Toyota 1

Punti per costruttore[modifica | modifica sorgente]

Pos. Costruttore Punti
1 Regno Unito McLaren 166
2 Italia Ferrari 113
3 Austria Red Bull 102
4 Germania Mercedes 70
5 Francia Renault 58
6 Regno Unito Lotus 28
7 Regno Unito Williams 17
8 Italia Toro Rosso 15
9 Regno Unito BAR 12
= Giappone Honda 12
11 Germania BMW Sauber 11
= Regno Unito Brawn 11
13 Giappone Toyota 10
14 Svizzera Sauber 9

Punti per motore[modifica | modifica sorgente]

Pos. Motore Punti
1 Germania Mercedes 251
2 Francia Renault 194
3 Italia Ferrari 131
4 Giappone Honda 24
5 Germania BMW 17
6 Giappone Toyota 10
7 Malesia Petronas 6
8 Regno Unito Cosworth 5

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ An introduction to the Chinese Grand Prix, Globalmotorsport. URL consultato il 26 luglio 2007.
  2. ^ La Ferrari esporta in Cina i successi del made in Italy, archiviostorico.corriere.it, 27 settembre 2004. URL consultato il 14 aprile 2009.
  3. ^ Alonso e la Renault, festa per due, archiviostorico.corriere.it, 17 ottobre 2005. URL consultato il 14 aprile 2009.
  4. ^ Schumi: «È un miracolo», archiviostorico.corriere.it, 2 ottobre 2006. URL consultato il 14 aprile 2009.
  5. ^ BBC SPORT | Motorsport | Formula One | China considers ditching F1 race
  6. ^ Ecclestone: "Ancora a Shanghai in futuro" in f1.gpupdate.net.it, 16 aprile 2010. URL consultato il 16 aprile 2010.
  7. ^ Prime dodici posizioni.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1