Gran Premio di Cina 2005

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cina Gran Premio di Cina 2005
750º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 19 di 19 del Campionato 2005
Shanghai International Racing Circuit track map.svg
Data 16 ottobre 2005
Nome ufficiale II Sinopec Chinese Grand Prix
Circuito Circuito di Shanghai
Percorso 5,451 km / 3,387 US mi
Pista permanente
Distanza 56 giri, 305,066 km/ 189,559 US mi
Clima nuvoloso
Risultati
Pole position Giro più veloce
Spagna Fernando Alonso Finlandia Kimi Räikkönen
Renault in 1:34.080 McLaren-Mercedes in 1:33.242
(nel giro 56)
Podio
1. Spagna Fernando Alonso
Renault
2. Finlandia Kimi Räikkönen
McLaren-Mercedes
3. Germania Ralf Schumacher
Toyota

Il Gran Premio di Cina 2005 è stata la diciannovesima e ultima prova della stagione 2005 del campionato mondiale di Formula 1. Svoltosi il 16 ottobre 2005 presso il circuito di Shanghai, è stato vinto dallo spagnolo Fernando Alonso su Renault, che ha preceduto il finlandese Kimi Räikkönen su McLaren-Mercedes e il tedesco Ralf Schumacher su Toyota. Sono inoltre giunti a punti Giancarlo Fisichella, Christian Klien, Felipe Massa, Mark Webber e Jenson Button.

Con questi risultati, la Renault ha ottenuto la vittoria del titolo costruttori, prevalendo sulla McLaren, mentre il mondiale piloti era già stato matematicamente vinto da Alonso in Brasile.

Vigilia[modifica | modifica wikitesto]

Antônio Pizzonia, già al volante della Williams nei quattro Gran Premi precedenti, è confermato anche per questo fine settimana dalla scuderia britannica nel ruolo di sostituto dell'infortunato Nick Heidfeld.[1]

Oltre ai piloti titolari, hanno preso parte alle due sessioni di prove libere del venerdì anche Pedro de la Rosa con la McLaren, Vitantonio Liuzzi con la Red Bull, Ricardo Zonta con la Toyota e Nicolas Kiesa con la Jordan.[2][3]

Prove[modifica | modifica wikitesto]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima sessione del venerdì[2] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap
1 35 Spagna Pedro de la Rosa Regno Unito McLaren-Mercedes 1:33.463
2 2 Brasile Rubens Barrichello Italia Ferrari 1:35.303 +1.840
3 38 Brasile Ricardo Zonta Giappone Toyota 1:35.373 +1.910

Nella seconda sessione del venerdì[3] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap
1 35 Spagna Pedro de la Rosa Regno Unito McLaren-Mercedes 1:32.834
2 38 Brasile Ricardo Zonta Giappone Toyota 1:32.977 +0.143
3 9 Finlandia Kimi Räikkönen Regno Unito McLaren-Mercedes 1:34.092 +1.258

Nella prima sessione del sabato[4] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap
1 9 Finlandia Kimi Räikkönen Regno Unito McLaren-Mercedes 1:34.253
2 10 Colombia Juan Pablo Montoya Regno Unito McLaren-Mercedes 1:34.446 +0.193
3 6 Italia Giancarlo Fisichella Francia Renault 1:34.472 +0.219

Nella seconda sessione del sabato[5] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap
1 9 Finlandia Kimi Räikkönen Regno Unito McLaren-Mercedes 1:33.212
2 10 Colombia Juan Pablo Montoya Regno Unito McLaren-Mercedes 1:33.554 +0.342
3 5 Spagna Fernando Alonso Francia Renault 1:33.793 +0.581

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella sessione di qualifica[6] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Distacco Griglia
1 5 Spagna Fernando Alonso Francia Renault 1:34.080 1
2 6 Italia Giancarlo Fisichella Francia Renault 1:34.401 +0.321 2
3 9 Finlandia Kimi Räikkönen Regno Unito McLaren-Mercedes 1:34.488 +0.408 3
4 3 Regno Unito Jenson Button Regno Unito BAR-Honda 1:34.801 +0.721 4
5 10 Colombia Juan Pablo Montoya Regno Unito McLaren-Mercedes 1:35.188 +1.108 5
6 1 Germania Michael Schumacher Italia Ferrari 1:35.301 +1.221 6
7 14 Regno Unito David Coulthard Austria RBR-Cosworth 1:35.428 +1.348 7
8 2 Brasile Rubens Barrichello Italia Ferrari 1:35.610 +1.530 8
9 17 Germania Ralf Schumacher Giappone Toyota 1:35.723 +1.643 9
10 7 Australia Mark Webber Regno Unito Williams-BMW 1:35.739 +1.659 10
11 12 Brasile Felipe Massa Svizzera Sauber-Petronas 1:35.898 +1.818 11
12 16 Italia Jarno Trulli Giappone Toyota 1:36.044 +1.964 12
13 8 Brasile Antônio Pizzonia Regno Unito Williams-BMW 1:36.445 +2.365 13
14 15 Austria Christian Klien Austria RBR-Cosworth 1:36.472 +2.392 14
15 19 India Narain Karthikeyan Irlanda Jordan-Toyota 1:36.707 +2.627 15
16 11 Canada Jacques Villeneuve Svizzera Sauber-Petronas 1:36.788 +2.708 16
17 4 Giappone Takuma Sato Regno Unito BAR-Honda 1:37.083 +3.003 17
18 21 Paesi Bassi Christijan Albers Italia Minardi-Cosworth 1:39.105 +5.025 18
19 18 Portogallo Tiago Monteiro Irlanda Jordan-Toyota 1:39.233 +5.153 19
20 20 Paesi Bassi Robert Doornbos Italia Minardi-Cosworth 1:39.460 +5.380 20

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Michael Schumacher e Christijan Albers entrano in collisione durante il giro di schieramento in griglia e per questo motivo entrambi sono costretti a partire dalla pit lane. Alla partenza Fernando Alonso mantiene la prima posizione davanti a Giancarlo Fisichella e Kimi Räikkönen. Al giro 17 Juan Pablo Montoya fora una gomma toccando una griglia di drenaggio che era uscita dalla sua sede alla curva 10 e viene fatta entrare in pista la safety car per consentire i necessari interventi di riparazione al tracciato: i piloti ne approfittano per effettuare la prima sosta ai box, dopodiché Michael Schumacher va in testacoda, ritirandosi, mentre Montoya si ferma per un guasto al motore. Alla 29ª tornata, quando la corsa era già ripresa da alcuni giri, Narain Karthikeyan ha un incidente alla curva 13, il che provoca una seconda neutralizzazione: la maggior parte dei piloti si ferma quindi per il secondo pit stop, in occasione del quale Räikkönen riesce a superare Fisichella, mentre Ralf Schumacher, Felipe Massa e Christian Klien proseguono, salendo rispettivamente in seconda, terza e quarta posizione alle spalle di Alonso. Tra i giri 44 e 47 Ralf Schumacher, Massa e Klien si fermano per la seconda sosta e Räikkönen si porta in seconda piazza, mentre Fisichella viene penalizzato con un drive-through per aver rallentato i piloti dietro di lui durante il secondo periodo di safety car, scendendo dal terzo al quarto posto. Negli ultimi giri Räikkönen riduce il vantaggio in precedenza accumulato da Alonso, senza però riuscire a raggiungere lo spagnolo che va così a vincere la gara. Insieme a loro due sale sul podio anche Ralf Schumacher, che chiude davanti a Fisichella, Klien, Massa, Mark Webber e Jenson Button.[7][8]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

I risultati del Gran Premio[9] sono i seguenti:

Pos Pilota Costruttore Gomme Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 5 Spagna Fernando Alonso Francia Renault M 56 1:39:53.618 1 10
2 9 Finlandia Kimi Räikkönen Regno Unito McLaren-Mercedes M 56 +4.015 3 8
3 17 Germania Ralf Schumacher Giappone Toyota M 56 +25.376 9 6
4 6 Italia Giancarlo Fisichella Francia Renault M 56 +26.114 2 5
5 15 Austria Christian Klien Austria RBR-Cosworth M 56 +31.839 14 4
6 12 Brasile Felipe Massa Svizzera Sauber-Petronas M 56 +36.400 11 3
7 7 Australia Mark Webber Regno Unito Williams-BMW M 56 +36.842 10 2
8 3 Regno Unito Jenson Button Regno Unito BAR-Honda M 56 +41.249 4 1
9 14 Regno Unito David Coulthard Austria RBR-Cosworth M 56 +44.247 7
10 11 Canada Jacques Villeneuve Svizzera Sauber-Petronas M 56 +59.977 16
11 18 Portogallo Tiago Monteiro Irlanda Jordan-Toyota B 56 +1:24.648 19
12 2 Brasile Rubens Barrichello Italia Ferrari B 56 +1:32.812 8
13 8 Brasile Antônio Pizzonia Regno Unito Williams-BMW M 55 Foratura[10] 13
14 20 Paesi Bassi Robert Doornbos Italia Minardi-Cosworth B 55 Fine benzina[10] 20
15 16 Italia Jarno Trulli Giappone Toyota M 55 +1 giro 12
16 21 Paesi Bassi Christijan Albers Italia Minardi-Cosworth B 51 Ruota[10] 18
Rit 4 Giappone Takuma Sato Regno Unito BAR-Honda M 34 Cambio 17
Rit 19 India Narain Karthikeyan Irlanda Jordan-Toyota B 28 Incidente 15
Rit 10 Colombia Juan Pablo Montoya Regno Unito McLaren-Mercedes M 24 Motore 5
Rit 1 Germania Michael Schumacher Italia Ferrari B 22 Testacoda 6

Classifiche mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Costruttori[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Team Punti
1 Francia Renault 191
2 Regno Unito McLaren-Mercedes 182
3 Italia Ferrari 100
4 Giappone Toyota 88
5 Regno Unito Williams-BMW 66
6 Regno Unito BAR-Honda 38
7 Austria RBR-Cosworth 34
8 Svizzera Sauber-Petronas 20
9 Irlanda Jordan-Toyota 12
10 Italia Minardi-Cosworth 7

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Pizzonia confirmed for Japan and China, Formula1.com, 28 settembre 2005.
  2. ^ a b Prima sessione di prove libere del venerdì
  3. ^ a b Seconda sessione di prove libere del venerdì
  4. ^ Prima sessione di prove libere del sabato
  5. ^ Seconda sessione di prove libere del sabato
  6. ^ Sessione di qualifica
  7. ^ (EN) Alonso win seals Renault double, Formula1.com, 16 ottobre 2005.
  8. ^ Pino Allievi, Alonso canta, Raikkonen si arrende, La Gazzetta dello Sport, 17 ottobre 2005.
  9. ^ Risultati del Gran Premio
  10. ^ a b c Antônio Pizzonia, Robert Doornbos e Christijan Albers risultano comunque classificati avendo coperto almeno il 90% della distanza di gara.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 2005
Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Europe.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Turkey.svg Flag of Italy.svg Flag of Belgium.svg Flag of Brazil.svg Flag of Japan.svg Flag of the People's Republic of China.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
2004
Gran Premio di Cina
Edizione successiva:
2006