Gran Premio di Cina 2004

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cina Gran Premio di Cina 2004
729º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 16 di 18 del Campionato 2004
Shanghai International Racing Circuit track map.svg
Data 26 settembre 2004
Circuito Circuito di Shanghai
Percorso 5,451 km
circuito permanente
Distanza 56 giri, 305,256 km
Clima coperto
Risultati
Pole position Giro più veloce
Brasile Rubens Barrichello Germania Michael Schumacher
Ferrari in 1:34.012 Ferrari in 1:32.238
(nel giro 55)
Podio
1. Brasile Rubens Barrichello
Ferrari
2. Regno Unito Jenson Button
BAR - Honda
3. Finlandia Kimi Räikkönen
McLaren - Mercedes

Il Gran Premio della Cina 2004 è stato un Gran Premio di Formula 1, disputato il 26 settembre sul nuovo circuito di Shangai. La gara è stata vinta da Rubens Barrichello su Ferrari.

Prima della gara[modifica | modifica sorgente]

La Ford annuncia che l'intero reparto F1 è in vendita: oltre al team Jaguar, vengono messi sul mercato la Cosworth e diverse altre società.

Jarno Trulli viene appiedato dalla Renault e sostituito da Jacques Villeneuve, che ritorna così alla guida di una monoposto dopo quasi un anno di inattività. Il licenziamento del pilota italiano è dovuto a screzi con il team manager Flavio Briatore, che gestiva anche la carriera del pilota abruzzese, il quale aveva già da tempo firmato un contratto con il team Toyota per il 2005.

Dopo aver saltato sei Gran Premi a causa dei postumi dell'incidente occorsogli al Gran Premio degli Stati Uniti, Ralf Schumacher torna alla guida della Williams.

Timo Glock sostituisce Giorgio Pantano alla Jordan. Il pilota italiano, deluso dalla scarsa competitività della monoposto inglese, rinuncia a partecipare agli ultimi tre Gran Premi della stagione, non pagando l'ultima rata prevista dal contratto.

Qualifiche[modifica | modifica sorgente]

Barrichello conquista la seconda pole position consecutiva dopo quella ottenuta a Monza, precedendo Räikkönen e Button. Sorprende il quarto posto di Massa, migliore prestazione in carriera per il pilota brasiliano, così come il quinto di Ralf Schumacher, appena rientrato dopo sei Gran Premi di assenza. Sesto è Alonso, davanti a Fisichella, Panis, Coulthard e Montoya. Sato, qualificatosi ottavo, viene retrocesso in diciottesima posizione per aver cambiato il motore; Michael Schumacher compie un testacoda durante il suo giro cronometrato e rientra ai box, dovendo così scattare dal fondo della griglia.

Classifica[modifica | modifica sorgente]

Pos No Pilota Costruttore Tempo Distacco
1 2 Brasile Rubens Barrichello Ferrari 1:34.012
2 6 Finlandia Kimi Räikkönen McLaren - Mercedes 1:34.178 +0.166
3 9 Regno Unito Jenson Button BAR - Honda 1:34.295 +0.283
4 12 Brasile Felipe Massa Sauber - Petronas 1:34.759 +0.747
5 4 Germania Ralf Schumacher Williams - BMW 1:34.891 +0.879
6 8 Spagna Fernando Alonso Renault 1:34.917 +0.905
7 11 Italia Giancarlo Fisichella Sauber - Petronas 1.34.951 +0.939
8 17 Francia Olivier Panis Toyota 1:34.975 +0.963
9 5 Regno Unito David Coulthard McLaren - Mercedes 1:35.029 +1.017
10 3 Colombia Juan Pablo Montoya Williams - BMW 1:35.245 +1.233
11 14 Australia Mark Webber Jaguar - Cosworth 1:35.286 +1.274
12 7 Canada Jacques Villeneuve Renault 1:35.384 +1.372
13 16 Brasile Ricardo Zonta Toyota 1:35.410 +1.398
14 18 Germania Nick Heidfeld Jordan - Cosworth 1:36.507 +2.495
15 15 Austria Christian Klien Jaguar - Cosworth 1:36.535 +2.523
16 19 Germania Timo Glock Jordan - Cosworth 1:37.140 +3.128
17 20 Italia Gianmaria Bruni Minardi - Cosworth Senza tempo /
18 10 Giappone Takuma Sato BAR - Honda 1:34.993[1] +0.981
19 21 Ungheria Zsolt Baumgartner Minardi - Cosworth 1:40.240 [2] +
20 1 Germania Michael Schumacher Ferrari Senza tempo [3] /

Gara[modifica | modifica sorgente]

Al via, Barrichello e Räikkönen mantengono la testa della corsa; si inserisce alle loro spalle Alonso, mentre Button scivola al quinto posto, sopravanzato anche da Massa. L'inglese recupera la posizione sul pilota della Sauber nel corso del terzo giro, dopo un intenso duello; una tornata più tardi Massa viene sopravanzato anche da Fisichella e Ralf Schumacher. Nel frattempo, fatica parecchio a rimontare Michael Schumacher, bloccato in diciassettesima posizione dietro alla Toyota di Panis, partito malissimo per un problema al launch control. Al sesto passaggio, Button supera anche Alonso, portandosi in terza posizione; il pilota della BAR fa subito segnare il giro più veloce in gara. Dopo dieci giri di gara, Massa apre la prima serie di pit stop; poco dopo, Michael Schumacher si tocca con Klien durante un tentativo di sorpasso ai danni dell'austriaco. Schumacher prosegue, mentre Klien si deve ritirare con una sospensione danneggiata. Barrichello e Räikkönen riforniscono insieme al 12º passaggio; il brasiliano tiene dietro il rivale. Alonso e Button restano in pista rispettivamente una e due tornate più a lungo, mantenendo la quarta e la terza posizione. Più indietro Michael Schumacher, che stava spingendo al massimo per tentare di rimontare, finisce in testacoda, perdendo parecchio tempo; il pilota tedesco è l'ultimo a rifornire, nel corso del 20º passaggio, dopo aver passato sia Fisichella che il fratello.

In testa alla corsa, Barrichello fatica a contenere Räikkönen; il margine del ferrarista sul finlandese resta stabilmente sotto il secondo. In terza posizione segue, un po' più staccato, Button; il pilota inglese è però partito con una strategia sulle due soste, contro le tre dei rivali. Alonso conserva il suo quarto posto, precedendo Ralf Schumacher, Fisichella e Coulthard. Räikkönen rifornisce per la seconda volta al 27º giro; quando anche Barrichello effettua la sua seconda sosta ai box, due tornate più tardi, il suo vantaggio sul finlandese è aumentato. Passa quindi in testa Button, che rifornisce al 35º giro. Nello stesso momento, Michael Schumacher fora una gomma, perdendo ancora più terreno rispetto alla testa della corsa. Al 36º passaggio, Räikkönen effettua la sua terza ed ultima sosta ai box, anticipandola nel tentativo di sopravanzare Barrichello; il finlandese torna però in pista alle spalle di Button, in terza posizione. Una tornata più tardi, Coulthard e Ralf Schumacher vengono a contatto mentre lottavano per la settima posizione; lo scozzese sperona il pilota della Williams ed entrambi sono costretti ai box, Coulthard per sostituire una gomma forata e Ralf Schumacher per effettuare dei controlli. Il pilota tedesco rientra però ai box proprio mentre la sua squadra sta aspettando Montoya; Schumacher perde perciò due giri e, dopo aver effettuato un giro di prova, torna definitivamente ai box.

Nel frattempo, Barrichello spinge al massimo per aumentare il più possibile il proprio vantaggio su Button; quando il brasiliano rifornisce, nel corso del 42º passaggio, il pilota della BAR resta alle sue spalle. Negli ultimi giri Barrichello a gestisce il proprio vantaggio sugli inseguitori, che si avvicinano al ferrarista ma non lo insidiano mai seriamente. Barrichello ottiene quindi la seconda vittoria consecutiva davanti a Button, Räikkönen, Alonso, Montoya, Sato, Fisichella e Massa; Villeneuve, al ritorno dopo un anno di inattività, conquista solo l'undicesimo posto, concludendo davanti a Michael Schumacher. Nella lotta per il secondo posto nel Campionato Costruttori, la BAR guadagna altri punti sulla Renault, dopo averla superata in classifica nel Gran Premio precedente.

Pos No Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro e posizione al ritiro Partenza Punti
1 2 Brasile Rubens Barrichello Ferrari 56 1:29:12.420 1 10
2 9 Regno Unito Jenson Button BAR - Honda 56 +1.035 3 8
3 6 Finlandia Kimi Räikkönen McLaren - Mercedes 56 +1.469 2 6
4 8 Spagna Fernando Alonso Renault 56 +32.510 6 5
5 3 Colombia Juan Pablo Montoya Williams - BMW 56 +45.193 10 4
6 10 Giappone Takuma Sato BAR - Honda 56 +54.791 18 3
7 11 Italia Giancarlo Fisichella Sauber - Petronas 56 +1:05.464 8 2
8 12 Brasile Felipe Massa Sauber - Petronas 56 +1:20.080 4 1
9 5 Regno Unito David Coulthard McLaren - Mercedes 56 +1:20.619 9
10 14 Australia Mark Webber Jaguar - Cosworth 55 +1 giro 11
11 7 Canada Jacques Villeneuve Renault 55 +1 giro 12
12 1 Germania Michael Schumacher Ferrari 55 +1 giro 20
13 18 Germania Nick Heidfeld Jordan - Cosworth 55 +1 giro 14
14 17 Francia Olivier Panis Toyota 55 +1 giro 8
15 19 Germania Timo Glock Jordan - Cosworth 55 +1 giro 16
16 21 Ungheria Zsolt Baumgartner Minardi - Cosworth 53 +3 giri 19
Ritirato 20 Italia Gianmaria Bruni Minardi - Cosworth 36 Perdita ruota (17°) 17
Ritirato 4 Germania Ralf Schumacher Williams - BMW 37 Ritiro volontario 5
Ritirato 16 Brasile Ricardo Zonta Toyota 35 Cambio (9°) 13
Ritirato 15 Austria Christian Klien Jaguar - Cosworth 11 Incidente (15°) 15

Classifiche[modifica | modifica sorgente]

Costruttori[modifica | modifica sorgente]

Pos. Team Punti
1 Italia Ferrari 244
2 Regno Unito BAR - Honda 105
3 Francia Renault 96
4 Regno Unito Williams - BMW 64
5 Regno Unito McLaren - Mercedes 58
6 Svizzera Sauber - Petronas 32
7 Regno Unito Jaguar - Cosworth 10
8 Giappone Toyota 8
9 Irlanda Jordan - Cosworth 5
10 Italia Minardi - Cosworth 1

Fonti[modifica | modifica sorgente]

Tutti i dati statistici provengono da Autosprint n.39/2004

o da LiveDecade.com. URL consultato l'8/03/2009.

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 2004
Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Europe.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Japan.svg Flag of Brazil.svg
  Fairytale up blue.png

Gran Premio di Cina
Edizione successiva:
2005

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Takuma Sato viene retrocesso di dieci posizioni sulla griglia di partenza per aver sostituito il motore sulla propria vettura.
  2. ^ Zsolt Baumgartner viene retrocesso in fondo allo schieramento per aver sostituito il motore sulla propria Minardi.
  3. ^ Michael Schumacher viene retrocesso in fondo alla griglia dopo aver sostituito il motore. Il pilota tedesco era tornato ai box al termine del proprio giro cronometrato, durante il quale aveva compiuto un testacoda che ne aveva compromesso l'esito. Schumacher prenderà poi il via dalla pit lane.
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1