Olivier Panis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Olivier Panis
Olivier Panis.jpg
Dati biografici
Nome Olivier Denis Panis
Nazionalità Francia Francia
Automobilismo Automobilismo
Dati agonistici
Categoria Le Mans Series
Ritirato In attività
Carriera
Carriera in Formula 1
Stagioni 1994-1999, 2001-2006
Scuderie Ligier, Prost, BAR, Toyota
Miglior risultato finale 8° (1995)
GP disputati 158 (157 partenze)
GP vinti 1
Podi 5
Punti ottenuti 76
 

Olivier Denis Panis (Oullins, 2 settembre 1966) è un pilota automobilistico francese.

Dopo una lunga gavetta nelle formule minori, tra cui annovera pure la vittoria del campionato di Formula 3000 del 1993, Panis è riuscito a debuttare in Formula 1 nel 1994. Nella massima categoria automobilistica ha ottenuto una sola vittoria, al Gran Premio di Monaco 1996, e un ottavo posto in classifica piloti come miglior risultato. In questo periodo assume il soprannome di "Panique" (Panico).

Ritiratosi dalla Formula 1 nel 2006 (gli ultimi due anni li aveva passati da tester alla Toyota), è poi passato a correre nella Le Mans Series e nel Trofeo Andros.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Formule minori[modifica | modifica sorgente]

Panis cominciò a correre con i kart nel 1981, a quindici anni. Passò alle competizioni in monoposto nel 1988, debuttando nel campionato francese di Formula Renault, che vinse poi alla sua seconda partecipazione. Nel 1990 si iscrisse al campionato di F3 francese, dove rimase anche nella stagione successiva; chiuse i due campionati rispettivamente al quarto ed al secondo posto[1]. Nel 1992 si trasferì in Formula 3000, ottenendo però scarsi risultati a causa della mancanza di competitività della vettura a lui affidata[1]; passato al team DAMS per la stagione successiva, Panis vinse il campionato, battendo di un punto il rivale Pedro Lamy.

Formula 1[modifica | modifica sorgente]

Ligier (1994 - 1996)[modifica | modifica sorgente]

1994
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Campionato mondiale di Formula 1 1994.

La vittoria del campionato internazionale di F3000 permise a Panis di debuttare in Formula 1, al volante della Ligier. Il glorioso team francese, proveniente da un buon 1993 dopo diverse annate prive di risultati, attraversava però un momento piuttosto turbolento: il proprietario, l'imprenditore Cyril de Rouvre, era stato arrestato negli ultimi mesi del '93[2] e la scuderia fu acquistata da Flavio Briatore, fondamentalmente con l'intento di "girare" la fornitura di motori Renault alla Benetton[3]; il controllo del team passò successivamente allo scozzese Tom Walkinshaw, già collaboratore di Briatore alla Benetton.[4] La vettura, aggiornamento di quella che aveva corso l'anno precedente, non era molto competitiva, nonostante il motore Renault; Panis, pur non conquistando punti, sorprese per la sua costanza, arrivando sempre al traguardo nelle prime sei gare della stagione. Dopo un ritiro nel Gran Premio di casa, nel Gran Premio di Germania colse il primo podio della sua carriera, concludendo la gara al secondo posto, davanti al compagno di squadra Éric Bernard. Il pilota francese andò a punti anche in altre due occasioni, chiudendo il campionato con nove punti e l'undicesima posizione in classifica; quello nel Gran Premio di casa rimase il suo unico ritiro della stagione.

1995
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Campionato mondiale di Formula 1 1995.
Panis impegnato con la sua Ligier al Gran Premio di Gran Bretagna 1995.

Panis fu quindi confermato dalla Ligier, che, come previsto, nel 1995 passò ai motori Mugen-Honda, cedendo i Renault alla Benetton. La stagione fu però più positiva della precedente in termini di risultati, anche perché la nuova vettura era praticamente una copia della Benetton B195[2][5]; il francese conquistò i primi punti della stagione con un sesto posto nel Gran Premio di Spagna, ottenendo poi due quarti posti in Canada e Gran Bretagna, quest'ultimo conquistato nonostante uno stop&go per partenza anticipata[6], un altro sesto posto in Ungheria ed un quinto posto in Giappone. Il francese chiuse la stagione in bellezza, con un secondo posto nella gara di chiusura in Australia, nonostante negli ultimi giri la sua vettura avesse evidenti problemi al motore[7]. Sebbene avesse ottenuto risultati globalmente positivi, la situazione di Panis all'interno del team non era facilissima, sia per le migliori prestazioni, soprattutto in qualifica, del compagno di squadra Brundle, sia per la sua pressoché nulla conoscenza dell'inglese[8].

1996
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Campionato mondiale di Formula 1 1996.

Panis fu confermato alla Ligier anche per il 1996, anche se Walkinshaw dichiarò, alla presentazione del team prima dell'inizio del campionato, che avrebbe preferito scegliere altri piloti rispetto al francese e che la sua conferma era dovuta solo ai suoi sponsor (Gauloises ed ELF)[9]. Le prospettive per la stagione non erano brillanti, nonostante l'essere affiancato al pilota pagante Diniz rendesse Panis indiscussa prima guida[8]; la nuova JS43 era infatti poco più di un aggiornamento della vettura dell'anno precedente, e la situazione finanziaria ed amministrativa del team rimaneva incerta, tanto più che Walkinshaw rivendette in pratica la scuderia a Briatore. Il francese conquistò il primo punto della stagione in Brasile, grazie ad un sesto posto, ma nelle successive tre gare non fece segnare risultati degni di nota. Nel rocambolesco Gran Premio di Monaco, però, ottenne quella che sarebbe rimasta la sua unica vittoria in carriera, in una gara segnata dalla pioggia e da un numero incredibile di ritiri, tanto che al traguardo giunsero solo quattro piloti. La sua vittoria non fu però solo questione di fortuna, perché il francese si era dimostrato molto veloce per tutta la gara[10] ed era stato autore di un bel sorpasso ai danni di Irvine[11]; questo inaspettato, quanto meritato, primo posto riportò Panis all'attenzione del paddock[12]. Il resto della stagione trascorse tuttavia senza ulteriori exploit, anche a causa dello scarso lavoro di sviluppo effettuato sulla vettura; il francese colse solo un quinto posto nel Gran Premio d'Ungheria, chiudendo la stagione con tredici punti e il nono posto in classifica.

Prost Grand Prix (1997 - 1999)[modifica | modifica sorgente]

1997
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Campionato mondiale di Formula 1 1997.
La Prost JS45 che guidò Panis nel 1997.

Panis fu confermato anche per il 1997, ma prima che la stagione iniziasse Briatore cedette il team al quattro volte campione del mondo Alain Prost, che lo ribattezzò con il proprio nome. Il compagno di squadra del francese era il debuttante Nakano; la nuova JS45, motorizzata ancora una volta Mugen-Honda ed equipaggiata con gomme Bridgestone, si rivelò piuttosto competitiva, soprattutto grazie agli pneumatici giapponesi, spesso più efficaci dei Goodyear montati dai top team. Fin dai test invernali il pilota francese si rivelò molto soddisfatto della vettura[13] e aprì la stagione con un quinto posto nel Gran Premio d'Australia; conquistò poi il terzo gradino del podio nella seconda gara, in Brasile. In Argentina, sfruttando l'efficacia dei propri pneumatici, Panis si qualificò terzo (sua migliore prestazione in carriera) e in gara fu in grado di lottare per la prima posizione con il futuro campione del mondo Villeneuve, dovendosi però ritirare dopo diciotto giri per un problema tecnico[14]. Anche a Imola Panis si qualificò in seconda fila, stavolta in quarta posizione, ma un problema ad un ammortizzatore lo fece scivolare indietro in classifica[15]. A Monaco concluse in quarta posizione, mentre nella gara successiva, in Spagna, giunse secondo alle spalle di Villeneuve, dopo essere partito dalla dodicesima posizione sulla griglia di partenza[16]. A questo punto nella stagione occupava il terzo posto nella classifica piloti, dietro a Villeneuve e Schumacher; tuttavia nella gara successiva, in Canada, la stagione di Panis fu gravemente compromessa da un grave incidente. Il pilota francese era stato protagonista di una gara piuttosto movimentata, a causa di un incidente al primo giro; dopo una discreta rimonta era risalito fino a metà classifica quando, nel corso del 52º passaggio, sulla sua Prost si ruppe una sospensione, forse a causa di un contatto con un muretto avvenuto pochi giri prima[17]. La vettura del francese sbatté violentemente contro le protezioni a bordo pista, infilandosi poi sotto le barriere di gomme; Panis riportò la frattura di entrambe le gambe, dovendo rimanere lontano dalle corse per diversi mesi[18]. Il pilota transalpino fu sostituito dal giovane Trulli per sette gare; dopo aver disputato alcuni test[19], tornò a correre per la Prost nel Gran Premio del Lussemburgo, a tre gare dal termine del campionato, conquistando immediatamente un sesto posto. Tuttavia la Prost aveva perso parte della competitività di inizio stagione[20] e negli ultimi due Gran Premi Panis non ottenne altri punti iridati, chiudendo la stagione con sedici punti ed il nono posto in campionato.

1998
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Campionato mondiale di Formula 1 1998.

Per il 1998 Prost apportò diversi cambiamenti all'interno del proprio team: firmò un accordo con la Peugeot per la fornitura dei motori, assumendo poi il giovane Trulli al posto di Nakano. Tuttavia la nuova AP01 si rivelò una monoposto estremamente problematica, con problemi di affidabilità soprattutto al cambio[21]. Panis chiuse la stagione addirittura senza conquistare neanche un punto; fu inoltre spesso battuto in qualifica dal più inesperto compagno di squadra Trulli, che ottenne l'unico punto della stagione per la squadra nel rocambolesco Gran Premio del Belgio.

1999
La Prost AP02 di Panis
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Campionato mondiale di Formula 1 1999.

Nel 1999 la situazione migliorò leggermente sotto il piano tecnico[22]; la nuova Prost AP02, pur non avendo subito particolari sviluppi né prima né durante la stagione[23], permise ai suoi piloti quantomeno di lottare per le posizioni di centro classifica. Panis conquistò il primo punto della stagione con un sesto posto nel Gran Premio del Brasile, ponendo così fine ad una serie di ben diciannove gare senza risultati; si mise poi in luce nel Gran Premio di Francia, quando, grazie alle mutevoli condizioni meteo, riuscì a conquistare il terzo posto in griglia di partenza[24], eguagliando così il suo miglior risultato di sempre. In gara non fu però in grado di mantenere la posizione, chiudendo all'ottavo posto. Il Gran Premio di Germania fu un'altra gara positiva: oltre a conquistare un altro punto, Panis fece registrare il secondo giro più veloce in gara, battuto solo da Coulthard su McLaren[25]. Infine, nell'ultima gara della stagione, il Gran Premio del Giappone, partì molto bene dalla sesta posizione in griglia, portandosi al terzo posto e tenendo dietro per una quindicina di giri il contendente al titolo Irvine, dovendosi poi ritirare per la rottura dell'alternatore[26]. Nel corso del campionato, però, il pilota francese fu spesso messo in ombra dal più giovane compagno di squadra Trulli, soprattutto in qualifica, e non ottenne la riconferma da parte della Prost.

Tester in McLaren (2000)[modifica | modifica sorgente]

Per il 2000 Panis si trovò quindi senza un volante; la Williams gli offrì un posto da titolare al fianco di Ralf Schumacher, ma essendo già previsto l'arrivo nel team inglese del colombiano Montoya per la stagione 2001, il francese rifiutò la proposta, preferendo firmare un contratto come tester e pilota di riserva con la McLaren[20].

BAR (2001 - 2002)[modifica | modifica sorgente]

2001
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Campionato mondiale di Formula 1 2001.

Nel 2001 Panis fu ingaggiato dalla BAR per correre accanto all'ex campione del mondo Villeneuve. La stagione iniziò positivamente per il francese, che conquistò subito un quarto posto nel Gran Premio inaugurale, in Australia; Panis fu però in seguito penalizzato di venticinque secondi e quindi retrocesso in settima posizione per aver superato Heidfeld con le bandiere gialle[27]. Si rifece nel Gran Premio del Brasile, concluso con un altro quarto posto; il francese avrebbe potuto anche ambire al terzo gradino del podio, non fosse rimasto bloccato dietro al compagno di squadra al secondo rifornimento, perdendo quasi un minuto[28]. Colse poi un altro piazzamento a punti nel Gran Premio d'Austria, dove giunse quinto. In generale, nella prima parte di stagione il pilota francese fu sempre in grado di lottare per un posto in zona punti, non sfigurando nel confronto con il ben più blasonato compagno di squadra; tuttavia, da metà stagione in poi le prestazioni di Panis subirono un lento declino, dovuto anche alla progressiva perdita di competitività della vettura rispetto agli avversari. Il quinto posto conquistato in Austria rimase l'ultimo piazzamento a punti stagionale per il francese, che chiuse il campionato in quattordicesima posizione, con cinque punti.

2002
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Campionato mondiale di Formula 1 2002.
Panis fotografato nel paddock di Indianapolis nel 2002.

Confermato dalla BAR anche per il 2002, Panis iniziò la stagione con una serie di ben sette ritiri consecutivi; la vettura, inaffidabile e poco competitiva, non gli permise di ottenere performance di rilievo fino al Gran Premio di Gran Bretagna quando, sfruttando la superiorità delle gomme Bridgestone rispetto alle rivali Michelin in condizioni di pista bagnata, conquistò i primi punti stagionali, chiudendo al quinto posto alle spalle del compagno di squadra. Nel frattempo, il sicuro arrivo di Button nella scuderia anglo-americana per la stagione 2003 lo mise in pratica fuori dal team[29], tanto che in qualifica la BAR cominciò a fornirgli motori meno potenti rispetto a quelli di Villeneuve[30]. Il francese firmò quindi un contratto biennale con la Toyota[31]. Panis conquistò l'ultimo punto per la BAR nel Gran Premio d'Italia, dopo una bella rimonta dalla quindicesima posizione in griglia; chiuse il campionato con soli tre punti, confermando però il piazzamento dell'anno precedente.

Toyota (2003 - 2004)[modifica | modifica sorgente]

2003
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Campionato mondiale di Formula 1 2003.

Alla Toyota Panis si trovò in una situazione simile a quella dell'anno precedente, con una vettura poco performante ed affidabile, nonostante un budget di circa 350 milioni di euro e le elevate aspettative della scuderia[32]. Sebbene i test invernali evidenziarono tempi lusinghieri[32], durante l'anno il pilota francese ottenne solo alcuni buoni piazzamenti in griglia, anche grazie a carichi di benzina piuttosto ridotti, ma nei primi sei Gran Premi della stagione arrivò al traguardo solo una volta, ad Imola. Conquistò il primo punto stagionale nel Gran Premio del Canada, dove giunse ottavo, risultato che ripeté in Francia. Nel Gran Premio di Gran Bretagna, poi, i due piloti della Toyota si trovarono brevemente in prima e seconda posizione in seguito all'invasione di pista del sacerdote irlandese Cornelius Horan[33]; il francese scivolò però nelle retrovie, anche a causa di una strategia non ottimale[34] concludendo fuori dalla zona punti. La gara successiva, in Germania, fu la migliore della stagione per il team giapponese; Panis chiuse infatti la gara in quinta posizione davanti al compagno di squadra, conquistando così il miglior risultato di sempre nella breve storia della scuderia. Non riuscì però a marcare altri punti, terminando il campionato in quindicesima posizione, con sei punti.

2004
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Campionato mondiale di Formula 1 2004.
Panis impegnato con la sua Toyota al Gran Premio degli Stati Uniti 2004.

Nel 2004 le cose non migliorarono; la vettura non era competitiva e non permise al francese di lottare per ottenere risultati di rilievo. Panis conquistò il primo punto stagionale nel Gran Premio di Monaco, nonostante fosse stato costretto a partire dalla pit lane per un problema alla frizione[35]; il pilota francese approfittò dei molti ritiri per portare la sua vettura a punti, precedendo sul traguardo solo Zsolt Baumgartner con la Minardi. Nel Gran Premio degli Stati Uniti ottenne invece un quinto posto, dopo essersi qualificato in ottava posizione; anche in questa occasione poté approfittare di un elevato numero di ritiri. Tuttavia, la scarsità di risultati rese difficile la situazione all'interno del team: dopo il Gran Premio di Germania, nel quale era stata introdotta una nuova versione della vettura[36] senza ottenere miglioramenti apprezzabili nelle prestazioni, da Matta fu licenziato insieme ad alcuni manager[37]. Dopo una gara piuttosto anonima in Ungheria, Panis colse quello che sarebbe rimasto il suo ultimo punto in carriera nel Gran Premio del Belgio, chiuso in ottava posizione. Nel frattempo, però, il futuro del pilota francese in Formula 1 divenne piuttosto incerto: già dai primi mesi dell'anno avevano cominciato a circolare voci sull'ingaggio in Toyota di Ralf Schumacher a partire dal 2005[38], trattativa confermata a luglio[39]; poco dopo il team giapponese si accordò anche con Trulli[40]. Nonostante l'ingaggio dell'italiano non fosse stato ancora ufficializzato, a settembre Panis annunciò il suo ritiro dalla Formula 1, firmando un contratto biennale come tester alla Toyota[41]. Il pilota francese disputò il suo ultimo Gran Premio in Giappone, cedendo poi il volante a Trulli per l'ultima gara in calendario.

Tester in Toyota (2005 - 2006)[modifica | modifica sorgente]

Nel 2005 e nel 2006 Panis fu test driver e terzo pilota per la Toyota; a fine 2006, a quarant'anni, il pilota francese si ritirò definitivamente dalla Formula 1[42].

Risultati completi[modifica | modifica sorgente]

1994 Scuderia Vettura Flag of Brazil.svg Flag of the Pacific Community.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Spain.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Europe.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
Ligier JS39B 11 9 11 9 7 12 Rit 12 2 6 7 10 SQ 9 11 5 9 11º
1995 Scuderia Vettura Flag of Brazil.svg Flag of Argentina.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Europe.svg Flag of the Pacific Community.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
Ligier JS41 Rit 7 9 6 Rit 4 8 4 Rit 6 9 Rit Rit Rit 8 5 2 16
1996 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Brazil.svg Flag of Argentina.svg Flag of Europe.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Spain.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Japan.svg Punti Pos.
Ligier JS43 7 6 8 Rit Rit 1 Rit Rit 7 Rit 7 5 Rit Rit 10 7 13
1997 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Brazil.svg Flag of Argentina.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Spain.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Austria.svg Flag of Luxembourg.svg Flag of Japan.svg Flag of Europe.svg Punti Pos.
Prost JS45 5 3 Rit 8 4 2 11 6 Rit 7 16
1998 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Brazil.svg Flag of Argentina.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Austria.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Luxembourg.svg Flag of Japan.svg Punti Pos.
Prost AP01 9 Rit 15 11 16 Rit Rit 11 Rit Rit 15 12 NP Rit 12 11 0 22º
1999 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Brazil.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Spain.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Austria.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Europe.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Japan.svg Punti Pos.
Prost AP02 Rit 6 Rit Rit Rit 9 8 13 10 6 10 13 11 9 Rit Rit 2 15º
2001 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Brazil.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Austria.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Japan.svg Punti Pos.
BAR 003 7 Rit 4 8 7 5 Rit Rit Rit 9 Rit 7 Rit 11 9 11 13 5 14º
2002 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Brazil.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Austria.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of France.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Japan.svg Punti Pos.
BAR 004 Rit Rit Rit Rit Rit Rit Rit 8 9 5 Rit Rit 12 12 6 12 Rit 3 14º
2003 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Brazil.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Austria.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Japan.svg Punti Pos.
Toyota TF103 Rit Rit Rit 9 Rit Rit 13 8 Rit 8 11 5 Rit Rit Rit 10 6 15º
2004 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Europe.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Japan.svg Flag of Brazil.svg Punti Pos.
Toyota TF104 13 12 9 11 Rit 8 11 SQ 5 15 Rit 14 11 8 Rit 14 14 6 14º
2005 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Europe.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Turkey.svg Flag of Italy.svg Flag of Belgium.svg Flag of Brazil.svg Flag of Japan.svg Flag of the People's Republic of China.svg Punti Pos.
Toyota TF105 TP
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Solo prove/Terzo pilota Non qualificato Ritirato/Non class. Squalificato Non partito

Dopo la Formula 1[modifica | modifica sorgente]

Endurance[modifica | modifica sorgente]

Olivier Panis impegnato nella 1000 km di Spa del 2010.

Dopo una stagione di quasi inattività nel 2007, Panis tornò a correre a tempo pieno nel 2008, partecipando alla Le Mans Series a bordo di una Courage - Judd del team Oreca, nella categoria LMP1; il pilota francese, affiancato da Nicolas Lapierre, partecipò al medesimo campionato anche nel 2009, ottenendo la vittoria nella 1000 km di Silverstone[43] e il 5º posto assoluto alla 24 Ore di Le Mans 2009.

Nel 2010 Panis continuò a competere nella Le Mans Series guidando una Peugeot 908 HDi FAP del team Oreca, vincendo la 1000 km dell'Algarve in equipaggio con Nicolas Lapierre e Stéphane Sarrazin e chiudendo in ottava posizione in classifica generale. Prese parte anche alla 24 Ore di Le Mans in equipaggio con Lapierre e Loïc Duval, ritirandosi in gara per un problema al motore, e partecipò anche a diverse gare del Campionato GT francese, ottenendo un podio[44].

Nel 2011 Panis vinse la 12 Ore di Sebring in equipaggio con Duval e Lapierre,[45] disputando l'Intercontinental Le Mans Cup con il Team Oreca e il Campionato GT francese. Nella 24 Ore di Le Mans, disputata in equipaggio con Duval e Lapierre su una Peugeot del Team Oreca, Panis conquistò il quinto posto assoluto. Nello stesso anno annunciò la partecipazione al Trofeo Andros, categoria in cui è attivo, risultando vincitore di sei gare in due stagioni[46].

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Dal gennaio del 1996 Olivier Panis è sposato con Anne[47], dalla quale ha avuto tre figli: Aurélien, anch'egli dedicatosi alla carriera di pilota, Caroline e Laurent[48]. La famiglia risiede a Grenoble, in Francia[48]. Noto all'interno dell'ambiente della Formula 1 come una persona disponibile e gentile, tra le sue principali passioni vi è la pratica di vari sport, tra cui calcio, ciclismo, sci, tennis ed è appassionato di barche a vela[49].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Profilo su Grandprix.com. URL consultato il 13 settembre 2009.
  2. ^ a b (EN) Constructors: Ligier (Equipe Ligier). URL consultato il 15 settembre 2009.
  3. ^ (EN) People: Flavio Briatore. URL consultato il 15 settembre 2009.
  4. ^ (EN) People: Tom Walkinshaw. URL consultato il 6 gennaio 2013.
  5. ^ (EN) When is a Benetton not a Benetton?. URL consultato il 15 settembre 2009.
  6. ^ Williams e McMaster, op. cit., pag. 19.
  7. ^ (EN) Grand Prix Results: Australian GP, 1995. URL consultato il 6 gennaio 2013.
  8. ^ a b (EN) Interview - Olivier Panis. URL consultato il 15 novembre 2009.
  9. ^ (EN) Seasonal Preview 1996. URL consultato il 9 giugno 2010.
  10. ^ Boccafogli, McMaster e Williams, op. cit., pag. 17.
  11. ^ (EN) Last Hurrah for “Les Bleus” - Monaco 1996. URL consultato il 15 novembre 2009.
  12. ^ AA. VV., Prost - Squadra e piloti in Quattroruote Speciale, nº 8, Rozzano, Domus, marzo 1997, pp. p. 57.
  13. ^ AA. VV., Prost - Squadra e piloti in Quattroruote Speciale, nº 8, Rozzano, Domus, marzo 1997, pp. p. 56.
  14. ^ (EN) Grand Prix Results: Argentine GP, 1997. URL consultato il 15 novembre 2009.
  15. ^ (EN) Grand Prix Results: San Marino GP, 1997. URL consultato il 15 novembre 2009.
  16. ^ (EN) Grand Prix Results: Spanish GP, 1997. URL consultato il 15 novembre 2009.
  17. ^ (EN) Grand Prix Results: Canadian GP, 1997. URL consultato il 15 novembre 2009.
  18. ^ Carlo Marincovich, Doppio schianto. Le gambe fratturate in La Repubblica, 16 giugno 1997, p. 39. URL consultato il 6 gennaio 2013.
  19. ^ (EN) Hill looses Arrows ride to Salo and Prost says no. Panis to return; Coulthard may testify. URL consultato il 15 novembre 2009.
  20. ^ a b (EN) Exclusive Interview-Olivier Panis: Refresher Course. URL consultato il 15 novembre 2009.
  21. ^ (EN) Interview - Alain Prost. URL consultato il 15 novembre 2009.
  22. ^ (EN) Constructors: Prost Grand Prix. URL consultato il 15 novembre 2009.
  23. ^ Paolo Bombara, «Jarno in piena». Autosprint n.31-32/1999, pag.38-39
  24. ^ Autosprint, Autosprint Extra - L'anno dei campioni", pag. 130
  25. ^ «i giri più veloci». Autosprint n.31-32/1999 - pag.44
  26. ^ Autosprint, Autosprint Extra - L'anno dei campioni", pag.272
  27. ^ Paolo Bombara, «Panis contesta la punizione per il sorpasso incriminato». Autosprint, Autosprint n.10/2000, pag.35
  28. ^ «Per Heidfeld e Panis una grande giornata». Autosprint, Autosprint n.14/2001, pag.30
  29. ^ (EN) Moves at BAR. URL consultato il 15 novembre 2009.
  30. ^ AA. VV., Olivier Panis in Quattroruote Speciale, nº 24, Milano, Domus, marzo 2003, pp. p. 52.
  31. ^ (EN) Panis to Replace Salo at Toyota. URL consultato il 30 novembre 2009.
  32. ^ a b AA. VV., Toyota atto secondo in Quattroruote Speciale, nº 24, Milano, Domus, marzo 2003, pp. p. 55.
  33. ^ Alberto Antonini, «Slalom in Rossa». Autosprint, Autosprint n.29/2003, pag.28
  34. ^ Cesare Maria Mannucci, «Il pagellone». Autosprint, Autosprint n.29/2003, pag.34
  35. ^ Cesare Maria Mannucci, «Il GP pilota per pilota». Autosprint, Autosprint n.21/2004, pag.31
  36. ^ (EN) New Toyota ready for Hockenheim. URL consultato il 15 novembre 2009.
  37. ^ Cesare Maria Mannucci, «Quei siluri in casa Toyota». Autosprint, Autosprint n.33/2004, pagg.30-31
  38. ^ (EN) Ralf and Toyota. URL consultato il 15 novembre 2009.
  39. ^ (EN) Toyota confirms Ralf deal. URL consultato il 15 novembre 2009.
  40. ^ Cesare Maria Mannucci, Ecco perché Trulli ha rotto con Briatore in Autosprint, 27 luglio 2004, p. 29.
  41. ^ (EN) Panis signs for two years as Toyota tester. URL consultato il 15 novembre 2009.
  42. ^ (EN) Panis leaves F1 as Montagny prepares to join Toyota. URL consultato il 15 novembre 2009.
  43. ^ Autosprint, Autosprint n.37/2009, pag.86
  44. ^ (EN) The racing career of Olivier Panis — in detail, driverdb.com. URL consultato il 27 novembre 2011.
  45. ^ 12 Ore di Sebring 2011: vince la Peugeot-Oreca, omniauto.it. URL consultato il 7 gennaio 2013.
  46. ^ (FR) Statistiques pilotes, tropheeandros.com. URL consultato il 7 gennaio 2013.
  47. ^ Nestore Morosini, Giancarlo Faletti, G.P. roulette, il rosso esce troppo presto in Corriere della sera, 20 maggio 1996, p. 39.
  48. ^ a b AA. VV., Toyota - sesta in campionato in Quattroruote Speciale, nº 24, Milano, Domus, marzo 2003, pp. p. 80.
  49. ^ AA. VV., Olivier Panis in Quattroruote Speciale, nº 24, Milano, Domus, marzo 2003, pp. p. 50.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Bryn Williams, Colin McMaster, F1 '95. World championship photographic review, Milano, Vallardi&Associati, 1995, ISBN 88-85202-48-4 .
  • Brin Williams, Colin McMaster, Roberto Boccafogli, F1 96, Vallardi&Associati, 1996, ISBN 88-86869-02-9.
  • Roberto Boccafogli; Bryn Williams, F1 1997, SEP Editrice, 1997, ISBN 88-87110-01-8.
  • Roberto Boccafogli, Paolo D'Alessio, Bryn Williams, F1 '98. La prima volta di Hakkinen, SEP Editrice, 1998, ISBN 88-87110-03-4.
  • Paolo D'Alessio, Bryn Williams, F1 2000. Campioni del mondo!, Cernusco sul Naviglio, SEP Editrice, 2000, ISBN 88-87110-22-0.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Questa è una voce di qualità. Clicca qui per maggiori informazioni
Wikimedaglia
Questa è una voce di qualità.
È stata riconosciuta come tale il giorno 12 gennaio 2013vai alla segnalazione.
Naturalmente sono ben accetti altri suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Criteri di ammissione  ·  Segnalazioni  ·  Voci di qualità in altre lingue