Gran Premio del Lussemburgo 1997

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lussemburgo Gran Premio del Lussemburgo 1997
612º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 15 di 17 del Campionato 1997
Circuit Nürburgring-1985-GP.svg
Data 28 settembre 1997
Nome ufficiale I Grosser Preis von Luxemburg
Circuito Nürburgring
Percorso 4,556 km
Circuito permanente
Distanza 67 giri, 305,252 km
Clima Soleggiato
Risultati
Pole position Giro più veloce
Finlandia Mika Häkkinen Germania Heinz-Harald Frentzen
McLaren in 1'16.602 Williams in 1'18.805
(nel giro 32)
Podio
1. Canada Jacques Villeneuve
Williams-Renault
2. Francia Jean Alesi
Benetton-Renault
3. Germania Heinz-Harald Frentzen
Williams-Renault

Il Gran Premio di Lussemburgo 1997 si è disputato il 28 settembre 1997 al Nürburgring ed ha visto la vittoria di Jacques Villeneuve, seguito da Jean Alesi e Heinz-Harald Frentzen.

Prove[modifica | modifica sorgente]

Ultima gara al muretto Benetton per Flavio Briatore: dal prossimo gran Premio lo sostituirà David Richards. Dopo il brutto incidente di Montreal torna in gara Oliver Panis su Prost. Al suo fianco ci sarà ancora Nakano, nonostante Alain Prost abbia cercato di fare pressione sulla Mugen-Honda per far sì che Jarno Trulli fosse rimasto al suo posto. L'italiano è stato comunque confermato per il prossimo anno quando la Prost avrà i motori Peugeot.

Qualifiche[modifica | modifica sorgente]

In prova il più veloce è stato per la prima volta in carriera Mika Häkkinen su McLaren: era dal Gran Premio d'Australia del 1993 (Ayrton Senna) che una McLaren non partiva in pole. Precede le due Williams di Villeneuve e Frentzen, poi Fisichella, Schumacher, Coulthard, Berger e Ralf Schumacher.

Classifica[modifica | modifica sorgente]

Pos No Pilota Costruttore Tempo Distacco
1 9 Finlandia Mika Häkkinen McLaren - Mercedes 1:16.602
2 3 Canada Jacques Villeneuve Williams - Renault 1:16.691 +0.089
3 4 Germania Heinz-Harald Frentzen Williams - Renault 1:16.741 +0.139
4 12 Italia Giancarlo Fisichella Jordan - Peugeot 1:17.289 +0.687
5 5 Germania Michael Schumacher Ferrari 1:17.385 +0.783
6 10 Regno Unito David Coulthard McLaren - Mercedes 1:17.387 +0.785
7 8 Austria Gerhard Berger Benetton - Renault 1:17.587 +0.985
8 11 Germania Ralf Schumacher Jordan - Peugeot 1:17.595 +0.993
9 22 Brasile Rubens Barrichello Stewart - Ford 1:17.614 +1.012
10 7 Francia Jean Alesi Benetton - Renault 1:17.620 +1.018
11 14 Francia Olivier Panis Prost - Mugen-Honda 1:17.650 +1.048
12 23 Danimarca Jan Magnussen Stewart - Ford 1:17.722 +1.120
13 1 Regno Unito Damon Hill Arrows - Yamaha 1:17.795 +1.193
14 6 Regno Unito Eddie Irvine Ferrari 1:17.855 +1.253
15 2 Brasile Pedro Diniz Arrows - Yamaha 1:18.128 +1.526
16 16 Regno Unito Johnny Herbert Sauber - Petronas 1:18.303 +1.701
17 15 Giappone Shinji Nakano Prost - Mugen-Honda 1:18.699 +2.097
18 21 Brasile Tarso Marques Minardi - Hart 1:19.347 +2.745
19 17 Italia Gianni Morbidelli Sauber - Petronas 1:19.490 +2.888
20 19 Finlandia Mika Salo Tyrrell - Ford 1:19.526 +2.924
21 18 Paesi Bassi Jos Verstappen Tyrrell - Ford 1:19.531 +2.929
22 20 Giappone Ukyo Katayama Minardi - Hart 1:20.615 +4.013

Gara[modifica | modifica sorgente]

Quando i semafori si spengono le due McLaren partono a razzo ma alla prima curva dietro succede il patatrac: arrivano affiancati in tre, ossia i fratelli Schumacher e Fisichella, e per tre non c'è abbastanza posto. Fisichella tocca Ralf il quale decolla sulla Ferrari di Michael che rompe una sospensione, nel caos finisce anche la Minardi di Katayama. Quattro vetture già out che diventano subito cinque alla fine del primo giro quando esplode il motore alla seconda Minardi di Marques.

Häkkinen viaggia in testa davanti a Coulthard, Villeneuve, Barrichello, Alesi, Magnussen, Hill e Diniz. Berger che nel caos del primo giro era precipitato in quindicesima posizione passa prima Irvine e poi Frentzen. Al 16º giro Herbert è il primo a fermarsi ai box, nel frattempo Berger ha recuperato altre due posizione passando Panis e Diniz. Quando anche Häkkinen saldamente in testa alla corsa si ferma ai box la gara ha perso anche Nakano e Irvine. Tutti i piloti di testa gommati Goodyear hanno effettuato il pit mentre quelli Bridgestone non accennano a cambi.

Dopo la girandola delle soste le due McLaren conducono indisturbate davanti a Villeneuve, Barrichello, Magnussen, Hill, Diniz, Alesi, Panis e Berger. Al 32º giro Damon Hill è il primo pilota Bridgestone a fermarsi. Al 39°, alla ripartenza dopo il pit, Magnussen rompe il semiasse. Ma la gara si decide clamorosamente fra il 42º e il 43º giro: proprio mentre passa davanti al traguardo esplode il Mercedes di Coulthard che era in seconda posizione; lo scozzese non fa neanche in tempo ad uscire dalla vettura che nello stesso punto arriva anche lo sfortunatissimo Häkkinen con il motore fumante.

Ma non finisce qui: neanche un giro e Barrichello, ottimamante terzo rompe, il cambio e saluta la compagnia. Villeneuve vede praticamente scomparire i due che lo sopravanzavano e quello che lo seguiva in solo due giri. Quando rientra ai box per il secondo cambio ha ormai ben 37" di vantaggio su Alesi. Il canadese adesso amministra il vantaggio su Alesi, seguono Frenzten, Berger, Diniz e Panis. Nel finale si assiste ad una bella lotta fra Diniz e Panis per il quinto posto, dove il francese nonostante i tanti tentativi non riuscirà a passare il brasiliano. Villeneuve vince la settima gara stagionale e mette una seria ipoteca sul campionato: i punti di vantaggio su Schumacher sono adesso nove a solo due gare dal termine; il tutto è frutto di un clamoroso 22 a 2 nelle ultime tre gare.

Le cose per la Ferrari vanno ancora peggio nella classifica costruttori dove la Williams sempre nelle ultime tre gare a messo a segno un 34 a 2 probabilmente decisivo. La scuderia inglese adesso guida con 112 punti, ventisei in più della Ferrari.

Pos N Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 3 Canada Jacques Villeneuve Williams - Renault 67 1:31:27.843 2 10
2 7 Francia Jean Alesi Benetton - Renault 67 +11.770 10 6
3 4 Germania Heinz-Harald Frentzen Williams - Renault 67 +13.480 3 4
4 8 Austria Gerhard Berger Benetton - Renault 67 +16.416 7 3
5 2 Brasile Pedro Diniz Arrows - Yamaha 67 +43.147 15 2
6 14 Francia Olivier Panis Prost - Mugen-Honda 67 +43.750 11 1
7 16 Regno Unito Johnny Herbert Sauber - Petronas 67 +44.354 16
8 1 Regno Unito Damon Hill Arrows - Yamaha 67 +44.777 13
9 17 Italia Gianni Morbidelli Sauber - Petronas 66 +1 giro 19
10 19 Finlandia Mika Salo Tyrrell - Ford 66 +1 giro 20
Ritirato 18 Paesi Bassi Jos Verstappen Tyrrell - Ford 50 Testacoda 21
Ritirato 9 Finlandia Mika Häkkinen McLaren - Mercedes 43 Motore 1
Ritirato 22 Brasile Rubens Barrichello Stewart - Ford 43 Cambio 9
Ritirato 10 Regno Unito David Coulthard McLaren - Mercedes 42 Motore 6
Ritirato 23 Danimarca Jan Magnussen Stewart - Ford 40 Semiasse 12
Ritirato 6 Regno Unito Eddie Irvine Ferrari 22 Motore 14
Ritirato 15 Giappone Shinji Nakano Prost - Mugen-Honda 16 Motore 17
Ritirato 5 Germania Michael Schumacher Ferrari 2 Sospensione 5
Ritirato 21 Brasile Tarso Marques Minardi - Hart 1 Motore 18
Ritirato 20 Giappone Ukyo Katayama Minardi - Hart 1 Collisione 22
Ritirato 12 Italia Giancarlo Fisichella Jordan - Peugeot 0 Collisione 4
Ritirato 11 Germania Ralf Schumacher Jordan - Peugeot 0 Collisione 8

Classifiche[modifica | modifica sorgente]

Costruttori[modifica | modifica sorgente]

Pos. Team Punti
1 Regno Unito Williams - Renault 112
2 Italia Ferrari 86
3 Italia Benetton - Renault 62
4 Regno Unito McLaren - Mercedes 44
5 Irlanda Jordan - Peugeot 33
6 Francia Prost - Mugen-Honda 21
7 Svizzera Sauber - Petronas 15
8 Regno Unito Arrows - Yamaha 9
9 Regno Unito Stewart - Ford 6
10 Regno Unito Tyrrell - Ford 2

Fonti[modifica | modifica sorgente]

Salvo indicazioni diverse le classifiche sono tratte da Sito di The Official Formula 1. URL consultato l'11 aprile 2009.

o da GPupdate.net. URL consultato l'11 aprile 2009.

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1997
Flag of Australia.svg Flag of Brazil.svg Flag of Argentina.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Spain.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Austria.svg Flag of Luxembourg.svg Flag of Japan.svg Flag of Europe.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
1952
Gran Premio del Lussemburgo
Edizione successiva:
1998

Note[modifica | modifica sorgente]