Gran Premio di Francia 1997

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Francia Gran Premio di Francia 1997
605º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 8 di 17 del Campionato 1997
Circuit de Nevers Magny-Cours (1992-2002).svg
Data 29 giugno 1997
Circuito Circuito di Magny Cours
Percorso 4,250 km
circuito permanente
Distanza 72 giri, 306 km
Risultati
Pole position Giro più veloce
Germania Michael Schumacher Germania Michael Schumacher
Ferrari in 1'14.548 Ferrari in 1'17.910
Podio
1. Germania Michael Schumacher
Ferrari
2. Germania Heinz-Harald Frentzen
Williams
3. Regno Unito Eddie Irvine
Ferrari

Il Gran Premio di Francia 1997 fu l'ottavo appuntamento della stagione di Formula 1 1997. Disputatosi il 29 giugno sul circuito di Magny Cours, ha visto la vittoria di Michael Schumacher su Ferrari, seguito dal connazionale Heinz-Harald Frentzen e dal compagno di squadra Eddie Irvine.

Prima della gara[modifica | modifica sorgente]

  • Pochi giorni prima del Gran Premio, la BMW annuncia ufficialmente il proprio ritorno in Formula 1 come fornitore di motori per la Williams a partire dal 2000.
  • Durante le prove libere Gianni Morbidelli esce di strada e si infortuna ad un braccio e la Sauber lo sostituisce con il collaudatore Norberto Fontana.
  • Dopo il grave incidente di Montreal, nel quale il pilota francese ha riportato la frattura di entrambe le gambe, Olivier Panis è costretto ad una lunga sosta. Per sostituirlo, Alain Prost prova ad ingaggiare Damon Hill, ma la penale da versare alla Arrows per liberare il Campione del Mondo in carica è troppo elevata. Ripiega quindi sul giovane talento italiano Jarno Trulli, strappandolo alla Minardi con il consenso della squadra Faentina; Trulli viene bloccato anche per il 1998 con un'opzione a vantaggio della squadra.
  • Alla Minardi arriva il giovane Tarso Marques, sia per le doti agonistiche che per le doti di sponsorizzazione.
  • Infine la Benetton schiera per l'ultima volta Alexander Wurz, che sostituisce un Gerhard Berger ormai pronto al rientro nel prossimo Gran Premio di Germania.

Qualifiche[modifica | modifica sorgente]

In prova il più veloce è per la seconda volta consecutiva Michael Schumacher, che precede Frentzen ed il fratello Ralf. Per la prima volta in Formula 1 tre tedeschi finiscono davanti a tutti nella griglia di partenza. Villeneuve è quarto e precede la seconda Ferrari di Irvine e Trulli, già a suo agio con la Prost; solo settimo ed ottavo Wurz ed Alesi.

Pos No Pilota Costruttore Tempo Distacco
1 5 Germania Michael Schumacher Ferrari 1:14.548
2 4 Germania Heinz-Harald Frentzen Williams - Renault 1:14.749 +0.201
3 11 Germania Ralf Schumacher Jordan - Peugeot 1:14.755 +0.207
4 3 Canada Jacques Villeneuve Williams - Renault 1:14.800 +0.252
5 6 Regno Unito Eddie Irvine Ferrari 1:14.860 +0.312
6 14 Italia Jarno Trulli Prost - Mugen-Honda 1:14.957 +0.409
7 8 Austria Alexander Wurz Benetton - Renault 1:14.986 +0.438
8 7 Francia Jean Alesi Benetton - Renault 1:15.228 +0.680
9 10 Regno Unito David Coulthard McLaren - Mercedes 1:15.270 +0.722
10 9 Finlandia Mika Häkkinen McLaren - Mercedes 1:15.339 +0.791
11 12 Italia Giancarlo Fisichella Jordan - Peugeot 1:15.453 +0.905
12 22 Brasile Rubens Barrichello Stewart - Ford 1:15.876 +1.328
13 15 Giappone Shinji Nakano Prost - Mugen-Honda 1:15.876 +1.328
14 16 Regno Unito Johnny Herbert Sauber - Petronas 1:16.018 +1.470
15 23 Danimarca Jan Magnussen Stewart - Ford 1:16.149 +1.601
16 2 Brasile Pedro Diniz Arrows - Yamaha 1:16.536 +1.988
17 1 Regno Unito Damon Hill Arrows - Yamaha 1:16.729 +2.181
18 19 Paesi Bassi Jos Verstappen Tyrrell - Ford 1:16.941 +2.393
19 18 Finlandia Mika Salo Tyrrell - Ford 1:17.256 +2.708
20 17 Argentina Norberto Fontana Sauber - Petronas 1:17.538 +2.990
21 20 Giappone Ukyo Katayama Minardi - Hart 1:17.563 +3.015
22 21 Brasile Tarso Marques Minardi - Hart 1:18.280 +3.732

Gara[modifica | modifica sorgente]

Quando si spengono i semafori rossi è Michael Schumacher più veloce di tutti davanti a Frenzten, Irvine, Villeneuve e Ralf Schumacher. Alla prima curva vola fuori Hill, che rientra con l'ala anteriore a pezzi. Davanti le posizioni si stabilizzano molto presto; al 5º giro il primo ritiro è per Marques, che si ferma con il motore rotto. All'8º giro è Nakano che esce alla curva del Liceo. Schumacher allunga; solo Frenzten sembra in grado replicare, dietro a loro Irvine, Villeneuve, Ralf Schumacher ed il duo McLaren. Al 15º giro a Verstappen si blocca l'acceleratore; il pilota olandese finisce dritto contro le barriere. Subito dopo è Häkkinen che si ritira per un guasto al motore. Al 19º giro Katayama si ferma ai box e inizia la prima serie di rifornimenti, senza che in pista si veda qualche sorpasso.

Al termine della prima ronda di pit stop Schumacher è sempre in testa davanti a Frentzen, Irvine, Villeneuve e Trulli, che non ha ancora rifornito. Fra il 35º e il 37º giro si ritirano le due Stewart. La gara prosegue noiosamente anche se nuvoloni si addensano sul circuito. Al 44º giro l'esordiente Fontana va in testacoda e si ritira. Mentre inizia la seconda serie di pit stop, su parte del circuito comincia a piovere. La pioggia aumenta di intensità e mentre Ralf Schumacher arriva lungo sulla ghiaia ma riesce a rientrare, Herbert è il primo a montare le gomme intermedie.

Finalmente il finale regala emozioni: Herbert gira già più velocemente di tutti mentre Michael Schumacher si distrae a parlare via radio con il team e arriva lungo sulla ghiaia, riuscendo a rientrare ancora in testa. L'aderenza è minima e Wurz, che stava lottando con Ralf Schumacher per il sesto posto, va in testacoda e si insabbia, imitato subito dopo da Diniz; anche Salo si ritira per noie elettriche. Al 64º giro Alesi si ferma ai box per calzare le gomme intermedie; Herbert sta girando 8" più veloce di tutti. Si fermano contemporaneamente Irvine e Villeneuve e come al solito il team Williams è più lento e il canadese perde tempo e scivola indietro di due posti.

Gli ultimi due giri sono molto concitati: Villeneuve raggiunge e supera prima Ralf Schumacher e poi Coulthard. Quando supera lo scozzese all'Adelaide, gli si accoda Ralf Schumacher, che riesce a superare a sua volta la McLaren. All'ultimo giro Irvine compie un'escursione fuori pista e Villeneuve gli si fa sotto. Il canadese tenta un disperato affondo all'ultima curva, ma Irvine chiude e Jacques va in testacoda all'ingresso della corsia box. Villeneuve riesce a ripartire proprio davanti ad Alesi, il quale aveva appena speronato Coulthard in un tentativo di sorpasso impossibile. Lo scozzese si ferma così a poche curve dalla fine nella sabbia. Schumacher vince davanti a Frentzen, Irvine, Villeneuve, Alesi e Ralf Schumacher. Il tedesco della Ferrari allunga in modo perentorio in classifica con ben 14 punti di vantaggio sul canadese.

Classifica[modifica | modifica sorgente]

Pos No Piloti Costruttore Giri Tempo/Ritiro P. al via Punti
1 5 Germania Michael Schumacher Ferrari 72 1:38:50.492 1 10
2 4 Germania Heinz-Harald Frentzen Williams - Renault 72 +23.537 2 6
3 6 Regno Unito Eddie Irvine Ferrari 72 +1:14.801 5 4
4 3 Canada Jacques Villeneuve Williams - Renault 72 +1:21.784 4 3
5 7 Francia Jean Alesi Benetton - Renault 72 +1:22.735 8 2
6 11 Germania Ralf Schumacher Jordan - Peugeot 72 +1:29.871 3 1
7 10 Regno Unito David Coulthard McLaren - Mercedes 71 Collisione 9
8 16 Regno Unito Johnny Herbert Sauber - Petronas 71 +1 giro 14
9 12 Italia Giancarlo Fisichella Jordan - Peugeot 71 +1 giro 11  
10 14 Italia Jarno Trulli Prost - Mugen-Honda 70 +2 giri 6  
11 20 Giappone Ukyo Katayama Minardi - Hart 70 +2 giri 21
12 1 Regno Unito Damon Hill Arrows - Yamaha 69 +3 giri 17
Ritirato 19 Finlandia Mika Salo Tyrrell - Ford 61 Impianto elettrico 19
Ritirato 8 Austria Alexander Wurz Benetton - Renault 60 Uscita di pista 7
Ritirato 2 Brasile Pedro Diniz Arrows - Yamaha 58 Uscita di pista 16
Ritirato 17 Argentina Norberto Fontana Sauber-Petronas 40 Uscita di pista 20
Ritirato 22 Brasile Rubens Barrichello Stewart - Ford 36 Motore 13
Ritirato 23 Danimarca Jan Magnussen Stewart - Ford 33 Freni 15
Ritirato 9 Finlandia Mika Häkkinen McLaren - Mercedes 18 Motore 10
Ritirato 18 Paesi Bassi Jos Verstappen Tyrrell - Ford 15 Uscita di pista 18
Ritirato 15 Giappone Shinji Nakano Prost - Mugen-Honda 7 Uscita di pista 12  
Ret 21 Brasile Tarso Marques Minardi-Hart 5 Motore 22  

Classifiche[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

Salvo indicazioni diverse le classifiche sono tratte da Sito di The Official Formula 1. URL consultato il 25 settembre 2008.

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1997
Flag of Australia.svg Flag of Brazil.svg Flag of Argentina.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Spain.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Austria.svg Flag of Luxembourg.svg Flag of Japan.svg Flag of Europe.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
1996
Gran Premio di Francia
Edizione successiva:
1998
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1