Mercedes-Benz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Logo ufficiale della Mercedes-Benz
1° versione della stella Mercedes-Benz
2° versione della stella Mercedes-Benz

Mercedes-Benz è il marchio commerciale utilizzato da varie aziende nel tempo per contraddistinguere la produzione di autoveicoli. Il suo primo utilizzo risale al 1926 dopo la fusione della Daimler-Motoren-Gesellschaft (che dal 1902 utilizzava il nome Mercedes per le sue autovetture) con la Benz & Cie. e la conseguente creazione del gruppo Daimler-Benz. Il marchio è stato di proprietà della Daimler-Benz dal 1926 al 1998 e della DaimlerChrysler dal 1998 al 2007. Nel 2007, a seguito del disimpegno della Daimler dal gruppo nato dall'unione con la Chrysler, Mercedes-Benz è il marchio della nuova Daimler AG unitamente a Maybach, McLaren (fino al 2009) e Smart.

Le Mercedes-Benz sono famose in tutto il mondo per lo stemma presente sul cofano motore delle vetture, che rappresenta la stella a tre punte, segno distintivo della Daimler, circondata dalla corona d'alloro della Benz e dalle parole Mercedes-Benz sempre sulla corona esterna. Tra l'altro il nome in questione era stato utilizzato già nel 1924 per la creazione di una prima rete di vendita in comune tra le due aziende. L'origine di questa stella viene da una cartolina dove Gottlieb Daimler aveva disegnato una stella a 3 punte che rappresentava la capacità di utilizzo del suo motore per terra, aria e mare.[senza fonte]

Storia[modifica | modifica sorgente]

La storia del marchio Mercedes-Benz è stata assai intensa, per via degli eventi storici, politici, economici e sociali che si sono incrociati con la sua continua ricerca e sperimentazione di soluzioni d'avanguardia per potersi confermare ai massimi livelli della produzione mondiale.

Dopo pochi anni di vita ha dovuto fare prima i conti con la Grande Depressione del 1929 e poi, nel 1933, con l'avvento del nazismo, ed infine con la seconda guerra mondiale.

Dopo il conflitto, lentamente e non senza difficoltà, la grande macchina produttiva della Mercedes-Benz ha ripreso a sfornare modelli sempre più all'altezza del marchio, per arrivare ai giorni nostri, con il prestigio del marchio ancora intatto.

A ciò hanno contribuito anche i numerosi successi in campo sportivo collezionati dal marchio tedesco nel corso di decenni di attività, anche se non a flusso continuo.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Storia della Mercedes-Benz.

Denominazione dei veicoli Mercedes-Benz[modifica | modifica sorgente]

Fino al 1994 la denominazione usuale dei modelli Mercedes era composta da 3 cifre che rappresentavano la cilindrata del veicolo e da una o più lettere che ne caratterizzavano la motorizzazione e la tipologia. Dalla denominazione 200 D si poteva desumere la motorizzazione diesel di 2.000 cm³ e l'appartenenza alla classe delle berline.

Da quell'anno in poi gli autoveicoli Mercedes si dividono in classi a seconda del tipo e dell'appartenenza ad ognuna di esse. Attualmente quelle in vendita sono: A, B, C, CL, CLA, CLS, E, G, GL, GLA, GLK, M, S, SL, SLK, SLS.

La Classe A è una vettura di segmento C che rappresenta la gamma d'accesso della casa tedesca. Ha sostituito nel 2012 il modello precedente, che era invece una monovolume di impostazione completamente diversa.

La Classe B è il modello con il quale il costruttore tedesco si presenta nel segmento B: una monovolume che condivide il pianale con la sorella minore Classe A.

La Classe C è la classica berlina a 3 volumi della Casa tedesca rinnovata nel 2007 con 2 diversi frontali a seconda delle versioni. La C viene anche proposta in versione station wagon e coupé a tre porte (denominata CLC), tutte totalmente rinnovate nel 2008.

La Classe CL è un'automobile di lusso tedesca, proposta da Mercedes-Benz dal 1991 come versione coupé della Classe S, infatti adotta lo stesso pianale della Classe S, accorciato di 8.5 cm.

La Classe CLA, o più semplicemente CLA (sigla di progetto C117) è la sigla di un'autovettura coupé a 4 porte prodotta a partire dal 2013 dalla Casa automobilistica tedesca Mercedes-Benz.

La Classe CLS nasce sulla base della Mercedes-Benz Classe E. Il lancio è avvenuto nell'autunno del 2004. L'idea della casa tedesca era quella di creare una berlina con una linea talmente filante da confondersi con una coupé. Questo concetto fa diffondendere un vero e proprio nuovo segmento di vetture: le coupé a 4 porte. La "paternità" di tale segmento viene infatti spesso attribuito alla CLS, nonostante la Maserati Quattroporte fosse già in commercio da un anno; quest'ultima però, nonostante il concetto e il tipo di carrozzeria siano simili, copre un segmento di mercato superiore rispetto alla CLS.

La Classe E, della quale è stato presentato il nuovo modello nel 2009, è il modello intermedio della casa tedesca, ma anche uno dei pilastri della produzione. Linea elegante, motori potenti ed ecologici, interni e dispositivi tecnologici di prim'ordine. Proposta inoltre nella variante Station wagon (anche con 7 posti e trazione integrale permanente 4matic).

Il Classe G (G sta per Geländewagen, cioè fuoristrada) è un veicolo prodotto dall'azienda tedesca Mercedes-Benz fin dal 1979 in diverse serie. Nonostante sia in produzione da oltre un trentennio, è previsto che la Classe G rimanga in produzione fino al 2015, in base al rinnovamento dell'accordo stipulato con la Magna-Steyr, il costruttore automobilistico che nel frattempo ha preso il posto della Steyr-Puch, in seguito alla scorporazione di quest'ultimo.

La Classe GL è un SUV di lusso prodotta a partire dal 2006 dalla casa automobilistica tedesca Mercedes-Benz. La Classe GL è nata per fronteggiare il proliferare di alcuni SUV di taglia extra-large che stavano diffondendosi in Europa ed in Nordamerica, come per esempio l'Audi Q7 e la Cadillac Escalade. Dal 2006 al 2012 è stata prodotta la prima generazione del maxi-SUV di Stoccarda, indicata con la sigla X164. Attualmente è in produzione la seconda serie, la cui sigla è invece X166.

La classe GLA è un crossover Introdotto nel 2014

Il Classe GLK (nome di progetto X204) è un Suv di fascia media prodotto dalla casa automobilistica tedesca Mercedes-Benz a partire dal 2008.

La Classe M identifica quella fascia di gamma della casa automobilistica tedesca Mercedes-Benz che rappresenta i SUV di fascia alta. Tale fascia di gamma è stata introdotta a partire dal 1997.

Mercedes 170 S (1940)

La Classe S è la grande berlina ammiraglia da sempre punto di riferimento della sua categoria per classe e stile inconfondibili. Proposta in due carrozzerie, normale e lunga, è sempre ai vertici, per sicurezza, prestazioni, tecnologia e comfort. Mercedes nel 2008 ha presentato in vari saloni versioni ibride ed ecologiche di questo modello con l'intento di sottolineare il suo impegno nella creazione di vetture capaci di rispettare l'ambiente a prescindere dalla classe e dalla categoria.

La Classe SL è una serie di automobili sportive e di lusso prodotte dalla casa automobilistica tedesca Mercedes-Benz. L'acronimo SL deriva infatti dalle iniziali delle parole Sport e Leicht, che in tedesco significano Sportività e Leggerezza. Derivate dalla 300 SL da competizione presentata nel 1952 e dalla 300 SLR del 1955, dal 1954 ad oggi sono state presentate 5 diverse generazioni di SL. R231 è la sigla della sesta generazione della Classe SL, un'autovettura roadster di lusso prodotta dalla Casa automobilistica tedesca Mercedes-Benz a partire dal 2011.

La Classe SLK è una vettura prodotta dalla casa automobilistica tedesca Mercedes-Benz, appartenente al segmento delle coupé-cabrio a 2 posti. SLK è un acronimo di Sportlich (sportiva), Leicht (leggera) e Kompakt (compatta). Alla fine del 1996 uscì la prima generazione, con telaio R170, che venne sostituita dal nuovo modello del 2004, con telaio R171. Il 17 gennaio 2011 Mercedes-Benz lancia sul mercato europeo la terza generazione, con telaio R172.

La SLS AMG, sigla di progetto C197, è una coupé ad alte prestazioni prodotta a partire dal 2010 dalla casa automobilistica tedesca Mercedes-Benz.

Gli altri veicoli marchiati Mercedes-Benz[modifica | modifica sorgente]

Un moderno Travego della Mercedes-Benz

Mercedes Benz produce anche camion, autobus (Classe O), mezzi da lavoro e carri funebri (Pilato).

Dal 1990 il reparto AMG realizza modelli sportivi destinati alle competizioni del DTM e versioni sportive delle auto di serie. Questi prodotti speciali sono realizzati per lo più sulla base di modelli in commercio, che vengono consegnati dalla fabbrica centrale all'AMG che, dopo una lavorazione artigianale (ogni motore elaborato viene preparato da un unico operaio che, alla fine del processo, imprime la sua firma sopra il motore), riconsegna al cliente una macchina sensibilmente più sportiva (in assetto, motore, freni, interni, sedili ed altri particolari). Attualmente nel reparto corse tedesco lavorano poco più di 650 dipendenti.

Innovazioni recenti[modifica | modifica sorgente]

Al salone dell'automobile di Francoforte del 2007 Mercedes ha presentato, quale innovazione tecnologica, un nuovo tipo di propulsore che unisce caratteristiche del classico motore a benzina con altre del motore diesel e il cui nome commerciale è Diesotto.

Per sottolineare l'impegno della casa di Stoccarda in materia di rispetto ambientale, al medesimo salone di Francoforte, Mercedes ha presentato una "Classe E" in versione Bluetec. Questo motore a gasolio, sviluppato in collaborazione con Audi, Jeep e Volkswagen, promette consumi sensibilmente ridotti ed emissioni in grado di rispettare le future norme antinquinamento Euro VI (in vigore dal 2014). Tale propulsore sarà offerto alla clientela in tutti i futuri modelli della Casa.

Da pochi anni a questa parte, Mercedes ha introdotto i motori con pacchetto "V-max": questi, destinati a vetture di lusso ad altissime prestazioni, equipaggiano tutti i modelli 63 e 65 AMG che promettono una velocità massima di 300km/h autolimitati elettronicamente.

Museo Mercedes[modifica | modifica sorgente]

A Stoccarda nel 2006 è stato dedicato al marchio Mercedes Benz un nuovo museo, che sorge alle porte della città, vicino all'autostrada e di fronte ai cancelli dello storico stabilimento di Stoccarda-Unterturkheim. Attraverso 160 veicoli da sogno ripercorre i 120 anni della storia del marchio dall'invenzione dell'auto di Karl Benz, che depositò il suo brevetto per il primo veicolo a motore del 1886, fino ai giorni nostri passando per le mitiche frecce d'argento di Juan Manuel Fangio. Il progetto è opera dello studio olandese UN studio che per approntare la complessa geometria del Museo non solo dal punto di vista formale ma anche da quello strutturale, ha elaborato 35.000 disegni in 3D. La pianta che può essere paragonata ad un'elica, a un trifoglio oppure al logo Mercedes a tre punte, ruota intorno ad uno spazio centrale triangolare dove sono collocati gli ascensori. L'edificio non presenta pareti dritte, ma pareti portanti a doppia curvatura e i sostegni sono a distanze superiori a quelle previste per un ponte autostradale. La pianta, come si diceva a forma di elica, vuole rappresentare la spirale del DNA a doppia elica, cioè con un doppio percorso di visita che, partendo dall'alto scende a spirale i nove piani dell'edificio come nel Museo Guggenheim (New York). I percorsi di visita come detto sono due: " Giro dei miti " e " Giro delle collezioni ", e in qualsiasi momento il visitatore può passare da un percorso di visita all'altro. La sofisticata struttura ha richiesto attenzione anche in facciata; infatti per le vetrate è stato utilizzato un vetro speciale rinforzato in fibre di carbonio

Gamma di veicoli prodotti[modifica | modifica sorgente]

Autobus[modifica | modifica sorgente]

Autocarri[modifica | modifica sorgente]

Un moderno Actros della Mercedes-Benz

Veicoli commerciali leggeri[modifica | modifica sorgente]

Autovetture[modifica | modifica sorgente]

I modelli del passato (dal 1950 in poi)[modifica | modifica sorgente]

La gamma attuale[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

[modifica | modifica sorgente]

[1]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti