Mercedes-Benz R170

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mercedes-Benz R170
1st Mercedes-Benz SLK.jpg
Una SLK R170
Descrizione generale
Costruttore Germania  Mercedes-Benz
Tipo principale roadster
Produzione dal 1996 al 2004
Sostituita da Mercedes-Benz R171
Esemplari prodotti 311.222
Euro NCAP 4 stelle
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 3,995-4.010 mm
Larghezza 1.715 mm
Altezza 1.276-1.289 mm
Passo 2.400 mm
Massa 1.270-1.495 kg
Altro
Assemblaggio Brema
Stile Bruno Sacco
Karmann
Stessa famiglia Mercedes-Benz W202
Mercedes-Benz W208
Chrysler Crossfire
Auto simili Alfa Romeo Spider
Audi TT Roadster Mk1
BMW Z3 e Z4
Chrysler Crossfire
Honda S2000
Porsche Boxster
Mercedes SLK200K Facelift rear.JPG
Vista posteriore

R170 è la sigla di un'autovettura roadster di fascia medio-alta prodotta dalla Casa automobilistica tedesca Mercedes-Benz dal 1996 al 2004 e facente parte della cosiddetta Classe SLK.

Storia e profilo[modifica | modifica wikitesto]

Genesi[modifica | modifica wikitesto]

È da poco prima del lancio della Classe C W202 che la Casa di Stoccarda ha in mente di derivare da quest'ultima una roadster che andasse a posizionarsi sotto la più esclusiva SL R129. Al momento della presentazione della W202, erano già stati diffusi alcuni schizzi riguardanti la futura piccola roadster, e già quei primi disegni si capiva la volontà dei vertici Mercedes-Benz di proporre qualcosa di particolare. Lo si capiva osservando che in quei disegni il tetto della vettura non era costituito dalla classica capote in tela, bensì da un tetto ripiegabile in metallo. Si sarebbe trattato di qualcosa di inconsueto, anche se sicuramente di già visto, anche se molto tempo prima. Fu infatti la francese Peugeot, oltre sessant'anni prima, a proporre questa soluzione così particolare. Poi, nei decenni successivi non si vide più niente del genere nella produzione automobilistica in serie. La nuova roadster tedesca avrebbe quindi riproposto questa chicca particolare per catturare l'interesse della potenziale clientela.
Le prime impressioni si consolidarono ulteriormente nel 1994, quando al Salone di Torino venne svelato il primo prototipo prefigurante la roadster definitiva. In questo caso, la vettura non montava nessun tetto in metallo, né tantomeno una capote in tela. La soluzione del tetto metallico ripiegabile riapparve però alla presentazione del secondo prototipo, che il pubblico ha potuto apprezzare in entrambe le configurazioni.

Debutto[modifica | modifica wikitesto]

La presentazione ufficiale della vettura di serie si ebbe al Salone di Torino del 1996: il codice di progetto era R170, ma la sigla commerciale del nuovo modello era SLK, che in tedesco sta per Sportlich Leicht Kurz, ossia "sportiva leggera a passo corto". Tale sigla va ad inaugurare una serie di generazioni di roadster di fascia medio-alta. La R170 è stata la prima di queste generazioni.

Linea ed interni[modifica | modifica wikitesto]

Le linee della SLK R170 erano una perfetta sintesi di sportività, eleganza e sobrietà. L'equipe di Bruno Sacco, in collaborazione con la Karmann, è riuscita a creare una silhouette che mantiene il suo equilibrio e le sue perfette proporzioni sia da aperta sia da chiusa. L'aspetto della roadster-coupé tedesca risulta ancor più slanciato se si considerano le sue dimensioni compatte: in effetti la SLK R170 è stata la prima Mercedes-Benz di serie nella storia a rimanere sotto la soglia dei 4 metri di lunghezza, anche se di soli 5 mm. Nonostante ciò, il corpo vettura appare assai scattante ed anche molto filante, basti pensare che il Cx è di 0.33, un valore che all'epoca era di particolare rilievo.
Il lungo cofano motore, tipico di tutte le roadster, è caratterizzato dalle due nervature longitudinali che richiamano alla mente il cofano delle 300SL (roadster e coupé) degli anni cinquanta. I fari anteriori sono molto meno spigolosi di quelli utilizzati per esempio sulla Classe C o sulla Classe S W140 e concorrono a rendere più morbida la vista del muso. La fiancata è semplice ma assai efficace e la sua vista consente di apprezzare la coda molto corta e caratterizzata da gruppi ottici di forma triangolare come quelli della berlina W202, ma di dimensioni relativamente maggiori, in modo da accrescerne l'aggressività. Il vano bagagli contiene anche il vano di alloggiamento del tetto pieghevole, il cui azionamento avviene per mezzo di un dispositivo elettroidraulico che sfrutta una pompa e cinque cilindretti idraulici che lavorano a 200 bar di pressione. L'operazione di apertura/chiusura del tetto richiede 25 secondi.
L'abitacolo è prima di tutto d'impostazione sportiva, ma immediatamente dopo il primo sguardo si nota anche l'eleganza degli abbinamenti cromatici ed il livello delle finiture e dei materiali utilizzati. I sedili non hanno un'intelaiatura a molle, ma in metallo flessibile, su cui viene montata un morbido cuscino in poliuretano. Tale sistema permette di avere sedili meno ingombranti e quindi di lasciare più spazio ai due occupanti in una vettura dall'abitacolo non certo enorme. Il bagagliaio ovviamente concede maggior spazio ai bagagli in caso di tetto chiuso. In questa configurazione, lo spazio è addirittura più che buono, relativamente al tipo di vettura.

Struttura e telaio[modifica | modifica wikitesto]

Una SLK R170 in fase di apertura del tetto pieghevole

Il pianale della R170 è lo stesso della W202, ma con passo accorciato di ben 29 cm. Data la tipologia di vettura, la scocca è stata adeguatamente irrobustita, così da garantire una guida brillante anche a tetto aperto, senza il rischio di scompensi telaistici. A proposito di sicurezza, sulla SLK vanno segnalati i robusti montanti del parabrezza che, agendo con i due altrettanto robusti roll-bar posti dietro i poggiatesta, garantiscono adeguata incolumità agli occupanti in caso di ribaltamento della vettura. Degno di nota è anche il pannello parafiamma, studiato appositamente anche per fornire protezione alle gambe di conducente e passeggero in caso di urto frontale.
Anche la meccanica di sospensioni ed impianto frenante derivano da quelle della berlina W202. Le sospensioni sono state però ritarate in funzione di un utilizzo più sportivo, per esempio con gli ammortizzatori irrigiditi, ma senza per questo pregiudicare una guida confortevole. Ritroviamo quindi l'avantreno a quadrilateri deformabili ed il retrotreno multilink. I freni a disco sono autoventilanti all'avantreno, com'è oramai consuetudine su vetture di questo lignaggio, mentre lo sterzo è a circolazione di sfere.

Motorizzazioni[modifica | modifica wikitesto]

Al suo debutto, la R170 è stata proposta principalmente in due varianti, ossia un 2 litri aspirato da 136 CV ed un 2.3 litri sovralimentato mediante compressore volumetrico da 193 CV. Per alcuni mercati europei, tra cui il nostro, è stata proposta anche una terza versione mossa da un 2 litri con compressore, ma di potenza quasi identica a quella della versione 2.3 (192 CV). Le due versioni sovralimentate sono riconoscibili esternamente per la scritta Kompressor sul parafango anteriore. In ogni caso, non sono state previste motorizzazioni a gasolio. Tutti i motori sono accoppiati ad un cambio manuale a 5 marce.
La produzione dei primi esemplari parte nel luglio del 1996 presso lo stabilimento Mercedes-Benz di Brema, lo stesso che ospita le linee di produzione della più grande e costosa R129, mentre in Italia la roadster viene commercializzata a partire dal novembre dello stesso anno.

Evoluzione[modifica | modifica wikitesto]

Il frontale di una SLK R170 post-restyling

Il successo della piccola roadster è immediato e duraturo, e pare non conoscere soste. A fronte di un volume di vendite previsto di circa 35-37 000 vetture l'anno, la Casa tedesca si è trovata a fare i conti con ben 55 000 vetture vendute già nel primo anno di produzione.
La R170, tra l'altro, è rimasta pressoché invariata nella gamma per tre anni e mezzo, continuando però a mietere successi di vendita non indifferenti.
Solo nella primavera del 2000 la R170 beneficia di un restyling volto a renderne più fresche e dinamiche le linee. Presentata al Salone di Detroit di quell'anno, la R170 restyling propone esternamente nuovi paraurti anteriore e posteriore, frecce direzionali sugli specchietti, fari posteriori leggermente ridisegnati e maniglie porta in tinta. Nell'abitacolo, spiccano i nuovi inserti in alluminio, oppure, a scelta, dei nuovi inserti in radica. Meccanicamente, la nuova SLK R170 presenta non poche novità, prima fra tutte il nuovo motore V6 da 3.2 litri e 218 CV di potenza massima. I due motori da 2 e 2.3 litri sovralimentati, vengono rivisti per non sovrapporsi più l'uno sull'altro: in questo modo, il 2 litri Kompressor viene depotenziato a 163 CV, mentre quello da 2.3 litri viene portato a 197 CV. Inoltre, con l'aggiornamento di mezza età, la versione 2 litri Kompressor viene proposta per tutta l'Europa, Germania compresa.

Ma la novità forse più importante è l'adozione del nuovo cambio manuale a 6 rapporti, ke permette alla 200K da 163CV di non rimpiangere la precedente versione in termini di prestazioni, pur rinunciando a 29 CV di potenza. Grazie alla 6a marcia lunga ke prende il posto della 5a, i consumi autostradali migliorano; mentre nel misto stretto la 3a marcia viene ora sostituita da 3a e 4a che grazie ad una sapiente spaziatura dei rapporti fanno raggiungere al complesso motore-cambio la forma migliore.
Nel 2001, circa un anno dopo il restyling, la gamma si amplia con l'arrivo della versione AMG, mossa dal 3.2 litri già impiegato nella normale produzione, ma sovralimentato a sua volta da un compressore volumetrico. La potenza, grazie anche ad altri accorgimenti e rivisitazioni, sale a ben 354 CV. Per questa versione, vengono apportate modifiche anche all'abitacolo, in modo da renderlo più sportiveggiante. Inoltre, è l'unica SLK R170 ad avere di serie un cambio automatico a 5 rapporti.
La produzione della R170 termina nella primavera del 2004, quando viene lanciata la seconda serie della SLK, ossia la R171.

Riepilogo caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito vengono riportate le varie versioni previste per la SLK R170:

Modello Sigla telaio Motore Cilindrata
cm3
Alimentazione Potenza
CV/rpm
Coppia
Nm/rpm
Cambio/
N°rapporti
Massa a vuoto
(kg)
Velocità
max
Acceler.
0–100 km/h
Consumo medio
(l/100 km)
Anni di
produzione
Prezzo all'epoca in milioni di lire Esemplari
prodotti
SLK 200 170.435 M111E20
(111.946)
1998 Iniezione
elettronica
136/5500 190/
3700-4500
M/5 1.270 208 9"3 9.1 07/96-02/2000 59.95 44.846
SLK 200
Kompressor
1
170.445 M111E20ML
(111.943)
Iniezione elettronica + compressore volumetrico 192/5300 270/
2500-4800
1.325 230 7"6 9.2 08/96-02/2000 68.15 12.353
SLK 200
Kompressor EVO
170.444 M111E20ML
EVO

(111.958)
163/5300 230/
2500-4800
M/6 1.365 220 8"2 9.6 02/2000-04/2004 67.9 89.020
SLK 230
Kompressor
170.447 M111E23ML
(111.973)
2295 193/5300 280/
2500-4800
M/5 A/5 1.325 231 7"4 9.3 07/96-02/2000 74.35 113.520
SLK 230
Kompressor EVO
170.449 M111E23ML
EVO

(111.983)
197/5500 280/
2500-5000
M/6 1.385 235 7"2 9.8 02/2000-04/2004 75.55 47.305
SLK 320 170.465 M112E32
(112.947)
3199 Iniezione
elettronica
218/5700 310/
3000-4600
1.405 242 7" 11.1 02/2000-04/2004 83.7 33.416
SLK32 AMG 170.466 M112E32ML
(112.960)
Iniezione elettronica + compressore volumetrico 354/6100 450/4400 A/5 1.495 250 5"2 11.2 03/2001-04/2004 117.14 4.333
1Solo per: Italia, Grecia, Portogallo, Ungheria, Bulgaria, Croazia, Macedonia e Turchia


La R170 nei media[modifica | modifica wikitesto]

  • In ambito videoludico, la R170 compare nel videogioco Carmageddon 3: TDR 2000 (dove viene denominata King Merc).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  • Mercedes-Benz Opera Omnia 1886-2001, J. Lewandowski, Automobilia
  • Auto, Novembre 1996, Conti Editore
  • Auto, Marzo 2000, Conti Editore
automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili