Mercedes-Benz C219

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mercedes-Benz C219
2007-Mercedes-Benz-CLS550.jpg
Vista di una CLS500 (CLS550 negli USA)
Descrizione generale
Costruttore Germania  Mercedes-Benz
Tipo principale Coupé a 4 porte
Produzione dal 2004 al 2010
Sostituita da Mercedes-Benz C218
Esemplari prodotti oltre 170 mila
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4.902 mm
Larghezza 1.873 mm
Altezza 1.389 mm
Passo 2.855 mm
Massa 1.655-1.845 kg
Altro
Assemblaggio Sindelfingen (D)
Santiago Tianguistenco (MEX)
Stile Michael Fink
Stessa famiglia Mercedes-Benz Classe E W211
Auto simili Jaguar XF
Lexus GS
Mercedes-Benz C219 rear 20080620.jpg
Vista laterale posteriore

La sigla C219 identifica la prima serie della cosiddetta Classe CLS, un'autovettura di fascia alta prodotta dal 2004 al 2010 dalla Casa automobilistica tedesca Mercedes-Benz.

Storia e profilo[modifica | modifica wikitesto]

Nascita del modello[modifica | modifica wikitesto]

La C219, nota anche come la prima serie della Classe CLS, rappresenta uno dei punti culminanti di quella febbrile attività che tra la seconda metà degli anni novanta del XX secolo e la prima metà del decennio successivo ha coinvolto tutte le sfere di progettazione e sviluppo della Casa di Stoccarda. Tale attività aveva già dato modo di scoprire nuove nicchie di mercato (vedi la Classe A o la piccolissima Smart) ed in seguito avrebbe creato altri nuovi settori di mercato (come la Classe R).
L'avvento della Classe CLS venne preannunciato già al Salone di Francoforte del 2003, con la presentazione della concept Vision CLS, che anticipava già il nome della nuova classe di vetture e che praticamente già prefigurava perfettamente la vettura definitiva.
Per il lancio sul mercato, però si sarebbe dovuto attendere ancora un anno, quando alla successiva edizione della kermesse tedesca sarebbe stata presentata la vettura definitiva.

Design ed interni[modifica | modifica wikitesto]

L'addio del designer Bruno Sacco, ritiratosi a vita privata dopo una brillante carriera pluridecennale alla Mercedes-Benz, non ha fatto sì che la Casa tedesca si rassegnasse ad una così pesante perdita, anzi. Come già spiegato, ci si lanciò alla scoperta di nuove nicchie di mercato da esplorare. Le linee della Vision CLS, e dunque anche della C219, vennero disegnate da Michael Fink, un estroso designer tedesco in forza alla Mercedes-Benz dal 1989 al 2001. Perciò il disegno della nuova vettura era risalente già ad alcuni anni prima, ma solo in seguito da tali disegni venne realizzata la vettura vera e propria.
Elegante ma anche sportiveggiante, la C219 era caratterizzata da un frontale piuttosto aggressivo e caratterizzato dai nuovi fari anteriori dall'inedito disegno "ad L". Al centro, la calandra a quattro listelli orizzontali sfoggiava il grande stemma della stella a 3 punte, mentre il paraurti era composto da una presa d'aria centrale di maggiori dimensioni, affiancata ai lati da due prese d'aria più piccole che fungevano anche da alloggiamento per i piccoli fendinebbia.
La vista laterale è forse quella più particolare: sia il parabrezza con i relativi montanti anteriori, sia il lunotto con i suoi montanti posteriori, sono molto inclinati, in modo da donare una notevole sportività alla vista d'insieme. Parabrezza e lunotto sono raccordati tra loro da un tetto dal disegno arcuato, che rende ancora più filante il corpo vettura. Con il disegno di tale tetto, ben si integravano le superfici vetrate laterali, che nella loro totalità assumevano una forma a spicchio molto particolare. Al contrario delle tradizionali coupé Mercedes-Benz, però, la CLS è dotata anche di un montante centrale, per non rischiare di compromettere la stabilità della vettura. Ed ancora, la vista laterale è caratterizzata dalla lunga nervatura che parte dal passaruota anteriore e percorre tutta la fiancata un palmo sotto la linea di cintura, disegnando un profilo arcuato ad amplissimo raggio che si spegne appena arrivato all'altezza dei fari posteriori. Tale nervatura rende ancor più personale e dinamica la vista laterale.
La coda, piuttosto corta ed affusolata, evidenzia il disegno dei fari posteriori, sempre triangolari come nella maggior parte della produzione Mercedes-Benz, ma evoluti in modo da risultare più moderni. Il loro disegno viene parzialmente tagliato dalla linea di battuta del cofano posteriore, il quale presenta sulla sommità un profilo più affilato e meno morbido, quasi a voler interrompere la fluidità delle linee con un tocco di aggressività in più che non guastava.
Eleganza, sportività ed originalità si ritrovano anche nell'abitacolo, dove uno degli elementi più originali sta nella plancia, ridisegnata e sovrastata da un pannello in legno che include anche il cruscotto. La strumentazione è di tipo misto, che mescola cioè alcuni strumenti di tipo analogico (tachimetro, contagiri ed orologio) con altri di tipo digitale (indicatore di livello carburante, termometro acqua e schermo del computer di bordo). In generale, l'abitacolo è impostato secondo alcuni criteri americaneggianti, sia per quanto riguarda il disegno, sia per quanto riguarda l'esigenza di avere un ambiente interno decisamente confortevole.
Il divano posteriore è diviso in due posti singoli dal grosso tunnel centrale, il quale funge da consolle portaoggetti per gli occupanti posteriori, che possono disporre tra l'altro di due vani portaoggetti sistemati proprio sul tunnel: la vettura è quindi omologata per 4 persone, proprio perché non offre in alcun modo la possibilità di avere un terzo posto di dietro.

Tecnica e motorizzazioni[modifica | modifica wikitesto]

La filante silhouette di una CLS320 CDI

Non sarebbe neppure necessario andare sottopelle per scorgere le prime novità tecniche della vettura. Infatti, le prime stanno proprio sui lamierati che costituiscono la filante carrozzeria della vettura e sono costituite dalla nuova tecnica di verniciatura a nanoparticelle, che rende più resistente e duratura la verniciatura stessa.
La base meccanica della C219 è la stessa della Classe E W211, in produzione da due anni al momento del debutto della prima generazione di CLS. Vengono però apportate migliorie e "chicche" in più che nella normale berlina sono presenti solo nelle versioni di punta. Per cominciare, il passo è stato allungato di 152 mm, così da aumentare l'abitabilità interna. Si continua poi con le sospensioni anteriori a quadrilatero ed il retrotreno di tipo multilink. Queste soluzioni sono di serie solo in quella che al debutto era la versione base (con motore V6 da 3.5 litri), mentre le versioni superiori montavano di serie le più raffinate sospensioni pneumatiche Airmatic Dual Control. L'impianto frenante è a dischi (di cui quelli anteriori sono autoventilanti), corredato da ABS, ESP, ASR (antislittamento) e il BAS, ossia l'assistente elettronico alla frenata. Lo sterzo a cremagliera è dotato di un dispositivo idraulico di servoassistenza che varia la sensibilità al variare della velocità della vettura.
Al suo debutto, la CLS era prevista in due motorizzazioni, entrambe a benzina:

Le due motorizzazioni sono accoppiate ad un cambio automatico-sequenziale 7G-Tronic a 7 rapporti.

Allestimenti e dotazioni[modifica | modifica wikitesto]

La CLS C219 ha debuttato in un unico livello di allestimento per ogni motorizzazione: la dotazione di serie era assai completa fin dalla versione meno costosa, ossia la CLS350, la quale comprendeva tra l'altro: doppio airbag (conducente + passeggero anteriore), airbag laterali ed airbag a tendina, volante multifunzione con comandi impianto Hi-Fi, cerchi in lega da 17 pollici, climatizzatore automatico a 4 zone, computer di bordo, interni in pelle e servosterzo ad azione progressiva.
La CLS500 poteva contare anche su: navigatore satellitare (optional sulla CLS350), cerchi in lega da 18 pollici e sospensioni pneumatiche attive Airmatic Dual Control (anche questa ottenibile sulla CLS350 solo a pagamento).
Optional per entrambe le versioni erano i fari anteriori bi-xeno, il Parktronic ed il tetto in cristallo ad apertura elettrica.

Evoluzione[modifica | modifica wikitesto]

Una CLS55 AMG, introdotta poco dopo il debutto della gamma CLS C219

Poco dopo il debutto della CLS divenne già possibile ordinare quella che sarebbe stata la versione di punta, ossia la CLS55 AMG. Questo modello era equipaggiato da un potente V8 da 5.4 litri sovralimentato mediante compressore volumetrico ed in grado di erogare ben 476 CV di potenza massima. A tale motore venne accoppiato un cambio automatico-sequenziale Speedshift a 5 rapporti. Le prestazioni, come in ogni Mercedes-Benz rivisitata dalla AMG, erano di assoluto livello: nonostante la massa non indifferente (che a vuoto raggiunge ben 1.845 kg) la vettura raggiunge i canonici 250 km/h autolimitati, ma con uno scatto da 0 a 100 km/h che viene coperto in appena 4"7. La vettura viene inserita ufficialmente in listino nel gennaio del 2005.
Nel corso del 2005 viene introdotta anche la prima CLS a gasolio, ossia la CLS320 CDI, spinta da un V6 da 3 litri turbodiesel common rail in grado di erogare 224 CV di potenza massima. Anche questa versione montava il cambio automatico-sequenziale a 7 rapporti previsto anche per la CLS350 e la CLS500.
Nel 2006 la gamma subisce alcune importanti modifiche: innanzitutto la CLS350 viene sostituita dalla CLS 350 CGI, equipaggiata con una nuovissima versione del V6 da 3.5 litri, caratterizzato dall'alimentazione ad iniezione diretta. Questo motore che qui vede il suo debutto, eroga 292 CV di potenza massima, 20 in più rispetto al precedente V6 di pari cilindrata. Inoltre, la CLS500 beneficia di un nuovo V8 da 5.5 litri e 388 CV, che va a sostituire il precedente 5 litri da 306 CV. Ed ancora, la CLS55 AMG viene proposta anche con il pacchetto Performance, consistente nel riposizionamento del limitatore di velocità, in maniera tale da consentire alla vettura di raggiungere i 300 km/h di velocità massima. Questo per i primi mesi del 2006, dopodiché la CLS55 AMG esce di produzione, sostituita dalla CLS63 AMG, spinta da un nuovo V8 da 6.2 litri in grado di erogare ben 514 CV e di proiettare la vettura a 100 km/h da ferma in appena 4"5. Questo nuovo modello si accommiata tra l'altro dal precedente cambio Speedshift a 5 rapporti per usufruire anch'esso del 7G-Tronic a 7 rapporti previsto per il resto della gamma. Infine, la gamma stessa si sdoppia: quasi tutte le versioni sono previste in due allestimenti, denominati Chrome e Sport. Fa eccezione solo la versione AMG, che però è disponibile anch'essa come la precedente CLS55 AMG nella più prestante versione Performance, con velocità di punta autolimitata a 300 km/h.

Vista frontale di una CLS C219 in seguito al restyling del 2008

Mentre nel 2007 non vi sono state variazioni di rilievo, nel 2008 c'è stato il restyling: esteticamente viene ritoccato il frontale, con una nuova calandra a due listelli anziché quattro, nuovi specchietti retrovisori esterni e nuovi fari posteriori leggermente ridisegnati e con tecnologia a led. La gamma beneficia dell'arrivo di una nuova versione entry-level, la CLS280, spinta da un 3 litri V6 da 231 CV. Tale versione va a posizionarsi subito sotto la CLS350 CGI, rimasta a listino. Anche le altre versioni, comunque, rimangono in produzione, così come rimangono invariati i due livelli di allestimento Chrome e Sport.
Nel 2009, la CLS280 cambia denominazione e diventa CLS300', analogamente alla CLS320 CDI, ribattezzata CLS350 CDI. I motori, però, non subiscono modifiche sostanziali.
La gamma così ottenuta non ha subito variazioni fino al 26 luglio del 2010, data in cui dalle linee di montaggio è uscita l'ultima C219. Nell'autunno seguente, verrà introdotta la sua erede, contraddistinta dalla sigla di progetto C218.

Riepilogo caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito vengono riepilogate le versioni previste per la gamma CLS C219. I prezzi si riferiscono al livello di allestimento meno costoso ed al momento del debutto in Italia.

Modello Sigla telaio Motore Cilindrata
cm³
Alimentazione Potenza
CV/rpm
Coppia
Nm/rpm
Cambio/
N°rapporti
Massa a vuoto
(kg)
Velocità
max
Acceler.
0–100 km/h
Consumo
(l/100 km)
Emissioni CO2
(g/km)
Anni di
produzione
Prezzo al
debutto
Versioni a benzina
CLS280 219.354 M272E30
(272.943)
2996 Iniez. elett.
indiretta
231/6000 300/2500 AS/7 1.655 245 7"7 9.8 233 2008-09 59.591
CLS300 2009-10 61.451
CLS350 219.356 M272E35
(272.964)
3498 272/6000 350/2400 250 7" 10.1 241 2004-06 62.231
CLS350 CGI 219.357 M272DE35
(272.985)
Iniezione
diretta
292/6400 365/3000 1.660 6"7 9.3 222 2006-10 65.047
CLS5001 219.375 M113E50
(113.967)
4966 Iniez. elett.
indiretta
306/5600 460/2700 1.735 6"1 11.3 268 2004-06 77.381
219.372 M273E55
(273.960)
5461 388/6000 530/2800 1.760 5"4 11.8 280 2006-10 80.407
CLS55 AMG
Kompressor
219.376 M113E55ML
(113.990)
5439 Iniez. elett.
indiretta +
compressore volumetrico
476/6100 700/2650 AS/5 1.845 4"7 13.6 340 2004-06 106.491
CLS55 AMG
Kompressor
Performance
300 2006 118.737
CLS63 AMG 219.377 M156E63 6208 Iniez. elett.
indiretta
514/6800 630/5200 AS/7 1.830 250 4"5 14.5 345 2006-10 110.869
CLS63 AMG
Performance
300 2006-10 121.735
Versioni diesel
CLS320 CDI 219.322 OM642DE30LA
(642.920)
2987 turbodiesel
common rail
224/4000 510/1800 AS/7 1.740 246 7" 7.6 202 2005-09 61.447
CLS350 CDI 2009-10 67.241
1Dal 2006 commercializzata in USA, Canada e Giappone con il nome di CLS550

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  • Auto, Ottobre 2003, Conti Editore
  • Auto, Novembre 2004, Conti Editore
automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili