Mercedes-Benz M278

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La sigla Mercedes-Benz M278 indica un motore a scoppio prodotto a partire dal 2010 dalla Casa tedesca Mercedes-Benz.

Caratteristiche e versioni[modifica | modifica sorgente]

Una delle prime applicazioni del motore M278 si ha nella seconda generazione della CLS500

Si tratta di un motore V8 destinato gradualmente a rimpiazzare i due motori M273. Mentre questi ultimi erano due, uno da 4.7 e l'altro da 5.5 litri, il motore M278 riprende unicamente le caratteristiche dimensionali dell'unità più piccola, ma decisamente evoluta, a tal punto da risultare sensibilmente più prestante anche nei confronti dell'unità più grande. Il nuovo motore, infatti, ha una cilindrata di 4663 cm³, esattamente come l'unità M273 di minori dimensioni, ma in più offre nuovi contenuti tecnologici, come l'alimentazione ad iniezione diretta di terza generazione, denominata BlueDIRECT, con combustione a getto multiplo ed iniettori piezoelettrici, la tecnologia BlueDIRECT, tra l'altro fa il suo debutto proprio in questo motore e nel V6 M276; inoltre, tra le altre caratteristiche del motore M278 vanno ricordati l'accensione di tipo multi-spark ed il sistema Start/Stop grazie al quale il motore viene spento quando la vettura si ferma in coda. Ciò permette di ridurre sensibilmente i consumi e le emissioni di CO2, che arrivano entrambi a calare del 22%, a fronte di un aumento di coppia motrice del 32% e di un incremento di potenza del 12%. Questi ultimi due incrementi sono stati però possibili anche e soprattutto grazie all'adozione di due turbocompressori, uno per bancata, mantenuti a bassa pressione, in modo tale da consentire una massiccia erogazione di coppia già a bassissimi regimi, basti pensare che dei 700 Nm dichiarati, ben 600 sono già disponibili a 1600 giri/min e si tocca il valore massimo già a 1800 giri/min.
L'unità M273 più grande, quella da 5.5 litri, non va però in pensione definitivamente, ma viene anch'essa riproposta in chiave più evoluta e rivisitata dalla AMG. Così rivisto, questo motore prende la sigla di M157.
Strutturalmente, il motore M278 è imparentato anche con il nuovo V6 M276, che però presenta anche alcune differenze, come l'angolo tra le bancate, mantenuto a 90° (nel V6 M276, invece, è stato ridotto a 60°). Questo motore viene accoppiato ad un cambio automatico-sequanziale 7G-Tronic ed il suo debutto è previsto per l'autunno 2010 in occasione del restyling della grande coupé C216 della Classe CL.

In sostanza, queste sono le caratteristiche del motore M278:

  • architettura di tipo V8;
  • angolo di 90° tra le bancate;
  • basamento, monoblocco e testate in lega di alluminio;
  • canne cilindri in lega Silitec di alluminio-silicio;
  • testate a 4 valvole per cilindro;
  • alesaggio e corsa: 92.9x86 mm;
  • cilindrata: 4663 cm³;
  • distribuzione a doppio asse a camme in testa per bancata;
  • fasatura variabile continua lato aspirazione e scarico;
  • asse a camme lato aspirazione mosso da catena;
  • asse a camme lato scarico mosso da ingranaggi;
  • collettori di aspirazione a lunghezza variabile realizzati in lega di silicio-magnesio;
  • alimentazione ad iniezione diretta con iniettori piezoelettrici;
  • sovralimentazione mediante due turbocompressori (uno per bancata);
  • biella in acciaio forgiato;
  • albero a gomiti su cinque supporti di banco.

Prestazioni ed applicazioni[modifica | modifica sorgente]

Ad oggi, il motore M278 è stato proposto in due varianti di potenza:

Variante Rapporto di
compressione
Potenza (CV/rpm) Coppia (Nm/rpm) Applicazioni Anni di
produzione
1. 10.7 408/
5000-5750
600/
1600-4750
Mercedes-Benz E500 BlueEFFICIENCY W212 dal 09/2011
Mercedes-Benz E500 BlueEFFICIENCY Coupé e Cabriolet C207/A207 dal 09/2011
Mercedes-Benz CLS500 C218 dal 04/2011
Mercedes-Benz CLS500 4Matic C218 dal 11/2011
2. 10.5 435/5250 700/
1800-3500
Mercedes-Benz CL500 C216 10/2010-12/2013
Mercedes-Benz S500 W221 dal 2011
Mercedes-Benz SL500 R231 dal 2011
3. 455/
5250-5500
700/
1800-3500
Mercedes-Benz S500 W222 dal 06/2013
Mercedes-Benz S500 Coupé 4MATIC C217 dal 06/2014

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]