Mercedes-Benz R231

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mercedes-Benz R231
Mercedes-Benz SL 500 BlueEFFICIENCY Sport-Paket AMG (R 231) – Frontansicht, 8. August 2012, Velbert.jpg
Descrizione generale
Costruttore Germania  Mercedes-Benz
Tipo principale roadster
Produzione dal 2011
Sostituisce la Mercedes-Benz R230
Euro NCAP 5 stelle
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4.612–4.617 mm
Larghezza 1.877 mm
Altezza 1.315 mm
Passo 2.585 mm
Massa 1.685–1.785 kg
Altro
Auto simili Aston Martin Vantage Roadster
Chevrolet Corvette Convertible
Mercedes-Benz SL 500 BlueEFFICIENCY Sport-Paket AMG (R 231) – Heckansicht, 8. August 2012, Velbert.jpg
Vista posteriore

R231 è la sigla della sesta generazione della Classe SL, un'autovettura roadster di lusso prodotta dalla Casa automobilistica tedesca Mercedes-Benz a partire dal 2011.

Storia e profilo[modifica | modifica sorgente]

Debutto[modifica | modifica sorgente]

Dopo una genesi ed una preparazione tenuta nel massimo riserbo (poche sono state le indiscrezioni lasciate filtrare dalla Casa tedesca), le prime foto ufficiali della nuova roadster tedesca sono state diffuse a novembre. Nello stesso periodo, è stato dato il via agli ordini dei primi esemplari e la nuova vettura ha cominciato ad apparire nei siti internet della Mercedes-Benz. Due sono gli appuntamenti previsti per la presentazione della vettura. Uno, in anteprima mondiale, al Salone dell'automobile di Detroit nel gennaio 2012 e l'altro in anteprima europea al Salone di Ginevra nel mese di marzo.

Linea ed abitacolo[modifica | modifica sorgente]

La nuova generazione della SL mantiene un'impostazione classica, tipicamente da roadster, dove si ritrovano il lungo cofano anteriore, il parabrezza molto inclinato e l'abitacolo a ridosso del retrotreno. Il frontale riprende gli stilemi degli ultimi modelli della Casa, con la grande calandra trapezoidale ispirata alla sportiva SLS AMG, dominata al centro dal grande logo con la stella a tre punte da cui si dipartono due grossi "baffi" che tagliano orizzontalmente in due la calandra stessa; i gruppi ottici anteriori, anch'essi di forma trapezoidale, sono pure ispirati agli ultimi dettami stilistici che costituiscono il family-feeling Mercedes-Benz dopo il primo decennio del nuovo secolo. Il cofano motore, molto affusolato, è solcato da due nervature longitudinali. Il paraurti a tre prese d'aria incorpora la tecnologia a led nelle due laterali. La vista laterale è quella che ispira maggior dinamismo alla vettura, conferendole una particolare grinta, grazie ad elementi stilistici come gli sfoghi d'aria sui parafanghi anteriori, da cui parte una nervatura longitudinale che solca la fiancata all'altezza della maniglia porta. Anche i codolini sottoporta sono stati appositamente profilati per rendere più aggressiva la vista d'insieme, così come la linea di cintura, volutamente alta per dare un'impressione di robustezza. La R231 mantiene anche la soluzione del tetto ripiegabile in metallo ed in configurazione chiusa mostra un padiglione dall'andamento arcuato. La coda, sebbene raccolta come da tradizione, non lo è più come nelle precedenti generazioni, e tende a sporgere maggiormente all'indietro. Qui trovano posto i gruppi ottici di forma triangolare, anch'essi con tecnologia a led, ed il paraurti dominato dai due grossi terminali di scarico.
Anche l'abitacolo mostra diverse affinità stilistiche con la più recente produzione della Casa di Stoccarda: qui si ritrovano elementi come le bocchette di aerazione d'ispirazione aeronautica, il volante multifunzione a tre razze ed il massiccio gruppo centrale formato da consolle e tunnel, dove trovano posto il sistema COMMAND ed il suo relativo display di grande formato. L'abitabilità è migliorata grazie all'aumento degli ingombri esterni (rispettivamente di 50 e 57 mm in lunghezza e larghezza), che consentono di disporre di qualche cm in più per i due occupanti della vettura. Il tetto ripiegabile può essere a scelta verniciato, trasparente o trasparente con sistema Magic Sky Control, che permette di oscurarlo tramite un apposito comando. Tra le altre caratteristiche introdotte con la R231 va ricordato il Magic Vision Control, che consiste in un sistema tergicristallo con ugelli incorporati direttamente nella spazzola, i quali orientano il getto solo dove serve e solo nelle direzione di movimento della spazzola.

Struttura, meccanica e motori[modifica | modifica sorgente]

Per la realizzazione della scocca della R231, si è lavorato molto con le leghe leggere, a tal punto da ottenere una scocca più leggera di 125 o 140 kg (rispettivamente per il modello di punta e quello di base) rispetto a quella dei corrispondenti modelli della precedente generazione di SL. La maggior parte della struttura è realizzata in lega di alluminio, ma non mancano anche componenti in magnesio, come la struttura del tetto ripiegabile. L'acciaio altoresistenziale è stato utilizzato solo in quei punti dove si rende necessario garantire rigidità alla scocca e dove incombono insormontabili esigenze di sicurezza passiva. Il massiccio utilizzo di leghe leggere ha comunque garantito un livello di rigidezza torsionale superiore a quello della precedente SL.
Leggerezza è stata anche la parola d'ordine per la progettazione e la realizzazione della meccanica telaistica, in ogni caso gestita elettronicamente. Sul fronte delle sospensioni è possibile scegliere tra due possibilità: da una parte le sospensioni semiattive, previste nella dotazione di serie, mentre dall'altra si può avere il sistema ABC (Active Body Control), completamente automatico nella regolazione dell'estensione degli ammortizzatori ed in quella della loro rigidità. L'avantreno è del tipo con fusi a snodo e bracci elastici, mentre il retrotreno è di tipo multilink. L'impianto frenante è a dischi autoventilanti con dispositivi ABS, ESP, controllo di trazione e BAS (assistente elettronico alla frenata d'emergenza). Per quanto riguarda lo sterzo, esso interagisce direttamente con le sospensioni per garantire un'ottimale precisione di guida e si avvale per questo di un servocomando elettromeccanico.
Al suo debutto, la R231 è stata proposta in due motorizzazioni per altrettante versioni:

  • SL350, equipaggiata con il V6 BlueDIRECT da 3498 cm³ in grado di erogare 306 CV di potenza massima;
  • SL500, spinta dal V8 da 4663 cm³, sovralimentato mediante doppio turbocompressore ed in grado di erogare fino a 435 CV di potenza massima.

In entrambi i casi, il cambio è il 7G-Tronic-Plus a 7 rapporti, un cambio automatico a gestione elettronica già montato su alcuni degli ultimi modelli della Casa, evoluzione del precedente 7G-Tronic.

Allestimenti e dotazione[modifica | modifica sorgente]

In generale, per le due versioni della gamma R231 è stato previsto un unico allestimento, estremamente ricco e che comprende, solo per citare una parte della dotazione, il doppio airbag frontale, gli airbag laterali e quelli per la testa, il climatizzatore bizona, i fari bixeno a gestione automatica, il cofano motore attivo, le sospensioni sportive, i poggiatesta attivi, il dispositivo Start e Stop, i retrovisori esterni ripiegabili elettricamente e riscaldabili, il cruise control, le luci di emergenza ad attivazione automatica, il sistema Pre-SAFE, l'impianto multimediale comprendente sistema Hi-Fi e navigatore satellitare, cerchi in lega da 19 pollici.
La SL350 comprende anche interni in pelle e tessuto, che diventano interamente in pelle sulla SL500. È infine possibile, come già detto, scegliere tra tetto in tinta, tetto trasparente e tetto con Magic Sky Control a trasparenza regolabile.
Al suo esordio, però, la R231 è stata proposta anche in un allestimento particolare denominato Edition 1 e che comprende anche: kit estetico AMG, assetto ribassato, cerchi da 19 pollici specifici, airscarf per il riscaldamento del collo a vettura scoperta, impianto frenante maggiorato, impianto hi-fi specifico.

Evoluzione[modifica | modifica sorgente]

La SL63 AMG

Nel mese di aprile del 2012, la gamma si allarga con l'arrivo della versione ad alte prestazioni, come sempre contraddistinta dalla sigla AMG. Equipaggiata da un poderoso motore V12 biturbo da 5461 cm³ in grado di erogare 537 CV di potenza massima, la SL63 AMG può raggiungere i 250 km/h in configurazione standard oppure i 300 km/h se munita del pacchetto Performance: in questo caso, la potenza sale a 564 CV.
In autunno, invece, arriva un'altra versione top, ancora più prestante, vale a dire la SL65 AMG, spinta da un potente motore V12 da 6 litri, anch'esso con doppia sovralimentazione ed in grado di erogare fino a 630 CV di potenza massima. Anche per questa versione, in grado di raggiungere 250 km/h, è disponibile il pacchetto Performance che ne innalza la velocità di punta fino a 300 km/h.

Riepilogo versioni[modifica | modifica sorgente]

Di seguito vengono riepilogate le caratteristiche delle varie versioni costituenti la gamma della SL R231.

Modello Sigla progetto Motore Cilindrata
cm³
Alimentazione Potenza
CV/rpm
Coppia
Nm/rpm
Massa a vuoto
(kg)
Velocità
max
Acceler.
0-100 km/h
Consumo
(l/100 km)
Emissioni CO2
(g/km)
Anni di
produzione
SL350 231.457 M276DE35 3498 Iniezione
elettronica
306/6500 370/
3500-5250
1.685 250 5"9 7.5 176 dal 12/2011
SL500 231.473 M278DE46LA 4663 Biturbo
Iniez. elett.
435/5250 700/
1800-3500
1.785 4"6 9.2 214 dal 12/2011
SL63 AMG 231.474 M157DE55AL 5461 537/5500 800/
2000-4500
1.710 4"3 9.9 231 dal 04/2012
SL63 AMG
Performance
564/5500 900/
2250-3750
300 4"2 dal 04/2012
SL65 AMG 231.479 M279E60AL 5980 630/
4800-5400
1000/
2300-4300
1.875 250 4"3 11.7 270 dal 09/2012
SL65 AMG
Performance
300 4"2 dal 09/2012

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Auto, gennaio 2012, Conti Editore

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili