Chrysler Crossfire

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chrysler Crossfire
Chrysler Crossfire coupe black NC.jpg
Descrizione generale
Costruttore Stati Uniti  Chrysler
Tipo principale Coupé
Produzione dal 2003 al 2007
Esemplari prodotti circa 83.005
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4.059 mm
Larghezza 1.765 mm
Altezza 1.308 (coupé) mm
1.316 (cabrio) mm
Passo 2.400 mm
Altro
Assemblaggio Osnabrück, Germania
Progetto DaimlerChrysler
Stile Eric Stoddard
Stessa famiglia Mercedes-Benz SLK
Auto simili Alfa Romeo Spider
BMW Z4
Mazda RX-8
Nissan 350Z
Porsche Boxster
Chrysler Crossfire Roadster rear.jpg
Vista posteriore Cabrio
La Crossfire nella versione sportiva SRT-6

La Chrysler Crossfire è un'autovettura classificata come sportiva compatta prodotta dalla casa automobilistica americana Chrysler dal 2004 al 2007. Era disponibile sia in versione coupé che in versione cabrio. Essa condivide il telaio e parte dei suoi componenti con la Mercedes-Benz SLK prima serie pur avendo aspetto ben differente.

Produzione e vendite[modifica | modifica sorgente]

Nel primo anno di produzione (2004) venne proposta solo la versione coupé: la produzione, effettuata nel 2003 per la vendita nel 2004, fu di 35.700 esemplari. Nel 2004 invece, con la presentazione della versione cabrio, ne vennero prodotte, per il 2005, 28.000 mentre nel 2005 per il 2006 12.800. L'ultimo esemplare uscì dalla linee di produzione il 17 dicembre del 2007 per concludere l'anno con soli 2.000 esemplari prodotti. È stata assemblata presso gli stabilimenti Mercedes-Benz di Osnabrück in Germania in oltre 83.000 esemplari.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Motorizzazioni disponibili:

Trasmissione:

La vettura, prendendo le mosse da una spider come la Mercedes Slk, è caratterizzata da una abitabilità limitata a due posti, con l'aggiunta din un bagagliaio di notevole, per la tipologia di auto, cubatura. Di guida molto gradevole cerca di mediare le caratteristiche tipiche delle sportive di scuola europea (passo corto, estrema maneggevolezza, peso non elevato) con le caratteristiche predominanti nella concezione statunitense (propulsore di elevata cubatura e ricco di coppia, buon confort). Dal punto di vista estetico la Crossfire appare come un esercizio di stile, con l'alternarsi di linee curve e di quelle tese. Notevole la gommatura, caratterizzata da una diversa misura all'anteriore (225/40-18) rispetto al posteriore (255/35-19) che incide sull'aspetto estetico generale dando un caratteristico ed accentuato cuneo. Tipica, poi, la presenza di un profilo a "cresta" che parte dal cofano motore, passa sul tetto e finisce sul paraurti posteriore. Estetica, quindi, molto originale ed aggressiva ma non sempre gradita a tutti. All'interno la Crossfire è in parte simile alla Mercedes Slk, con simile disegno della plancia, anche se l'utilizzo di materiali differenti cerca di cambiarne la personalità. Notevoli, in ogni caso, i sedili che, nella serie Limited sono integrali, rivestiti in pelle ed a completa regolazione elettrica, nella serie SRT sono integrali parte in Alcantara e parte in pelle con regolazione elettrica e, nella più economica serie "base" sono invece con poggiatesta separato (come sulla Slk), rivestiti in tessuto e a regolazione manuale. Tutti i modelli hanno il climatizzatore semi-automatico a regolazione separata della temepartura, il Cruise Control e l'impianto audio I)nfinity di elevata potenza e qualità del suono. Come accessori standard di sicurezza viene fornita di ESP e ABS oltre che del controllo di trazione. I sistemi elettronici possono essere disinseriti pure se mai in maniera totale. Le prestazioni sono da considerarsi buone per la versione n/a ed ottime per la sovralimentata. Rilassante e tutto sommato confortevole la guida, data la fluidità e la grande coppia del motore 3.2. Discreti i consumi. Tra i 14 e i 10 per l'aspirato in extraurbano, appena inferiori per il sovralimentato. Come in altre vetture sportive similari, sul posteriore dell'auto è inserito uno spoiler che fuoriesce quando il veicolo raggiunge la velocità di circa 100 km/h per aumentarne la stabilità (e rientra in posizione di riposo quando si scende sotto i 60 Km/h).

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili