Arrows Grand Prix International

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Arrows)
bussola Disambiguazione – "Arrows" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Arrows (disambigua).
Arrows Grand Prix International
Sede Regno Unito Regno Unito, Milton Keynes
Categorie
Formula 1
Dati generali
Anni di attività dal 1977 al 2002
Fondatore Franco Ambrosio, Alan Rees, Jackie Oliver, Dave Wass, Tony Southgate
Formula 1
Anni partecipazione Dal 1978 al 2002
Miglior risultato 4º (1988)
Gare disputate 381
Vittorie 0

L'Arrows Grand Prix International è stato un team britannico di Formula 1, con sede a Milton Keynes, fondato nel 1977 dal finanziere italiano Franco Ambrosio e dagli ex-componenti della squadra Shadow Alan Rees, Jackie Oliver, Dave Wass e Tony Southgate. Oltre ad essere l'acronimo dei nomi dei fondatori, il nome della squadra significa "frecce" in inglese.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Arrows Grand Prix International[modifica | modifica sorgente]

La Arrows A2 schierata a partire dal Gran Premio di Francia 1979, caratterizzata dalla mancanza di appendici aerodinamiche

Fondata nel novembre del 1977, la Arrows doveva inizialmente avere sede in Italia e chiamarsi Ambrosio Racing Team, dal nome del suo principale sponsor.[1] Il personale proveniva in gran parte dalla Shadow, così come il pilota, Riccardo Patrese, a cui venne poi affiancato Rolf Stommelen. In soli 53 giorni venne realizzata la prima monoposto, la Arrows FA1, che fece il proprio debutto al Gran Premio del Brasile 1978. La vettura suscitò, però, diverse polemiche in quanto era una copia identica della Shadow DN9 e Don Nichols, proprietario della scuderia, intentò una causa legale contro la Arrows, rivendicando la proprietà intellettuale dei progetti.[2]

I risultati in pista vedevano comunque Patrese ottenere buoni risultati, tanto che al Gran Premio del Sudafrica riuscì a portarsi in testa alla corsa fino a quando non cedette il propulsore. La gara seguente, poi, conquistò i primi punti mondiali per la scuderia al Gran Premio degli Stati Uniti disputato a Long Beach, seguite da un secondo posto in Svezia alcune gare più tardi. La situazione all'interno del team, però, non era rosea: a causa di reati di tipo finanziario Ambrosio venne arrestato in Italia e ritirò il sostegno economico alla scuderia, mentre l'alta Corte condannò la Arrows ad una multa di cinquantamila dollari e alla distruzione degli esemplari delle sue vetture, poi donate come parziale risarcimento a Nichols.[2] Nonostante le gravi difficoltà Southgate e Warr riuscirono a progettare una nuova monoposto, la A1, in poco più di un mese.[2]

Nel settembre 1978, poi, durante il Gran Premio d'Italia a Monza, Patrese fu coinvolto nell'incidente che costò la vita a Ronnie Peterson e, dopo essere stato accusato pesantemente da James Hunt, di avere provocato l'incidente gli fu vietata la partecipazione al Gran Premio seguente dai suoi stessi colleghi. In seguito un'inchiesta appurerà in via definitiva che il pilota padovano non fu in realtà responsabile dell'accaduto. L'italiano ottenne infine un quarto posto in Canada, permettendo alla scuderia di chiudere al decimo posto in classifica costruttori. Nonostante ciò la FOCA, vista la faccenda legale che aveva coinvolto il team inglese, impedì che alla Arrows venissero erogati i bonus previsti per i risultati ottenuti in gara.[3]

Boutsen nel 1984

Nel 1979 a Patrese venne poi affiancato Jochen Mass e, a partire da metà stagione, fu schierata la Arrows A2, vettura estrema e senza appendici aerodinamiche. Questa monoposto, soprannominata "supposta" era caratterizzata da problemi di bilanciamento[3] e raramente i due piloti riuscirono ad ottenere risultati di rilievo, chiudendo la stagione con appena cinque punti.

Patrese conquistò poi nel 1981 la sola pole position della storia della squadra a Long Beach, conducendo poi la gara finché non venne costretto al ritiro da problemi meccanici. Quell'anno la Arrows si piazzò all'ottavo posto nella classifica del mondiale costruttori. Nel 1984, grazie all'apporto dei motori BMW turbocompressi e alla sponsorizzazione dell'industria del tabacco Barclay, le cose cominciarono ad andare meglio. L'Arrows finì nona nel campionato costruttori e ottava l'anno successivo.

Nel 1987 la BMW ritirò la propria collaborazione e i motori in dotazione al team furono rinominati Megatron: tuttavia la squadra inglese riuscì comunque a disputare le sue stagioni migliori, finendo sesta nel 1987 e quarta nel 1988 (anno che concluse l'era dei motori turbocompressi) grazie ai frequenti piazzamenti in zona punti dei due piloti Eddie Cheever e Derek Warwick. Proprio in questo periodo Ross Brawn divenne direttore tecnico della scuderia prima di passare alle vetture sport prototipo nel 1989.

Footwork Arrows[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Footwork Arrows.

Nel 1990 l'uomo d'affari giapponese Kazuo Ito decise di investire nel Team Arrows e le vetture cominciarono quindi a scendere in pista con il logo Footwork come sponsor principale sulle fiancate. Jackie Oliver, in ristrettezze finanziarie, decise l'anno dopo di cedere il team alla compagnia nipponica, che modificò il nome della squadra in Footwork Arrows e raggiunse un accordo con la Porsche per la fornitura di motori. I risultati furono però semplicemente disastrosi, visto che la casa tedesca fornì un motore eccessivamente ingombrante e in grado di erogare scarsa potenza,[4] tanto che la squadra dovette ripiegare sui Cosworth già durante la stagione 1991; nel 1992, si decise di passare ai motori Mugen. Il nome Footwork fu mantenuto fino alla stagione 1996 quando si tornò alla vecchia denominazione di Arrows. Jackie Oliver in ogni caso, aveva mantenuto il controllo della squadra per tutto questo periodo, a prescindere dai cambiamenti di nome.

TWR Arrows[modifica | modifica sorgente]

Nel marzo del 1996 Tom Walkinshaw acquistò una rilevante quota della squadra, e a settembre ingaggiò il campione del mondo Damon Hill, affiancandogli come seconda guida il facoltoso pilota brasiliano Pedro Diniz in modo da ottenere un aiuto per pagare l'oneroso stipendio di Hill. Il team arrivò a sfiorare la prima vittoria nel Gran Premio di Ungheria del 1997, quando un buonissimo ritmo di gara (dovuto anche all'eccezionale resa degli pneumatici Bridgestone in quel gran premio) ed il sorpasso alla Ferrari dell'eterno rivale Schumacher portarono Hill al comando, ma un guasto al cambio nei giri finali lo fece retrocedere al secondo posto. Nel corso degli anni seguenti Walkinshaw acquistò anche le rimanenti quote di Oliver, e dopo un anno con i motori Yamaha (costruiti dalla Judd) fu rilevata la Brian Hart Ltd e assunto a pieno titolo Brian Hart che era stato il fornitore di motori a partire nel 1995-1996 e realizzò nel 1998 quelli targati Arrows.

La monoposto Team Orange Arrows F.1 al Gran Premio degli Stati Uniti 2000

Nella stagione 2000 fece ritorno all'Arrows il pilota Jos Verstappen a cui si affiancò Pedro de la Rosa. Si corse con il telaio Arrows A21 e motori Supertec. Questo era un motore non potentissimo ma comunque valido, specialmente dopo lo sviluppo approntato durante la stagione. Grazie anche ad un'ottima aerodinamica e ad una buona stabilità la vettura riesce ad ottenere una bella serie di giri veloci in vari circuiti. Sia Verstappen che de la Rosa riuscirono ad essere competitivi con la parte centrale dello schieramento di quell'anno ed il pilota spagnolo sfiorò il podio in Austria, quando viene fermato da un guasto meccanico.

Il passaggio al motore Asiatech del 2001 e l'abbandono di gran parte dello staff indebolirono molto la squadra e Walkinshaw decise inoltre di sostituire de la Rosa con il debuttante Enrique Bernoldi. La stagione fu estremamente dura e Verstappen riuscì a strappare l'unico punto nel Gran Premio d'Austria.

Nel 2002 Tom Walkinshaw raggiunse un accordo per l'utilizzo dei motori Cosworth V10 e confermò Bernoldi (che godeva dell'appoggio finanziario della Red Bull), mentre licenziò Verstappen per prendere Heinz-Harald Frentzen che si era reso disponibile per la chiusura della Prost Grand Prix. Il team si trovò però senza fondi a metà della stagione e non riuscì nemmeno a presentarsi al via di tutte le gare dell'anno (più volte si assistette allo spettacolo dei membri del team che abbandonavano i box nel bel mezzo dei weekend di gara dopo aver saputo che gli stipendi non sarebbero stati onorati). Alla fine il team venne messo in liquidazione forzata, costringendo tra l'altro la TWR alla chiusura.

Un consorzio capitanato dalla Phoenix Finance - guidata da Charles Nickerson, un amico di Walkinshaw - comprò una parte delle dotazioni del team, specificamente i motori, pensando di unirli alle altre dotazioni acquistate dalla fallita Prost Grand Prix, al fine di partecipare al mondiale 2003. La FIA non concesse loro l'autorizzazione a gareggiare. Un dettaglio curioso riguarda Verstappen, al quale nello stesso anno la Ferrari aveva offerto un contratto come collaudatore: onestamente il pilota rifiutò, per mantenere la parola data in precedenza al Team Arrows.

L'Arrows vanta il record di 382 gare disputate nel mondiale di F1 senza aver ottenuto alcuna vittoria.

Risultati completi in Formula Uno[modifica | modifica sorgente]

Anno Vettura Motore Gomme Piloti Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of the United States.svg Flag of Monaco.svg Flag of Belgium.svg Flag of Spain (1977 - 1981).svg Flag of Sweden.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Canada.svg Punti Pos.
1978 FA1 e A1 Ford-Cosworth DFV G Riccardo Patrese 10 Rit 6 6 Rit Rit 2 8 Rit 9 Rit Rit Rit ES 4 11 10º
Rolf Stommelen 9 9 Rit Rit 14 14 15 NQ SQ NQ NPQ NPQ 16 NQ
Anno Vettura Motore Gomme Piloti Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of the United States.svg Flag of Spain (1977 - 1981).svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Punti Pos.
1979 A1B e A2 Ford-Cosworth DFV G Riccardo Patrese NP 9 11 Rit 10 5 Rit 14 Rit Rit Rit Rit 13 Rit Rit 5
Jochen Mass 8 7 12 9 8 Rit 6 15 Rit 6 Rit 6 Rit NQ NQ
Anno Vettura Motore Gomme Piloti Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of the United States.svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Punti Pos.
1980 A3 Cosworth DFV G Riccardo Patrese Rit 6 Rit 2 Rit 8 9 9 9 14 Rit Rit Rit Rit 11
Jochen Mass Rit 10 6 7 Rit 4 10 13 8 NQ 11 Rit
Mike Thackwell NQ
Manfred Winkelhock NQ
Anno Vettura Motore Gomme Piloti Flag of the United States.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of Argentina.svg Flag of San Marino.svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of Spain (1977 - 1981).svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of Las Vegas, Nevada.svg Punti Pos.
1981 A3 Cosworth DFV Michelin e Pirelli Riccardo Patrese Rit 3 7 2 Rit Rit Rit 14 10 Rit Rit Rit Rit Rit 11 10
Siegfried Stohr NQ Rit 9 NQ Rit Rit Rit NQ Rit 12 Rit 7 NQ
Jacques Villeneuve Sr. NQ NQ
Anno Vettura Motore Gomme Piloti Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of the United States.svg Flag of San Marino.svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of the United States.svg Flag of Canada.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of France.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of Switzerland (Pantone).svg Flag of Italy.svg Flag of Las Vegas, Nevada.svg Punti Pos.
1982 A4 e A5 Cosworth DFV P Marc Surer WD 7 9 8 5 10 Rit 13 6 Rit 15 11 7 5 10º
Brian Henton NQ NQ Rit
Mauro Baldi NQ 10 NQ WD Rit NQ Rit 8 6 9 Rit Rit 6 NQ 12 11
Anno Vettura Motore Gomme Piloti Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Belgium.svg Flag of the United States.svg Flag of Canada.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of Europe.svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Punti Pos.
1983 A6 Ford-Cosworth DFV G Marc Surer 6 5 10 6 Rit 11 11 Rit 17 7 Rit 8 10 Rit 8 4 10º
Chico Serra 9 Rit 8 7
Alan Jones Rit
Thierry Boutsen Rit 7 7 15 9 13 14 Rit 11 9
Anno Vettura Motore Gomme Piloti Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Belgium.svg Flag of San Marino.svg Flag of France.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of the United States.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of Europe.svg Flag of Portugal.svg Punti Pos.
1984 A6 e A7 Ford-Cosworth DFV e BMW M12/13 G Marc Surer 7 9 8 Rit Rit NQ Rit Rit Rit 11 Rit 6 Rit Rit Rit Rit 6
Thierry Boutsen 6 12 Rit 5 11 NQ Rit Rit Rit Rit Rit 5 Rit 10 9 Rit
Anno Vettura Motore Gomme Piloti Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of Portugal.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of Belgium.svg Flag of Europe.svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
1985 A8 BMW M12/13 G Gerhard Berger Rit Rit Rit Rit 13 11 Rit 8 7 Rit 9 Rit 7 10 5 6 14
Thierry Boutsen 11 Rit 2 9 9 7 9 Rit 4 8 Rit 9 10 6 6 Rit
Anno Vettura Motore Gomme Piloti Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of Spain.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Belgium.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Austria.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Mexico.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
1986 A8 e A9 BMW M12/13 G Marc Surer Rit Rit 9 9 9 1 10º
Christian Danner Rit 11 Rit Rit Rit 6 8 11 9 Rit
Thierry Boutsen Rit 7 7 8 Rit Rit Rit NC NC 10 Rit Rit 7 10 7 Rit
Anno Vettura Motore Gomme Piloti Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of San Marino.svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Austria.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Mexico.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
1987 A10 Megatron M12/13 G Derek Warwick Rit 11 Rit Rit Rit Rit 5 Rit 6 Rit Rit 13 10 Rit 10 Rit 11
Eddie Cheever Rit Rit 4 Rit 6 Rit Rit Rit 8 Rit Rit 6 8 4 9 Rit
Anno Vettura Motore Gomme Piloti Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Mexico.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
1988 A10B BMW M12/13 G Derek Warwick 4 9 4 5 7 Rit Rit 6 7 Rit 5 4 4 Rit Rit Rit 23
Eddie Cheever 8 7 Rit 6 Rit Rit 11 7 10 Rit 6 3 Rit Rit Rit Rit
Anno Vettura Motore Gomme Piloti Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Mexico.svg Flag of the United States.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
1989 A11 Ford DFR G Derek Warwick 5 5 Rit Rit Rit Rit 9 6 10 6 Rit Rit 9 6 Rit 13
Martin Donnelly 12
Eddie Cheever Rit 9 7 7 3 Rit 7 NQ 12 5 Rit NQ Rit Rit 8 Rit
Anno Vettura Motore Gomme Piloti Flag of the United States.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Mexico.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
1990 A11 e A11B Ford DFR G Michele Alboreto 10 Rit NQ NQ Rit 17 10 Rit Rit 12 13 12 9 10 Rit NQ 2
Bernd Schneider 12 NQ
Alex Caffi Rit NQ 5 8 NQ Rit 7 9 9 10 9 13 9 NQ
Anno Vettura Motore Gomme Piloti Flag of the United States.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Mexico.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
1991 FA11C e FA12 Porsche 3512 e Ford DFR G Michele Alboreto Rit NQ NQ Rit Rit Rit Rit Rit NQ NQ NPQ NQ 15 Rit NQ 13 0
Alex Caffi NQ NQ NQ NQ NPQ NPQ NQ NPQ NPQ NPQ 10 15
Stefan Johansson Rit NQ NQ NQ
Anno Vettura Motore Gomme Piloti Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of Spain.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
1992 FA13 Mugen-Honda MF-351H G Michele Alboreto 10 13 6 5 5 7 7 7 7 9 7 Rit 7 6 15 Rit 6
Aguri Suzuki 8 NQ Rit 7 10 11 NQ Rit 12 Rit Rit 9 Rit 10 8 8
Anno Vettura Motore Gomme Piloti Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Brazil.svg Flag of Europe.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
1993 FA13B e FA14 Mugen-Honda MF-351 HB G Derek Warwick 7 9 Rit Rit 13 Rit 16 13 6 17 4 Rit Rit 15 14 10 4
Aguri Suzuki Rit Rit Rit 9 10 Rit 13 12 Rit Rit Rit Rit Rit Rit Rit 7
Anno Vettura Motore Gomme Piloti Flag of Brazil.svg Flag of the Pacific Community.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Spain.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Europe.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
1994 FA15 Ford HBE7/8 G Christian Fittipaldi Rit 4 13 Rit Rit SQ 8 9 4 14 Rit Rit 8 17 8 8 9
Gianni Morbidelli Rit Rit Rit Rit Rit Rit Rit Rit 5 Rit 6 Rit 9 11 Rit Rit
Anno Vettura Motore Gomme Piloti Flag of Brazil.svg Flag of Argentina.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Europe.svg Flag of the Pacific Community.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
1995 FA16 Hart 830 G Gianni Morbidelli Rit Rit 13 11 9 6 14 Rit Rit 3 5
Massimiliano Papis Rit Rit Rit Rit 7 Rit 12
Taki Inoue Rit Rit Rit Rit Rit 9 Rit Rit Rit Rit 12 8 15 Rit Rit 12 Rit
Anno Vettura Motore Gomme Piloti Flag of Australia.svg Flag of Brazil.svg Flag of Argentina.svg Flag of Europe.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Spain.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Japan.svg Punti Pos.
1996 FA17 Hart 830 G Ricardo Rosset 9 Rit Rit 11 Rit Rit Rit Rit 11 Rit 11 8 9 Rit 14 13 1
Jos Verstappen Rit Rit 6 Rit Rit Rit Rit Rit Rit 10 Rit Rit Rit 8 Rit 11
Anno Vettura Motore Gomme Piloti Flag of Australia.svg Flag of Brazil.svg Flag of Argentina.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Spain.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Austria.svg Flag of Luxembourg.svg Flag of Japan.svg Flag of Europe.svg Punti Pos.
1997 A18 Yamaha OX11A B Damon Hill NP 17 Rit Rit Rit Rit 9 12 6 8 2 13 Rit 7 8 12 Rit 9
Pedro Diniz 10 Rit Rit Rit Rit Rit 8 Rit Rit Rit Rit 7 Rit 13 5 13 Rit
Anno Vettura Motore Gomme Piloti Flag of Australia.svg Flag of Brazil.svg Flag of Argentina.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Austria.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Luxembourg.svg Flag of Japan.svg Punti Pos.
1998 A19 Arrows T2-F1 B Pedro Diniz Rit Rit Rit Rit Rit 6 9 14 Rit Rit Rit 11 5 Rit Rit Rit 6
Mika Salo Rit Rit Rit 9 Rit 4 Rit 13 Rit Rit 14 Rit NP Rit 14 Rit
Anno Vettura Motore Gomme Piloti Flag of Australia.svg Flag of Brazil.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Spain.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Austria.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Europe.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Japan.svg Punti Pos.
1999 A20 Arrows T2-F1 B Pedro de la Rosa 6 Rit Rit Rit 11 Rit 12 Rit Rit Rit 15 Rit Rit Rit Rit 13 1
Toranosuke Takagi 7 8 Rit Rit 12 Rit 11 16 Rit Rit Rit Rit Rit Rit Rit Rit
Anno Vettura Motore Gomme Piloti Flag of Australia.svg Flag of Brazil.svg Flag of San Marino.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Spain.svg Flag of Europe.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of Austria.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Japan.svg Flag of Malaysia.svg Punti Pos.
2000 A21 Supertec FB02 B Pedro de la Rosa Rit 8 Rit Rit Rit 6 NP Rit Rit Rit 6 16 16 Rit Rit 12 Rit 7
Jos Verstappen Rit 7 14 Rit Rit Rit Rit 5 Rit Rit Rit 13 15 4 Rit Rit 10
Anno Vettura Motore Gomme Piloti Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Brazil.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Austria.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Japan.svg Punti Pos.
2001 A22 Asiatech 001 B Jos Verstappen 10 7 Rit Rit 12 6 8 10 Rit 13 10 9 12 10 Rit Rit 15 1 10º
Enrique Bernoldi Rit Rit Rit 10 Rit Rit 9 Rit Rit Rit 14 8 Rit 12 Rit 13 14
Anno Vettura Motore Gomme Piloti Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Brazil.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Austria.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of France.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Japan.svg Punti Pos.
2002 A23 Cosworth CR B Heinz-Harald Frentzen SQ 11 Rit Rit 6 11 6 13 13 Rit NQ Rit 2 11º
Enrique Bernoldi SQ Rit Rit Rit Rit Rit 12 Rit 10 Rit NQ Rit

La sorte dei telai Arrows[modifica | modifica sorgente]

I telai rimasti e i loro diritti di proprietà intellettuale furono più tardi acquistati da Paul Stoddart, allora alla guida del team Minardi, che li considerava una possibile alternativa ai telai usati dalla sua squadra. Il nuovo team Super Aguri rilevò le vecchie vetture del 2002 e le fece correre (con alcune modifiche) con la sigla di SA05 nelle prime gare della stagione 2006. Al Gran Premio di Germania 2006 ha debuttato una nuova versione chiamata SA06, ma basata comunque sullo stesso telaio. Il team stesso aveva sede nella vecchia fabbrica Arrows a Leafield.

Principali piloti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (ES) F.1: Nilsson y Patrese en el "Ambrosio Racing Team" in El Mundo Deportivo, 9-12-1977, p. 26. URL consultato il 1-7-2012.
  2. ^ a b c Cesare Maria Mannucci, Colpevole di clonazione in Autosprint, 21 gennaio 2003, p. 34.
  3. ^ a b Cesare Maria Mannucci, La freccia si è spezzata in Autosprint, 21 gennaio 2003, p. 36.
  4. ^ Cesare Maria Mannucci, La freccia si è spezzata in Autosprint, 21 gennaio 2003, p. 38.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]