Gran Premio di Francia 1991

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Francia Gran Premio di Francia 1991
507º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 7 di 16 del Campionato 1991
Circuit de Nevers Magny-Cours (1991).svg
Data 7 luglio 1991
Circuito Circuito di Nevers Magny-Cours
Percorso 4,271 [1] km
circuito permanente
Distanza 72 giri, 307,512[1] km
Clima coperto[1]
Risultati
Pole position Giro più veloce
Italia Riccardo Patrese Regno Unito Nigel Mansell
Williams - Renault in 1:14.559 Williams - Renault in 1:19.168
(nel giro 49[2])
Podio
1. Regno Unito Nigel Mansell
Williams - Renault
2. Francia Alain Prost
Ferrari
3. Brasile Ayrton Senna
McLaren - Honda

Il Gran Premio di Francia 1991 è stato un Gran Premio di Formula 1 disputato il 7 luglio 1991 a Magny-Cours. La gara è stata vinta da Nigel Mansell su Williams.

Prima della gara[modifica | modifica sorgente]

Qualifiche[modifica | modifica sorgente]

Patrese conquista la pole position negli ultimi minuti della sessione di qualifiche del sabato, dopo che Prost era rimasto in testa alla classifica per gran parte del tempo. Il pilota della Williams precede Prost, Senna, Mansell, Alesi, Piquet, Moreno, Gugelmin e Morbidelli.

Classifica[modifica | modifica sorgente]

Pos No Pilota Costruttore Tempo Distacco
1 6 Italia Riccardo Patrese Williams - Renault 1:14.559
2 27 Francia Alain Prost Ferrari 1:14.789 +0.230
3 1 Brasile Ayrton Senna McLaren - Honda 1:14.857 +0.298
4 5 Regno Unito Nigel Mansell Williams - Renault 1:14.895 +0.336
5 2 Austria Gerhard Berger McLaren - Honda 1:15.376 +0.817
6 28 Francia Jean Alesi Ferrari 1:15.877 +1.318
7 20 Brasile Nelson Piquet Benetton - Ford 1:16.816 +2.257
8 19 Brasile Roberto Moreno Benetton - Ford 1:16.961 +2.402
9 15 Brasile Mauricio Gugelmin Leyton House - Ilmor 1:17.015 +2.456
10 24 Italia Gianni Morbidelli Minardi - Ferrari 1:17.020 +2.461
11 4 Italia Stefano Modena Tyrrell - Honda 1:17.114 +2.555
12 23 Italia Pierluigi Martini Minardi - Ferrari 1:17.149 +2.590
13 33 Italia Andrea de Cesaris Jordan - Ford 1:17.163 +2.604
14 26 Francia Erik Comas Ligier - Lamborghini 1:17.504 +2.945
15 16 Italia Ivan Capelli Leyton House - Ilmor 1:17.533 +2.974
16 25 Belgio Thierry Boutsen Ligier - Lamborghini 1:17.775 +3.216
17 7 Regno Unito Mark Blundell Brabham - Yamaha 1:17.836 +3.277
18 3 Giappone Satoru Nakajima Tyrrell - Honda 1:18.144 +3.585
19 32 Belgio Bertrand Gachot Jordan - Ford 1:18.150 +3.591
20 12 Regno Unito Johnny Herbert Lotus - Judd 1:18.185 +3.626
21 14 Francia Olivier Grouillard Fondmetal - Ford 1:18.210 +3.651
22 30 Giappone Aguri Suzuki Larrousse - Ford 1:18.224 +3.665
23 29 Francia Eric Bernard Larrousse - Ford 1:18.540 +3.981
24 8 Regno Unito Martin Brundle Brabham - Yamaha 1:18.826 +4.267
25 10 Italia Michele Alboreto Arrows - Ford 1:18.846 +4.287
26 22 Finlandia Jyrki Järvilehto Scuderia Italia - Judd 1:19.267 +4.708
NQ 11 Finlandia Mika Häkkinen Lotus - Judd 1:19.491 +4.932
NQ 18 Italia Fabrizio Barbazza AGS - Ford 1:20.110 +5.551
NQ 17 Italia Gabriele Tarquini AGS - Ford 1:20.262 +5.703
NQ 9 Svezia Stefan Johansson Arrows - Ford 1:21.000 +6.441

Gara[modifica | modifica sorgente]

Al via Patrese scatta molto male, scivolando indietro nel gruppo e lasciando così la testa della corsa a Prost, che precede Mansell, Senna, Berger ed Alesi. Gachot esce di pista e si ritira già nel corso del primo giro, mentre Berger è costretto all'abbandono sei tornate più tardi con il motore rotto.

Nel frattempo Patrese inizia a rimontare, passando Piquet e Morbidelli dopo che l'italiano si era messo fuori gara in un tentativo di sorpasso al pilota della Benetton. In testa alla corsa Mansell mette pressione a Prost, superandolo al tornante nel corso del 21º giro, sfruttando anche la presenza di alcuni doppiati. Il pilota della Williams conquista lentamente un certo margine sul rivale, ma un problema durante il cambio gomme lo riportano in seconda posizione, alle spalle del francese.

Comincia quindi un lungo duello tra i due, che si risolve quando Mansell, sfruttando nuovamente la presenza di alcuni doppiati, sopravanza il francese nel corso del 54º passaggio, andando poi a vincere davanti a Prost, Senna, Alesi, Patrese e de Cesaris.

Classifica[modifica | modifica sorgente]

Pos No Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritirato Partenza Punti
1 5 Regno Unito Nigel Mansell Williams - Renault 72 1:38:00.056 4 10
2 27 Francia Alain Prost Ferrari 72 + 5.003 2 6
3 1 Brasile Ayrton Senna McLaren - Honda 72 + 34.934 3 4
4 28 Francia Jean Alesi Ferrari 72 + 35.920 6 3
5 6 Italia Riccardo Patrese Williams - Renault 71 + 1 giro 1 2
6 33 Italia Andrea de Cesaris Jordan - Ford 71 + 1 giro 13 1
7 15 Brasile Maurício Gugelmin Leyton House - Ilmor 70 + 2 giri 9
8 20 Brasile Nelson Piquet Benetton - Ford 70 + 2 giri 7
9 23 Italia Pierluigi Martini Minardi - Ferrari 70 + 2 giri 12
10 12 Regno Unito Johnny Herbert Lotus - Judd 70 + 2 giri 20
11 26 Francia Érik Comas Ligier - Lamborghini 70 + 2 giri 14
12 25 Belgio Thierry Boutsen Ligier - Lamborghini 69 + 3 giri 16
Ritirato 19 Brasile Roberto Moreno Benetton - Ford 63 Problema fisico 8
Ritirato 4 Italia Stefano Modena Tyrrell - Honda 57 Cambio 11
Ritirato 14 Francia Olivier Grouillard Fondmetal - Ford 47 Perdita d'olio 21
Ritirato 29 Francia Éric Bernard Larrousse - Ford 43 Trasmissione 23
Ritirato 22 Finlandia Jyrki Järvilehto Scuderia Italia - Judd 39 Pneumatico 26
Ritirato 8 Regno Unito Mark Blundell Brabham - Yamaha 36 Uscita di pista 17
Ritirato 30 Giappone Aguri Suzuki Larrousse - Ford 32 Trasmissione 22
Ritirato 9 Italia Michele Alboreto Footwork - Ford 31 Cambio 25
Ritirato 7 Regno Unito Martin Brundle Brabham - Yamaha 21 Cambio 24
Ritirato 3 Giappone Satoru Nakajima Tyrrell - Honda 12 Uscita di pista 18
Ritirato 24 Italia Gianni Morbidelli Minardi - Ferrari 8 Collisione 10
Ritirato 16 Italia Ivan Capelli Leyton House - Ilmor 7 Uscita di pista 15
Ritirato 2 Austria Gerhard Berger McLaren - Honda 6 Motore 5
Ritirato 32 Belgio Bertrand Gachot Jordan - Ford 0 Uscita di pista 19
NQ 11 Finlandia Mika Häkkinen Lotus - Judd
NQ 18 Italia Fabrizio Barbazza AGS - Ford
NQ 17 Italia Gabriele Tarquini AGS - Ford
NQ 10 Svezia Stefan Johansson Footwork - Ford
NPQ 21 Italia Emanuele Pirro Scuderia Italia - Judd
NPQ 34 Italia Nicola Larini Modena Team - Lamborghini
NPQ 35 Belgio Eric van de Poele Modena Team - Lamborghini
NPQ 31 Portogallo Pedro Chaves Coloni - Ford

Classifiche[modifica | modifica sorgente]

Costruttori[modifica | modifica sorgente]

Pos. Team Punti
1 Regno Unito McLaren - Honda 58
2 Regno Unito Williams - Renault 45
3 Italia Ferrari 25
4 Regno Unito Benetton - Ford 21
5 Regno Unito Tyrrell - Honda 11
6 Irlanda Jordan - Ford 9
7 Italia Scuderia Italia - Judd 5
8 Italia Minardi - Ferrari 3
8 Regno Unito Lotus - Judd 3
10 Francia Larrousse - Ford 2

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

  • Il primo successo stagionale di Mansell lo porta a quota diciassette vittorie in carriera, battendo il record di vittorie di un pilota inglese appartenente a Stirling Moss.

Fonti[modifica | modifica sorgente]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1991
Flag of the United States.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Mexico.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
1990
Gran Premio di Francia
Edizione successiva:
1992

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c f1pulse.com. URL consultato l'11 maggio 2009.
  2. ^ Alan Henry, AUTOCOURSE 1991-92, Hazleton Publishing, 1991, p.162, ISBN 0-905138-87-2.
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1