Gran Premio di Gran Bretagna 1991

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Regno Unito Gran Premio di Gran Bretagna 1991
508º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 8 di 16 del Campionato 1991
Silverstone 1991.jpg
Data 14 luglio 1991
Circuito Circuito di Silverstone
Percorso 5,226 km / 3,260 US mi
circuito permanente
Distanza 59 giri, 308,334 km/ 188,446 US mi
Clima soleggiato, caldo
Risultati
Pole position Giro più veloce
Regno Unito Nigel Mansell Regno Unito Nigel Mansell
Williams - Renault in 1:20.939 Williams - Renault in 1:26.379
(nel giro 43)
Podio
1. Regno Unito Nigel Mansell
Williams - Renault
2. Austria Gerhard Berger
McLaren - Honda
3. Francia Alain Prost
Ferrari

Il Gran Premio di Gran Bretagna 1991 è stato un Gran Premio di Formula 1 disputato il 14 luglio 1991 sul Circuito di Silverstone. La gara è stata vinta da Nigel Mansell su Williams.

Prima della gara[modifica | modifica sorgente]

Qualifiche[modifica | modifica sorgente]

Nella gara di casa Mansell conquista la pole position davanti a Senna, Patrese, Berger, Prost, Alesi, Moreno, Piquet, Gugelmin e Modena.

Classifica[modifica | modifica sorgente]

Pos No Pilota Costruttore Tempo Distacco
1 5 Regno Unito Nigel Mansell Williams - Renault 1:20.939
2 1 Brasile Ayrton Senna McLaren - Honda 1:21.618 +0.679
3 6 Italia Riccardo Patrese Williams - Renault 1:22.109 +1.170
4 2 Austria Gerhard Berger McLaren - Honda 1:22.109 +1.170
5 27 Francia Alain Prost Ferrari 1:22.478 +1.539
6 28 Francia Jean Alesi Ferrari 1:22.881 +1.942
7 19 Brasile Roberto Moreno Benetton - Ford 1:23.265 +2.326
8 20 Brasile Nelson Piquet Benetton - Ford 1:23.626 +2.687
9 15 Brasile Mauricio Gugelmin Leyton House - Ilmor 1:24.044 +3.105
10 4 Italia Stefano Modena Tyrrell - Honda 1:24.069 +3.130
11 22 Finlandia Jyrki Järvilehto Scuderia Italia - Judd 1:24.141 +3.202
12 7 Regno Unito Mark Blundell Brabham - Yamaha 1:24.165 +3.226
13 33 Italia Andrea de Cesaris Jordan - Ford 1:24.169 +3.230
14 8 Regno Unito Martin Brundle Brabham - Yamaha 1:24.345 +3.406
15 3 Giappone Satoru Nakajima Tyrrell - Honda 1:24.560 +3.621
16 16 Italia Ivan Capelli Leyton House - Ilmor 1:24.587 +3.648
17 32 Belgio Bertrand Gachot Jordan - Ford 1:24.592 +3.653
18 21 Italia Emanuele Pirro Scuderia Italia - Judd 1:24.654 +3.715
19 25 Belgio Thierry Boutsen Ligier - Lamborghini 1:25.174 +4.235
20 24 Italia Gianni Morbidelli Minardi - Ferrari 1:25.222 +4.283
21 29 Francia Eric Bernard Larrousse - Ford 1:25.537 +4.598
22 30 Giappone Aguri Suzuki Larrousse - Ford 1:25.583 +4.644
23 23 Italia Pierluigi Martini Minardi - Ferrari 1:25.583 +4.644
24 12 Regno Unito Johnny Herbert Lotus - Judd 1:25.689 +4.750
25 11 Regno Unito Mika Häkkinen Lotus - Judd 1:25.872 +4.933
26 9 Italia Michele Alboreto Footwork - Ford 1:26.192 +5.253
NQ 26 Francia Erik Comas Ligier - Lamborghini 1:26.392 +5.453
NQ 10 Svezia Stefan Johansson Footwork - Ford 1:26.544 +5.605
NQ 18 Italia Fabrizio Barbazza AGS - Ford 1:28.122 +7.183
NQ 17 Italia Gabriele Tarquini AGS - Ford 1:28.136 +7.197

Gara[modifica | modifica sorgente]

Durante il giro di parata Nigel Mansell offre un passaggio fino ai box ad Ayrton Senna, rimasto senza benzina nel corso dell'ultima tornata.

Al via Senna scatta molto bene, sopravanzando Mansell e portandosi al comando; tuttavia il brasiliano viene subito risuperato dal pilota della Williams, che lo infila alla Stowe. Nel frattempo, Patrese si ritira dopo essere stato spinto fuori pista da Berger.

Mansell e Senna si staccano subito dal gruppo degli inseguitori, capitanato da Berger, Prost e Alesi; quest'ultimo si ritira successivamente dopo un contatto con il doppiato Suzuki.

Al 41º passaggio de Cesaris ha un brutto incidente, causato dalla rottura di una sospensione alla curva Abbey; la vettura del pilota italiano rimbalza contro le barriere e riattraversa la pista, evitando per poco la Tyrrell del sopraggiungente Nakajima. De Cesaris esce illeso dall'incidente.

Mansell rimane in testa per tutta la corsa, andando a conquistare la seconda vittoria consecutiva; Senna, rimasto senza benzina durante l'ultimo giro, viene classificato quarto, mentre a podio concludono Berger e Prost. Chiudono la zona punti Piquet e Gachot.

Per evitare di dover disputare le prequalifiche a partire dal Gran Premio successivo, la Brabham avrebbe avuto bisogno di un arrivo tra i primi sette, ma né BrundleBlundell concludono la gara.

Classifica[modifica | modifica sorgente]

Pos No Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritirato Partenza Punti
1 5 Regno Unito Nigel Mansell Williams - Renault 59 1:27:35.479 1 10
2 2 Austria Gerhard Berger McLaren - Honda 59 + 42.293 4 6
3 27 Francia Alain Prost Ferrari 59 + 1:00.150 5 4
4 1 Brasile Ayrton Senna McLaren - Honda 58 Senza benzina 2 3
5 20 Brasile Nelson Piquet Benetton - Ford 58 + 1 giro 8 2
6 32 Belgio Bertrand Gachot Jordan - Ford 58 + 1 giro 17 1
7 4 Italia Stefano Modena Tyrrell - Honda 58 + 1 giro 10
8 3 Giappone Satoru Nakajima Tyrrell - Honda 58 + 1 giro 15
9 23 Italia Pierluigi Martini Minardi - Ferrari 58 + 1 giro 23
10 21 Italia Emanuele Pirro Scuderia Italia - Judd 57 + 2 giri 18
11 24 Italia Gianni Morbidelli Minardi - Ferrari 57 + 2 giri 20
12 11 Finlandia Mika Häkkinen Lotus - Judd 57 + 2 giri 25
13 22 Finlandia Jyrki Järvilehto Scuderia Italia - Judd 56 + 3 giri 11
14 12 Regno Unito Johnny Herbert Lotus - Judd 55 Pressione dell'olio 24
Ritirato 8 Regno Unito Mark Blundell Brabham - Yamaha 52 Motore 12
Ritirato 33 Italia Andrea de Cesaris Jordan - Ford 41 Uscita di pista 13
Ritirato 28 Francia Jean Alesi Ferrari 31 Collisione 6
Ritirato 30 Giappone Aguri Suzuki Larrousse - Ford 29 Collisione 22
Ritirato 25 Belgio Thierry Boutsen Ligier - Lamborghini 29 Motore 19
Ritirato 7 Regno Unito Martin Brundle Brabham - Yamaha 28 Acceleratore 14
Ritirato 9 Italia Michele Alboreto Footwork - Ford 25 Trasmissione 26
Ritirato 15 Brasile Maurício Gugelmin Leyton House - Ilmor 24 Telaio 9
Ritirato 19 Brasile Roberto Moreno Benetton - Ford 21 Cambio 7
Ritirato 29 Francia Éric Bernard Larrousse - Ford 21 Trasmissione 21
Ritirato 16 Italia Ivan Capelli Leyton House - Ilmor 16 Uscita di pista 16
Ritirato 6 Italia Riccardo Patrese Williams - Renault 1 Collisione 3
NQ 26 Francia Érik Comas Ligier - Lamborghini
NQ 10 Svezia Stefan Johansson Footwork - Ford
NQ 18 Italia Fabrizio Barbazza AGS - Ford
NQ 17 Italia Gabriele Tarquini AGS - Ford
NPQ 14 Francia Olivier Grouillard Fondmetal - Ford
NPQ 34 Italia Nicola Larini Modena Team - Lamborghini
NPQ 35 Belgio Eric van de Poele Modena Team - Lamborghini
NPQ 31 Portogallo Pedro Chaves Coloni - Ford

Classifiche[modifica | modifica sorgente]

Costruttori[modifica | modifica sorgente]

Pos. Team Punti
1 Regno Unito McLaren - Honda 67
2 Regno Unito Williams - Renault 55
3 Italia Ferrari 29
4 Regno Unito Benetton - Ford 23
5 Regno Unito Tyrrell - Honda 11
6 Irlanda Jordan - Ford 10
7 Italia Scuderia Italia - Judd 5
8 Italia Minardi - Ferrari 3
8 Regno Unito Lotus - Judd 3
10 Francia Larrousse - Ford 2

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Fonti[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1991
Flag of the United States.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Mexico.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
1990
Gran Premio di Gran Bretagna
Edizione successiva:
1992
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1