Gran Premio di Gran Bretagna 1996

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gran Bretagna Gran Premio di Gran Bretagna 1996
591º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 10 di 16 del Campionato 1996
Silverstone 1996.jpg
Data 14 luglio 1996
Nome ufficiale XLIX British Grand Prix
Circuito Silverstone
Percorso 5.072 km
Circuito permanente
Distanza 61 giri, 309.392 km
Clima Sereno
Risultati
Pole position Giro più veloce
Regno Unito Damon Hill Canada Jacques Villeneuve
Williams in 1:26.875 Williams in 1:29.288
(nel giro 21)
Podio
1. Canada Jacques Villeneuve
Williams - Renault
2. Austria Gerhard Berger
Benetton - Renault
3. Finlandia Mika Häkkinen
McLaren - Mercedes

Il Gran Premio di Gran Bretagna 1996 si è svolto domenica 14 luglio 1996 sul Circuito di Silverstone. La gara è stata vinta da Jacques Villeneuve su Williams seguito da Gerhard Berger su Benetton e da Mika Häkkinen su McLaren.

Qualifiche[modifica | modifica sorgente]

La Williams domina le qualifiche, con i suoi piloti che si disputano la pole position per tutta la durata della sessione; alla fine ha la meglio Hill, che batte il compagno di squadra Villeneuve di poco meno di due decimi. Terzo è Schumacher, staccato però di ben otto decimi dal tempo della pole position; seguono Häkkinen, Alesi, Barrichello, Berger, Brundle, Coulthard ed Irvine. A fondo griglia nessuna delle due Forti riesce a qualificarsi, ed entrambi i piloti restano ben lontani dalla soglia del 107%.

Classifica[modifica | modifica sorgente]

Pos No Pilota Costruttore Tempo Distacco
1 5 Regno Unito Damon Hill Williams - Renault 1:26.875
2 6 Canada Jacques Villeneuve Williams - Renault 1:27.070 +0.195
3 1 Germania Michael Schumacher Ferrari 1:27.707 +0.832
4 7 Finlandia Mika Häkkinen McLaren - Mercedes 1:27.856 +0.981
5 3 Francia Jean Alesi Benetton - Renault 1:28.307 +1.432
6 11 Brasile Rubens Barrichello Jordan - Peugeot 1:28.409 +1.534
7 4 Austria Gerhard Berger Benetton - Renault 1:28.653 +1.778
8 12 Regno Unito Martin Brundle Jordan - Peugeot 1:28.946 +2.071
9 8 Regno Unito David Coulthard McLaren - Mercedes 1:28.966 +2.091
10 2 Regno Unito Eddie Irvine Ferrari 1:29.186 +2.211
11 15 Germania Heinz-Harald Frentzen Sauber - Ford 1:29.591 +2.716
12 18 Giappone Ukyo Katayama Tyrrell - Yamaha 1:21.913 +3.038
13 14 Regno Unito Johnny Herbert Sauber - Ford 1:29.947 +3.072
14 19 Finlandia Mika Salo Tyrrell - Yamaha 1:29.949 +3.074
15 17 Paesi Bassi Jos Verstappen Footwork - Hart 1:30.102 +3.227
16 9 Francia Olivier Panis Ligier - Mugen-Honda 1:30.167 +3.292
17 10 Brasile Pedro Diniz Ligier - Mugen-Honda 1:31.076 +4.201
18 21 Italia Giancarlo Fisichella Minardi - Ford 1:31.365 +4.490
19 20 Portogallo Pedro Lamy Minardi - Ford 1:31.454 +4.579
20 16 Brasile Ricardo Rosset Footwork - Hart Senza tempo [1] /
NQ 23 Italia Andrea Montermini Forti - Ford 1:35.206 +8.331
NQ 22 Italia Luca Badoer Forti - Ford 1:35.304 +8.429

Gara[modifica | modifica sorgente]

Al via Hill non scatta bene, scivolando in quinta posizione; davanti all'inglese si inseriscono, nell'ordine, Villeneuve, Alesi, Häkkinen e Schumacher. Mentre Villeneuve comincia subito a guadagnare un consistente margine sugli avversari, il pilota tedesco della Ferrari si ritira già al secondo giro per un problema idraulico; appena tre tornate più tardi anche Irvine, risalito in sesta posizione, è costretto al ritiro per un problema tecnico. Per la Ferrari si tratta del terzo doppio ritiro consecutivo. Nel frattempo Hill rimane bloccato dietro ad Häkkinen, non riuscendo a sopravanzarlo; l'inglese lamenta problemi di guidabilità della sua Williams, sulla quale un dado ruota si sta allentando. Il team non si rende però conto del problema e nel corso del 27º passaggio la vettura dell'inglese ha una brusca reazione alla curva Copse, finendo la sua corsa nella via di fuga.

In testa alla corsa, nel frattempo, Villeneuve effettua il primo dei due rifornimenti da lui previsti; prende così il comando Alesi, partito con una strategia di una sola sosta. Quando anche il francese entra ai box Villeneuve spinge al massimo, tornando in pista al comando e con un buon vantaggio dopo aver effettuato il secondo pit stop. Nel frattempo Alesi comincia ad avere problemi ai freni, dovendo poi abbandonare a diciassette giri dal termine; il secondo posto passa così a Berger, che aveva sopravanzato Häkkinen quando quest'ultimo aveva effettuato il suo secondo rifornimento. L'austriaco è però troppo lontano per impensierire Villeneuve, che coglie la sua seconda vittoria in carriera davanti a Berger, Häkkinen, Barrichello, Coulthard e Brundle.

Classifica[modifica | modifica sorgente]

Pos N. Pilota Costruttore/Motore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 6 Canada Jacques Villeneuve Regno Unito Williams - Renault 61 1:33'00.874 2 10
2 4 Austria Gerhard Berger Italia Benetton - Renault 61 +19.026 7 6
3 7 Finlandia Mika Häkkinen Regno Unito McLaren - Mercedes 61 +50.83 4 4
4 11 Brasile Rubens Barrichello Irlanda Jordan - Peugeot 61 +1'06.716 6 3
5 8 Regno Unito David Coulthard Regno Unito McLaren - Mercedes 61 +1'22.507 9 2
6 12 Regno Unito Martin Brundle Irlanda Jordan - Peugeot 60 +1 giro 8 1
7 19 Finlandia Mika Salo Regno Unito Tyrrell - Yamaha 60 +1 giro 14
8 15 Germania Heinz-Harald Frentzen Svizzera Sauber - Ford 60 +1 giro 11
9 14 Regno Unito Johnny Herbert Svizzera Sauber - Ford 60 +1 giro 13
10 17 Paesi Bassi Jos Verstappen Regno Unito Footwork - Hart 60 +1 giro 15
11 21 Italia Giancarlo Fisichella Italia Minardi - Ford 59 +2 giri 18
Ritirato 3 Francia Jean Alesi Italia Benetton - Renault 44 Freni 5
Ritirato 9 Francia Olivier Panis Francia Ligier - Mugen Honda 40 Ritiro volontario 16
Ritirato 10 Brasile Pedro Diniz Francia Ligier - Mugen Honda 38 Motore 17
Ritirato 5 Regno Unito Damon Hill Regno Unito Williams - Renault 26 Ruota 1
Ritirato 20 Portogallo Pedro Lamy Italia Minardi - Ford 21 Cambio 19
Ritirato 16 Brasile Ricardo Rosset Regno Unito Footwork - Hart 13 Problema elettrico 20
Ritirato 18 Giappone Ukyo Katayama Regno Unito Tyrrell - Yamaha 12 Motore 12
Ritirato 2 Regno Unito Eddie Irvine Italia Ferrari 5 Differenziale 10
Ritirato 1 Germania Michael Schumacher Italia Ferrari 3 Problema idraulico 3
NQ 23 Italia Andrea Montermini Italia Forti - Ford

Classifiche[modifica | modifica sorgente]

Costruttori[modifica | modifica sorgente]

Pos. Team Punti
1 Regno Unito Williams - Renault 111
2 Italia Benetton - Renault 41
3 Italia Ferrari 35
4 Regno Unito McLaren - Mercedes 32
5 Irlanda Jordan - Peugeot 13
6 Francia Ligier - Mugen-Honda 12
7 Svizzera Sauber - Ford 10
8 Regno Unito Tyrrell - Yamaha 5
9 Regno Unito Footwork - Hart 1

Fonti[modifica | modifica sorgente]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1996
Flag of Australia.svg Flag of Brazil.svg Flag of Argentina.svg Flag of Europe.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Spain.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Japan.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
1995
Gran Premio di Gran Bretagna
Edizione successiva:
1997

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Ricardo Rosset, qualificatosi diciassettesimo, viene retrocesso in fondo alla griglia di partenza per aver saltato un controllo del peso della sua vettura.
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1