Gran Premio del Belgio 1996

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Belgio Gran Premio del Belgio 1996
594º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 13 di 16 del Campionato 1996
Spa 1996.jpg
Data 25 agosto 1996
Circuito Circuito di Spa-Francorchamps
Percorso 6,968 km / 4,347 US mi
Circuito permanente
Distanza 44 giri, 305,536 km/ 191,261 US mi
Clima Pioggia
Risultati
Pole position Giro più veloce
Canada Jacques Villeneuve Austria Gerhard Berger
Williams - Renault in 1'50"574 Benetton - Renault in 1'53"067
Podio
1. Germania Michael Schumacher
Ferrari
2. Canada Jacques Villeneuve
Williams - Renault
3. Finlandia Mika Häkkinen
McLaren - Mercedes

Il Gran Premio del Belgio 1996 si è svolto domenica 25 agosto 1996 sul Circuito di Spa-Francorchamps. La gara è stata vinta da Michael Schumacher su Ferrari seguito da Jacques Villeneuve e da Mika Häkkinen.

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Villeneuve conquista la seconda pole position stagionale, battendo il suo compagno di squadra Hill per quattro decimi; il canadese è aiutato anche dalla pioggia, che rende pressoché nulla la seconda parte della sessione. Terzo è Schumacher, resosi protagonista di un violento incidente nelle prove libere del venerdì mattina; il tedesco è però staccato di ben un secondo e due decimi dal tempo della pole position. Seguono Coulthard, Berger, Häkkinen, Alesi, Brundle, Irvine e Barrichello, che chiude la top ten; in fondo alla griglia, Lavaggi non riesce a rimanere all'interno del 107%, non qualificandosi per la gara.

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Pos No Pilota Costruttore Tempo Distacco
1 6 Canada Jacques Villeneuve Williams - Renault 1:50.571
2 5 Regno Unito Damon Hill Williams - Renault 1:50.980 +0.409
3 1 Germania Michael Schumacher Ferrari 1:51.778 +1.207
4 8 Regno Unito David Coulthard McLaren - Mercedes 1:51.884 +1.313
5 4 Austria Gerhard Berger Benetton - Renault 1:51.960 +1.389
6 7 Finlandia Mika Häkkinen McLaren - Mercedes 1:52.318 +1.747
7 3 Francia Jean Alesi Benetton - Renault 1:52.354 +1.783
8 12 Regno Unito Martin Brundle Jordan - Peugeot 1:52.977 +2.406
9 2 Regno Unito Eddie Irvine Ferrari 1:53.043 +2.472
10 11 Brasile Rubens Barrichello Jordan - Peugeot 1:53.152 +2.581
11 15 Germania Heinz-Harald Frentzen Sauber - Ford 1:53.199 +2.628
12 14 Regno Unito Johnny Herbert Sauber - Ford 1:53.993 +3.422
13 19 Finlandia Mika Salo Tyrrell - Yamaha 1:54.095 +3.524
14 9 Francia Olivier Panis Ligier - Mugen-Honda 1:54.220 +3.649
15 10 Brasile Pedro Diniz Ligier - Mugen-Honda 1:54.700 +4.129
16 17 Paesi Bassi Jos Verstappen Footwork - Hart 1:55.150 +4.579
17 18 Giappone Ukyo Katayama Tyrrell - Yamaha 1:55.371 +4.800
18 16 Brasile Ricardo Rosset Footwork - Hart 1:56.286 +5.715
19 20 Portogallo Pedro Lamy Minardi - Ford 1:56.830 +6.259
NQ 21 Italia Giovanni Lavaggi Minardi - Ford 1:58.579[1] +8.008

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante la pioggia cada sul tracciato belga fino a domenica mattina, la gara parte con la pista completamente asciutta. Al via né VilleneuveHill scattano bene; il canadese riesce comunque a mantenere la prima posizione, mentre il suo compagno di squadra viene sopravanzato da Schumacher, perdendo poi un'altra posizione a favore di Coulthard nel corso del primo giro. Nei primi passaggi Schumacher mette sotto pressione Villeneuve, senza però riuscire a passarlo; la situazione rimane stabile fino all'undicesimo passaggio, quando Verstappen si schianta alla curva Stavelot poco dopo aver effettuato il suo primo rifornimento. L'urto contro le barriere è molto violento e l'olandese, seppur illeso, viene trasportato all'ospedale di Liegi per controlli; la pista è disseminata di detriti e la direzione gara manda in pista la safety car. Schumacher, Alesi e Salo ne approfittano immediatamente per rifornire; Villeneuve viene chiamato ai box dalla sua squadra, ma non sente la comunicazione e prosegue.

La Williams comunica quindi ad Hill di rifornire, salvo poi ordinargli di rimanere in pista in quanto le attrezzature per il pit stop dell'inglese non erano ancora pronte; Hill, che aveva già imboccato la pit lane, riesce a tornare sul tracciato, perdendo però due posizioni a vantaggio di Häkkinen e Berger. La safety car rimane in pista per quattro giri; tutti i piloti ne approfittano per rifornire, ad eccezione di Coulthard e Häkkinen, partiti per effettuare una sola sosta. Alla ripartenza quindi la gara è guidata dai due piloti della McLaren, seguiti da Schumacher, Alesi e Villeneuve; il canadese passa immediatamente il pilota della Benetton, ma è incapace di attaccare Schumacher. Il distacco tra i due rimane intorno ai due secondi, anche quando le due McLaren riforniscono attorno a metà gara; Villeneuve non riesce a sopravanzare il rivale neanche nel corso della seconda serie di pit stop, accontentandosi poi del secondo posto. Schumacher ottiene così la seconda vittoria stagionale, davanti a Villeneuve, Häkkinen, Alesi, Hill e Berger.

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Pos N. Pilota Costruttore/Motore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 1 Germania Michael Schumacher Ferrari 44 1:28:15.125 3 10
2 6 Canada Jacques Villeneuve Williams - Renault 44 + 5.602 1 6
3 7 Finlandia Mika Häkkinen McLaren - Mercedes 44 + 15.710 6 4
4 3 Francia Jean Alesi Benetton - Renault 44 + 19.125 7 3
5 5 Regno Unito Damon Hill Williams - Renault 44 + 29.179 2 2
6 4 Austria Gerhard Berger Benetton - Renault 44 + 29.896 5 1
7 19 Finlandia Mika Salo Tyrrell - Yamaha 44 + 1:00.754 13
8 18 Giappone Ukyo Katayama Tyrrell - Yamaha 44 + 1:40.227 17
9 16 Brasile Ricardo Rosset Footwork - Hart 43 + 1 giro 18
10 20 Portogallo Pedro Lamy Minardi - Ford 43 + 1 giro 19
Ritirato 8 Regno Unito David Coulthard McLaren - Mercedes 37 Testacoda 4
Ritirato 12 Regno Unito Martin Brundle Jordan - Peugeot 34 Motore 8
Ritirato 2 Regno Unito Eddie Irvine Ferrari 29 Cambio 9
Ritirato 11 Brasile Rubens Barrichello Jordan - Peugeot 29 Sospensioni 10
Ritirato 10 Brasile Pedro Diniz Ligier - Mugen-Honda 22 Problema elettrico 15
Ritirato 17 Paesi Bassi Jos Verstappen Footwork - Hart 11 Incidente 16
Ritirato 15 Germania Heinz-Harald Frentzen Sauber - Ford 0 Collisione 11
Ritirato 14 Regno Unito Johnny Herbert Sauber - Ford 0 Collisione 12
Ritirato 9 Francia Olivier Panis Ligier - Mugen-Honda 0 Collisione 14
NQ 21 Italia Giovanni Lavaggi Minardi - Ford NQ

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Costruttori[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Team Punti
1 Regno Unito Williams - Renault 149
2 Italia Benetton - Renault 55
3 Italia Ferrari 48
4 Regno Unito McLaren - Mercedes 41
5 Irlanda Jordan - Peugeot 15
6 Francia Ligier - Mugen-Honda 14
7 Svizzera Sauber - Ford 10
8 Regno Unito Tyrrell - Yamaha 5
9 Regno Unito Footwork - Hart 1

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1996
Flag of Australia.svg Flag of Brazil.svg Flag of Argentina.svg Flag of Europe.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Spain.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Japan.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
1995
Gran Premio del Belgio
Edizione successiva:
1997

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lavaggi non si qualifica per la gara in quanto il suo tempo è superiore al 107% di quello fatto segnare dal poleman Villeneuve.
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1