Gran Premio di Gran Bretagna 1981

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Regno Unito Gran Premio di Gran Bretagna 1981
351º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 9 di 15 del Campionato 1981
Silverstone 1975.jpg
Data 18 luglio 1981
Nome ufficiale XXXIV Marlboro British Grand Prix
Circuito Silverstone
Percorso 4,719 km
Distanza 68 giri, 320,892 km
Clima Soleggiato
Risultati
Pole position Giro più veloce
Francia René Arnoux Francia René Arnoux
Renault in 1'11"000 Renault in 1'15"060
(nel giro 50)
Podio
1. Regno Unito John Watson
McLaren-Ford Cosworth
2. Argentina Carlos Reutemann
Williams-Ford Cosworth
3. Francia Jacques Laffite
Ligier-Matra

Il Gran Premio di Gran Bretagna 1981 è stata la nona prova della stagione 1981 del Campionato mondiale di Formula 1. Si è corsa sabato 18 luglio 1981 sul Circuito di Silverstone. La gara è stata vinta dal britannico John Watson su McLaren-Ford Cosworth; per il vincitore si trattò del secondo successo nel mondiale. Ha preceduto sul traguardo l'argentino Carlos Reutemann su Williams-Ford Cosworth e il francese Jacques Laffite su Ligier-Matra.

Vigilia[modifica | modifica sorgente]

I fatti del Gran Premio del Belgio[modifica | modifica sorgente]

La FISA perseverò nel chiedere ai piloti il pagamento della multa inflitta per la loro protesta, inscenata poco prima del Gran Premio del Belgio. I piloti, guidati da Gilles Villeneuve e Mario Andretti, continuarono a rifiutare di saldare il richiesto, affermando che la responsabilità per il caos della partenza non era dovuto solo loro comportamento. Il Royal Automobile Club invece scagionò Nelson Piquet per aver compiuto due giri di ricognizione prima del via.[1]

Aspetti tecnici[modifica | modifica sorgente]

L'Arrows, dopo l'abbandono dell'impegno da parte della Michelin di fornirgli le gomme migliori, si affidò agli pneuamtici Pirelli, che già equipaggiavano la Toleman. Riccardo Patrese ottenne il record sul giro, in un test organizzato a Donington Park, pochi giorni prima del Gran Premio. Anche la Lotus abbandonò le coperture francesi, per tornare con la Goodyear, mentre l'Ensign passò all'Avon.[2] L'Alfa Romeo fece esordire la versione D della 179. La Brabham testò un motore turbo fornito dalla BMW; nelle prove venne però portata la versione col tradizionale motore Ford Cosworth DFV.[3]

Il Lotus presentò la 88B, versione aggiornata del modello 88 a doppio telaio, che era stata considerata non regolamentare, dopo una lunga battaglia legale tra la scuderia britannica e la FISA. Nel Regno Unito vi era però la regola che a nessuna vettura poteva essere impedito di prendere parte a una gara, anche in caso di giudizio negativo da parte dei commissari in merito alla sua conformità ai regolamenti. Il veicolo non regolare sarebbe escluso poi successivamente dalla classifica, a seconda della decisione del Tribunale sportivo competente.[4] Il Royal Automobile Club (RAC) considerò comunque regolare questa nuova versione della Lotus 88; ciò però scatenò la reazione di altri team (tra cui Ferrari e Renault) che inviarono un reclamo, che però non venne accettato dagli organizzatori, che consentirono così alla 88B di prendere parte alle prove.[5]

Aspetti sportivi[modifica | modifica sorgente]

Nella solita alternanza tra circuiti il Gran Premio di Gran Bretagna tornò sul Circuito di Silverstone, che aveva già ospitato 17 volte una gara valida per il mondiale di Formula 1.

Nel corso delle settimane precedenti al gran premio la Formula 1 disputò dei test sul tracciato di Hockenheim: il più veloce fu René Arnoux su Renault, che chiuse in 1'50"8.[4]

Sulla seconda March venne iscritto Stefan Johansson, pilota svedese che aveva tentato di qualificarsi, senza successo, in due gran premi nel 1980, con la Shadow. Il britannico Geoff Lees trovò un ingaggio alla Theodore, che iscrisse così due vetture. Lees mancava nel mondiale dal Gran Premio degli Stati Uniti d'America-Est 1980, in cui non si era qualificato al volante di una Williams del team RAM. In effetti né Johansson né Lees presero parte all'evento. All'Osella arrivò invece Jean-Pierre Jarier, pilota francese che aveva corso i primi due gran premi stagionali con la Ligier.

Questo fu il duecentesimo gran premio al quale partecipò il motore Ford Cosworth DFV; dal suo esordio, avvenuto nel Gran Premio di Monaco 1967, aveva ottenuto 141 vittorie (contro le 81 dei motori Ferrari), 127 pole position, 127 giri veloci; il motore aveva spinto vetture che avevano conquistato 9 titoli costruttori, e aveva permesso a 10 piloti di laureearsi campioni del mondo.

Qualifiche[modifica | modifica sorgente]

Resoconto[modifica | modifica sorgente]

La presenza della Lotus 88B nelle prove ufficiali portò alla reazione della FISA che minacciò di non far considerare valido il gran premio, quale prova del mondiale, di squalificare la Lotus e di escludere il Regno Unito dalle prove mondiali future. Gli organizzatori decisero così di escludere la 88B, giustificandosi col ritardo nella comunicazione da parte della Federazione.[5] Le prove vennero dominate dalle due Renault di René Arnoux (primo in 1'12"15) e Alain Prost che precedettero Nelson Piquet (l'unico vicino ai tempi dei due francesi) e Alan Jones. Il comportamento in pista delle Lotus 88B fu, in verità, poco competitivo: Elio de Angelis chiuse diciannovesimo, mentre Nigel Mansell era diciassettesimo. Eddie Cheever e Brian Henton furono protagonisti di spettacolti incidenti, ma senza conseguenze fisiche.[6]

Le Renault confermarono la loro forza, monopolizzando la prima fila. René Arnoux conquistò la settima pole iridata, in 1'11"00, alla media di quasi 240 km/h, precedendo Alain Prost di 46 millesimi. Nelson Piquet, terzo, era staccato di quasi un secondo da Arnoux. La Lotus, che riutilizzava il modello 87, fu ancora poco competitiva, tanto che de Angelis fu solo ventiduesimo, mentre Mansell non fu capace di qualificarsi. Si qualificarono invece le Arrows, che così riportarono in gara le gomme Pirelli, assenti dal Gran Premio di Francia 1958. Henton fu nuovamente protagonista di un incidente: in questo caso la sua vettura prese fuoco nella corsia dei box, dopo aver impattato contro le barriere, rimpiendo di fumo il paddock. Il pilota non ebbe conseguenze.[7]

Risultati[modifica | modifica sorgente]

I risultati delle qualifiche[8] furono i seguenti:

Pos Pilota Costruttore Tempo Griglia
1 16 Francia René Arnoux Francia Renault 1'11"000 1
2 15 Francia Alain Prost Francia Renault 1'11"046 2
3 5 Brasile Nelson Piquet Regno Unito Brabham-Ford Cosworth 1'11"952 3
4 28 Francia Didier Pironi Italia Ferrari 1'12"644 4
5 7 Regno Unito John Watson Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 1'12"712 5
6 8 Italia Andrea De Cesaris Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 1'12"728 6
7 1 Australia Alan Jones Regno Unito Williams-Ford Cosworth 1'12"998 7
8 27 Canada Gilles Villeneuve Italia Ferrari 1'13"311 8
9 2 Argentina Carlos Reutemann Regno Unito Williams-Ford Cosworth 1'13"371 9
10 29 Italia Riccardo Patrese Regno Unito Arrows-Ford Cosworth 1'13"762 10
11 22 Stati Uniti Mario Andretti Italia Alfa Romeo 1'13"928 11
12 23 Italia Bruno Giacomelli Italia Alfa Romeo 1'14"119 12
13 6 Messico Héctor Rebaque Regno Unito Brabham-Ford Cosworth 1'14"542 13
14 26 Francia Jacques Laffite Francia Ligier-Matra 1'14"798 14
15 25 Francia Patrick Tambay Francia Ligier-Matra 1'14"976 15
16 20 Finlandia Keke Rosberg Brasile Fittipaldi-Ford Cosworth 1'15"165 16
17 17 Irlanda Derek Daly Regno Unito March-Ford Cosworth 1'15"189 17
18 30 Italia Siegfried Stohr Regno Unito Arrows-Ford Cosworth 1'15"304 18
19 4 Italia Michele Alboreto Regno Unito Tyrrell-Ford Cosworth 1'15"850 19
20 32 Francia Jean-Pierre Jarier Italia Osella-Ford Cosworth 1'15"898 20
21 9 Svezia Slim Borgudd Germania ATS-Ford Cosworth 1'15"959 21
22 12 Italia Elio De Angelis Regno Unito Lotus-Ford Cosworth 1'15"971 22
23 3 Stati Uniti Eddie Cheever Regno Unito Tyrrell-Ford Cosworth 1'16"099 23
24 33 Svizzera Marc Surer Hong Kong Theodore-Ford Cosworth 1'16"155 24
NQ 21 Brasile Chico Serra Brasile Fittipaldi-Ford Cosworth 1'16"360 NQ
NQ 35 Regno Unito Brian Henton Regno Unito Toleman-Hart 1'16"388 NQ
NQ 11 Regno Unito Nigel Mansell Regno Unito Lotus-Ford Cosworth 1'16"432 NQ
NQ 14 Cile Eliseo Salazar Regno Unito Ensign-Ford Cosworth 1'16"694 NQ
NQ 36 Regno Unito Derek Warwick Regno Unito Toleman-Hart 1'16"891 NQ
NQ 31 Italia Beppe Gabbiani Italia Osella-Ford Cosworth 1'17"784 NQ

Gara[modifica | modifica sorgente]

Resoconto[modifica | modifica sorgente]

Alain Prost partì bene e scattò davanti a tutti, seguito da Didier Pironi, René Arnoux, Gilles Villeneuve, Nelson Piquet, John Watson, Andrea De Cesaris, Alan Jones e Carlos Reutemann. Nel primo giro Villeneuve passò Arnoux, Alan Jones fece lo stesso con De Cesaris e Watson. Il giro seguente Arnoux ripassò Villeneuve che perse tempo, nel tentativo di passare Pironi. Un'altra tornata e Arnoux infilò anche Pironi, portandosi all'inseguimento di Alain Prost.

Al giro quattro Villeneuve andò in testacoda alla Woodcote. Alcuni piloti che lo seguivano (Jones, Watson e De Cesaris) cercarono di evitare l'impatto. Jones però non ne fu capace e lo centrò, danneggiando il musetto, De Cesaris uscì di pista e Watson si fermò, ma fu comunque in grado di riprendere con la vettura ancora integra. La Ferrari di Villeneuve era ormai danneggiata e il canadese dovette, poco dopo, ritirarsi, pur tentando di riprendere la via dei box con gli alettoni ormai distrutti. Intanto Nelson Piquet si era portato al terzo posto, dopo aver passato l'altro ferrarista, Pironi.

Nelson Piquet, nel tentativo di passare Arnoux, andò a sbattere violentemente alla curva Becketts, a causa dell'esplosione della gomma anteriore sinistra. Il brasiliano, dolorante agli arti inferiori, venne portato via in ambulanza, ma non subì conseguenze fisiche gravi. Da dietro rinviene Watson che passò Mario Andretti al giro 12, Carlos Reutemann al giro seguente e Didier Pironi, portandosi al terzo posto. Il ferrarista, poco dopo, si ritirò per il guasto del turbo. Ora la gara vedeva al comando le due Renault di Prost e Arnoux, seguite da Watson, Reutemann, Andretti, Patrese, Laffite e de Angelis.

Al diciassettesimo giro la gara cambiò leader: Alain Prost si ritirò, anche lui col propulsore fuori uso. Andò a condurre l'altro pilota della Renault Arnoux. Intanto de Angelis passò Laffite, che venne superato anche da Héctor Rebaque.

Al giro 25 terminò la gara di Elio De Angelis: gli viene esposta bandiera nera per aver superato Jacques Laffite in regime di bandiere gialle. Rebaque scalò così sesto.

La classifica nelle prime posizioni rimase immutata per diversi giri. Al giro 61, a sette dal termine, John Watson conquistò la testa della gara: il turbo della Renault di Arnoux era entrato in crisi, tanto che tre giri dopo Arnoux si ritirò. Poco dopo stessa sorte toccò a Riccardo Patrese che si ritirò con il motore rotto quando sarebbe terzo.

Vinse così Watson, seconda vittoria in carriera, cinque anni dopo il primo trionfo (Gran Premio d'Austria 1976); prima vittoria per la McLaren dopo 4 anni (ultima Gran Premio del Giappone 1977), e prima della gestione Ron Dennis. Secondo fu Reutemann, terzo Laffite, poi Eddie Cheever, Héctor Rebaque e Slim Borgudd che conquistò l'unico punto in carriera. Per la sua scuderia, la tedesca ATS furono i primi punti iridati dal GP del Watkins Glen 1979.[9]

Risultati[modifica | modifica sorgente]

I risultati del gran premio[10] furono i seguenti:

Pos No Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Pos. Griglia Punti
1 7 Regno Unito John Watson Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 68 1h26'54"80 5 9
2 2 Argentina Carlos Reutemann Regno Unito Williams-Ford Cosworth 68 + 40"65 9 6
3 26 Francia Jacques Laffite Francia Ligier-Matra 67 + 1 giro 14 4
4 3 Stati Uniti Eddie Cheever Regno Unito Tyrrell-Ford Cosworth 67 + 1 giro 23 3
5 6 Messico Héctor Rebaque Regno Unito Brabham-Ford Cosworth 67 + 1 giro 13 2
6 9 Svezia Slim Borgudd Germania ATS-Ford Cosworth 67 + 1 giro 21 1
7 17 Irlanda Derek Daly Regno Unito March-Ford Cosworth 66 + 2 giri 17  
8 32 Francia Jean-Pierre Jarier Italia Osella-Ford Cosworth 65 + 3 giri 20  
9 16 Francia René Arnoux Francia Renault 64 Distributore[11] 1  
10 29 Italia Riccardo Patrese Regno Unito Arrows-Ford Cosworth 64 Motore[11] 10  
11 33 Svizzera Marc Surer Hong Kong Theodore-Ford Cosworth 61 Mancanza
di benzina[11]
24  
Rit 22 Stati Uniti Mario Andretti Italia Alfa Romeo 59 Acceleratore 11  
Rit 20 Finlandia Keke Rosberg Brasile Fittipaldi-Ford Cosworth 56 Sospensione 14  
SQ 11 Italia Elio de Angelis Regno Unito Lotus-Ford Cosworth 25 Squalificato[12] 22  
Rit 15 Francia Alain Prost Francia Renault 17 Distributore 2  
Rit 25 Francia Patrick Tambay Francia Ligier-Matra 15 Frizione 15  
Rit 28 Francia Didier Pironi Italia Ferrari 13 Turbo 4  
Rit 5 Brasile Nelson Piquet Regno Unito Brabham-Ford Cosworth 11 Gomma 3  
Rit 23 Italia Bruno Giacomelli Italia Alfa Romeo 5 Trasmissione 12  
Rit 27 Canada Gilles Villeneuve Italia Ferrari 4 Testacoda 8  
Rit 1 Australia Alan Jones Regno Unito Williams-Ford Cosworth 3 Collisione 7  
Rit 8 Italia Andrea de Cesaris Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 3 Testacoda 6  
Rit 4 Italia Michele Alboreto Regno Unito Tyrrell-Ford Cosworth 1 Frizione 19  
Rit 30 Italia Siegfried Stohr Regno Unito Arrows-Ford Cosworth 0 Testacoda 18  
NQ 21 Brasile Chico Serra Brasile Fittipaldi-Ford Cosworth    
NQ 35 Regno Unito Brian Henton Regno Unito Toleman-Hart    
NQ 12 Regno Unito Nigel Mansell Regno Unito Lotus-Ford Cosworth    
NQ 14 Cile Eliseo Salazar Regno Unito Ensign-Ford Cosworth    
NQ 36 Regno Unito Derek Warwick Regno Unito Toleman-Hart    
NQ 31 Italia Beppe Gabbiani Italia Osella-Ford Cosworth        
NA 18 Svezia Stefan Johansson Regno Unito March-Ford Cosworth
NA 34 Regno Unito Geoff Lees Hong Kong Theodore-Ford Cosworth

Classifiche[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (ES) La polemica ruge en torno a coches y pilotos in El Mundo Deportivo, 17 luglio 1981, p. 30. URL consultato il 3 luglio 2013.
  2. ^ Cristiano Chiavegato, Patrese a Donington fa il primato del giro in La Stampa, 16 luglio 1981, p. 19.
  3. ^ (ES) El "Brabham-BMW" debutara en Monza in El Mundo Deportivo, 1º agosto 1981, p. 24. URL consultato il 9 luglio 2013.
  4. ^ a b (ES) El "Lotus 88" podria debutar en el G.P. de Inglaterra in El Mundo Deportivo, 9 luglio 1981, p. 26. URL consultato il 3 luglio 2013.
  5. ^ a b Cristiano Chiavegato, Le Lotus un'altra volta fuorilegge in La Stampa, 17 luglio 1981, p. 19.
  6. ^ (ES) Arnoux (Renault): el mas rapido en los entrenamientos in El Mundo Deportivo, 17 luglio 1981, p. 30. URL consultato il 3 luglio 2013.
  7. ^ Cristiano Chiavegato, Le Renault velocissime, le Ferrari in ripresa in la Stampa, 18 luglio 1981, p. 17.
  8. ^ Risultati delle qualifiche
  9. ^ Cristiano Chiavegato, Turbo ko, Watson trionfa a Silverstone in La Stampa, 18 luglio 1981, p. 18.
  10. ^ Risultati del gran premio
  11. ^ a b c René Arnoux, Riccardo Patrese e Marc Surer, pur se ritirati, sono classificati avendo coperto più del 90% della distanza.
  12. ^ Elio de Angelis venne squalificato per aver effettuato un sorpasso in regime di bandiere gialle.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1981
Flag of the United States.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of Argentina.svg Flag of San Marino.svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of Spain (1977 - 1981).svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of Las Vegas, Nevada.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
1980
Gran Premio di Gran Bretagna
Edizione successiva:
1982
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1