Ford Cosworth DFV

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ford Cosworth DFV
Circa 1980 Cosworth DFV at Rahmi M. Koç Müzesi.jpg
Un Ford Cosworth DFV di Formula 1
Descrizione
Costruttore Cosworth
Tipo motore a V di 90°
Numero di cilindri 8
Raffreddamento a liquido
Alimentazione aspirato ad iniezione meccanica Lucas
Distribuzione 4 valvole per cilindro, 4 alberi a camme in testa
Dimensioni
Cilindrata 2993 cc
Peso
A vuoto 163 kg
Prestazioni
Potenza da 400 a circa 500 cavalli a seconda della versione
Combustibile benzina
Utilizzatori È stato montato su praticamente tutte le vetture di Formula 1 tra gli anni sessanta e gli anni ottanta, eccezione fatta per Ferrari e Renault. In seguito è stato adoperato nelle vetture di Formula 3000.
Altro Progettato da Keith Duckworth e Mike Costin
voci di motori presenti su Wikipedia

Il Ford Cosworth DFV (acronimo di Double Four Valve) è stato il più longevo motore della storia della Formula 1.

Questo propulsore, infatti, venne impiegato nella massima serie dal 1967 fino al 1983. Fu inoltre impiegato in altre categorie, come nel Campionato mondiale sportprototipi dove venne utilizzato per oltre 20 anni su diverse vetture.

Dal '67 all'83 si è imposto in 155 Gran Premi, risultando perciò il più vincente motore di Formula 1 di sempre.

Contesto[modifica | modifica sorgente]

Molto era dovuto alla sua semplicità ed affidabilità, ma anche a potenze comunque elevate, nonostante non arrivasse al livello dei motori Ferrari (principale avversaria), i quali disponevano di più cavalli, ma erano pure più sofisticati, pesanti e consumavano più carburante. Nonostante la sua scomparsa, qualcosa del DFV rimase nelle gare del circus, poiché i motori Cosworth che lo seguirono erano comunque basati sulla stessa architettura, e prendevano radici dal suo progetto.

Questo motore venne concepito da Mike Costin e Keith Duckworth. I due tecnici, nonché fondatori della Cosworth, azienda produttrice di motori da corsa, vennero chiamati in causa dai vertici Ford e Lotus, per lo sviluppo di un motore studiato appositamente per correre in Formula 1.

Il loro compito era molto importante, perché sino a quel periodo i costruttori di auto inglesi godevano di una certa supremazia nel campo dello sviluppo telaistico e aerodinamico, mentre le case italiane, e particolarmente la Ferrari, erano molto abili soprattutto nei motori.

In un'epoca in cui le conformazioni aerodinamiche non erano esasperate come oggi, poter disporre su un motore potente era basilare per poter lottare contro gli avversari, così lo scopo principale era quello di riuscire almeno ad eguagliare la concorrenza.

Progetto[modifica | modifica sorgente]

La Ford finanziò il progetto con 100.000 sterline. Per realizzare il DFV si partì da un altro motore da corsa, l'FVA, anch'esso Ford, già impiegato in Formula 2, a sua volta derivato dal motore della Lotus Cortina.

Il primo passo degli ingegneri fu quello di unire idealmente due monoblocchi di FVA (un quattro cilindri in linea), dando origine ad otto cilindri a V il cui angolo di bancata era di 90°, perciò abbastanza ampio, il che avrebbe garantito un baricentro particolarmente basso alle auto che l'avrebbero utilizzato.

Non va però dimenticato che la cilindrata dei motori di Formula 1 doveva essere di 3.000 cm³, mentre l'FVA era da 1.600 cm³, perciò il primo prototipo aveva una cilindrata complessiva di 3.200 cc. A quel punto i tecnici iniziarono a lavorare su corsa e soprattutto alesaggio dei pistoni, per riproporre le proporzioni del quattro cilindri, dunque rimpicciolire il V8, mantenendo inalterate le doti di affidabilità del vecchio motore.

Tuttavia l'elemento su cui più lavorarono fu la testata. Questa infatti, è molto importante per la determinazione di un parametro caratteristico, ossia il rapporto di compressione.
Il rapporto di compressione determina il rendimento globale del motore, e quanto più è elevato, maggiore è il rendimento del propulsore. Essendo l'FVA molto competitivo sotto questo aspetto, si cercò di realizzare la testata del DFV il più simile possibile.

Ciò dipese anche dal fatto che era costruito totalmente in lega leggera d'alluminio. Il suo peso era di 163 kg. La distribuzione era a quattro valvole per cilindro, che venivano comandate da quattro alberi a camme in testa, azionati da una cascata di ingranaggi.

La potenza erogata nella sua prima versione del 1967 era di circa 400 cv a 9.000 giri/min, mentre nelle ultime versioni del 1982-1983, si arrivò ad incrementarla di circa 100 cv.

Il motore vinse subito alla sua prima apparizione, il Gran Premio d'Olanda 1967.

Nel 1983 venne sostituito dal motore DFY, comunque derivato dal DFV, che godeva di 10-20 cv in più, ma soprattutto era molto più reattivo ai bassi regimi, con una coppia superiore.

Dopo essere stato dismesso dalla Formula 1, venne impiegato in Formula 3000 fino al 1992. Inizialmente venne limitato a 400 cv, e successivamente utilizzato al massimo delle sue capacità.

Dopo il '92 è rimasto inutilizzato per anni, fino al 2004 con l'introduzione del campionato riservato alle vetture d'epoca di Formula 1.

Versioni derivate[modifica | modifica sorgente]

Durante la sua lunga carriera dal "DFV" furono derivate altre versioni per specifiche applicazioni estranee alla Formula 1[1][2], di seguito le principali:

Ford Cosworth DFX
Un Cosworth DFX esposto al Museum of American Speed di Lincoln, Nebraska.

A partire dalle metà degli anni '70 la scuderia di Parnelli Jones realizzò una variante del DFV per impiegarlo nella serie americana USAC American Championship Car Racing, riservata a vetture monoposto, che vedeva come evento più importante della stagione la 500 Miglia di Indianapolis. La cilindrata fu ridotta a 2650 cm³ (limite regolamentare) e fu installato un turbocompressore: sviluppato dapprima in proprio dal team privato statunitense per la stagione 1976 e in seguito con il coinvolgimento diretto della Cosworth, fu un immediato successo e così come era stato il DFV per la Formula 1, il DFX divenne lo standard di riferimento per la serie USAC e la concorrente CART, in seguito ridenominata Champ Car, fino a quando non finì soppiantato da nuove tecnologie[3].

Ford Cosworth DFL

Il DFV originale era stato usato in gare di durata già nel 1968 sul prototipo Ford P68 e negli anni settanta, principalmente grazie all'ostinazione dapprima della scuderia J.W. Automotive Engineering Ltd. e in seguito della Automobiles Jean Rondeau, ma le sue caratteristiche vibrazioni creavano problemi di affidabilità agli accessori del motore (nello specifico all'impianto di scarico) e, nonostante le vittorie ottenute nel 1975 e 1980 a Le Mans, si decise di riprogettare il motore per le specifiche esigenze delle gare di durata, aumentandone al contempo le quote di alesaggio e corsa, denominandolo DFL[2] e ottenendone due varianti: inizialmente 3,3 litri e in seguito 3,9 litri[1]. Per quest'ultimo i risultati furono disastrosi. Le vibrazioni era così forti da determinare delle rotture anche al telaio delle Rondeau e della Ford C100, alla 24 di Le Mans del 1982. Il primo invece fu a lungo usato nell evetture delle categoria "C2".

Risultati[modifica | modifica sorgente]

Complessivamente in Formula 1 ha vinto 155 Gran Premi, 12 campionati del mondo piloti e 10 campionati del mondo costruttori. Inoltre è stato l'ultimo motore aspirato ad aggiudicarsi il mondiale piloti di Formula 1, quando vennero introdotti i motori turbo.

Il primo pilota ad avere vinto una gara col DFV è stato Jim Clark con la Lotus nel 1967 (al GP d'Olanda), mentre l'ultimo Michele Alboreto nel 1983 con la Tyrrell (a Detroit).
Graham Hill è stato il primo a vincere il mondiale col DFV, nel 1968 sempre con la Lotus, mentre Keke Rosberg, con la Williams, è stato l'ultimo ad ottenere il mondiale con questo motore, nel 1982.

Nell'ambito delle competizioni delle vetture Sport prototipo, si è aggiudicato 2 volte la 24 Ore di Le Mans: nel 1975 su telaio Gulf-Mirage e nel 1980 sulla Rondeau M379.

Oltre che nei campionati di Formula 3000, si è imposto nei campionati CART e alla 500 Miglia di Indianapolis, anche se le versioni utilizzate in quelle gare non erano proprio dei DFV, ma le sue derivazioni DFX.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Cosworth Type Reference - DFV V-8 Family, www.race-cars.com. URL consultato il 21 gennaio 2012.
  2. ^ a b (ES) Ford Cosworth: el motor más ganador de la historia, www.race-cars.com. URL consultato il 21 gennaio 2012.
  3. ^ Ford Cosworth DFX Turbocharged Indy Car, www.museumofamericanspeed.com. URL consultato il 18 gennaio 2012.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]