Ford Mustang Boss 429

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Boss 429
BOSS429.JPG
Descrizione generale
Costruttore Stati Uniti  Ford
Tipo principale Coupé
Produzione dal 1969 al 1970
Esemplari prodotti 1.358
Altre caratteristiche
Altro
Stessa famiglia Ford Mustang
Boss 429.jpg

La Boss 429 era una versione speciale della Ford Mustang prodotta solo nel biennio 1969-1970. È una delle più rare e ricercate versioni di questa vettura.

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Le origini della Boss 429 si ritrovano nella volontà della Ford di realizzare una vettura, da utilizzare nell'allora NASCAR Sprint Cup, in seguito divenuta Grand National Division, una vettura che montasse un motore in grado di competere con l'Hemi della Chrysler. Le regole di omologazione in vigore allora in questa serie richiedevano che, per poter utilizzare un determinato motore, questo venisse montato su almeno 500 vetture e che queste fossero disponibili presso la normale rete di vendita.

I vertici della Ford, dopo una lunga riflessione, decisero che il nuovo motore Boss 429, che faceva parte della nuova gamma di motori 385, sarebbe stato montato sulla Mustang. Un problema si presentò immediatamente in quanto il corpo vettura era troppo stretto per ospitare questo nuovo propulsore. La Ford allora si rivolse alla Kar Kraft per modificare 428 Mustang Cobra 428 Jet Mach 1 già costruite. Per permettere l'inserimento di questa unità furono l'allargati i puntoni degli ammortizzatori mentre i parafanghi furono estesi verso l'esterno. Sul cofano venne realizzata un'apertura nella quale era inserito un airscoop ad azionamento manuale e, sempre per guadagnare spazio, fu eliminato il sistema di condizionamento dell'aria. La potenza erogata dal motore era di 375 hp (280 kW) mentre la coppia era di 205 kgm. Su tutte queste vetture venne montata la sola trasmissione manuale.

Esternamente le Boss 429 avevano un aspetto piuttosto sobrio rispetto alle Mustang pari classe (Boss 351, Boss 302 e Mach 1) prodotte dalla Ford. L'unica caratteristica che identificava questa vettura erano le decal Boss 429 applicate dietro alle ruote sui parafanghi anteriori.

Per rimarcare che queste vetture erano delle vere special venne montata una piastra metallica di omologazione NASCAR sulla portiera del conducente sotto la serratura. Questa piastra riportava un codice composto da due lettere, KK da Kar Kraft, più un numero univoco. La prima Boss 429 prodotta aveva il codice KK1201 mentre l'ultima il codice KK2558.

In totale verranno realizzate 1.358 Boss 429 nei due anni di produzione della vettura.

Boss 429 model year 1969[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1969 furono 859 le Boss 429 prodotte. Erano disponibili in cinque colori: Raven Black, Wimbledon White, Royal Maroon, Candyapple Red e Black Jade. L'airscoop era dello stesso colore della carrozzeria. Gli interni erano disponibili solo in colore nero.

Boss 429 model year 1970[modifica | modifica wikitesto]

Il modello del 1970 poteva essere ordinato nelle colorazioni Grabber Orange, Grabber Green, Calypso Coral e Pastel Blu. Gli interni erano disponibili in bianco o in nero mentre l'airscoop sul cofano era nero, indipendentemente dal colore della carrozzeria. Nel 1970 furono prodotte 499 esemplari di questa vettura. Il calo delle vendite era dovuto agli alti costi della vettura e all'aumento del prezzo del carburante. Questo portò alla decisione di porre fine alla sua produzione.

Risultati sportivi[modifica | modifica wikitesto]

Nelle competizioni queste vetture si aggiudicarono numerose gare e alla loro guida si alternarono piloti famosi tra i quali Cale Yarborough e Michey Thompson.

La Boss 429 nei media[modifica | modifica wikitesto]

  • In ambito videoludico, la Boss 429 compare nel videogioco Ford Mustang: The Legend Lives[1].
  • sempre in ambito videoludico la Boss 429 di produzione 1970 compare nel videogioco Forza Motorsport 4

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.igcd.net/vehicle.php?id=40083&width=1024 IGCD:1969 Ford Mustang Boss 429 MkI

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti