Quadriciclo Ford

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Quadriciclo Ford
1896FordQuadricycleReplica.jpg
Replica del quadriciclo Ford
Descrizione generale
Costruttore Stati Uniti  Ford
Tipo principale torpedo
Produzione dal 1896 al 1901
Sostituita da Ford Model A (1903)
Esemplari prodotti 3
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Passo 1200 mm
Massa 230 kg
Altro
Progetto Henry Ford

Il quadriciclo Ford è la prima automobile sperimentale costruita da Henry Ford nel 1896.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la promozione a ingegnere capo della "Detroit Automobile Company", Ford ebbe uno stipendio sufficiente a mantenere la famiglia e finanziare la realizzazione di un veicolo con motore a scoppio. Gli esperimenti venivano effettuati nel piccolo opificio attiguo alla sua abitazione, posta al n.58 di Bagley Avenue, a Detroit.

Completata l'opera, il veicolo venne sperimentato in strada il 4 giugno 1896 e, dopo alcune prove e altrettante modifiche migliorative, riuscì a superare la considerevole velocità di 32 km/h.

Il veicolo[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di un quadriciclo leggero con telaio in ferro, mosso da un motore bicilindrico in linea monoalbero, a valvole laterali, di 1.050 cm³, alimentato a benzina, con potenza massima di 3 bhp (2,2 kW), cambio a due marce e trazione posteriore finale a catena. Il veicolo, senz'altra protezione del cruscotto, può ospitare due persone affiancate nell'unico sedile, dal quale si manovra la lunga leva dello sterzo con comando a timone.

Data l'importanza storica assunta in seguito, come primo veicolo della Ford, il quadriciclo è stato replicato in vari esemplari. Uno dei tre originali è custodito nel "Henry Ford Museum" di Dearborn.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • La leggenda narra che il quadriciclo venne provato su strada all'alba di quel giovedì 4 giugno, allo scopo di evitare sguardi indiscreti. In verità, la prova era prevista per la domenica precedente, ma non aveva potuto essere effettuata perché Henry Ford, completamente assorbito da calcoli e misurazioni meccaniche, aveva dimenticato di misurare l'apertura d'ingresso del suo garage, leggermente inferiore a quello di carreggiata del veicolo. Questo è il reale motivo per cui la prova del quadriciclo fu rimandata di qualche giorno, quando l'impresa edile terminò l'allargamento dell'apertura.[1]
  • Durante una delle sue prime uscite in quadriciclo, Ford investì un passante che rimase incastrato sotto il veicolo tra la ruota anteriore destra e quella posteriore. La situazione venne risolta da un forzuto passante che sollevò il quadriciclo liberando il pedone, rimasto illeso. È il primo pedone travolto da un'automobile del quale si abbia notizia.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Valeria Cossa, Almanacco, Ruoteclassiche n.30 - giugno 1990, pag.71
  2. ^ Valeria Cossa, Almanacco, Ruoteclassiche n.30 - giugno 1990, pag.71

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]