Ford Pinto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ford Pinto
Ford Pinto.jpg
Descrizione generale
Costruttore Stati Uniti  Ford
Tipo principale Berlina 3 porte, Coupé
Altre versioni Shooting-brake
Produzione dal 1971 al 1980
Sostituita da Ford Escort
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4.100 mm
Larghezza 1.760 mm
Altezza 1.300 mm
Passo 2.239 mm
Altro
Stessa famiglia Ford Mustang II
Auto simili Chevrolet Vega, AMC Gremlin

La Ford Pinto è un'autovettura prodotta dalla casa automobilistica statunitense Ford dal 1971 al 1980. Fu la prima Ford di categoria subcompact per il mercato nordamericano. Dal 1974 al 1980 ne fu prodotta una versione ottenuta tramite badge engineering, la Mercury Bobcat.

Si guadagnò la fama di "Auto Assassina". Questa sua fama era dovuta al fatto che quando l'auto era tamponata vi era un alto tasso di probabilità che questa s'incendiasse, inoltre, per via delle deformazioni che il debole telaio subiva, anche ad impatti a bassa velocità, spesso le portiere si bloccavano, impossibilitando la fuga dall'auto. [1]

Questo grave difetto era dovuto alla posizione del suo serbatoio che era collocato subito dietro il paraurti posteriore e vicino l'asse posteriore; in caso d'impatto, questo veniva spinto verso l'asse che aveva dei bulloni non rifiniti e sporgenti che lo perforavano provocando la fuoriuscita della benzina. Questo difetto era ben noto ai dirigenti della casa dell'ovale blu, che però decisero d'ignorarlo poiché il costo di riprogettazione e correzione dell'errore era di gran lunga superiore rispetto il costo dei rimborsi dovute alle cause intentategli dalle vittime di questo difetto.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Invenzioni flop, quante idee da buttare: tra "Nuova Coca", Clippy e la Ford Pinto - Repubblica.it

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili