Ford Fusion (America)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ford Fusion
Descrizione generale
Costruttore bandiera  Ford
Tipo principale berlina mid-size
Produzione dal 2005

La Ford Fusion è un'autovettura Mid-Size prodotta e venduta sul mercato americano dalla Ford a partire dal 2005. Nonostante abbia lo stesso nome di un altro modello venduto in Europa nello stesso periodo, non ha nulla in comune con quest'ultimo.

Prima serie: 2005-2009[modifica | modifica sorgente]

Ford Fusion I
2006 Ford Fusion -- NHTSA.jpg
Descrizione generale
Versioni berlina mid-size
Anni di produzione 2005 - 2012
Dimensioni e pesi
Lunghezza 4.831 mm
Larghezza 1.834 mm
Altezza 1.453 mm
Passo 2728 mm
Massa 1487 kg
Altro
Auto simili Buick Regal
Cadillac CTS
Chevrolet Malibu
Honda Accord
Nissan Altima
Toyota Camry
Washauto06 Ford fusion.jpg

La prima serie introdusse il nuovo family-feeling delle Ford americane, dotato di mascherina con tre fasce cromate più altre due sul paraurti. Al lancio, venne venduta negli allestimenti S, SE e SEL. Il motore d'ingresso era un 2.3 cm³ Duratec da 161 cv, accompagnato da un cambio manuale o automatico a 5 rapporti, mentre per i modelli SE e SEL era disponibile il 3.0 cm³ V6 Duratec da 224 cv con cambio automatico a 6 rapporti. La prima serie condivideva alcuni componenti con la Ford Mondeo, come i sedili e la console centrale. Lo slogan della Fusion negli Stati Uniti era "Life in Drive", mentre in Canada era "Create a Reaction". Nel gennaio 2007, Ford lanciò una nuova campagna pubblicitaria intitolata "Fusion Challenge" (successivamente rinominata "Ford Challenge"). Nello stesso anno venne realizzato un aggiornamento: la trazione integrale divenne disponibile per tutti i modelli V6, mentre il fold-flat system divenne di serie sugli allestimenti SEL e SE. Inoltre, anche la sicurezza migliorò grazie agli airbag laterali, a tendina e ad un sistema anti-furto perimetrale. Sull'aspetto intrattenimento, vennero aggiunti la presa aux-in e un navigatore con lettore DVD integrato. Nel 2008, un secondo aggiornamento rese l'ABS e un sistema di monitoraggio della pressione degli pneumatici di serie su tutta la gamma. Come optional diventarono disponibili i sensori di parcheggio e l'illuminazione supplementare interna. Il navigatore con lettore DVD venne sostituito con un sistema di nuova generazione comprendente anche i comandi vocali. Infine, vennero aggiunti due pacchetti di optional: lo "Sport Appearance Package" e il "Moon and Tune Package" (che portava il numero di altoparlanti a otto). Nel 2009, la Fusion ottenne l'ESP, ma verso la fine dell'anno venne restilizzata completamente.

Fusion restyling

Prima serie restyling: 2009 - 2012[modifica | modifica sorgente]

Tra il 2009 e il 2010 la Fusion venne restilizzata assieme alle Mercury Milan e Lincoln MKZ, con un frontale completamente nuovo e più aggressivo. Vennero aggiornati anche gli interni e i motori, che diventarono simili a quelli della versione 2009 del Ford Escape. Tra questi il nuovo 2.5 cm³ 4 cilindri da 175cv e il 3.0 cm³ PIP Duratec V6 da 240cv, funzionante anche con E85 e accoppiato alla nuova trasmissione 6F35 a sei rapporti. La Fusion Sport venne invece dotata del 3.5 cm³ Duratec da 263 cv. Per quanto riguarda gli interni venne cambiato il design della console centrale, venne aggiunto un monitor LCD da 8" e venne usata una nuova colorazione blu ghiaccio per la strumentazione e i comandi. Gli allestimenti furono 4: S, SE, SEL e Sport. In Messico, l'S comprendeva i cerchi da 16" in acciaio con copricerchi, mentre negli USA e in Canada comprendeva quelli da 16" in lega. L'allestimento SE divenne disponibile con due motorizzazioni (4 cilindri in linea e V6), con cerchi in acciaio da 17" e copricerchi, con fendinebbia e con retrovisori verniciati. Il SEL, invece, aveva in più i cerchi in lega da 17", il sistema SYNC e i sedili in pelle. Il tetto panoramico era disponibile come optional. Infine, l'allestimento Sport possedeva spoiler, minigonne laterali e cerchi in lega da 18".

Fusion Hybrid[modifica | modifica sorgente]

Nel marzo 2009 venne commercializzata la Fusion Hybrid, caratterizzata da una propulsore ibrido benzina-elettrico con un prezzo iniziale di 27mila dollari. I consumi certificati dall'EPA erano di 41 mpg in città e di 36 mpg in autostrada. Guidando solamente in città, era possibile compiere 700 miglia con un pieno. Questo modello ottenne i migliori consumi certificati EPA rispetto alle concorrenti Toyota Camry Hybrid, Nissan Altima Hybrid e Chevrolet Malibu Hybrid.

Fusion NASCAR

Fusion NASCAR[modifica | modifica sorgente]

La Ford decise di utilizzare la Fusion come base per le vetture NASCAR a partire dalla stagione 2006, rimpiazzando la Taurus. Il veicolo debuttò nella Daytona 500 e vinse la prima gara una settimana dopo in California. Ford vinse l'edizione annuale della Daytona 500 nel 2009 e nel 2011, quest'ultima vinta dal pilota ventenne Trevor Bayne.

Record di velocità[modifica | modifica sorgente]

Il progetto Fusion 999 nacque nel 2006 quando l'ingegnere Mujeeb Ijaz si rivolse alla Roush Racing per realizzare un progetto in grado di dimostrare le performance di un veicolo a fuel-cell. Il team della Roush Racing, guidato da Rick Darling, lavorò con gli ingegneri della Ford capeggiati da Matt Zuehlk per realizzare un mezzo in grado di raggiungere i 320 km/h e propulso solo con idrogeno nelle Bonneville salt flats. Il 15 agosto 2007, il veicolo riuscì a segnare un record di velocità di 333.612 km/h e venne pilotato dall'ex-ingegnere Rick Byrnes, un tempo pilota in numerose sfide effettuate nelle saline di Bonneville.

Seconda serie[modifica | modifica sorgente]

Ford Fusion II
Ford Fusion at NAIAS 2012 004.jpg
Descrizione generale
Versioni berlina mid-size
Dimensioni e pesi
Lunghezza 4.869 mm
Larghezza 1.852 mm
Altezza 1.476 mm
Passo 2850 mm
Massa 1507-1554 kg
Altro
Auto simili Buick Regal
Cadillac CTS
Chevrolet Malibu
Honda Accord
Nissan Altima
Toyota Camry
Ford Fusion at NAIAS 2012 005.jpg

La seconda serie della Fusion venne svelata nell'edizione 2012 del North American International Auto Show. Il modello risultò essere molto simile al concept stilistico Evos, presentato poco tempo prima al Salone di Francoforte. Seguendo il concetto delle world car, già intrapreso da Ford con Focus, questo modello è stato costruito su una piattaforma globale e venduto in America con il nome Fusion, mentre in Europa con il nome Mondeo. Rispetto alla vecchia generazione, il passo è cresciuto di 122 mm, la lunghezza di 28 mm, la larghezza di 18 mm e l'altezza di 31 mm. All'anteriore si trova un sistema sospensivo MacPherson, mentre al posteriore un multi-link.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]