Quadriciclo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una Microcar Virgo 2

Il quadriciclo, secondo il codice della strada italiano, è assimilato ad un qualsiasi motoveicolo o triciclo pur avendo quattro ruote. Fa parte infatti della categoria "L"

« quadricicli a motore: veicoli a quattro ruote destinati al trasporto di cose con al massimo una persona oltre al conducente nella cabina di guida, ai trasporti specifici e per uso speciale, la cui massa a vuoto non superi le 0,55 t, con esclusione della massa delle batterie se a trazione elettrica, capaci di sviluppare su strada orizzontale una velocità massima fino a 80 km/h. Le caratteristiche costruttive sono stabilite dal regolamento. Detti veicoli, qualora superino anche uno solo dei limiti stabiliti sono considerati autoveicoli »
(Codice della strada Art.53 h)

Limiti di massa e di carico[modifica | modifica sorgente]

Sono equiparati ai tricicli e ai motocicli e si dividono in:

  • Quadricicli leggeri: veicoli la cui massa a vuoto è regolamentata a un limite massimo di 350kg, con una capacità di carico massima non superiore ai 200 kg. Sono equiparati ai ciclomotori e possono essere condotti con o senza patente, a seconda della legislazione in vigore in ciascun paese.
  • Quadricicli pesanti: questi quadricicli a seconda del loro utilizzo hanno limiti differenti:
    • Per il trasporto di persone, veicoli la cui massa a vuoto è regolamentata a un limite massimo di 400kg, con una capacità di carico massima non superiore ai 200 kg.
    • Per il trasporto di merci, veicoli la cui massa a vuoto è regolamentata a un limite massimo di 550kg, con una capacità di carico massima non superiore ai 1000 kg.

Nel calcolo della massa non è compreso il peso delle batterie per i mezzi dotati di motore elettrico.

Limiti di potenza, cilindrata e velocità in Italia[modifica | modifica sorgente]

I limiti di potenza e cilindrata variano a seconda della categoria in cui ricade il quadriciclo.

  • Quadricicli leggeri; Potenza massima pari o inferiore a 4 kW, con una cilindrata massima di 50 cm³ per i motori ad accensione comandata, mentre non ci sono limiti di cilindrata per i motori termici di altro tipo o motori di altra natura, come i motori elettrici che non hanno una cilindrata, mentre non possono essere capaci di viaggiare a oltre 45 km/h (Codice della strada Art.53).
  • Quadricicli pesanti; Potenza massima pari o inferiore a 15 kW, senza limitazioni delle misure motore, mentre non possono essere capaci di viaggiare a oltre 80 km/h (Codice della strada Art.53).

Patente richiesta in Italia[modifica | modifica sorgente]

Se il quadriciclo rientra nella categoria quadriciclo leggero è necessaria la patente AM, conseguibile a partire dai 14 anni, in quanto il codice della strada lo equipara ad un ciclomotore pur avendo quattro ruote.

Per i quadricicli pesanti invece è richiesta la patente B1, conseguibile a partire dai 16 anni. Infine, se la massa a vuoto risulta superiore ai 550 chilogrammi (per i quadricicli adibiti a trasporto merci) o ai 400 chilogrammi (trasporto persone), è richiesta la patente B poiché i mezzi vengono considerati autoveicoli a tutti gli effetti.

Inquinamento[modifica | modifica sorgente]

Alcuni quadricicli leggeri sono stati sottoposti ad esame da parte dell'ANCMA per quanto riguarda le emissioni nocive con il risultato che, pur essendo in uno Standard europei sulle emissioni inquinanti diverso da quelli destinati alle autovetture, quasi sempre i livelli di inquinamento prodotto sono inferiori a quello di autovetture diesel omologate Euro III e, per alcuni parametri, assimilabili a quelle con omologazione Euro IV. Anche il livello di emissione di anidride carbonica, dovuto al basso consumo di questi mezzi, è ridotto rispetto a quello delle autovetture [1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ www.ancma.it EMISSIONI INQUINANTI – i risultati dei test ANCMA

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti