Gran Premio di Gran Bretagna 1994

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gran Bretagna Gran Premio di Gran Bretagna 1994
556º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 8 di 16 del Campionato 1994
Silverstone 1994.jpg
Data 10 luglio 1994
Nome ufficiale XLVII British Grand Prix
Circuito Circuito di Silverstone
Percorso 5,057 km / 3,160 US mi
Distanza 60 giri, 303,420 km/ 189,637 US mi
Clima soleggiato
Risultati
Pole position Giro più veloce
Regno Unito Damon Hill Regno Unito Damon Hill
Williams-Renault in 1'24.960 Williams-Renault in 1'27.100
(nel giro 11)
Podio
1. Regno Unito Damon Hill
Williams-Renault
2. Francia Jean Alesi
Ferrari
3. Finlandia Mika Häkkinen
McLaren-Peugeot

Il Gran Premio di Gran Bretagna 1994 si svolse il 10 luglio 1994 sul circuito di Silverstone e fu l'ottavo appuntamento mondiale della stagione 1994.

La gara segnò l'inizio del recupero di Damon Hill nei confronti di Michael Schumacher, squalificato per aver superato più volte il rivale inglese nel giro di ricognizione e per non aver rispettato la penalità comminatagli.

Pre-gara[modifica | modifica sorgente]

David Coulthard torna alla Williams dovuto al ritorno nelle Champ Car di Nigel Mansell.

Qualifiche[modifica | modifica sorgente]

Cronaca[modifica | modifica sorgente]

Nelle qualifiche Damon Hill beffò sul finale il tedesco Michael Schumacher e l'austriaco Gerhard Berger per la conquista della pole position.

L'austriaco della Ferrari si era poi schiantato da poco nelle barriere di protezione alla fine della pitlane.

Gara[modifica | modifica sorgente]

Cronaca[modifica | modifica sorgente]

Jean Alesi (dietro) e Gerhard Berger (davanti) impegnati nel Gran Premio di Gran Bretagna.

Durante il giro di ricognizione Schumacher passò più volte il rivale Hill, il quale partiva dalla pole position. La manovra, non consentita, venne sanzionata con uno stop&go, ignorato però dal pilota tedesco. Successivamente viene esposta al pilota della Benetton la bandiera nera, ma nonostante ciò Schumacher continuò la sua corsa fino al termine della gara.

Dietro i due, nelle battute finali della corsa, Häkkinen e Barrichello, in lotta per il terzo posto, si scontrarono, pur senza conseguenza per nessuno dei due.

Hill vinse quindi la gara. Schumacher, giunto secondo, venne squalificato per non aver rispettato gli ordini dei commissari. Sul podio salirono quindi Alesi e Häkkinen, seguiti da Barrichello, Coulthard e Katayama.

Risultati[modifica | modifica sorgente]

Pos N. Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro P. al via Punti
1 0 Regno Unito Damon Hill Williams-Renault 60 1:30:03.640 1 10
2 27 Francia Jean Alesi Ferrari 60 +1:08.128 4 6
3 7 Finlandia Mika Häkkinen McLaren-Peugeot 60 +1:40.659 5 4
4 14 Brasile Rubens Barrichello Jordan-Hart 60 +1:41.751 6 3
5 2 Regno Unito David Coulthard Williams-Renault 59 +1 giro 7 2
6 3 Giappone Ukyo Katayama Tyrrell-Yamaha 59 +1 giro 8 1
7 30 Germania Heinz-Harald Frentzen Sauber-Mercedes 59 +1 giro 13  
8 6 Paesi Bassi Jos Verstappen Benetton-Ford 59 +1 giro 10  
9 9 Brasile Christian Fittipaldi Footwork-Ford 58 +2 giri 20  
10 23 Italia Pierluigi Martini Minardi-Ford 58 +2 giri 14  
11 12 Regno Unito Johnny Herbert Lotus-Mugen-Honda 58 +2 giri 21  
12 26 Francia Olivier Panis Ligier-Renault 58 +2 giri 15  
13 25 Francia Eric Bernard Ligier-Renault 58 +2 giri 23  
14 19 Monaco Olivier Beretta Larrousse-Ford 58 +2 giri 24  
15 31 Australia David Brabham Simtek-Ford 57 +3 giri 25  
16 32 Francia Jean-Marc Gounon Simtek-Ford 57 +3 giri 26  
SQ 5 Germania Michael Schumacher Benetton-Ford 60 Squalificato 2  
Rit 24 Italia Michele Alboreto Minardi-Ford 48 Motore 17  
Rit 28 Austria Gerhard Berger Ferrari 32 Motore 3  
Rit 4 Regno Unito Mark Blundell Tyrrell-Yamaha 20 Cambio 11  
Rit 20 Francia Érik Comas Larrousse-Ford 12 Motore 22  
Rit 29 Italia Andrea de Cesaris Sauber-Mercedes 11 Motore 18  
Rit 10 Italia Gianni Morbidelli Footwork-Ford 5 Motore 16  
Rit 11 Italia Alessandro Zanardi Lotus-Mugen-Honda 4 Motore 19  
Rit 8 Regno Unito Martin Brundle McLaren-Peugeot 0 Motore 9  
Rit 15 Regno Unito Eddie Irvine Jordan-Hart 0 Motore 12  
NQ 34 Belgio Bertrand Gachot Pacific-Ilmor  
NQ 33 Francia Paul Belmondo Pacific-Ilmor    

Post-gara[modifica | modifica sorgente]

Nel dopo-gara Schumacher venne squalificato per ulteriori due gare per non aver rispettato gli ordini dei commissari.[1] La Benetton ricevette 25.000 dollari di multa.

Classifiche[modifica | modifica sorgente]

Costruttori[modifica | modifica sorgente]

Pos Team Punti
1 Regno Unito Benetton 67
2 Regno Unito Williams 43
3 Italia Ferrari 42
4 Irlanda Jordan 14
Regno Unito McLaren 14
6 Svizzera Sauber 10
7 Regno Unito Tyrrell 9
8 Italia Minardi 5
9 Regno Unito Footwork 3
10 Francia Larrousse 1

Note[modifica | modifica sorgente]

Salvo indicazioni diverse le classifiche sono tratte da Sito di The Official Formula 1. URL consultato il 27 settembre 2008.

  1. ^ Schumacher ban upheld on appeal, Motorsport.com. URL consultato il 21 luglio 2008.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1994
Flag of Brazil.svg Flag of the Pacific Community.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Spain.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Europe.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
1993
Gran Premio di Gran Bretagna
Edizione successiva:
1995
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1