Gran Premio di Gran Bretagna 1978

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Regno Unito Gran Premio di Gran Bretagna 1978
307º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 10 di 16 del Campionato 1978
Brands Hatch.svg
Data 16 luglio 1978
Nome ufficiale XXXI John Player British Grand Prix
Circuito Brands Hatch
Percorso 4,207 km
Distanza 76 giri, 319,732 km
Clima Soleggiato
Risultati
Pole position Giro più veloce
Svezia Ronnie Peterson Austria Niki Lauda
Lotus-Ford Cosworth in 1'16"80 Brabham-Alfa Romeo in 1'18"60
(nel giro 72)
Podio
1. Argentina Carlos Reutemann
Ferrari
2. Austria Niki Lauda
Brabham-Alfa Romeo
3. Regno Unito John Watson
Brabham-Alfa Romeo

Il Gran Premio di Gran Bretagna 1978 è stata la decima prova della stagione 1978 del Campionato mondiale di Formula 1. Si è corsa domenica 16 luglio 1978 sul Circuito di Brands Hatch. La gara è stata vinta dall'argentino Carlos Reutemann su Ferrari; per il vincitore si trattò dell'ottavo successo nel mondiale. Ha preceduto sul traguardo l'austriaco Niki Lauda e il britannico John Watson, entrambi su Brabham-Alfa Romeo.

L'organizzazione venne premiata col Race Promoters' Trophy, per il miglior gran premio della stagione. Fu la seconda volta per il gran premio britannico, anche se nella stagione 1977 il gran premio era stato ospitato sul Circuito di Silverstone.

Vigilia[modifica | modifica sorgente]

Sviluppi futuri[modifica | modifica sorgente]

Riccardo Patrese affermò di aver rirfiutato un'offerta dell'Alfa Romeo per la stagione 1979, nella quale la casa di Arese avrebbe fatto il suo ritorno in prima persona in F1.[1] La Scuderia Ferrari smentì di aver firmato un accordo con Jody Scheckter, pilota sudafricano della Wolf, sempre per la stagione successiva.[2]

Aspetti tecnici[modifica | modifica sorgente]

La Lotus sperimentò una nuova versione della 79, con la possibilità per il pilota di regolare manualmente la durezza della barre antirollio anteriore, oltre che di quella posteriore.[3] Venne prospettata l'ipotesi che anche la Goodyear potesse sperimentare degli pneumatici radiali, come quelli della Michelin, ma tale ipotesi venne respinta dai tecnici della casa americana. La Goodyear portò comunque un nuovo tipo di coperture.[4]

Sull'Arrows FA1 a disposizione di Riccardo Patrese venne montato un microcomputer. Il dispositivo, creato dalla scuderia britannica in collaborazione con la Scicon, montato per la prima volta su una monoposto, sarebbe servito per controllare la vettura e consentire così alla scuderia di apportare le modicihe necessarie all'assetto della vettura stessa. Il computer aveva un costo di 30.000 sterline.[5]

Dopo il difficile gran premio di Francia la Scuderia Ferrari indicò che la gara fosse sevrita come una sorta di test per gli pneumatici, viste le molte soste a cui erano stati costretti i piloti del Cavallino. L'ing. Mauro Forghieri spiegò:

« La sofisticazione delle macchine di Formula 1 ha raggiunto tali livelli che le componenti necessarie per portare una vettura al vertice sono innumerevoli.Gli pneumatici sono uno dei fattori determinanti. Se non si riesce a mettere sull'asfalto, con le gomme, la potenza espressa dal motore è finita. La costruzione delle coperture e la composizione delle mescole sono complicatissime. Basta la variazione della temperatura ambiente, la modifica della struttura dell'asfalto della pista di un minimo grado per alterare tutti i rapporti. Noi purtroppo, con la Michelin, siamo in una fase sperimentale e dobbiamo pagare l'inesperienza. Del resto, non possiamo neppure pretendere di essere sempre al vertice. Anche gli altri hanno avuto i loro alti e bassi.[6] »

La gara tornò, nella solita alternanza fra tracciati, a disputarsi sul Circuito di Brands Hatch, pista che ospitava il mondiale per l'ottava volta.

Aspetti sportivi[modifica | modifica sorgente]

L'esordiente britannico Geoff Lees venne iscritto sulla Ensign della Mario Deliotti Racing, mentre la Melchester Racing presentò una McLaren M23 per Tony Trimmer. Trimmer mancava, nel mondiale di F1, dall'edizione 1977 del gran premio britannico, in cui non si era prequalificato con una Surtees, sempre gestita dalla Melchester Racing. La Martini, seppur iscritta, diede forfait.

Qualifiche[modifica | modifica sorgente]

Resoconto[modifica | modifica sorgente]

La prima giornata di prove vide il miglior tempo di Ronnie Peterson in 1'17"16, che precedette Mario Andretti e Niki Lauda. Lauda scontava anche la rottura del telaio della sua Brabham. Finirono ancora indietro le due Ferrari, ancora impegnate nello sviluppo degli pneumatici per la stagione 1979.[3]

Al sabato lo svedese della Lotus confermò la pole, la tredicesima della carriera nel mondiale, in 1'16"80 (nuovo record assoluto per il tracciato). Tra l'altro lo svedese colse il tempo con pneumatici da gara e non da qualifica. Molti piloti migliorarono comunque le prestazioni rispetto al giorno precedente, grazie alle buone condizioni meteorologiche. La seconda posizione fu confermata anche da Mario Andretti, l'altro pilota della scuderia di Colin Chapman. In seconda fila ci fu l'exploit di Jody Scheckter, che precedette Niki Lauda.[4]

Risultati[modifica | modifica sorgente]

Nella sessione di qualifica[7] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Griglia
1 6 Svezia Ronnie Peterson Regno Unito Lotus-Ford Cosworth 1'16"80 1
2 5 Stati Uniti Mario Andretti Regno Unito Lotus-Ford Cosworth 1'17"06 2
3 20 Sudafrica Jody Scheckter Canada Wolf-Ford Cosworth 1'17"37 3
4 1 Austria Niki Lauda Regno Unito Brabham-Alfa Romeo 1'17"42 4
5 35 Italia Riccardo Patrese Regno Unito Arrows-Ford Cosworth 1'18"28 5
6 27 Australia Alan Jones Regno Unito Williams-Ford Cosworth 1'18"36 6
7 26 Francia Jacques Laffite Francia Ligier-Matra 1'18"44 7
8 11 Argentina Carlos Reutemann Italia Ferrari 1'18"45 8
9 2 Regno Unito John Watson Regno Unito Brabham-Alfa Romeo 1'18"57 9
10 4 Francia Patrick Depailler Regno Unito Tyrrell-Ford Cosworth 1'18"73 10
11 14 Brasile Emerson Fittipaldi Brasile Fittipaldi-Ford Cosworth 1'18"78 11
12 15 Francia Jean-Pierre Jabouille Francia Renault 1'18"88 12
13 12 Canada Gilles Villeneuve Italia Ferrari 1'18"99 13
14 7 Regno Unito James Hunt Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 1'19"05 14
15 22 Irlanda Derek Daly Regno Unito Ensign-Ford Cosworth 1'19"13 15
16 33 Italia Bruno Giacomelli Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 1'19"79 16
17 17 Svizzera Clay Regazzoni Regno Unito Shadow-Ford Cosworth 1'19"83 17
18 16 Germania Hans-Joachim Stuck Regno Unito Shadow-Ford Cosworth 1'19"98 18
19 3 Francia Didier Pironi Regno Unito Tyrrell-Ford Cosworth 1'19"99 19
20 8 Francia Patrick Tambay Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 1'20"14 20
21 25 Messico Héctor Rebaque Regno Unito Lotus-Ford Cosworth 1'20"24 21
22 10 Finlandia Keke Rosberg Germania ATS-Ford Cosworth 1'20"27 22
23 37 Italia Arturo Merzario Italia Merzario-Ford Cosworth 1'20"35 23
24 30 Stati Uniti Brett Lunger Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 1'20"39 24
25 19 Italia Vittorio Brambilla Regno Unito Surtees-Ford Cosworth 1'20"70 25
26 9 Germania Jochen Mass Germania ATS-Ford Cosworth 1'20"71 26
NQ 36 Germania Rolf Stommelen Regno Unito Arrows-Ford Cosworth 1'20"73 NQ
NQ 23 Regno Unito Geoff Lees Regno Unito Ensign-Ford Cosworth 1'21"05 NQ
NQ 18 Regno Unito Rupert Keegan Regno Unito Surtees-Ford Cosworth 1'21"10 NQ
NQ 40 Regno Unito Tony Trimmer Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 1'21"41 NQ

Gara[modifica | modifica sorgente]

Resoconto[modifica | modifica sorgente]

Al via fu Mario Andretti a scattare meglio di tutti, mettendo in fila Ronnie Peterson, Jody Scheckter, Alan Jones (partito sesto), Lauda e Riccardo Patrese (partito quinto).

Le Lotus sembravano poter condurre agevolmente la gara, staccando di quasi un secondo a giro il terzo, Scheckter. Al sesto giro, però, si ritirò Peterson, per noie al sistema di alimentazione. Le coperture portate dalla Goodyear subivano un forte degrado, tanto che al giro 24 Mario Andretti fu costretto a una sosta ai box per sostituire la gomma posteriore destra. L'italoamericano tornò in pista solo undicesimo. La Goodyear testò nel gran premio anche delle gomme radiali, che vennero utilizzate da Patrick Tambay.[8]

Jody Scheckter si trovò al comando davanti a Jones, Lauda, Patrese, Carlos Reutemann, Watson. L'australiano della Williams, Jones, si ritirò al giro ventisei per un guasto alla frizione. Poco dopo il motore tradì Andretti, già in rimonta. Erano ceduti dei cuscinetti che regolavano la pressione dell'olio.

Senza le vetture oro-nere la gara risultava molto combattuta: tra il primo, Scheckter, ed il sesto, Patrick Depailler, vi erano solo 2 secondi di gap. Al 34º giro Niki Lauda passò a condurre, sfruttando un problema al cambio per Scheckter, che fu costretto al ritiro poco dopo. Lauda ora comandava davanti a Riccardo Patrese, Carlos Reutemann, Patrick Depailler e Watson. Depailler però fu fermato anche lui da problemi alle gomme, e retrocesse in settima posizione. Entrarono in zona punti Didier Pironi e Keke Rosberg. Pironi però fu costretto al ritiro per noie al cambio.

La gara ad eliminazione proseguì quando al 40º giro Patrese dovette rientrare ai box per una foratura e una sospensione rotta, ritirandosi. Ora era Reutemann secondo che precedeva Watson, Keke Rosberg poi Depailler, Jochen Mass con l'altra ATS; chiudeva la zona punti Patrick Tambay, che precedeva un altro tedesco, Stuck su Shadow. Anche Mass dovette però, poco dopo, fermarsi ai box. Al giro 49 Depailler superò Rosberg, che poco dopo si ritirò per la rottura di una sospensione.

Al sessantunesimo passaggio, Carlos Reutemann sfruttò il doppiaggio di Bruno Giacomelli da parte di Niki Lauda, alla curva Clearways, e passò a condurre fino al termine. Nel dopo gara Lauda accusò Giacomelli di averlo ostacolato.[9]

Carlos Reutemann vinse per l'ottava volta nel mondiale, davanti a Lauda, Watson, Patrick Depailler, Hans-Joachim Stuck (per la prima volta a punti in stagione). Poi seguivano tre McLaren: sesto Patrick Tambay, Giacomelli settimo, davanti a Brett Lunger.[10]

Risultati[modifica | modifica sorgente]

I risultati del gran premio[11] furono i seguenti:

Pos No Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Pos. Griglia Punti
1 11 Argentina Carlos Reutemann Italia Ferrari 76 1h42'12"39 8 9
2 1 Austria Niki Lauda Regno Unito Brabham-Alfa Romeo 76 +1"23 4 6
3 2 Regno Unito John Watson Regno Unito Brabham-Alfa Romeo 76 +37"25 9 4
4 4 Francia Patrick Depailler Regno Unito Tyrrell-Ford Cosworth 76 +1'13"27 10 3
5 16 Germania Hans Joachim Stuck Regno Unito Shadow-Ford Cosworth 75 +1 giro 18 2
6 8 Francia Patrick Tambay Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 75 +1 giro 20 1
7 33 Italia Bruno Giacomelli Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 75 +1 giro 16
8 30 Stati Uniti Brett Lunger Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 75 +1 giro 24
9 19 Italia Vittorio Brambilla Regno Unito Surtees-Ford Cosworth 75 +1 giro 25
10 26 Francia Jacques Laffite Francia Ligier-Matra 73 +3 giri 7
NC 9 Germania Jochen Mass Germania ATS-Ford Cosworth 65 +11 giri 26
Rit 10 Finlandia Keke Rosberg Germania ATS-Ford Cosworth 59 Sospensione 22
Rit 17 Svizzera Clay Regazzoni Regno Unito Shadow-Ford Cosworth 49 Cambio 17
Rit 15 Francia Jean-Pierre Jabouille Francia Renault 46 Turbo 12
Rit 35 Italia Riccardo Patrese Regno Unito Arrows-Ford Cosworth 40 Sospensione 5
Rit 3 Francia Didier Pironi Regno Unito Tyrrell-Ford Cosworth 40 Cambio 19
Rit 20 Sudafrica Jody Scheckter Canada Wolf-Ford Cosworth 36 Cambio 3
Rit 14 Brasile Emerson Fittipaldi Brasile Fittipaldi-Ford Cosworth 32 Motore 11
Rit 37 Italia Arturo Merzario Italia Merzario-Ford Cosworth 32 Alimentazione 23
Rit 22 Irlanda Derek Daly Regno Unito Ensign-Ford Cosworth 30 Ruota 15
Rit 5 Stati Uniti Mario Andretti Regno Unito Lotus-Ford Cosworth 28 Motore 2
Rit 27 Australia Alan Jones Regno Unito Williams-Ford Cosworth 26 Trasmissione 6
Rit 12 Canada Gilles Villeneuve Italia Ferrari 19 Trasmissione 13
Rit 25 Messico Héctor Rebaque Regno Unito Lotus-Ford Cosworth 15 Cambio 21
Rit 7 Regno Unito James Hunt Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 7 Incidente 14
Rit 6 Svezia Ronnie Peterson Regno Unito Lotus-Ford Cosworth 6 Alimentazione 1
NQ 36 Germania Rolf Stommelen Regno Unito Arrows-Ford Cosworth
NQ 23 Regno Unito Geoff Lees Regno Unito Ensign-Ford Cosworth
NQ 18 Regno Unito Rupert Keegan Regno Unito Surtees-Ford Cosworth
NQ 40 Regno Unito Tony Trimmer Regno Unito McLaren-Ford Cosworth

Classifiche[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (ES) Patrese, no a "Alfa Romeo" in El Mundo Deportivo, 13-7-1978, p. 15. URL consultato il 5-8-2012.
  2. ^ Ferrari non ha visto Scheckter in Stampa Sera, 10-7-1978, p. 13.
  3. ^ a b Gianni Rogliatti, La Lotus continua a dominare in La Stampa, 15-7-1978, p. 13.
  4. ^ a b Gianni Rogliatti, La Lotus fa il vuoto anche in Inghilterra in La Stampa, 16-7-1978, p. 15.
  5. ^ Un microcomputer sull'auto di Patrese in La Stampa, 7-7-1978, p. 15.
  6. ^ Cristiano Chiavegato, Alla Ferrari non manca la fiducia in La Stampa, 4-7-1978, p. 13.
  7. ^ Risultati delle qualifiche
  8. ^ Goodyear con gomme radiali in Stampa Sera, 17-7-1978, p. 13.
  9. ^ Ercole Colombo, Carlos: "Si sono ritirati..." in Stampa Sera, 17-7-1978, p. 13.
  10. ^ Gianni Rogliatti, Ferrari risorge, affonda la Lotus in Stampa Sera, 17-7-1978, p. 13.
  11. ^ Risultati del gran premio

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1978
Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of the United States.svg Flag of Monaco.svg Flag of Belgium.svg Flag of Spain (1977 - 1981).svg Flag of Sweden.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Canada.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
1977
Gran Premio di Gran Bretagna
Edizione successiva:
1979
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1