Gran Premio di Gran Bretagna 1977

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Regno Unito Gran Premio di Gran Bretagna 1977
Gran Premio d'Europa 1977
290º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 10 di 17 del Campionato 1977
Silverstone 1975.jpg
Data 16 luglio 1977
Nome ufficiale XXX John Player British Grand Prix
Circuito Silverstone
Percorso 4,719 km
Distanza 68 giri, 320,892 km
Clima Soleggiato
Risultati
Pole position Giro più veloce
Regno Unito James Hunt Regno Unito James Hunt
McLaren-Ford Cosworth in 1'18"490 McLaren-Ford Cosworth in 1'19"600
(nel giro 48)
Podio
1. Regno Unito James Hunt
McLaren-Ford Cosworth
2. Austria Niki Lauda
Ferrari
3. Svezia Gunnar Nilsson
Lotus-Ford Cosworth

Il Gran Premio di Gran Bretagna 1977 è stata la decima prova della stagione 1977 del Campionato mondiale di Formula 1. Si è corsa sabato 16 luglio 1977 sul Circuito di Silverstone. La gara è stata vinta dal britannico James Hunt, su McLaren-Ford Cosworth; per il vincitore si trattò dell'ottavo successo nel mondiale. Ha preceduto sul traguardo l'austriaco Niki Lauda su Ferrari e lo svedese Gunnar Nilsson su Lotus-Ford Cosworth. La gara fu anche valida come Gran Premio d'Europa. Nelle prequalifiche il pilota britannico David Purley fu vittima di un grave incidente.

L'organizzazione venne premiata col Race Promoters' Trophy, per il miglior gran premio della stagione. Fu la prima volta per il gran premio britannico.

Vigilia[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppi futuri[modifica | modifica wikitesto]

Bernie Ecclestone, patron della Brabham, propose la creazione di un nuovo campionato riservato solamente a vetture spinte dal motore Ford Cosworth, con potenza limitata a 370 cavalli. Il campionato, con gare disputate in Europa, si sarebbe basato su dieci prove.[1] Visto l'altro numero di piloti iscritti nelle ultime gare il pilota belga Jacky Ickx propose l'istituzione di una sorta di mondiale di Formula 1 "A" coi piloti più esperti e un mondiale "B", con prove per lo più europee, riservato ai piloti che aspiravano all'entrata nel mondiale, e con un sistema di promozioni e retrocessioni fra le due categorie.[2]

Arturo Merzario annunciò la volontà di far debuttare una propria vettura nel Gran Premio d'Italia. Merzario affermò di sperare di ottenere un propulsore dall'Alfa Romeo, che già riforniva la Brabham.[3] Walter Wolf, proprietario della scuderia omonima, dichiarò la volontà di costruirsi un motore in proprio in futuro, per non dover attendere la fornitura della Cosworth. Il tipo di motore sarebbe stato sovralimentato.[4]

Aspetti tecnici[modifica | modifica wikitesto]

Nella solita alternanza tra autodromi britannico fu il turno del Circuito di Silverstone nell'ospitare il gran premio nazionale, per la sedicesima volta nella storia del mondiale di Formula 1.

La gara vide l'esordio effettivo per la Renault. La casa transalpina, che non aveva mai preso parte a nessun gran premio di F1, ma aveva partecipato negli anni cinquanta a delle edizioni della 24 Ore di Le Mans, presentò il modello RS01. Era spinto, per la prima volta per una vettura di Formula 1, da un motore turbo V6, da 1.500 cc. I motori sovralimentati era ammessi da sempre in Formula 1 ma non erano stati utilizzati da molto tempo (gli ultimi risalivano agli anni cinquanta ed erano sovralimentati da un compressore), in quanto si considerava troppo sfavorevole il rapporto di cilindrata ammessa, rispetto a quanto concesso ai motori a pressione atmosferica. L'altra novità sulla vettura francese fu l'esordio degli pneumatici radiali forniti dalla Michelin. Il gommista transalpino, anch'esso all'esordio nella Formula 1, aveva ottenuto ottimi risultati sia nelle gare di durata, con vittorie alla 24 Ore di Le Mans, che nel Motomondiale (nel 1976 aveva vinto il titolo in 125cc, 250cc, 350cc e 500cc).

Vi fu anche l'unica apparizione nel mondiale per la McGuire, un costruttore britannico, che utilizzava una Williams FW04 modificata e denominata McGuire BM1.

La McLaren fornì il modello M26 anche a Jochen Mass, mentre utilizzò il più desueto M23 quale terza vettura ufficiale, affidata a Gilles Villeneuve. La Wolf impiegò nuovamente la WR1.

Aspetti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

Furono ben 42 i piloti iscritti al Gran Premio di Gran Bretagna. Si iscrisse Derek Bell con una Penske della scuderia Hexagone of Highgate. Il britannico aveva già disputato 16 gran premi, e mancava dal Gran Premio del Canada 1974, corso con una Surtees. La vettura però venne considerata non conforme e così il britannico non poté prendere parte alle prequalifiche.

Tornò a essere iscritto anche Tony Trimmer che, abbandonata la Maki con cui aveva tentato di qualificarsi a più riprese tra il 1975 e il 1976, provò questa volta con una Surtees privata del team Melchester Racing.

Vi fu l'esordio assoluto nel mondiale per il canadese Gilles Villeneuve, sulla terza McLaren ufficiale, per l'inglese Andy Sutcliffe su una March del team RAM e per l'australiano, Brian McGuire, con la vettura che portava il suo nome. L'ultimo canadese, prima di Villeneuve, a prendere parte a un gran premio del mondiale era stato Eppie Wietzes nel gran premio di casa del 1974.

Un altro pilota australiano, Vern Schuppan, sostituì Larry Perkins e Patrick Tambay alla Surtees. Schuppan mancava dal Gran Premio di Svezia 1975, corso per la Hill. Tambay trovò un ingaggio alla Theodore Racing, che utilizzava una Ensign. Tra i team privati si rivide la British Formula 1 Racing Team che portò Brian Henton, mentre Bernard de Dryver, pur iscritto, non prese parte alle prove. Diedero forfait, tra gli iscritti, anche Hector Rebaque, David Prophet, Boy Hayje e Harald Ertl, che aveva rotto il contratto con la Hesketh.[5][6]

Guy Edwards, che nel 1976 aveva corso diversi gran premi con la Hesketh, prese il posto di Conny Andersson alla BRM.

Nei test effettuati nelle settimane precedenti il gran premio il miglior tempo fu fatto segnare da Mario Andretti su Lotus-Ford Cosworth in 1'18"54, che rappresentò anche il nuovo record della pista. Jody Scheckter fu protagonista di uno spettacolare incidente, senza conseguenze fisiche per lui.[7]

Prequalifiche[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

A causa dell'elevato numero di iscritti, e per evitare di respingere alcune iscrizioni (come era avvenuto nel gran premio precedente), si decise di fare effettuare delle prequalifiche al mercoledì, un giorno prima dell'inizio delle qualifiche. L'unica volta nella quale si erano tenute delle prequalifiche nella storia del mondiale era stato nel Gran Premio del Sudafrica 1965, anche se in quella occasione erano solo 28 i piloti che si erano presentati per il gran premio.

A queste prequalifiche vennero fatti partecipare i 13 piloti che non facevano parte delle scuderia legate alla Formula One Constructors Association, assieme a Gilles Villeneuve. Venne stabilito che i migliori cinque fossero autorizzati a prendere parte alle qualifiche.[5]

Le prequalifiche furono effettuate in due sessioni e furono caratterizzate da due incidenti: Mikko Kozarowitsky (pilota della RAM) demolì la sua vettura in un'uscita, senza però danni fisici rilevanti al pilota; David Purley, a causa del blocco dell'acceleratore della sua LEC, tagliò interamente la curva Becketts e passò da 170 a 0 km/h in settanta centimetri: una decelerazione vicina ai 180 g, che gli costò diverse fratture e parecchi mesi di degenza. I soccorritori dovettero impiegare un quarto d'ora per liberare il pilota dalle lamiere della sua monoposto.[6]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella sessione di prequalifica[8] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Status
1 40 Canada Gilles Villeneuve Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 1'19"48 PQ
2 23 Francia Patrick Tambay Regno Unito Ensign-Ford Cosworth 1'19"55 PQ
3 34 Francia Jean-Pierre Jarier Stati Uniti Penske-Ford Cosworth 1'19"63 PQ
4 30 Stati Uniti Brett Lunger Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 1'19"72 PQ
5 38 Regno Unito Brian Henton Regno Unito March-Ford Cosworth 1'19"82 PQ
NPQ 37 Italia Arturo Merzario Regno Unito March-Ford Cosworth 1'19"86 PQ[9]
NPQ 27 Belgio Patrick Nève Regno Unito March-Ford Cosworth 1'19"97 PQ[9]
NPQ 36 Spagna Emilio de Villota Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 1'20"38 PQ[10]
NPQ 31 Regno Unito David Purley Regno Unito LEC-Ford Cosworth 1'20"63 NPQ
NPQ 33 Regno Unito Andy Sutcliffe Regno Unito March-Ford Cosworth 1'21"93 NPQ
NPQ 35 Regno Unito Guy Edwards Regno Unito BRM 1'22"62 NPQ
NPQ 44 Regno Unito Tony Trimmer Regno Unito Surtees-Ford Cosworth 1'22"80 NPQ
NPQ 45 Australia Brian McGuire Regno Unito McGuire-Ford Cosworth 1'23"76 NPQ
NPQ 32 Finlandia Mikko Kozarowitsky Regno Unito March-Ford Cosworth 1'25"16 NPQ

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

A seguito dell'assenza di Ertl però erano solo 22 le vetture legate all'associazione dei costruttori che, assieme ai cinque piloti ammessi dalle prequalifiche, portava a 27 il numero dei piloti ammessi alle qualifiche. Per tale ragione vennero riammessi Arturo Merzario e Patrick Nève. Si riammise, dalla seconda sessione del giovedì, anche Emilio de Villota, al fine di raggiungere il numero di 30 piloti partecipanti alle prove per la determinazione della griglia di partenza.[5]

Nella giornata del giovedì fu il pilota inglese James Hunt a far segnare il miglior tempo in 1'18"49. Precedette Niki Lauda, l'unico altro a scendere sotto il muro del 1'19". Il buon tempo di Hunt venne attribuito a una modifica allo sterzo della sua McLaren M26, che lo rese più rigido e resistente. Mario Andretti (Lotus) che aveva dominato le prove nei gran premi precedenti, chiuse solo quarto e fu autore di un'uscita di pista.[11]

Al venerdì nessuno fu capace di battere il tempo di Hunt, che così conquistò la dodicesima pole nel mondiale. John Watson strappò la prima fila a Lauda, che chiuse terzo.[4]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella sessione di qualifica[12] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Griglia
1 1 Regno Unito James Hunt Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 1'18"49 1
2 7 Regno Unito John Watson Regno Unito Brabham-Alfa Romeo 1'18"77 2
3 11 Austria Niki Lauda Italia Ferrari 1'18"84 3
4 20 Sudafrica Jody Scheckter Canada Wolf-Ford Cosworth 1'18"85 4
5 6 Svezia Gunnar Nilsson Regno Unito Lotus-Ford Cosworth 1'18"95 5
6 5 Stati Uniti Mario Andretti Regno Unito Lotus-Ford Cosworth 1'19"11 6
7 8 Germania Hans-Joachim Stuck Regno Unito Brabham-Alfa Romeo 1'19"16 7
8 19 Italia Vittorio Brambilla Regno Unito Surtees-Ford Cosworth 1'19"20 8
9 40 Canada Gilles Villeneuve Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 1'19"32 9
10 3 Svezia Ronnie Peterson Regno Unito Tyrrell-Ford Cosworth 1'19"42 10
11 2 Germania Jochen Mass Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 1'19"55 11
12 17 Australia Alan Jones Regno Unito Shadow-Ford Cosworth 1'19"60 12
13 24 Regno Unito Rupert Keegan Regno Unito Hesketh-Ford Cosworth 1'19"64 13
14 12 Argentina Carlos Reutemann Italia Ferrari 1'19"64 14
15 26 Francia Jacques Laffite Francia Ligier-Matra 1'19"75 15
16 23 Francia Patrick Tambay Regno Unito Ensign-Ford Cosworth 1'19"81 16
17 37 Italia Arturo Merzario Regno Unito March-Ford Cosworth 1'19"88 17
18 4 Francia Patrick Depailler Regno Unito Tyrrell-Ford Cosworth 1'19"90 18
19 30 Stati Uniti Brett Lunger Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 1'20"06 19
20 34 Francia Jean-Pierre Jarier Stati Uniti Penske-Ford Cosworth 1'20"10 20
21 15 Francia Jean-Pierre Jabouille Francia Renault 1'20"11 21
22 28 Brasile Emerson Fittipaldi Brasile Fittipaldi-Ford Cosworth 1'20"20 22
23 18 Australia Vern Schuppan Regno Unito Surtees-Ford Cosworth 1'20"24 23
24 10 Sudafrica Ian Scheckter Regno Unito March-Ford Cosworth 1'20"31 24
25 16 Italia Riccardo Patrese Regno Unito Shadow-Ford Cosworth 1'20"35 25
26 27 Belgio Patrick Nève Regno Unito March-Ford Cosworth 1'20"36 26
NQ 9 Brasile Alex-Dias Ribeiro Regno Unito March-Ford Cosworth 1'20"46 NQ
NQ 22 Svizzera Clay Regazzoni Regno Unito Ensign-Ford Cosworth 1'20"79 NQ
NQ 38 Regno Unito Brian Henton Regno Unito March-Ford Cosworth 1'20"79 NQ
NQ 36 Spagna Emilio de Villota Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 1'21"53 NQ

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Alla partenza James Hunt venne passato da John Watson, Niki Lauda e Jody Scheckter. Dietro all'inglese della McLaren si trovarono le due Lotus di Gunnar Nilsson e Mario Andretti e le due altre McLaren di Gilles Villeneuve e Jochen Mass. Al sesto giro Andretti passò il compagno di scuderia Nilsson.

Hunt riconquistò una posizione al settimo giro, passando Scheckter, mentre al decimo giro un problema al motore costrinse Villeneuve a una sosta, che gli fece perdere due giri. La rimonta del britannico della McLaren proseguì al giro 23 quando riuscì a passare Niki Lauda alla Copse. L'austriaco scontava un piccolo problema all'impianto frenante. La classifica vedeva perciò in testa sempre John Watson, seguito da Hunt, Lauda, Scheckter, Andretti, Nilsson e Jochen Mass.

Hunt si avvicinò rapidamente al battistrada Watson, che con la sua Brabham, spinta da un motore Alfa Romeo, riusciva a distanziare sul rettilineo la più agile vettura di Hunt. Al cinquantesimo giro Watson fu costretto a fermarsi ai box per un guasto all'impianto di alimentazione (si era rotta la pompa che aspirava la benzina): questo consentì a James Hunt di trovarsi in testa alla gara.

Gunnar Nilsson, tre giri dopo, passò il suo compagno di scuderia Andretti, che scontava dei problemi all'impianto di alimentazione. Nilsson si portò alle spalle di Scheckter, che fuse il suo motore al giro 59, ritirandosi. Dopo i ritiri di Watson e Scheckter entrarono in zona punti Jochen Mass e Hans-Joachim Stuck. Al giro 65 fu il turno del ritiro anche per Mario Andretti.

James Hunt vinse per l'ottava volta nel mondiale, precedendo sul podio Niki Lauda e Gunnar Nilsson, che si avvicinò all'austriaco nelle ultime fasi di gara. Hunt conquistò anche per l'ottava volta il giro veloce in gara.[13]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

I risultati del gran premio[14] furono i seguenti:

Pos No Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Pos. Griglia Punti
1 1 Regno Unito James Hunt Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 68 1:31'46"06 1 9
2 11 Austria Niki Lauda Italia Ferrari 68 + 18"31 3 6
3 6 Svezia Gunnar Nilsson Regno Unito Lotus-Ford Cosworth 68 + 19"57 5 4
4 2 Germania Jochen Mass Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 68 + 47"76 11 3
5 8 Germania Hans-Joachim Stuck Regno Unito Brabham-Alfa Romeo 68 + 1'11"73 7 2
6 26 Francia Jacques Laffite Francia Ligier-Matra 67 + 1 giro 15 1
7 17 Australia Alan Jones Regno Unito Shadow-Ford Cosworth 67 + 1 giro 12  
8 19 Italia Vittorio Brambilla Regno Unito Surtees-Ford Cosworth 67 + 1 giro 8  
9 34 Francia Jean-Pierre Jarier Stati Uniti Penske-Ford Cosworth 67 + 1 giro 20  
10 27 Belgio Patrick Nève Regno Unito March-Ford Cosworth 66 + 2 giri 26  
11 40 Canada Gilles Villeneuve Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 66 + 2 giri 9  
12 18 Australia Vern Schuppan Regno Unito Surtees-Ford Cosworth 66 + 2 giri 23  
13 30 Stati Uniti Brett Lunger Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 64 + 4 giri 19  
14 5 Stati Uniti Mario Andretti Regno Unito Lotus-Ford Cosworth 62 Motore 6  
15 12 Argentina Carlos Reutemann Italia Ferrari 62 + 6 giri 14  
Rit 7 Regno Unito John Watson Regno Unito Brabham-Alfa Romeo 60 Alimentazione 2  
Rit 20 Sudafrica Jody Scheckter Canada Wolf-Ford Cosworth 59 Motore 4  
Ret 28 Brasile Emerson Fittipaldi Brasile Fittipaldi-Ford Cosworth 42 Acceleratore 22  
Rit 37 Italia Arturo Merzario Regno Unito March-Ford Cosworth 28 Trasmissione 17  
Rit 16 Italia Riccardo Patrese Regno Unito Shadow-Ford Cosworth 20 Pressione del carburante 25  
Rit 4 Francia Patrick Depailler Regno Unito Tyrrell-Ford Cosworth 16 Freni 18  
Rit 15 Francia Jean-Pierre Jabouille Francia Renault 16 Turbo 21  
Rit 10 Sudafrica Ian Scheckter Regno Unito March-Ford Cosworth 6 Incidente 24  
Rit 3 Svezia Ronnie Peterson Regno Unito Tyrrell-Ford Cosworth 3 Motore 16  
Rit 23 Francia Patrick Tambay Regno Unito Ensign-Ford Cosworth 3 Problemi elettrici 10  
Rit 24 Regno Unito Rupert Keegan Regno Unito Hesketh-Ford Cosworth 0 Incidente 13  
NQ 9 Brasile Alex-Dias Ribeiro Regno Unito March-Ford Cosworth        
NQ 22 Svizzera Clay Regazzoni Regno Unito Ensign-Ford Cosworth        
NQ 38 Regno Unito Brian Henton Regno Unito March-Ford Cosworth        
NQ 36 Spagna Emilio de Villota Regno Unito McLaren-Ford Cosworth        
NPQ 31 Regno Unito David Purley Regno Unito LEC-Ford Cosworth        
NPQ 33 Regno Unito Andy Sutcliffe Regno Unito March-Ford Cosworth        
NPQ 35 Regno Unito Guy Edwards Regno Unito BRM        
NPQ 44 Regno Unito Tony Trimmer Regno Unito Surtees-Ford Cosworth        
NPQ 45 Australia Brian McGuire Regno Unito McGuire-Ford Cosworth        
NPQ 32 Finlandia Mikko Kozarowitsky Regno Unito March-Ford Cosworth        
EX 43 Regno Unito Derek Bell Stati Uniti Penske-Ford Cosworth   Vettura non conforme    

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bernie Ecclestone propone una nuova formula in La Stampa, 15-7-1977, p. 14.
  2. ^ (ES) Crear una categoría "B" para el Mundial de F-1 in El Mundo Deportivo, 7-7-1977, p. 27. URL consultato il 19-5-2012.
  3. ^ (ES) Arturo Merzario construirá su proprio monoplaza in El Mundo Deportivo, 13-7-1977, p. 29. URL consultato il 19-5-2012.
  4. ^ a b Gianni Rogliatti, Lauda parte alle spalle di Hunt e Watson in La Stampa, 16-7-1977, p. 14.
  5. ^ a b c (ES) Xavier Ventura, Silverstone: Hunt dominó en ambas sesiones in El Mundo Deportivo, 15-7-1977, p. 13. URL consultato il 19-5-2012.
  6. ^ a b (ES) Xavier Ventura, Villota no se classificó para el G.P de Inglaterra de F-1 in El Mundo Deportivo, 14-7-1977. URL consultato il 19-5-2012.
  7. ^ Scheckter va fuori, Renault subito K.O. in La Stampa, 7-7-1977, p. 17.
  8. ^ Risultati delle prequalifiche
  9. ^ a b Arturo Merzario e Patrick Nève vennero ammessi alle qualifiche per il mancato arrivo di Harald Ertl.
  10. ^ Emilio de Villota ammesso alle qualifiche al fine di portare a 30 il numero dei piloti delle stesse.
  11. ^ Gianni Rogliatti, Hunt e Lauda a sorpresa in La Stampa, 15-7-1977, p. 14.
  12. ^ Risultati delle qualifiche
  13. ^ Gianni Rogliatti, Hunt vince, Lauda (2°) fugge nel mondiale in La Stampa, 17-7-1977, p. 17.
  14. ^ Risultati del gran premio
Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1977
Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of the United States.svg Flag of Spain (1977 - 1981).svg Flag of Monaco.svg Flag of Belgium.svg Flag of Sweden.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Canada.svg Flag of Japan.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
1976
Gran Premio di Gran Bretagna
Edizione successiva:
1978
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1