Gran Premio di Gran Bretagna 2010

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gran Bretagna Gran Premio di Gran Bretagna 2010
830º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 10 di 19 del Campionato 2010
Silverstone race circuit.svg
Data 11 luglio 2010
Nome ufficiale LXII Santander British Grand Prix
Circuito Silverstone
Percorso 5,891 km / 3,661 US mi
Pista permanente
Distanza 52 giri, 306,747 km/ 190,612 US mi
Risultati
Pole position Giro più veloce
Germania Sebastian Vettel Spagna Fernando Alonso
RBR-Renault in 1'29"615 Ferrari in 1'30" 874
(nel giro 52)
Podio
1. Australia Mark Webber
RBR-Renault
2. Regno Unito Lewis Hamilton
McLaren-Mercedes
3. Germania Nico Rosberg
Mercedes GP

Il Gran Premio di Gran Bretagna 2010 si è corso domenica 11 luglio 2010 sul Circuito di Silverstone. La gara è stata vinta dal pilota australiano Mark Webber su Red Bull Racing-Renault.

Vigilia[modifica | modifica wikitesto]

Aspetti tecnici[modifica | modifica wikitesto]

La gara era stata inizialmente fissata sul Circuito di Donington Park, tracciato che aveva già ospitato una gara valida per il mondiale di Formula 1 nel 1993, il Gran Premio d'Europa.[1] Successivamente, a causa di difficoltà organizzative, la FIA ha deciso di mantenere Silverstone quale sede del Gran Premio di Gran Bretagna.[2]

Il tracciato è oggetto di una profonda revisione in quanto dalla stagione 2010 ospita anche il Gran Premio motociclistico di Gran Bretagna. All'altezza della curva Abbey inizia un nuovo tratto, denominato Arena, composto da una parte con curve in successione seguite da un rettilineo che termina alla curva Brooklands.[3] I piloti, tramite la loro organizzazione GPDA, si lamentano per l'eccessiva altezza dei cordoli del tracciato, soprattutto nelle curve Maggots e Becketts.[4]

La Bridgestone, fornitore unico degli pneumatici, annuncia per questo gran premio coperture soft e dure.[5]

Aspetti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

Nigel Mansell è nominato quale commissario aggiunto nella commissione sportiva della FIA per il gran premio.[6]

Sakon Yamamoto sostituisce Bruno Senna alla HRT,[7] mentre nella prima sessione del venerdì Paul di Resta ha sostituito Vitantonio Liuzzi alla Force India e Fairuz Fauzy ha preso il posto di Jarno Trulli alla Lotus.

La gara è programmata nella stessa data della finale del Campionato del mondo di calcio; è la settima volta che una coincidenza del genere di verifica (era già accaduto nel Gran Premio di Francia 1954, Gran Premio del Belgio 1962, Gran Premio d'Olanda 1970, Gran Premio di Francia 1974, Gran Premio di Francia 1990 e Gran Premio di Gran Bretagna 1998).

Prove[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima sessione del venerdì[8] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 5 Germania Sebastian Vettel Austria RBR-Renault 1'32"280 22
2 2 Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito McLaren-Mercedes 1'32"614 +0"334 16
3 11 Polonia Robert Kubica Francia Renault 1'32"725 +0"445 21

Nella seconda sessione del venerdì[9] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 6 Australia Mark Webber Austria RBR-Renault 1'31"234 15
2 8 Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari 1'31"626 +0"392 26
3 5 Germania Sebastian Vettel Austria RBR-Renault 1'31"875 +0"641 25

Nella sessione del sabato mattina[10] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 5 Germania Sebastian Vettel Austria RBR-Renault 1'30"958 14
2 6 Australia Mark Webber Austria RBR-Renault 1'30"992 +0"034 15
3 8 Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari 1'31"101 +0"143 10

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Pos Pilota Costruttore Q1 Q2 Q3 Griglia
1 5 Germania Sebastian Vettel Austria RBR-Renault 1'30"841 1'30"480 1'29"615 1
2 6 Australia Mark Webber Austria RBR-Renault 1'30"858 1'30"114 1'29"758 2
3 8 Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari 1'30"997 1'30"700 1'30"426 3
4 2 Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito McLaren-Mercedes 1'31"297 1'31"118 1'30"556 4
5 4 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes GP 1'31"626 1'31"085 1'30"625 5
6 11 Polonia Robert Kubica Francia Renault 1'31"680 1'31"344 1'31"040 6
7 7 Brasile Felipe Massa Italia Ferrari 1'31"313 1'31"010 1'31"172 7
8 9 Brasile Rubens Barrichello Regno Unito Williams-Cosworth 1'31"424 1'31"126 1'31"175 8
9 22 Spagna Pedro de la Rosa Svizzera BMW Sauber-Ferrari 1'31"533 1'31"327 1'31"274 9
10 3 Germania Michael Schumacher Germania Mercedes GP 1'32"058 1'31"022 1'31"430 10
11 14 Germania Adrian Sutil India Force India-Mercedes 1'31"109 1'31"399 11
12 23 Giappone Kamui Kobayashi Svizzera BMW Sauber-Ferrari 1'31"851 1'31"421 12
13 10 Germania Nicolas Hülkenberg Regno Unito Williams-Cosworth 1'32"144 1'31"635 13
14 1 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Mercedes 1'31"435 1'31"699 14
15 15 Italia Vitantonio Liuzzi India Force India-Mercedes 1'32"226 1'31"708 20[11]
16 12 Russia Vitalij Petrov Francia Renault 1'31"638 1'31"796 15
17 16 Svizzera Sébastien Buemi Italia STR-Ferrari 1'31"901 1'32"012 16
18 17 Spagna Jaime Alguersuari Italia STR-Ferrari 1'32"430 17
19 19 Finlandia Heikki Kovalainen Malesia Lotus-Cosworth 1'34"405 18
20 24 Germania Timo Glock Regno Unito Virgin-Cosworth 1'34"775 19
21 18 Italia Jarno Trulli Malesia Lotus-Cosworth 1'34"864 21
22 25 Brasile Lucas Di Grassi Regno Unito Virgin-Cosworth 1'35"212 22
23 20 India Karun Chandhok Spagna HRT-Cosworth 1'36"576 23
24 21 Giappone Sakon Yamamoto Spagna HRT-Cosworth 1'36"968 24

Con i tempi in grassetto sono visualizzate le migliori prestazioni in Q1, Q2 e Q3.

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Alla partenza Sebastian Vettel è subito attaccato con successo dal compagno di scuderia Mark Webber, che prende la testa. Il pilota tedesco lotta anche con Lewis Hamilton, trovandosi la gomma forata per un contatto con l'ala anteriore della McLaren. Più dietro Fernando Alonso è passato subito da Robert Kubica e Nico Rosberg; lo spagnolo tenta di resistere a Felipe Massa, le due vetture si toccano e anche Massa è costretto a fermarsi ai box con uno pneumatico forato. Jenson Button, quattordicesimo in griglia, è invece autore di una partenza magistrale che gli permette di guadagnare subito molte posizioni.

Webber transita in testa al termine del primo giro, seguito da Hamilton, Kubica, Rosberg, Alonso, Rubens Barrichello, Michael Schumacher, Jenson Button, Kamui Kobayashi e Adrian Sutil. Massa e Vettel si ritrovano nelle due ultime posizioni.

Attorno all'undicesimo giro iniziano i primi pit-stop: grazie alla girandola dei cambi Kobayashi riesce a sopravanzare Schumacher e Rosberg passa Kubica installandosi al terzo posto.

Al sedicesimo giro Alonso attacca Kubica. Lo spagnolo passa tagliando però una curva, ma non restituisce immediatamente la posizione al pilota della Renault. Al giro seguente è il turno di Webber ai box: l'australiano ritorna in gara primo, davanti a Hamilton, Button e Nico Hülkenberg, questi ultimi due non hanno ancora cambiato gli pneumatici.

Tre giri dopo Kubica si ritira per un guaio alla trasmissione, mentre Button va ai box al giro 20, scendendo in sesta posizione. Al venticinquesimo giro la Sauber di Pedro de la Rosa perde parte dell'alettone posteriore sul rettilineo dei box. La direzione di gara decide di far entrare la safety car per ripulire il tracciato.

Alla ripartenza Webber è primo, seguito da Hamilton, Rosberg, Button, Barrichello, Kobayashi, Schumacher, Sutil, Hülkenberg e Petrov. Alonso sconta il drive-through impostogli per la manovra su Kubica e si ritrova sedicesimo.

Nei giri seguenti Sutil passa Schumacher, Alonso passa Buemi, mentre Vettel dà corpo alla sua rimonta sorpassando Massa, Alguersuari, Petrov, Hülkenberg e Schumacher, passando in 10 giri dal quindicesimo all'ottavo posto. Massa è protagonista di un testacoda nei pressi della corsia dei box, rovina gli pneumatici ed è costretto a un pit inatteso. Stessa sorte per Alonso che, nel tentativo di passare Liuzzi, fora uno pneumatico.

La rimonta di Vettel trova un avverssario coriaceo in Sutil, che viene passato dopo un lungo duello solo alla penultima tornata. Vince Mark Webber, per la quinta volta in carriera, davanti alla McLaren di Hamilton, a Rosberg su Mercedes e a Button.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

I risultati del gran premio sono i seguenti:

Pos Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 6 Australia Mark Webber Austria RBR-Renault 52 1:24.38.200 2 25
2 2 Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito McLaren-Mercedes 52 +1"3 4 18
3 4 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes GP 52 +21"3 5 15
4 1 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Mercedes 52 +21"9 14 12
5 9 Brasile Rubens Barrichello Regno Unito Williams-Cosworth 52 +31"4 8 10
6 23 Giappone Kamui Kobayashi Svizzera BMW Sauber-Ferrari 52 +32"1 12 8
7 5 Germania Sebastian Vettel Austria RBR-Renault 52 +36"7 1 6
8 14 Germania Adrian Sutil India Force India-Mercedes 52 +40"9 11 4
9 3 Germania Michael Schumacher Germania Mercedes GP 52 +41"5 10 2
10 10 Germania Nico Hülkenberg Regno Unito Williams-Cosworth 52 +42"0 13 1
11 15 Italia Vitantonio Liuzzi India Force India-Mercedes 52 +42"4 20
12 16 Svizzera Sébastien Buemi Italia STR-Ferrari 52 +47"6 16
13 12 Russia Vitaly Petrov Francia Renault 52 +59"3 15
14 8 Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari 52 +1'02"3 3
15 7 Brasile Felipe Massa Italia Ferrari 52 +1'07"4 7
16 18 Italia Jarno Trulli Malesia Lotus-Cosworth 51 +1 Giro 21
17 19 Finlandia Heikki Kovalainen Malesia Lotus-Cosworth 51 +1 Giro 18
18 24 Germania Timo Glock Regno Unito Virgin-Cosworth 50 +2 Giri 19
19 20 India Karun Chandhok Spagna HRT-Cosworth 50 +2 Giri 23
20 21 Giappone Sakon Yamamoto Spagna HRT-Cosworth 50 +2 Giri 24
Rit 17 Spagna Jaime Alguersuari Italia STR-Ferrari 45 Testacoda 18
Rit 22 Spagna Pedro de la Rosa Svizzera BMW Sauber-Ferrari 29 Collisione 9
Rit 11 Polonia Robert Kubica Francia Renault 19 Differenziale 6
Rit 25 Brasile Lucas Di Grassi Regno Unito Virgin-Cosworth 10 Probl. idraulici 22

Classifiche Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Costruttori[modifica | modifica wikitesto]

Pos Team Punti
1 Regno Unito McLaren-Mercedes 278
2 Austria RBR-Renault 249
3 Italia Ferrari 165
4 Germania Mercedes GP 126
5 Francia Renault 89
6 India Force India-Mercedes 47
7 Regno Unito Williams-Cosworth 31
8 Svizzera BMW Sauber-Ferrari 15
9 Italia STR-Ferrari 10

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il Gran Premio di Gran Bretagna passa a Donington, f1.gpupdate.net, 4-8-2008. URL consultato il 28-6-2010.
  2. ^ Il Gp d'Inghilterra a Silverstone per 17 anni, f1.gpupdate.net, 07-12-2009. URL consultato il 07-12-2009.
  3. ^ Formula 1: Silverstone cambia configurazione ed include il tracciato per la MotoGP, motorsportblog.it, 13-12-2010. URL consultato il 16-2-2010.
  4. ^ I piloti pretendono cordoli più bassi a Silverstone, f1grandprix.motorionline.com, 9-7-2010. URL consultato il 9-7-2010.
  5. ^ Bridgestone presenta gomme differenti per la Germania, f1.gpupdate.net, 21-6-2010. URL consultato il 21-6-2010.
  6. ^ André Cotta, Mansell sarà commissario di gara a Silverstone, f1grandprix.motorionline.com, 21-6-2010. URL consultato il 28-6-2010.
  7. ^ Yamamoto al posto di Senna alla HRT, gpupdate.net, 8-7-2010. URL consultato il 9-7-2010.
  8. ^ Prima sessione di prove libere del venerdì
  9. ^ Seconda sessione di prove libere del venerdì
  10. ^ Sessione di prove libere del sabato
  11. ^ Vitantonio Liuzzi penalizzato di 5 posizioni per aver ostacolato Nicolas Hülkenberg. (EN) Liuzzi handed five-place grid penalty, formula1.com, 10-7-2010. URL consultato il 10-7-2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 2010
Flag of Bahrain.svg Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Turkey.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of South Korea.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
2009
Gran Premio di Gran Bretagna
Edizione successiva:
2011
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1