Vitalij Aleksandrovič Petrov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vitalij Petrov
Vitaly Petrov 2010 Malaysia.jpg
Dati biografici
Nome Vitalij Aleksandrovič Petrov
Nazionalità Russia Russia
Automobilismo Automobilismo
Dati agonistici
Categoria GP2, Formula 1, DTM
Carriera
Carriera in Formula 1
Esordio 14 marzo 2010
Stagioni 2010-2012
Scuderie Renault, Caterham
Miglior risultato finale 10º (2011)
GP disputati 58 (57 partenze)
Podi 1
Punti ottenuti 64
Giri veloci 1
Statistiche aggiornate al Gran Premio del Brasile 2012

Vitalij Aleksandrovič Petrov (Vyborg, 8 settembre 1984) è un pilota automobilistico russo.

La carriera[modifica | modifica sorgente]

Gli esordi[modifica | modifica sorgente]

A differenza di molti altri piloti Petrov non iniziò la sua carriera nel karting, anche a causa dello scarso interesse verso questa disciplina nel suo Paese.[1] Iniziò invece nella Lada Cup nel 2001. Rimase nel campionato anche l'anno seguente che dominò vincendo tutte le prove e acquisendo il massimo dei punti disponibili, 500.[2]

Formula Renault[modifica | modifica sorgente]

Nel 2003, Petrov passò alla Formula Renault, correndo nella serie italiana con la Euronova Racing, terminando diciannovesimo. Partecipò anche ad alcune corse della Eurocup Formula Renault 2.0.[2] Terminò poi quarto nella serie britannica invernale corsa al termine della stagione, conquistando anche una vittoria.[2] Fece anche il debutto nella Euro Formula 3000 sul circuito di Cagliari.[2]

Il ritorno in Russia[modifica | modifica sorgente]

Nel 2004 Petrov partecipò, nel suo Paese, al campionato Lada Revolution. Conquistò tutte le pole position, ma fu solo vicecampione. In stagione partecipò a qualche gara anche in Formula Renault e in Euro Formula 3000. Petrov rimase in Russia anche nel 2005, vincendo il campionato Lada Revolution, con ben 10 successi, e il campionato russo di Formula 1600 con cinque vittorie.[2]

Euroseries 3000[modifica | modifica sorgente]

Nel 2006 Petrov corse nell'Euroseries 3000 con l'Euronova Racing. Terminò terzo in stagione, con 9 podi su 18 gare, vincendo all'Hungaroring, al Mugello, a Silverstone e a Barcellona.[3] Partecipò anche alla gara tenuta a Brno della stagione della Formula Masters, partendo dalla pole.

GP2[modifica | modifica sorgente]

Petrov vince la gara corsa all'Istanbul Park nella stagione 2009 della GP2.

Durante la stagione 2006, Petrov fece il suo debutto in GP2 con la David Price Racing, dove rimpiazzò Olivier Pla che aveva perduto la sponsorizzazione della Direxiv a partire dal weekend di Hockenheim.[4] Nel 2007 passò alla Campos Grand Prix, dove trovò come compagno di scuderia Giorgio Pantano.[5] Per cinque volte giunse a punti, vincendo anche una gara corsa al circuito Ricardo Tormo di Valencia[6] terminando al 13º posto nella graduatoria per i piloti.[2]

Petrov terminò poi terzo, con una vittoria sul circuito di Sepang[7] nella stagione seguente della GP2 Asia Series con la Campos Grand Prix, dietro a Romain Grosjean e Sébastien Buemi.

Nella stagione 2008 Petrov terminò settimo nella generale con una vittoria sul circuito urbano di Valencia.[8]

Terminò invece quinto, con una nuova vittoria a Sepang,[9] nella GP2 Asia Series 2008-2009.

Nella stagione 2009, corse per il team Barwa Addax, erede della Campos Grand Prix, terminando secondo in campionato dietro a Nico Hülkenberg, vincendo all'Istanbul Park[10] e a Valencia.[11]

Formula 1[modifica | modifica sorgente]

2010-2011: Renault[modifica | modifica sorgente]

Petrov durante le prove libere del Gran Premio d'Italia 2011

Petrov fu avvicinato ai sedili di scuderie di Formula 1, come Sauber, Renault e Campos per il campionato 2010; è stato poi indicato come pilota titolare per la Renault il 31 gennaio 2010,[12] diventandò così il primo pilota russo a competere nel campionato della massima formula (vi è stato un solo precedente nel 1948 quando Igor Troubetzkoy partecipò al Gran Premio di Monaco, prima però della creazione del campionato mondiale); ha segnato un contratto annuale con opzione per altri due.[1] Petrov ha affermato: "ero molto vicino a firmare per la Campos ma la Renault è stata la miglior scelta per me". Ha anche affermato che non vi sono sponsor russi dietro il suo ingaggio ma "solo l'aiuto del padre e di qualche amico."[1] Ha ottenuto i suoi primi punti iridati al Gran Premio di Cina, concludendo settimo. Nei 3 Gran Premi precedenti era sempre stato costretto al ritiro dopo buone prestazioni. Al Gran Premio di Turchia, dopo aver condotto una gara a stretto contatto con l'altra Renault di Robert Kubica e le due Ferrari di Fernando Alonso e Felipe Massa, è entrato in contatto con lo spagnolo, che lo stava superando all'esterno, e ha riportato la foratura di una gomma. Rientrato ai box per un cambio gomme, ha fatto segnare il giro più veloce della gara. Nell'ultima gara della stagione ad Gran Premio di Abu Dhabi si è piazzato al sesto posto. Il 27 marzo 2011, nella prima gara della stagione, grazie al terzo posto in Australia non solo conquista il primo podio della sua carriera in Formula 1 ma anche il primo in assoluto per un pilota russo nella massima serie motoristica. Dopo il piazzamento a podio, Petrov va però a punti appena 7 volte su 18 gare, anche per via della scarsa competitività della sua vettura.

2012: Caterham[modifica | modifica sorgente]

Petrov al Gran Premio della Malesia 2012 a bordo della Caterham

Il 17 febbraio 2012 fu ingaggiato dalla Caterham al posto dell'italiano Jarno Trulli. La vettura si rivelò scarsamente competitiva, relegando Petrov nelle ultime file insieme al compagno di squadra Heikki Kovalainen ed ai piloti di Marussia e HRT. Il pilota russo ottenne il miglior risultato della stagione nell'ultimo Gran Premio disputato in Brasile; in questa occasione Petrov tagliò il traguardo in undicesima posizione, cogliendo il miglior risultato nella storia della scuderia e permettendole di sopravanzare la Marussia nella lotta per il decimo posto nel campionato costruttori. Grazie a questo risultato il pilota russo chiuse in diciannovesima posizione in classifica piloti, primo dei piloti senza punti.

DTM[modifica | modifica sorgente]

Nel 2014 passa nel campionato DTM alla guida di una Mercedes del team Mücke Motorsport.

Risultati GP2[modifica | modifica sorgente]

Stagione Scuderia N. Corse Pole Vittorie Punti Pos.
2006 DPR Direxiv 20 8 0 0 0 28º
2007 Campos Grand Prix 24 21 0 1 21 13º
Asia 2008 Campos Grand Prix 5 10 1 1 33
2008 Campos Grand Prix 5 20 0 1 39
Asia 2008-2009 Barwa Campos 5 11 0 1 28
2009 Barwa Addax 1 20 2 2 75

Risultati F1[modifica | modifica sorgente]

2010 Scuderia Vettura Flag of Bahrain.svg Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Turkey.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of South Korea.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti Pos.
Renault R30 Rit Rit Rit 7 11 13 15 17 14 13 10 5 9 13 11 Rit Rit 16 6 27 13º
2011 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Turkey.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of South Korea.svg Flag of India.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Flag of Brazil.svg Punti Pos.
Renault R31 3 17 9 8 11 Rit 5 15 12 10 12 9 Rit 17 9 Rit 11 13 10 37 10º
2012 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of South Korea.svg Flag of India.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Flag of the United States.svg Flag of Brazil.svg Punti Pos.
Caterham CT01 Rit 16 18 16 17 Rit 19 13 NP 16 19 14 15 19 17 16 17 16 17 11 0 19º
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Solo prove/Terzo pilota Non qualificato Ritirato/Non class. Squalificato Non partito

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Jonathan Noble, Q & A with Vitaly Petrov in autosport.com, Haymarket Publishing, 31 gennaio 2010. URL consultato il 31 gennaio 2010.
  2. ^ a b c d e f http://www.driverdb.com/drivers/467/career/ Career statistics at Driver Database
  3. ^ (EN) 2006 Euroseries 3000 in speedsport-magazine.com, Speedsport Magazine. URL consultato il 31 gennaio 2010.
  4. ^ (EN) Petrov in as DPR says goodbye to Pla, Direxiv in crash.net, 24 luglio 2006. URL consultato il 31 gennaio 2010.
  5. ^ (EN) Campos sign Pantano, Petrov for '07 in autosport.com, Haymarket Publications, 31 gennaio 2007. URL consultato il 31 gennaio 2007.
  6. ^ (EN) Unexpected win for Petrov. in crash.net, 29 settembre 2007. URL consultato il 31 gennaio 2010.
  7. ^ (EN) Petrov out of the chaos in crash.net, 22 marzo 2008. URL consultato il 31 gennaio 2010.
  8. ^ (EN) Petrov picks up Pantano's pieces in Valencia in crash.net, 23 agosto 2008. URL consultato il 31 gennaio 2010.
  9. ^ (EN) Petrov takes Malaysia sprint race in gp2.gpupdate.net, GPUpdate, 5 aprile 2009. URL consultato il 31 gennaio 2010.
  10. ^ (EN) Petrov claims Saturday thriller in gp2.gpupdate.net, GPUpdate, 6 giugno 2009. URL consultato il 31 gennaio 2010.
  11. ^ (EN) Petrov wins Valencia feature race in gp2.gpupdate.net, GPUpdate, 22 agosto 2009. URL consultato il 31 gennaio 2010.
  12. ^ È Petrov il pilota della Renault in italiracing.net, InPagina, 28 gennaio 2010. URL consultato il 6 marzo 2010.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]