Virgin Racing

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Virgin Racing
Sede Regno Unito Regno Unito
Dinnington
Categorie
Formula 1
Dati generali
Anni di attività dal 2009 al 2011
Fondatore John Booth
Direttore Pat Symonds
John Booth
Formula 1
Anni partecipazione Dal 2010 al 2011
Gare disputate 38
Vittorie 0
Note
Sostituita dalla Marussia F1 Team

La Virgin Racing è stato un team anglo-russo di Formula 1 dal 2010 al 2011.[1] La scuderia ebbe origine dalla collaborazione tra la Manor Motorsport di John Booth, squadra attiva nel campionato F3 Euro Series, e la Wirth Research di Nick Wirth, già proprietario del team Simtek e progettista della Benetton a fine anni '90, che ha assunto il ruolo di direttore tecnico. Inizialmente denominata Manor Grand Prix, prima dell'inizio del 2010, la squadra cambiò nome in Virgin Racing, a seguito dell'accordo con l'omonimo gruppo di Richard Branson, che divenne azionista di maggioranza.[2] Dopo l'entrata nel capitale azionario della casa automobilistica russa Marussia Motors alla fine del 2010, nel 2011 la scuderia corse con licenza russa, e mutò il nome in Marussia Virgin Racing.[3] La scuderia ebbe sede a Dinnington, nel South Yorkshire, mentre la Wirth Research continuò a operare nella sede di Bicester. La collaborazione con la Wirth Research è terminata nel corso della stagione 2011, per essere sostituita con una collaborazione con Pat Symonds. Dal 2012 ha assunto il nome di Marussia F1 Team.[4]

Storia[modifica | modifica sorgente]

2010: Virgin Racing[modifica | modifica sorgente]

La monoposto presentata dalla Virgin nel 2010 fu la prima vettura di Formula 1 interamente disegnata usando la fluidodinamica computazionale (CFD)[5] senza il supporto di una galleria del vento.[6] La vettura, pronta per novembre, fece il suo esordio in pista il 4 febbraio 2010,[7] dopo la presentazione avvenuta il giorno precedente.[8] Il 17 novembre 2009 fu comunicato ufficialmente l'ingaggio del tedesco Timo Glock, già pilota della Toyota e campione della GP2 2007.[9] Il secondo pilota, l'esordiente brasiliano Lucas Di Grassi, fu annunciato ufficialmente il 15 dicembre 2009, alla presentazione ufficiale della squadra;[10] nella stessa occasione Álvaro Parente e Luiz Razia furono nominati piloti di riserva.[11] Successivamente Parente, non potendo garantire la copertura finanziaria prevista, perse questa qualifica,[12], sostituito dallo spagnolo Andy Soucek.[13] I test invernali furono molto difficili a causa di persistenti problemi di affidabilità, che interessavano in particolar modo l'impianto idraulico; come gli altri team esordienti nel 2010, la Virgin accusò dei pesanti distacchi dal resto del gruppo. La Virgin riuscì a portare un proprio pilota fino alla bandiera a scacchi solo nel terzo gran premio della stagione, in Malesia, dove Di Grassi giunse quattordicesimo. In occasione del Gran Premio d'Australia la squadra annunciò di dover modificare la propria vettura, in quanto il serbatoio del carburante non conteneva sufficiente benzina per permettere alla vettura di completare la distanza di un gran premio al massimo delle proprie prestazioni; grazie ad una deroga del regolamento[14] la scuderia presentò al Gran Premio di Spagna una versione modificata della monoposto per risolvere il problema. Una volta risolti gli iniziali problemi di affidabilità, la Virgin contese alla Lotus il ruolo di migliore dei nuovi team, risultando diverse volte più competitiva della vettura malese in qualifica, soprattutto con Timo Glock. Tuttavia la squadra chiuse il campionato costruttori in dodicesima ed ultima posizione, avendo ottenuto piazzamenti peggiori delle rivali Lotus e HRT. Negli ultimi gran premi della stagione il pilota belga Jérôme d'Ambrosio svolse la funzione di pilota di riserva, sostituendo nella prima sessione di prove del venerdì Lucas Di Grassi.[15]

2011: Marussia Virgin Racing[modifica | modifica sorgente]

D'Ambrosio al Gran premio di Monaco 2011

Nel novembre 2010 fu confermata la cessione di una quota azionaria della scuderia alla casa automobilistica russa Marussia Motors, in seguito al quale la scuderia cambiò nome in Marussia Virgin Racing.[16] Nella stagione 2011 la scuderia corse con la nuova vettura, la MVR-02, affidata ai piloti Timo Glock e Jérôme d'Ambrosio. Per cercare di migliorare sensibilmente le attuali difficoltà venne ingaggiato come consulente Pat Symonds che portò la monoposto in galleria del vento, cosa mai avvenuta fino a quel momento, tanto da presentare nel Gran Premio di Turchia le prime importanti novità aerodinamiche.[17] Poche settimane dopo termina la collaborazione con Nick Wirth.[18] Nel fine settimana del Gran Premio di Gran Bretagna venne annunciata la firma di un patto di partenariato tecnologico tra la Virgin e la McLaren. La Virgin avrebbe avuto accesso al banco prova della McLaren, al simulatore e alla sua galleria del vento; i tecnici della McLaren sarebbero stati inseriti nella struttura tecnica della Virgin.[19] In vista del Gran Premio di Germania, venne ufficializzato il rinnovo contrattuale di Timo Glock con la scuderia russa fino al 2014. A fine stagione la scuderia modificò la propria denominazione in Marussia F1 Team.[4]

Risultati in Formula 1[modifica | modifica sorgente]

(Legenda) (i risultati in grassetto indicano la pole position, i risultati in corsivo indicano il giro veloce)

Anno Vettura Motore Gomme Piloti Flag of Bahrain.svg Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Turkey.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of South Korea.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti Pos.
2010 VR-01 Cosworth CA2010 B Glock Rit Rit Rit NP 18 Rit 18 Rit 19 18 18 16 18 17 Rit 14 Rit 20 Rit 0 12º
Di Grassi Rit Rit 14 Rit 19 Rit 19 19 17 Rit Rit 18 17 20 15 NP Rit NC 18
Anno Vettura Motore Gomme Piloti Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Turkey.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of South Korea.svg Flag of India.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Flag of Brazil.svg Punti Pos.
2011 MVR-02 Cosworth CA2011 P Glock NC 16 21 NP 19 Rit 15 21 16 17 17 18 15 Rit 20 18 Rit 19 Rit 0 12º
d'Ambrosio 14 Rit 20 20 20 15 14 22 17 18 19 17 Rit 18 21 20 16 Rit 19

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Ferrari iscritta al Mondiale. E Maranello si dissocia in gazzetta.it, La Gazzetta dello Sport, 12 giugno 2009. URL consultato il 12 giugno 2009.
  2. ^ La Manor diventa Virgin-E la Sauber ha un rivale in gazzetta.it, La Gazzetta dello Sport, 30 novembre 2009. URL consultato il 1º dicembre 2009.
  3. ^ Rosario Scelsi, F1, Marussia Virgin Racing correrà sotto licenza russa, MotorsportBlog.it, 6 febbraio 2011.
  4. ^ a b Fabrizio Corgnati, Sì ai cambi di nome, no alle vetture clienti? in 422race.com, 4-11-2011. URL consultato il 4-11-2011.
  5. ^ Edd Straw, Autosport (p10)(2009-06-18)
  6. ^ (EN) Manor targeting February track debut, f1.gpupdate.net, 8 ottobre 2009. URL consultato l'8 ottobre 2009.
  7. ^ Primo test per la Virgin di Glock e Di Grassi, italiaracing.net, 6 febbraio 2010. URL consultato il 7 febbraio 2010.
  8. ^ Presentata la Virgin digitale, italiaracing.net, 3 febbraio 2010. URL consultato il 3 febbraio 2010.
  9. ^ (EN) Glock signed at Manor for 2010, f1.gpupdate.net, 17 novembre 2009. URL consultato il 17 novembre 2009.
  10. ^ (EN) Virgin confirms di Grassi for 2010, f1.gpupdate.net, 15 dicembre 2009. URL consultato il 15 dicembre 2009.
  11. ^ (EN) Parente and Razia named as Virgin reserves, f1.gpupdate.net, 15 dicembre 2009. URL consultato il 15 dicembre 2009.
  12. ^ Parente perde il posto in Virgin, italiaracing.net, 18 febbraio 2010. URL consultato il 18 febbraio 2010.
  13. ^ Soucek secondo test driver della Virgin, italiaracing.it, 23 febbraio 2010. URL consultato il 23 febbraio 2010.
  14. ^ Il regolamento tecnico del 2010 vietava di apportare modifiche al telaio delle vetture, necessario invece per ampliare le dimensioni del serbatoio.
  15. ^ Jerome D'Ambrosio alla Virgin Racing, gpupdate.net, 20 settembre 2010. URL consultato il 20 settembre 2010.
  16. ^ Virgin conferma l'accordo con Marussia Motors, gpupdate.net, 11 novembre 2010. URL consultato l'11 novembre 2010.
  17. ^ Pat Symonds ritornerà in Formula 1, 422race.com, 26 febbraio 2011. URL consultato il 26 febbraio 2011.
  18. ^ Virgin, è rottura con Wirth, 422race.com, 2 giugno 2011. URL consultato il 3 giugno 2011.
  19. ^ Accordo tecnico fra Virgin e McLaren, 422race.com, 7 luglio 2011. URL consultato il 7 luglio 2011.