Gran Premio di Singapore 2010

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Singapore Gran Premio di Singapore 2010
835º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 15 di 19 del Campionato 2010
Singapore street circuit v2.svg
Data 26 settembre 2010
Nome ufficiale XI SingTel Singapore Grand Prix
Circuito Singapore Street Circuit
Percorso 5,073[1] km / 3,152 US mi
Circuito cittadino
Distanza 61 giri, 309,316 km/ 192,200 US mi
Clima sereno
Note in notturna
Risultati
Pole position Giro più veloce
Spagna Fernando Alonso Spagna Fernando Alonso
Ferrari in 1'45"390 Ferrari in 1'47"976
(nel giro 58)
Podio
1. Spagna Fernando Alonso
Ferrari
2. Germania Sebastian Vettel
RBR-Renault
3. Australia Mark Webber
RBR-Renault

Il Gran Premio di Singapore 2010 si è corso domenica 26 settembre 2010 sul Circuito di Marina Bay a Singapore ed è stato vinto da Fernando Alonso su Ferrari, dopo essere rimasto in testa per tutta la gara.

Vigilia[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppi per il 2011[modifica | modifica wikitesto]

La Lotus Racing annuncia che dal 2011 prenderà il nome di Team Lotus, a seguito di un accordo tra Tony Fernandes e David Hunt, titolare del nome storico Lotus.[2]

Aspetti tecnici[modifica | modifica wikitesto]

La Bridgestone, fornitore unico degli pneumatici, annuncia per questo gran premio coperture di tipo supermorbido e medio.[3]

Viene modificato il disegno della chicane Sling con l'intento di spostare maggiormente l'uscita dalla stessa delle vetture più a sinistra. Sono state modificate anche le curve 5 e 7, oltre il muro esterno della 21. Viene riasfaltato il tratto tra la curva 3 e 7, nonché quello tra la 14 e la 19. Viene abbassato il livello del paddock per consentire un rientro in pista alle monoposto senza sobbalzi e vengono rimodellati i cordoli alla curva 10. È stata modificata anche la colorazione dei muretti per ragioni di miglior visibilità televisiva[4][5]

La modifica della curva 10 è stata però criticata da Lewis Hamilton, che la considera troppo pericolosa a causa del cordolo che può fungere da involontario trampolino per le monoposto.[6]

La Red Bull monta sui mozzi delle ruote dei led luminosi, al fine di meglio evidenziare il preciso punto in cui far agire la pistola nel corso del cambio gomme.[7]

Aspetti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

Nick Heidfeld sostituisce Pedro de la Rosa alla BMW Sauber-Ferrari,[8] mentre Christian Klien sostituisce Sakon Yamamoto all'HRT-Cosworth, a causa di una indisposizione del pilota giapponese.[9] Nelle prime prove libere del venerdì Jérôme d'Ambrosio ha preso il posto di Lucas di Grassi alla Virgin, mentre Fairuz Fauzy ha sostituito Jarno Trulli alla Lotus.

Danny Sullivan è nominato commissario aggiunto dalla FIA, ruolo già svolto nel Gran Premio di Germania.[10]

Nei giorni precedenti la gara il circuito è colpito da forti piogge; ciò porta molti piloti a lamentarsi per la scarsa visibilità che potrebbe derivare da tale evento, in aggiunta al fatto che la gara si svolge in notturna.[11] Alle speculazioni risponde Valerio Maioli, l'ingegnere italiano progettista dell'impianto d'illuminazione, che difende l'efficienza del sistema di riflettori anche in caso di pioggia.[12]

In questa gara Nicolas Hülkenberg viene penalizzato di cinque posizioni sulla griglia di partenza per aver sostituito il cambio.

[modifica | modifica wikitesto]

La compagnia assicuratrice tedesca Allianz da questo gran premio sponsorizza la safety car.[13]

Prove[modifica | modifica wikitesto]

Adrian Sutil è stato multato di 10.000 $ per una manovra giudicata pericolosa: dopo aver danneggiato la sospensione anteriore alla curva 10 , nel corso della seconda sessione di prove libere, non si è immediatamente fermato a bordo pista ma ha proseguito nel percorrere il circuito.[14]

Nella prima sessione del venerdì[15] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 6 Australia Mark Webber Austria RBR-Renault 1'54"589 10
2 3 Germania Michael Schumacher Germania Mercedes GP 1'54"708 +0"119 24
3 14 Germania Adrian Sutil India Force India-Mercedes 1'54"827 +0"238 15

Nella seconda sessione del venerdì[16] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 5 Germania Sebastian Vettel Austria RBR-Renault 1'46"660 29
2 6 Australia Mark Webber Austria RBR-Renault 1'47"287 +0"627 27
3 1 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Mercedes 1'47"690 +1"030 28

Nella terza sessione di prove del sabato[17] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 5 Germania Sebastian Vettel Austria RBR-Renault 1'48"028 15
2 8 Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari 1'48"650 +0"622 16
3 2 Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito McLaren-Mercedes 1'49"000 +0"972 12

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

La temuta pioggia non si verifica durante le qualifiche, anche se il circuito si presenta ancora umido in talune sezioni, a causa della pioggia caduta nel pomeriggio.

La Q1 è interrotta da bandiera rossa a circa dieci minuti dal termine: la Ferrari di Felipe Massa è ferma in traiettoria e senza la possibilità per i commissari di rimuoverla in sicurezza. Il brasiliano accusa un problema all'elettronica. Non avendo segnato tempi è ultimo e viene eliminato assieme ai 6 piloti delle nuove scuderie.

In Q2 Alonso segnala dei problemi tecnici al muretto e viene fatto rientrare ai box. Poco dopo Petrov sbatte e danneggia la sospensione. Il ferrarista però rientra in pista presto e fa segnare il miglior tempo, poi battuto da Sebastian Vettel. Michael Schumacher passa in Q3, dopo quattro gare.

Nella parte finale delle qualifiche Alonso si porta subito al comando, senza che nell'ultimo giro nessuno degli avversari sia capace di battere il suo tempo. Per lui seconda pole consecutiva, ventunesima in carriera. In prima fila anche Vettel, seconda fila per i due della McLaren.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella sessione di qualificazione[18] si è avuta la seguente situazione:

Pos Pilota Costruttore Q1 Q2 Q3 Griglia
1 8 Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari 1'46"541 1'45"809 1'45"390 1
2 5 Germania Sebastian Vettel Austria RBR-Renault 1'46"960 1'45"561 1'45"457 2
3 2 Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito McLaren-Mercedes 1'48"296 1'46"042 1'45"571 3
4 1 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Mercedes 1'48"032 1'46"490 1'45"944 4
5 6 Australia Mark Webber Austria RBR-Renault 1'47"088 1'45"908 1'45"977 5
6 9 Brasile Rubens Barrichello Regno Unito Williams-Cosworth 1'48"183 1'47"019 1'46"236 6
7 4 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes GP 1'48"554 1'46"783 1'46"443 7
8 11 Polonia Robert Kubica Francia Renault 1'47"657 1'46"949 1'46"593 8
9 3 Germania Michael Schumacher Germania Mercedes GP 1'48"425 1'47"160 1'46"702 9
10 23 Giappone Kamui Kobayashi Svizzera BMW Sauber-Ferrari 1'48"908 1'47"599 1'47"884 10
11 17 Spagna Jaime Alguersuari Italia STR-Ferrari 1'48"127 1'47"666 11[19]
12 10 Germania Nicolas Hülkenberg Regno Unito Williams-Cosworth 1'47"984 1'47"674 17[20]
13 12 Russia Vitalij Petrov Francia Renault 1'48"906 1'48"165 12
14 16 Svizzera Sébastien Buemi Italia STR-Ferrari 1'49"063 1'48"502 13
15 22 Germania Nick Heidfeld Svizzera BMW Sauber-Ferrari 1'48"696 1'48"557 14
16 14 Germania Adrian Sutil India Force India-Mercedes 1'48"496 1'48"899 15
17 15 Italia Vitantonio Liuzzi India Force India-Mercedes 1'48"988 1'48"961 16
18 24 Germania Timo Glock Regno Unito Virgin-Cosworth 1'50"721 18
19 19 Finlandia Heikki Kovalainen Malesia Lotus-Cosworth 1'50"915 19
20 25 Brasile Lucas di Grassi Regno Unito Virgin-Cosworth 1'51"107 20
21 18 Italia Jarno Trulli Malesia Lotus-Cosworth 1'51"641 21
22 20 Austria Christian Klien Spagna HRT-Cosworth 1'52"946 22
23 21 Brasile Bruno Senna Spagna HRT-Cosworth 1'54"174 23
24 7 Brasile Felipe Massa Italia Ferrari Senza tempo 24[21]

Con i tempi in grassetto sono visualizzate le migliori prestazioni in Q1, Q2 e Q3.

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

La partenza avviene in modo regolare, con nessun cambiamento di posizioni nelle prime file. Nell'angusto circuito avvengono però diversi contatti: in uno di questi, Liuzzi danneggia la sua sospensione posteriore sinistra; prosegue per qualche chilometro ma è presto costretto al ritiro. La vettura ferma in una posizione pericolosa costringe l'entrata della safety car: molti piloti ne approfittano per effettuare un cambio gomme. Alla ripartenza i primi scappano via, mentre nelle retrovie piloti come Massa rimangono rallentati dalla vettura di Glock.

Alonso e Vettel prendono distanza dagli inseguitori, marcandosi nell'eseguire giri più veloci. Entrambi eseguono il cambio gomme contemporaneante, congelando le posizioni di testa; Webber intanto scavalca le McLaren ai pit stop. Al 30º giro Kobayashi va a sbattere a muro in un tratto molto stretto; Bruno Senna, poco dietro, non riesce a evitare l'auto, incastrandosi contro le barriere. La safety car viene di nuovo chiamata in pista. Alla ripartenza, Webber e Hamilton sono in lotta per la terza posizione; complice un doppiaggio difficile, Hamilton riesce a guadagnare qualche metro sul rettilineo verso la curva 7, curva alla quale i due entrano in collisione. L'inglese è costretto al ritiro. Nessuna sanzione viene comminata all'australiano. A fine gara però la Bridgestone scoprirà un cerchione sfilato sulla ruota anteriore destra della Red Bull: secondo i tecnici giapponesi, il danno avrebbe rischiato di provocare la perdita di pressione dello pneumatico e il conseguente ritiro del pilota.[22]

Un altro duello fra Michael Schumacher e Heidfeld provoca al giro successivo il ritiro di quest'ultimo.

La gara poi prosegue normalmente fino al termine; gli ultimi giri vedono numerosi sorpassi di Robert Kubica, grazie alle gomme nuove sostituite dopo una foratura mentre si trovava 6º posto, che lo portano al 7º posto e l'esplosione del propulsore di Heikki Kovalainen, che lascia la vettura fumante sul rettilineo d'arrivo. Alonso celebra la sua seconda vittoria consecutiva, mentre la Red Bull aumenta il distacco nella classifica costruttori. Per lo spagnolo è il primo Grand Chelem della carriera (pole, vittoria, giro più veloce e gara condotta dall'inizio alla fine).

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

I risultati del gran premio[23] sono i seguenti:

Pos Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 8 Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari 61 1h 57'53"579 1 25
2 5 Germania Sebastian Vettel Austria RBR-Renault 61 + 0"293 2 18
3 6 Australia Mark Webber Austria RBR-Renault 61 + 29"141 5 15
4 1 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Mercedes 61 + 30"384 4 12
5 4 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes GP 61 + 49"394 7 10
6 9 Brasile Rubens Barrichello Regno Unito Williams-Cosworth 61 + 56"101 6 8
7 11 Polonia Robert Kubica Francia Renault 61 + 1'26"559 8 6
8 7 Brasile Felipe Massa Italia Ferrari 61 + 1'53"297 24 4
9 14 Germania Adrian Sutil India Force India-Mercedes 61 + 2'12"416[24] 15 2
10 10 Germania Nicolas Hülkenberg Regno Unito Williams-Cosworth 61 + 2'12"791[25] 17 1
11 12 Russia Vitalij Petrov Francia Renault 60 +1 giro 12
12 17 Spagna Jaime Alguersuari Italia STR-Ferrari 60 +1 giro 11[19]
13 3 Germania Michael Schumacher Germania Mercedes GP 60 +1 giro 9
14 16 Svizzera Sébastien Buemi Italia STR-Ferrari 60 +1 giro 13
15 25 Brasile Lucas di Grassi Regno Unito Virgin-Cosworth 59 +2 giri 20
16 19 Finlandia Heikki Kovalainen Malesia Lotus-Cosworth 58 +3 giri 19
Rit 24 Germania Timo Glock Regno Unito Virgin-Cosworth 49 Idraulica 18
Rit 22 Germania Nick Heidfeld Svizzera BMW Sauber-Ferrari 36 Incidente 14
Rit 2 Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito McLaren-Mercedes 35 Incidente 3
Rit 20 Austria Christian Klien Spagna HRT-Cosworth 31 Idraulica 22
Rit 23 Giappone Kamui Kobayashi Svizzera BMW Sauber-Ferrari 30 Incidente 10
Rit 21 Brasile Bruno Senna Spagna HRT-Cosworth 29 Incidente 23
Rit 18 Italia Jarno Trulli Malesia Lotus-Cosworth 27 Idraulica 21
Rit 15 Italia Vitantonio Liuzzi India Force India-Mercedes 1 Incidente 16

Classifiche Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Costruttori[modifica | modifica wikitesto]

Pos Team Punti
1 Austria RBR-Renault 383
2 Regno Unito McLaren-Mercedes 359
3 Italia Ferrari 319
4 Germania Mercedes GP 168
5 Francia Renault 133
6 India Force India-Mercedes 60
7 Regno Unito Williams-Cosworth 56
8 Svizzera BMW Sauber-Ferrari 27
9 Italia STR-Ferrari 10

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) 2010 Formula 1 SingTel Singapore Grand Prix, Formula1.com. URL consultato il 27 ottobre 2012.
  2. ^ F1/ Da Lotus Racing a Team Lotus: nel 2011 si cambia nome, sport.virgilio.it, 24-9-2010. URL consultato il 24-9-2010.
  3. ^ (EN) Bridgestone tyre allocations announced for final rounds, bridgestonemotorsport.com, 8-9-2010. URL consultato il 13-9-2010.
  4. ^ La Sling Chicane di Singapore modificata ancora, gpupdate.net, 22-9-2010. URL consultato il 22-9-2010.
  5. ^ Roberto Ferrari, Modificata la pista di Singapore, f1grandprix.motorionline.com, 21-9-2010. URL consultato il 22-9-2010.
  6. ^ Massimo Costa, Tutte le news da Singapore-Hamilton accusa: la variante 10 è pericolosa, italiaracing.net, 24-9-2010. URL consultato il 25-9-2010.
  7. ^ Fabio Vanetti, Segreto Red Bull per rubare tempo: il mozzo con i led in Corriere della Sera, 27-9-2010, p. 47.
  8. ^ (EN) Heidfeld confirmed at Sauber, grandprix.com, 14-9-2010. URL consultato il 14-9-2010.
  9. ^ Klien sostituisce Yamamoto a Singapore, italiaracing.net, 24-9-2010. URL consultato il 24-9-2010.
  10. ^ (EN) Sullivan joins Singapore stewards' panel, planet-f1.com, 22-9-2010. URL consultato il 22-9-2010.
  11. ^ Roberto Ferrari, Pioggia a Singapore: Piloti preoccupati per la visuale, f1grandprix.motorionline.com, 24-9-2010. URL consultato il 24-9-2010.
  12. ^ Valerio Maioli a GrandChelem.it: “Singapore con la pioggia? Si può”, grandchelem.it, 23-9-2010. URL consultato il 3-10-2010.
  13. ^ Allianz sponsor della Safety Car di Formula 1, f1grandprix.motorionline.com, 24-9-2010. URL consultato il 24-9-2010.
  14. ^ Sutil multato di 10.000 dollari, gpupdate.net, 25-9-2010. URL consultato il 26-9-2010.
  15. ^ Prima sessione di prove del venerdì
  16. ^ Seconda sessione di prove del venerdì
  17. ^ Sessione di prove del sabato
  18. ^ Sessione di qualificazione
  19. ^ a b Jaime Alguersuari parte dalla corsia dei box per un problema tecnico. Gara tribolata per i piloti Toro Rosso a Singapore, f1grandprix.motorionline.com, 26-9-2010. URL consultato il 27-9-2010.
  20. ^ Nico Hülkenberg è stato penalizzato di cinque posizioni sulla griglia di partenza per aver sostituito il cambio. Hulkenberg perderà 5 posizioni in griglia, omnicorse.it, 26-9-2010. URL consultato il 26-9-2010.
  21. ^ Felipe Massa ha sostituito il motore. La penalizzazione di 10 posizioni sulla griglia non ha effetto in quanto è qualificato ultimo Massa: “Gara complicata da un problema al cambio”, f1grandprix.motorionline.com, 25-9-2010. URL consultato il 27-9-2010.
  22. ^ Singapore, Bridgestone rivela: “Webber con un cerchione sfilato”, GrandChelem.it, 27-9-2019. URL consultato il 3-10-2010.
  23. ^ Risultati del gran premio
  24. ^ Adrian Sutil è stato penalizzato di 20 secondi al termine della gara per aver tagliato la curva 7 al primo giro traendone un vantaggio. (EN) Sutil handed 20-second time penalty, formula1.com, 26-9-2010. URL consultato il 27-9-2010.
  25. ^ Nicolas Hülkenberg è stato penalizzato di 20 secondi al termine della gara per aver tagliato la curva 7 al primo giro traendone un vantaggio. (EN) Hulkenberg penalised after Force India protest, formula1.com, 26-9-2010. URL consultato il 27-9-2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 2010
Flag of Bahrain.svg Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Turkey.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of South Korea.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
2009
Gran Premio di Singapore
Edizione successiva:
2011
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1