Vitantonio Liuzzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vitantonio Liuzzi
Vitantonio Liuzzi 2011 Malaysia.jpg
Liuzzi al GP di Malesia 2011
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Automobilismo Casco Kubica BMW.svg
Dati agonistici
Categoria Formula 1, Superstars Series, Endurance, Super GT, Formula Nippon
Carriera
Carriera in Formula 1
Esordio 24 aprile 2005
Stagioni 2004-2012
Scuderie Red Bull, Toro Rosso, Force India, HRT
Miglior risultato finale 15º (2010)
GP disputati 81 (80 partenze)
Punti ottenuti 26
Statistiche aggiornate al Gran Premio del Brasile 2011

Vitantonio "Tonio" Liuzzi (Locorotondo, 6 agosto 1980) è un pilota automobilistico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Locorotondo, in provincia di Bari, ha però trascorso gran parte della sua vita a Pescara, diventando un idolo locale e rappresentante dello sport abruzzese. Liuzzi fu infatti invitato e presenziò alla "Festa dello sport abruzzese" che si tenne a Pescara il 1º agosto 2006 per celebrare i calciatori abruzzesi Fabio Grosso e Massimo Oddo, vincitori del Mondiale di calcio conclusosi poche settimane prima in Germania.[1]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Gli esordi[modifica | modifica wikitesto]

Liuzzi cominciò a correre nel 1991 sui kart dove due anni dopo vinse il campionato italiano. Nel 1995 arrivarono il secondo posto nel campionato mondiale di kart e il quinto posto in quello europeo. Nel 2001, poi Liuzzi vinse il campionato mondiale di kart, battendo fra gli altri anche l'allora campione del mondo di Formula 1 Michael Schumacher, il quale si era concesso una tantum per cercare di vincere il titolo di karting, in quanto la gara si disputò sul circuito di casa a Kerpen. Dopo i successi sui kart Liuzzi passò alla Formula Renault; nel 2001 arrivò secondo in Formula Renault tedesca, mentre l'anno successivo corse in F3 tedesca, giungendo nono e partecipando anche ad una gara di F3 italiana, che tra l'altro vinse. Il 2003 vide il passaggio del pilota pugliese all'International Formula 3000, dove giunse quarto, mentre l'anno seguente riuscì a vincere.

Formula 1[modifica | modifica wikitesto]

2004-2005: Red Bull[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2004 venne assunto dalla Red Bull come terzo pilota; l'anno successivo, alternandosi alla guida con Christian Klien, esordì con la scuderia austriaca nel Gran Premio di San Marino 2005, dove giunse ottavo ottenendo un punto. Nelle rimanenti gare Liuzzi è stato terzo pilota e riserva; a causa della pressione dello sponsor austriaco, Klien ha disputato infatti molte più gare della metà originariamente pianificata.

2006-2007: Toro Rosso[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l'acquisizione da parte della Red Bull della Minardi, Liuzzi è stato trasferito alla rinominata Toro Rosso di cui è pilota ufficiale nel campionato 2006 e per la quale ha conquistato il primo punto mondiale con un 8º posto al Gran Premio degli Stati Uniti. Confermato dalla Toro Rosso anche per il campionato 2007, nel corso della stagione non ha avuto molta fortuna ed è stato costretto a molti ritiri a causa dell'inaffidabilità della vettura su cui ha corso. In alcune occasioni le responsabilità sono state anche del pilota, come per esempio al Gran Premio del Canada quando, mentre era quarto, ha urtato un muretto ed è stato costretto al ritiro. Nel Gran Premio di Cina a Shanghai è giunto al 6º posto ed ha conquistato i primi punti della stagione. Nonostante questo risultato positivo, Liuzzi non è stato confermato dalla Toro Rosso.

2008-2010: Force India[modifica | modifica wikitesto]

Per il campionato 2008 è stato ingaggiato dalla Force India come collaudatore; dal Gran Premio d'Italia 2009 sostituisce Giancarlo Fisichella come pilota ufficiale alla Force India in seguito al passaggio di Fisichella alla Ferrari.[2] Il suo ritorno alle gare dopo due anni è positivo ma sfortunato; nelle qualifiche ottiene una buonissima settima piazza confermando così i progressi della scuderia anglo-indiana, ma proprio mentre in gara era quarto Liuzzi è stato costretto al ritiro per problemi meccanici. È stato confermato dalla Force India anche per il campionato 2010 assieme al compagno di squadra Adrian Sutil.[3] La stagione è però poco positiva, il pilota italiano viene spesso messo in ombra dal compagno di squadra ed è spesso coinvolto in incidenti; Liuzzi chiude l'anno in quindicesima posizione assoluta, con ventuno punti ed un sesto posto ottenuto nel Gran Premio di Corea come miglior risultato. Nonostante il contratto con la Force India avesse durata biennale, la squadra indiana non lo ha confermato per il campionato 2011, preferendogli Paul di Resta.

2011-2012: HRT[modifica | modifica wikitesto]

Liuzzi in Malesia, a bordo della sua HRT.

Nel 2011 viene ingaggiato dalla HRT; per la prima volta nella sua carriera, non riesce a qualificarsi in un gran premio, infatti in Australia né lui né il compagno di squadra Narain Karthikeyan riescono a scendere oltre il limite del 107%. Però, al Gran Premio del Canada l'italiano centra il miglior risultato nella storia del team giungendo tredicesimo. Al Gran Premio d'Italia è protagonista di uno spettacolare incidente: alla frenata della prima curva, l'italiano perde il controllo della sua vettura e sbanda coinvolgendo altre 5 vetture, per fortuna senza conseguenze per i piloti. Solo per il Gran Premio d'India viene sostituito da Karthikeyan, il quale nei gran premi precedenti aveva a sua volta lasciato il posto a Daniel Ricciardo.[4] L'anno successivo viene confermato dalla HRT, ma come terzo pilota, assieme a Dani Clos.

Dopo la Formula 1[modifica | modifica wikitesto]

Liuzzi impegnato in una gara di Super Formula.

Nel 2009 è stato chiamato dal Team Italy per correre i due eventi conclusivi della stagione 2008-2009 della serie A1 Grand Prix.[5] Nel 2012 prende parte al campionato Superstars Series con una Mercedes C63 AMG del team CAAL Racing, giungendo al secondo posto in classifica nell'anno d'esordio; nello stesso anno prende parte a quattro gare del mondiale Endurance con il team Lotus. Nel 2013 corre nuovamente nel Superstars Series sempre al volante di una Mercedes C63 AMG con il team Romeo Ferraris, piazzandosi terzo; partecipa anche a sei gare del mondiale Endurance sempre con il team Lotus. Nel 2014 corre in Giappone sia la Formula Nippon che il Super GT.

Risultati in Formula 1[modifica | modifica wikitesto]

2005 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Europe.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Turkey.svg Flag of Italy.svg Flag of Belgium.svg Flag of Brazil.svg Flag of Japan.svg Flag of the People's Republic of China.svg Punti Pos.
Red Bull RB1 TP TP TP 8 Rit Rit 9 TP TP TP TP TP TP TP TP TP TP 1 24º
2006 Scuderia Vettura Flag of Bahrain.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Australia.svg Flag of San Marino.svg Flag of Europe.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Turkey.svg Flag of Italy.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Japan.svg Flag of Brazil.svg Punti Pos.
Toro Rosso STR1 11 11 Rit 14 Rit 15 10 13 13 8 13 10 Rit Rit 14 10 14 13 1 19º
2007 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Europe.svg Flag of Hungary.svg Flag of Turkey.svg Flag of Italy.svg Flag of Belgium.svg Flag of Japan.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Brazil.svg Punti Pos.
Toro Rosso STR2 14 17 Rit Rit Rit Rit 17 Rit 16 Rit Rit 15 17 12 9 6 13 3 18º
2009 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Turkey.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Europe.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti Pos.
Force India VJM02 Rit 14 14 11 15 0 22º
2010 Scuderia Vettura Flag of Bahrain.svg Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Turkey.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of South Korea.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti Pos.
Force India VJM03 9 7 Rit Rit 15 9 13 9 16 11 16 13 10 12 Rit Rit 6 Rit Rit 21 15º
2011 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Turkey.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of South Korea.svg Flag of India.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Flag of Brazil.svg Punti Pos.
HRT F111 NQ Rit 22 22 Rit 16 13 23 18 Rit 20 19 Rit 20 23 21 20 Rit 0 23º
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Solo prove/Terzo pilota Non qualificato Ritirato/Non class. Squalificato Non partito

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pescara: domani festa per Oddo e Grosso, Adnkronos, 31 luglio 2006.
  2. ^ Liuzzi rimpiazza Fisichella, it.f1-live.com, 7 settembre 2009. URL consultato il 7 settembre 2009.
  3. ^ F1: Force India, Sutil e Liuzzi piloti ufficiali nel mondiale 2010, Adnkronos, 27 novembre 2009. URL consultato il 27 novembre 2009.
  4. ^ Karthikeyan: "Una giornata emozionante in India", f1grandprix.motorionline.com, 28 ottobre 2011.
  5. ^ Liuzzi corre in A1 GP, omniauto.it, 7 aprile 2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]