Gran Premio di Singapore 2012

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Singapore Gran Premio di Singapore 2012
872º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 14 di 20 del Campionato 2012
Singapore street circuit v2.svg
Data 23 settembre 2012
Nome ufficiale XIII SingTel Singapore Grand Prix
Circuito Singapore Street Circuit
Percorso 5,073 km / 3,152 US mi
Circuito cittadino
Distanza 59[1] giri, 299,170 km/ 185,896 US mi
Clima Sereno
Note in notturna
Risultati
Pole position Giro più veloce
Regno Unito Lewis Hamilton Germania Nico Hülkenberg
McLaren-Mercedes in 146"362 Force India-Mercedes in 1'51"033
(nel giro 52)
Podio
1. Germania Sebastian Vettel
Red Bull Racing-Renault
2. Regno Unito Jenson Button
McLaren-Mercedes
3. Spagna Fernando Alonso
Ferrari

Il Gran Premio di Singapore 2012 è stata la quattordicesima prova della stagione 2012 del Campionato mondiale di Formula 1. Si è corso domenica 23 settembre sul Circuito di Singapore. La gara è stata vinta dal tedesco Sebastian Vettel su Red Bull Racing-Renault. Per il vincitore si è trattato del ventitreesimo successo nel mondiale. Ha preceduto sul traguardo il britannico Jenson Button su McLaren-Mercedes e lo spagnolo Fernando Alonso su Ferrari.

Vigilia[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppi futuri[modifica | modifica wikitesto]

La FIA svela la prima bozza di calendario per il 2013. Le gare sarebbero venti, con inizio in Australia. Verrebbe corsa una sola gara in Spagna, a Barcellona, mentre il posto del Gran Premio d'Europa verrebbe preso dal Gran Premio d'America, da correre nel New Jersey. L'Hockenheimring diventerebbe sede del Gran Premio di Germania, interrompendo l'alternanza col Nürburgring.[2] Nel fine settimana del gran premio viene annunciato l'accordo fra gli organizzatori e Bernie Ecclestone per mantenere almeno per ancora 5 anni la gara nel calendario.[3]

Aspetti tecnici[modifica | modifica wikitesto]

La Pirelli annuncia per questo gran premio la fornitura di gomme di tipo soft e di tipo supersoft.[4] Viene decisa la definizione di una sola zona per l'attivazione del DRS durante la gara, la stessa utilizzata nell'edizione del 2011. Essa è determinata tra la curva 5 e la curva 7, e il punto per la determinazione del distacco fra i piloti è posto alla curva 4.[5] In seguito alle critiche che erano state riservate alla pericolosità dei cordoli di gomma nell'ultima edizione, quando questi si staccarono con facilità durante la prima sessione di prove, gli organizzatori decidono di sostituirli con altri con anima in acciaio.[6]

La Mercedes F1 W03 presenta dei nuovi scarichi laterali ma non il "Super DRS", utilizzato nel corso dei test per giovani piloti, effettuato a Magny Cours.[7] Anche la Lotus E20 non presenta più le prese d'aria supplementari sul cofano motore, che avrebbero dovuto migliorare l'effetto del DRS sulla monoposto.[8]

Aspetti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

Romain Grosjean, dopo essere stato escluso dal Gran Premio d'Italia in seguito all'incidente causato alla partenza del Gran Premio del Belgio, torna al volante della Lotus-Renault, in luogo di Jérôme d'Ambrosio. Il pilota cinese Ma Qing Hua prende parte alla prima sessione di prove libere del venerdì con l'HRT, come già avvenuto a Monza.[9]

L'ex pilota della Toyota Allan McNish è nominato quale commissario aggiunto della FIA per il gran premio.[10] Svolgerà la sua funzione coaudiuvato da José Abed, vicepresidente della FIA, e Gary Connelly, vicepresidente del FIA Institute.

Prima della gara, la FIA omaggia la memoria di Sid Watkins, medico del campionato di Formula 1 dal 1978 al 2004, scomparso il 12 settembre, con un minuto di applausi.[11]

Prove[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

La prima sessione si svolge su pista inizialmente umida, tanto da costringere i piloti a montare gomme da bagnato. Il miglior tempo è di Sebastian Vettel, che precede Lewis Hamilton e Jenson Button.[9]

Nella seconda sessione Sebastian Vettel si conferma il più rapido. Il bicampione del mondo, grazie all'uso di gomme supersoft, porta il tempo a 1'48"340. Secondo termina Jenson Button, mentre terzo chiude Fernando Alonso. Le prove sono state interrotte con bandiera rossa, per circa mezz'ora, per un incidente di Bruno Senna alla curva 19.[12]

Il tedesco Sebastian Vettel chiude in testa anche nella sessione del sabato. Inizialmente le due McLaren avevano comandato la classifica, utilizzando gomme soft, poi precedute dalle Red Bull Racing. L'utilizzo delle gomme più morbide è stato concentrato, per lo più, negli ultimi minuti della sessione. Mark Webber e Sergio Pérez sono stati autori di piccole toccate al guardrail che ha costretto i due a dei cambi gomme per forature. Negli istanti della sessione vi è stata l'esposizione delle bandiere rosse per un incidente di Vitalij Petrov alla penutlima curva.[13] Al termine delle prove Pedro de la Rosa, dell'HRT, è costretto a sostituire il cambio: per tale ragione è penalizzato di cinque posizioni sulla griglia di partenza.[14] Charles Pic è penalizzato di venti secondi, da scontare sul tempo totale di gara, per aver effettuato dei sorpassi in regime di bandiera rossa.[15]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima sessione del venerdì[16] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 1 Germania Sebastian Vettel Austria Red Bull Racing-Renault 1'50"566 24
2 4 Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito McLaren-Mercedes 1'50"615 +0"049 15
3 3 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Mercedes 1'51"459 +0"893 17

Nella seconda sessione del venerdì[17] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 1 Germania Sebastian Vettel Austria Red Bull Racing-Renault 1'48"340 27
2 3 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Mercedes 1'48"651 +0"311 24
3 5 Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari 1'48"896 +0"556 26

Nella sessione del sabato mattina[18] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 1 Germania Sebastian Vettel Austria Red Bull Racing-Renault 1'47"947 15
2 4 Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito McLaren-Mercedes 1'48"272 +0"325 15
3 5 Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari 1'48"623 +0"676 11

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima sessione vengono eliminate le due vetture della Caterham, le due Marussia, le due HRT e Kamui Kobayashi. Il miglior tempo è fatto segnare da Romain Grosjean.

Nella seconda fase vi sono dei contatti a muro per Bruno Senna e Grosjean, col brasiliano della Williams che non può proseguire la sessione, e chiude così senza tempi validi. Oltre al brasiliano, che è costretto a sostituire il cambio, perdendo così cinque posizioni sulla griglia di partenza,[19] vengono eliminati i due piloti della Toro Rosso, Felipe Massa, Nico Hülkenberg, Kimi Räikkönen e Sergio Pérez.

Nella fase decisiva prende il comando Lewis Hamilton, che coglie così la sua seconda pole consecutiva, la ventiquattresima in totale nel mondiale. La prima fila è completata da Pastor Maldonado, che conquista la posizione all'ultimo tentativo. Non fanno segnare tempi le due Mercedes.[20]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella sessione di qualifica[21] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Q1 Q2 Q3 Griglia
1 4 Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito McLaren-Mercedes 1'48"285 1'46"665 1'46"362 1
2 18 Venezuela Pastor Maldonado Regno Unito Williams-Renault 1'49"494 1'47"602 1'46"804 2
3 1 Germania Sebastian Vettel Austria Red Bull Racing-Renault 1'48"240 1'46"791 1'46"905 3
4 3 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Mercedes 1'49"381 1'47"661 1'46"939 4
5 5 Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari 1'49"391 1'47"567 1'47"216 5
6 11 Regno Unito Paul di Resta India Force India-Mercedes 1'48"028 1'47"667 1'47"241 6
7 2 Australia Mark Webber Austria Red Bull Racing-Renault 1'48"717 1'47"513 1'47"475 7
8 10 Francia Romain Grosjean Regno Unito Lotus-Renault 1'47"668 1'47"529 1'47"788 8
9 7 Germania Michael Schumacher Germania Mercedes 1'49"546 1'47"823 senza tempo 9
10 8 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes 1'49"463 1'47"943 senza tempo 10
11 12 Germania Nico Hülkenberg India Force India-Mercedes 1'49"547 1'47"975 11
12 9 Finlandia Kimi Räikkönen Regno Unito Lotus-Renault 1'48"169 1'48"261 12
13 6 Brasile Felipe Massa Italia Ferrari 1'49"767 1'48"344 13
14 15 Messico Sergio Pérez Svizzera Sauber-Ferrari 1'49"055 1'48"505 14
15 16 Australia Daniel Ricciardo Italia STR-Ferrari 1'49"023 1'48"774 15
16 17 Francia Jean-Éric Vergne Italia STR-Ferrari 1'49"564 1'48"849 16
17 19 Brasile Bruno Senna Regno Unito Williams-Renault 1'49"809 senza tempo 22[19]
18 14 Giappone Kamui Kobayashi Svizzera Sauber-Ferrari 1'49"933 17
19 21 Russia Vitalij Petrov Malesia Caterham-Renault 1'50"846 18
20 20 Finlandia Heikki Kovalainen Malesia Caterham-Renault 1'51"137 19
21 24 Germania Timo Glock Russia Marussia-Cosworth 1'51"370 20
22 25 Francia Charles Pic Russia Marussia-Cosworth 1'51"762 21
23 23 India Narain Karthikeyan Spagna HRT-Cosworth 1'52"372 23
24 22 Spagna Pedro de la Rosa Spagna HRT-Cosworth 1'53"355 24[14]
Tempo limite 107%: 1'55"226

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Lewis Hamilton mantiene il comando della gara al via, precedendo Sebastian Vettel, Jenson Button, Pastor Maldonado e Fernando Alonso. Tutti i primi dieci della griglia optano per gomme supersoft. Nelle retrovie Felipe Massa subisce una foratura che lo costringe a cambiare gli pneumatici già al termine del primo giro. Il brasiliano si ritrova così ultimo.

All'ottavo giro iniziano i primi cambi gomme, con Mark Webber. Due giri dopo è il turno del suo compagno di scuderia Sebastian Vettel. Al giro 15, quando i migliori hanno tutti effettuato il cambio gomme, la classifica vede al comando sempre Lewis Hamilton, seguito da Sebastian Vettel, Jenson Button, Pastor Maldonado, Nico Hülkenberg (su gomme soft e che non ha ancora cambiato), Fernando Alonso e Sergio Pérez, anche lui con gomme soft non ancora sostituite. Il giro dopo Alonso passa Hülkenberg e, al giro 17, Pérez, autore di un errore, è passato sia da Paul di Resta che da Mark Webber.

Al ventiduesimo giro il battistrada Lewis Hamilton è costretto al ritiro per un guasto al cambio. Va così a condurre Sebastian Vettel. Al giro 29 Pastor Maldonado e Fernando Alonso effettuano contemporaneamente il loro secondo pit stop. Tre giri dopo Narain Karthikeyan colpisce le barriere sotto il tunnel: entra in pista la safety car. Ne approfittano, per la loro seconda sosta, Kimi Räikkönen, Sebastian Vettel, Jenson Button e Paul di Resta.

Anche Maldonado compie una nuova sosta ma, al giro 35, viene richiamato ai box per un problema idraulico. Alla ripartenza Vettel mantiene il comando, seguito da Jenson Button, Fernando Alonso, Paul di Resta, con Mark Webber che supera subito Nico Hülkenberg. Al giro 39 Michael Schumacher tampona Jean-Éric Vergne: i due sono costretti al ritiro e la direzione di corsa rimanda in pista la vettura di sicurezza.

Alla ripartenza la classifica rimane invariata nelle prime posizioni. Più dietro Massa è autore di un bel sorpasso su Bruno Senna, e conquista la nona posizione. Tre giri dopo il brasiliano passa anche Daniel Ricciardo per l'ottavo posto. Vi è poi lo scambio di posizioni tra i due piloti della Lotus, con Kimi Räikkönen che passa Romain Grosjean. Nelle ultime tornate vi sono dei duelli per entrare nella zona punti. Al giro 49 Pérez danneggia l'ala nel tentativo di passare Hülkenberg, poi Webber attacca Kamui Kobayashi, ma ne approfitta proprio il tedesco della Force India che passa entrambi: Hülkenberg buca però uno pneumatico ed è costretto a un'ulteriore sosta.

La gara viene interrotta per il raggiungimento delle due ore, a due giri dalla conclusione prevista. Vince Sebastian Vettel, per la seconda volta nella stagione, la ventitreesima nel mondiale. Chiude secondo Jenson Button e terzo Fernando Alonso, che conquista così l'ottantunesimo podio nel mondiale, diventando il terzo pilota di tutti i tempi per numero di podi. Nico Hülkenberg ottiene il primo giro veloce della carriera in Formula 1, il secondo per la Force India, dal Gran Premio d'Italia 2009, ottenuto con Adrian Sutil.[22]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

I risultati del gran premio[23] sono i seguenti:

Pos Pilota Costruttore Giri[1] Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 1 Germania Sebastian Vettel Austria Red Bull Racing-Renault 59 2'00"26'144 3 25
2 3 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Mercedes 59 +8"959 4 18
3 5 Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari 59 +15"227 5 15
4 11 Regno Unito Paul di Resta India Force India-Mercedes 59 +19"063 6 12
5 8 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes 59 +34"784 10 10
6 9 Finlandia Kimi Räikkönen Regno Unito Lotus-Renault 59 +35"759 12 8
7 10 Francia Romain Grosjean Regno Unito Lotus-Renault 59 +36"698 8 6
8 6 Brasile Felipe Massa Italia Ferrari 59 +42"829 13 4
9 16 Australia Daniel Ricciardo Italia STR-Ferrari 59 +45"820 15 2
10 15 Messico Sergio Pérez Svizzera Sauber-Ferrari 59 +50"619 14 1
11 2 Australia Mark Webber Austria Red Bull Racing-Renault 59 +1'07"175[24] 7
12 24 Germania Timo Glock Russia Marussia-Cosworth 59 +1'31"918 20
13 14 Giappone Kamui Kobayashi Svizzera Sauber-Ferrari 59 +1'37"141 17
14 12 Germania Nico Hülkenberg India Force India-Mercedes 59 +1'39"413 11
15 20 Finlandia Heikki Kovalainen Malesia Caterham-Renault 59 +1'47"467 19
16 25 Francia Charles Pic Russia Marussia-Cosworth 59 +2'12"925[15] 21
17 22 Spagna Pedro de la Rosa Spagna HRT-Cosworth 58 +1 giro 24
18 19 Brasile Bruno Senna Regno Unito Williams-Renault 57 Motore[25] 22
19 21 Russia Vitalij Petrov Malesia Caterham-Renault 57 +2 giri 19
Rit 17 Francia Jean-Éric Vergne Italia STR-Ferrari 39 Collisione 16
Rit 7 Germania Michael Schumacher Germania Mercedes 39 Collisione 9
Rit 18 Venezuela Pastor Maldonado Regno Unito Williams-Renault 36 Probl. idraulici 2
Rit 23 India Narain Karthikeyan Spagna HRT-Cosworth 30 Incidente 23
Rit 4 Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito McLaren-Mercedes 22 Cambio 1

Classifiche Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Costruttori[modifica | modifica wikitesto]

Pos Team Punti
1 Austria Red Bull Racing-Renault 297
2 Regno Unito McLaren-Mercedes 261
3 Italia Ferrari 245
4 Regno Unito Lotus-Renault 231
5 Germania Mercedes 136
6 Svizzera Sauber-Ferrari 101
7 India Force India-Mercedes 75
8 Regno Unito Williams-Renault 54
9 Italia STR-Ferrari 14

Decisioni della FIA[modifica | modifica wikitesto]

Mark Webber è penalizzato di venti secondi per aver oltrepassato la pista in una fase di sorpasso con Kamui Kobayashi. La decisione se fosse avvenuta durante la gara, avrebbe comportato un drive through.[24]

Michael Schumacher è penalizzato di dieci posizioni sulla griglia del Gran Premio del Giappone in quanto ritenuto responsabile dell'incidente con Jean-Éric Vergne.[26]

Nessun penalità viene decisa contro Bruno Senna, per una manovra di difesa nei confronti di Felipe Massa, né contro Sebastian Vettel per un suo rallentamento, in fase di safety car, che stava per indurre Jenson Button a un tamponamento.[27]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Il gran premio, previsto su 61 giri, pari a 309,316 km, è ridotto a 59 giri, per il raggiungimento delle due ore di gara.
  2. ^ Calendario 2013 con venti Gran Premi, omnicorse.it, 21 settembre 2012. URL consultato il 21 settembre 2012.
  3. ^ (FR) Matthias Vauthier, F1 - Officiel : Singapour aura la F1 jusqu’en 2017 au moins, motorsport.nextgen-auto.com, 22 settembre 2012. URL consultato il 22 settembre 2012.
  4. ^ Formula 1 Gp Singapore Pirelli spiega le sue scelte, automobili10.it, 18 settembre 2012. URL consultato il 19 settembre 2012.
  5. ^ A Singapore, stesso DRS del 2011, gpupdate.net, 19 settembre 2012. URL consultato il 19 settembre 2012.
  6. ^ I cordoli di Marina Bey sostituiti dopo i problemi del 2011, gpupdate.net, 19 settembre 2012. URL consultato il 19 settembre 2012.
  7. ^ Giorgio Piola, La Mercedes usa solo i nuovi scarichi, omnicorse.it, 21 settembre 2012. URL consultato il 24 settembre 2012.
  8. ^ Giorgio Piola, La Lotus ha rinunciato al Super DRS, omnicorse.it, 21 settembre 2012. URL consultato il 24 settembre 2012.
  9. ^ a b Matteo Nugnes, Calendario 2013 con venti Gran Premi, omnicorse.it, 21 settembre 2012. URL consultato il 21 settembre 2012.
  10. ^ McNish commissario piloti a Singapore, gpupdate.net, 19 settembre 2012. URL consultato il 19 settembre 2012.
  11. ^ La FIA rende omaggio a Sid Watkins a Singapore, omnicorse.it, 20 settembre 2012. URL consultato il 24 settembre 2012.
  12. ^ Matteo Nugnes, Singapore, Libere 2: Vettel si conferma al top, omnicorse.it, 21 settembre 2012. URL consultato il 22 settembre 2012.
  13. ^ Fulvio Cavicchi, Singapore, Libere 3: Vettel fa tre su tre!, omnicorse.it, 22 settembre 2012. URL consultato il 22 settembre 2012.
  14. ^ a b Pedro de la Rosa penalizzato di cinque posizioni sulla griglia di partenza per la sostituzione del cambio. Essendo qualificato ultimo questo non incide sul suo posizionamento. (FR) F1 - L’actualité de la F1 en quelques brèves, motorsport.nextgen-auto.com, 22 settembre 2012. URL consultato il 22 settembre 2012.
  15. ^ a b Charles Pic riceve venti secondi di penalità sul tempo di gara per aver effettuato dei sorpassi con regime di bandiera rossa durante le prove libere.(EN) Pic given time penality for Singapore race, formula1.com, 22 settembre 2012. URL consultato il 24 settembre 2012.
  16. ^ Prima sessione di prove libere del venerdì
  17. ^ Seconda sessione di prove libere del venerdì
  18. ^ Sessione di prove libere del sabato
  19. ^ a b Bruno Senna è penalizzato di cinque posizioni sulla griglia di partenza per aver sostituito il cambio. Singapore - Penalizzato Senna, italiaracing.net, 22 settembre 2012. URL consultato il 24 settembre 2012.
  20. ^ GP Singapore, Hamilton in pole position, f1grandprix.motorionline.com, 22 settembre 2012. URL consultato il 24 settembre 2012.
  21. ^ Sessione di qualifica
  22. ^ Singapore - La cronaca del GP-Vettel torna alla vittoria, italiaracing.net, 23 settembre 2012. URL consultato il 24 settembre 2012.
  23. ^ Risultati del gran premio
  24. ^ a b Mark Webber è penalizzato di venti secondi per essere uscito fuori dal tracciato durante una fase di sorpasso con Kamui Kobayashi.(EN) Webber loses point after post-race penalty, formula1.com, 23 settembre 2012. URL consultato il 24 settembre 2012.
  25. ^ Bruno Senna è classificato pur essendosi ritirato, avendo coperto più del 90% della distanza.
  26. ^ Schumi perde 10 posizioni in griglia a Suzuka, omnicorse.it, 24 settembre 2012. URL consultato il 24 settembre 2012.
  27. ^ Nessuna sanzione contro Senna e Vettel, omnicorse.it, 24 settembre 2012. URL consultato il 24 settembre 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 2012
Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of South Korea.svg Flag of India.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Flag of the United States.svg Flag of Brazil.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
2011
Gran Premio di Singapore
Edizione successiva:
2013
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1