Gran Premio di Corea 2012

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Corea del Sud Gran Premio di Corea 2012
874º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 16 di 20 del Campionato 2012
Korea international circuit v2.svg
Data 14 ottobre 2012
Nome ufficiale III Korean Grand Prix
Circuito Circuito internazionale di Corea
Percorso 5,615 km / 3,489 US mi
Pista permanente
Distanza 55 giri, 308,630 km/ 191,774 US mi
Risultati
Pole position Giro più veloce
Australia Mark Webber Australia Mark Webber
Red Bull Racing-Renault in 1'37"242 Red Bull Racing-Renault in 1'42"037
(nel giro 54)
Podio
1. Germania Sebastian Vettel
Red Bull Racing-Renault
2. Australia Mark Webber
Red Bull Racing-Renault
3. Spagna Fernando Alonso
Ferrari

Il Gran Premio di Corea 2012 si è corso domenica 14 ottobre 2012 sul circuito di Yeongam in Corea del Sud, sedicesima prova della stagione 2012 del campionato mondiale di Formula 1. La gara è stata vinta dal tedesco Sebastian Vettel su Red Bull Racing-Renault. Per il vincitore si è trattato del venticinquesimo successo nel mondiale. Ha preceduto sul traguardo l'australiano Mark Webber, anche lui su Red Bull Racing-Renault e lo spagnolo Fernando Alonso su Ferrari.

Vigilia[modifica | modifica sorgente]

Sviluppi futuri[modifica | modifica sorgente]

Gli organizzatori del gran premio, pur avendo perduto uno degli sponsor principali del circuito, assicurano la presenza della gara in calendario anche per gli anni futuri vincolata a una rinegoziazione con Bernie Ecclestone dei termini dell'accordo.[1] Nel corso del weekend del gran premio viene annunciato il prolungamento del contratto fino al campionato 2016.[2]

Aspetti tecnici[modifica | modifica sorgente]

La Pirelli, fornitore unico degli pneumatici, annuncia per questo gran premio coperture di tipo supersoft e soft.[3] La Lotus non utilizza più sulla E20 il "Super DRS" ma testa dei nuovi scarichi che sfruttano l'effetto Coandă.[4]

Come nell'edizione 2011 la zona per l'attivazione del DRS è posta sul rettilineo che collega la curva 2 alla curva 3. In questa stagione la FIA ha deciso però di allungare di 80 metri la zona in cui in gara sarà consentita l'attivazione del dispositivo.[5]

Aspetti sportivi[modifica | modifica sorgente]

L'olandese Giedo van der Garde guida nuovamente la Caterham, in questo caso quella di Petrov, nella prima sessione di prove libere del venerdì, come già fatto a Suzuka.[6] Dani Clos prende invece il posto di Narain Karthikeyan all'HRT, sempre nelle prime prove del venerdì.[7] Infine Jules Bianchi e Valtteri Bottas hanno sostituito Nico Hülkenberg e Bruno Senna, rispettivamente su Force India e su Williams.[8]

L'ex pilota di Formula 1, il nordirlandese Martin Donnelly è nominato commissario aggiunto per il gran premio da parte della FIA. Donnelly aveva già svolto questa funzione in due occasioni, la prima nel Gran Premio di Corea 2011.[9]

Monisha Kaltenborn diventa team principal per la Sauber. È la prima donna a occupare questa posizione in Formula 1.[10]

Prove[modifica | modifica sorgente]

Resoconto[modifica | modifica sorgente]

Nella prima sessione di prove Lewis Hamilton è stato il più rapido, precedendo Fernando Alonso, in testa per gran parte della sessione, e Mark Webber.[8]

Nella seconda sessione i due tempi migliori sono segnati dalle due Red Bull, le uniche a secendere sotto l'1'39. Sebastian Vettel precede Mark Webber di 32 millesimi, terzo si classifica Fernando Alonso. L'unico incidente di rilievo è il problema al motore della Sauber di Sergio Pérez.[11] Al termine delle libere viene sostituito il motore sulla Marussia di Charles Pic: per tale ragione, avendo già utilizzato il numero massimo di motori previsto per la stagione, il pilota francese perderà dieci posizioni sulla griglia di partenza.[12] Michael Schumacher subisce una reprimenda dai commissari per aver ostacolato, durante le prove, in due occasioni le HRT.[13]

Nella sessione del sabato Sebastian Vettel si conferma il più veloce, precedendo le due McLaren. L'altra Red Bull Racing, quella di Mark Webber, è penalizzata da alcuni problemi elettrici.[14]

Risultati[modifica | modifica sorgente]

Nella prima sessione del venerdì[15] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 4 Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito McLaren-Mercedes 1'39"148 23
2 5 Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari 1'39"450 +0"302 21
3 2 Australia Mark Webber Austria Red Bull Racing-Renault 1'39"575 +0"427 21

Nella seconda sessione del venerdì[16] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 1 Germania Sebastian Vettel Austria Red Bull Racing-Renault 1'38"832 33
2 2 Australia Mark Webber Austria Red Bull Racing-Renault 1'38"864 +0"032 33
3 5 Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari 1'39"160 +0"328 28

Nella sessione del sabato mattina[17] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 1 Germania Sebastian Vettel Austria Red Bull-Renault 1'37"642 17
2 4 Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito McLaren-Mercedes 1'38"169 +0"527 12
3 3 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Mercedes 1'38"511 +0"869 13

Qualifiche[modifica | modifica sorgente]

Resoconto[modifica | modifica sorgente]

Nella prima fase Narain Karthikeyan è autore di un testacoda nel primo tentativo che lo costringe ad abbandonare le qualifiche senza aver fatto segnare un tempo valido. La lotta per evitare l'esclusione è serrata: viene eliminato Bruno Senna, che tenta, senza successo, anche di utilizzare le gomme supersoft. Assieme al brasiliano e all'indiano sono eliminate le due Caterham, le due Marussia e l'altro pilota dell'HRT Pedro de la Rosa.

Nella seconda fase un problema tecnico sulla Toro Rosso di Daniel Ricciardo costringe il pilota australiano a lasciare la sua monoposto lungo la pista, nelle fasi finali della sessione. Ciò comporta l'esposizione della bandiere gialle nell'ultimo tratto del tracciato e questo penalizza molti piloti che stavano compiendo l'ultimo tentativo per entrare nella top ten. Viene così eliminato Jenson Button, assieme alle due Sauber, alle due Toro Rosso, a Pastor Maldonado e Paul di Resta.

Nella Q3 Sebastian Vettel fa segnare, nel primo tentativo, il tempo migliore, seguito da Fernando Alonso. Nell'ultimo tentativo Mark Webber batte il suo compagno di scuderia e conquista la sua undicesima pole, la duecentesima per una vettura a motore Renault. La prima venne conquistata da Jean-Pierre Jabouille nel Gran Premio del Sudafrica 1979. Vettel mantiene la seconda posizione, mentre Fernando Alonso è quarto.[18]

Al termine della sessione sulla vettura di Daniel Ricciardo viene sostituito il cambio. Per tale ragione perde cinque posizioni sulla griglia.[19] La Mercedes è multata di 10.000 euro per aver rimandato in pista Michael Schumacher, durante le qualifiche, in maniera giudicata pericolosa, al sopraggiungere di Lewis Hamilton.[20]

Risultati[modifica | modifica sorgente]

Nella sessione di qualifica[21] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Q1 Q2 Q3 Griglia
1 2 Australia Mark Webber Austria Red Bull Racing-Renault 1'38"397 1'38"220 1'37"242 1
2 1 Germania Sebastian Vettel Austria Red Bull Racing-Renault 1'38"208 1'37"767 1'37"316 2
3 4 Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito McLaren-Mercedes 1'39"180 1'38"000 1'37"469 3
4 5 Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari 1'39"144 1'37"987 1'37"534 4
5 9 Finlandia Kimi Räikkönen Regno Unito Lotus-Renault 1'38"887 1'38"227 1'37"625 5
6 6 Brasile Felipe Massa Italia Ferrari 1'38"937 1'38"253 1'37"884 6
7 10 Francia Romain Grosjean Regno Unito Lotus-Renault 1'38"863 1'38"275 1'37"934 7
8 12 Germania Nico Hülkenberg India Force India-Mercedes 1'38"981 1'38"428 1'38"266 8
9 8 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes 1'38"999 1'38"417 1'38"361 9
10 7 Germania Michael Schumacher Germania Mercedes 1'38"808 1'38"436 1'38"513 10
11 3 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Mercedes 1'38"615 1'38"441 11
12 15 Messico Sergio Pérez Svizzera Sauber-Ferrari 1'38"630 1'38"460 12
13 14 Giappone Kamui Kobayashi Svizzera Sauber-Ferrari 1'38"719 1'38"594 13
14 11 Regno Unito Paul di Resta India Force India-Mercedes 1'38"942 1'38"643 14
15 18 Venezuela Pastor Maldonado Regno Unito Williams-Renault 1'39"024 1'38"725 15
16 16 Australia Daniel Ricciardo Italia STR-Ferrari 1'38"784 1'39"084 21[19]
17 17 Francia Jean-Éric Vergne Italia STR-Ferrari 1'38"744 1'39"340 16
18 19 Brasile Bruno Senna Regno Unito Williams-Renault 1'39"443 17
19 21 Russia Vitalij Petrov Malesia Caterham-Renault 1'40"207 18
20 20 Finlandia Heikki Kovalainen Malesia Caterham-Renault 1'40"333 19
21 25 Francia Charles Pic Russia Marussia-Cosworth 1'41"317 24[12]
22 24 Germania Timo Glock Russia Marussia-Cosworth 1'41"371 20
23 22 Spagna Pedro de la Rosa Spagna HRT-Cosworth 1'42"881 22
Tempo limite 107%: 1'45"082
NQ 23 India Narain Karthikeyan Spagna HRT-Cosworth senza tempo 23[22]

Con i tempi in grassetto sono visualizzate le migliori prestazioni in Q1, Q2 e Q3.

Gara[modifica | modifica sorgente]

Resoconto[modifica | modifica sorgente]

Alla partenza Sebastian Vettel sorpassa subito il compagno di squadra Mark Webber e va in testa seguito dall'australiano e Fernando Alonso che riesce a sorpassare Lewis Hamilton. Dietro di loro si posizionano Felipe Massa e Kimi Räikkönen, mentre la McLaren di Jenson Button viene speronata da Kamui Kobayashi, il quale verrà successivamente penalizzato con un drive through, e costringe al ritiro sia il pilota britannico che Nico Rosberg.

Nei primi giri Vettel riesce a realizzare una serie di giri veloci che lo portano ad avere più di 3 secondi di vantaggio su Webber, vantaggio che conserva nel momento delle prime soste ai box per il cambio gomme. Dopo la prima serie di soste le posizioni non variano, ma sulla macchina di Hamilton si riscontra un problema meccanico che fa perdere deportanza alla vettura del pilota britannico, il quale subisce prima il sorpasso ad opera di Massa al 20º giro e poi, qualche tornata dopo, da parte di Räikkönen. Dopo le soste ai box Vettel riesce ad incrementare il proprio vantaggio su Webber e su Alonso, con quest'ultimo incapace di avvicinarsi ai due piloti della Red Bull, e con Felipe Massa che rimane a pochi secondi dal compagno di squadra. Nelle posizioni di rincalzo si assiste a vari duelli, con Nico Hülkenberg e Romain Grosjean che duellano per la sesta posizione, mentre i due piloti della Toro Rosso Jean-Éric Vergne e Daniel Ricciardo, partiti rispettivamente sedicesimo e ventunesimo, riescono a piazzarsi in ottava e nona posizione davanti a Hamilton che, in difficoltà con la vettura, si ritrova con un pezzo di erba sintetica impigliato nella sua vettura a pochi giri dalla fine.

Sul traguardo Vettel passa al comando e, con questo successo, conquista la testa della classifica piloti con sei punti di vantaggio su Alonso; più staccati sono Räikkönen e Hamilton, rispettivamente a 48 e a 62 punti. Nel mondiale costruttori, grazie alla doppietta conquistata, la Red Bull aumenta il suo vantaggio a 77 punti sulla Ferrari che, grazie al terzo e quarto posto ottenuti dai suoi piloti, riesce a sopravanzare la McLaren. Più staccata la Lotus, distante 112 punti dalla scuderia austriaca.

Risultati[modifica | modifica sorgente]

I risultati del gran premio[23] sono i seguenti:

Pos Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 1 Germania Sebastian Vettel Austria Red Bull Racing-Renault 55 1h36'28"651 2 25
2 2 Australia Mark Webber Austria Red Bull Racing-Renault 55 +8"231 1 18
3 5 Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari 55 +13"944 4 15
4 6 Brasile Felipe Massa Italia Ferrari 55 +20"168 6 12
5 9 Finlandia Kimi Räikkönen Regno Unito Lotus-Renault 55 +36"739 5 10
6 12 Germania Nico Hülkenberg India Force India-Mercedes 55 +45"301 8 8
7 10 Francia Romain Grosjean Regno Unito Lotus-Renault 55 +54"812 7 6
8 17 Francia Jean-Éric Vergne Italia STR-Ferrari 55 +1'09"589 16 4
9 16 Australia Daniel Ricciardo Italia STR-Ferrari 55 +1'11"787 21 2
10 4 Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito McLaren-Mercedes 55 +1'19"692 3 1
11 15 Messico Sergio Pérez Svizzera Sauber-Ferrari 55 +1'20"062 12
12 11 Regno Unito Paul di Resta India Force India-Mercedes 55 +1'24"448 11
13 7 Germania Michael Schumacher Germania Mercedes 55 +1'29"241 10
14 18 Venezuela Pastor Maldonado Regno Unito Williams-Renault 55 +1'34"924 15
15 19 Brasile Bruno Senna Regno Unito Williams-Renault 55 +1'36"902 16
16 21 Russia Vitalij Petrov Malesia Caterham-Renault 54 +1 giro 18
17 20 Finlandia Heikki Kovalainen Malesia Caterham-Renault 54 +1 giro 19
18 24 Germania Timo Glock Russia Marussia-Cosworth 54 +1 giro 20
19 25 Francia Charles Pic Russia Marussia-Cosworth 53 +2 giri 24
20 23 India Narain Karthikeyan Spagna HRT-Cosworth 53 +2 giri 23
Rit 22 Spagna Pedro de la Rosa Spagna HRT-Cosworth 16 Motore 22
Rit 14 Giappone Kamui Kobayashi Svizzera Sauber-Ferrari 16 Incidente 13
Rit 8 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes 1 Collisione 9
Rit 3 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Mercedes 0 Collisione 11

Classifiche Mondiali[modifica | modifica sorgente]

Costruttori[modifica | modifica sorgente]

Pos Team Punti
1 Austria Red Bull Racing-Renault 367
2 Italia Ferrari 290
3 Regno Unito McLaren-Mercedes 284
4 Regno Unito Lotus-Renault 255
5 Germania Mercedes 136
6 Svizzera Sauber-Ferrari 116
7 India Force India-Mercedes 89
8 Regno Unito Williams-Renault 58
9 Italia STR-Ferrari 21

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (FR) Oliver Ferret, F1 - La Corée défend son Grand Prix magré les pertes, motorsport.nextgen-auto.com, 8 ottobre 2012. URL consultato l'8 ottobre 2012.
  2. ^ (FR) Jean-Michel Setbon, F1 - Le Grand Prix de Corée prolongé jusqu’en 2016, motorsport.nextgen-auto.com, 12 ottobre 2012. URL consultato il 15 ottobre 2012.
  3. ^ F1: Le mescole Pirelli per i prossimi Gran Premi in Giappone, Corea ed India, f1grandprix.motorionline.com, 17 settembre 2012. URL consultato il 12 settembre 2012.
  4. ^ Matteo Nugnes, La Lotus porta in Corea gli scarichi ad effetto Coanda, omnicorse.it, 9 ottobre 2012. URL consultato il 10 ottobre 2012.
  5. ^ (FR) Olivier Ferret, F1 - La FIA allonge la zone DRS sur le circuit de Yeongam, motorsport.nextgen-auto.com, 10 ottobre 2012. URL consultato il 10 ottobre 2012.
  6. ^ (FR) Olivier Ferret, F1 - Van der Garde remplacera Petrov vendredi matin à Yeongam, motorsport.nextgen-auto.com, 8 ottobre 2012. URL consultato l'8 ottobre 2012.
  7. ^ Luca Manacorda, F1-HRT: Clos al posto di Karthikeyan nelle prime libere di venerdì, f1passion.it, 9 ottobre 2012. URL consultato il 9 ottobre 2012.
  8. ^ a b Franco Nugnes, Yeongam, Libere 1: Hamilton precede Alonso, omnicorse.it, 12 ottobre 2012. URL consultato il 12 ottobre 2012.
  9. ^ (FR) Olivier Ferret, F1 - Martin Donnelly, 4ème commissaire en Corée, motorsport.nextgen-auto.com, 10 ottobre 2012. URL consultato il 10 ottobre 2012.
  10. ^ Sauber: Monisha Kaltenborn promossa team principal, omnicorse.it, 11 ottobre 2012. URL consultato l'11 ottobre 2012.
  11. ^ Franco Nugnes, Yeongam, Libere 2: Vettel-Webber coppia Red Bull, omnicorse.it, 12 ottobre 2012. URL consultato il 12 ottobre 2012.
  12. ^ a b Charles Pic penalizzato di dieci posizioni per aver utilizzato un motore in più rispetto agli otto previsti dal regolamento. Matteo Nugnes, Charles Pic perderà 10 posizioni in griglia, omnicorse.it, 12 ottobre 2012. URL consultato il 12 ottobre 2012.
  13. ^ Matteo Nugnes, Reprimenda per Schumi: ha ostacolato le HRT, omnicorse.it, 12 ottobre 2012. URL consultato il 12 ottobre 2012.
  14. ^ Franco Nugnes, Yeongam, Libere 3: Vettel fa il vuoto, sesto Alonso, omnicorse.it, 13 ottobre 2012. URL consultato il 13 ottobre 2012.
  15. ^ Prima sessione di prove libere del venerdì
  16. ^ Seconda sessione di prove libere del venerdì
  17. ^ Sessione di prove libere del sabato
  18. ^ Franco Nugnes, Yeongam, Qualifiche: Webber davanti a Vettel, omnicorse.it, 13 ottobre 2012. URL consultato il 13 ottobre 2012.
  19. ^ a b Daniel Ricciardo penalizzato di cinque posizioni sulla griglia per aver sostituito il cambio. (FR) F1 - Pénalité de cinq places pour Ricciardo, motorsport.nextgen-auto.com, 13 ottobre 2012. URL consultato il 13 ottobre 2012.
  20. ^ 10.000 euro di multa per la Mercedes, omnicorse.it, 13 ottobre 2012. URL consultato il 13 ottobre 2012.
  21. ^ Sessione di qualifica
  22. ^ Narain Karthikeyan, inizialmente non qualificato, è stato autorizzato a prendere parte alla gara.
  23. ^ Risultati del gran premio

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 2012
Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of South Korea.svg Flag of India.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Flag of the United States.svg Flag of Brazil.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
2011
Gran Premio di Corea
Edizione successiva:
2013
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1