Jules Bianchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jules Bianchi
Bianchi Jules.JPG
Dati biografici
Nazionalità Francia Francia
Automobilismo Automobilismo
Dati agonistici
Categoria Formula 1
Squadra Marussia
Carriera
Carriera in Formula 1
Esordio 17 marzo 2013
Stagioni 2013-2014
Scuderie Marussia
Miglior risultato finale 19º (2013)
GP disputati 29
Punti ottenuti 2
Statistiche aggiornate al Gran Premio di Gran Bretagna 2014

Jules Bianchi (Nizza, 3 agosto 1989) è un pilota automobilistico francese, in forza alla Marussia[1].

Nel 2009 è stato inserito nel programma giovani della Ferrari, legandosi con un contratto pluriennale alla casa automobilistica italiana che gli ha concesso un giorno di test sul circuito di Jerez nel dicembre dello stesso anno, mettendolo alla guida di una F60.

Il pilota è di origini italiane visto che i suoi antenati risiedevano a Milano. Durante il periodo del regime fascista in Italia suo nonno sfuggì alla dittatura emigrando dapprima in Belgio e, successivamente, in Francia.

Risultati in carriera[modifica | modifica sorgente]

2004: Formula Renault[modifica | modifica sorgente]

  • Secondo del Campionato di Europa
  • Secondo del Campionato di Francia

2005: Karting Formula A[modifica | modifica sorgente]

  • Campione Asia-Pacific CIK-FIA
  • Quarto nel Campionato del Mondo CIK-FIA

2006: Karting Formula A[modifica | modifica sorgente]

  • Campione di Francia (Angerville, Francia)
  • Secondo alla Coppa del Mondo FA (Suzuka)
  • Secondo alla Winter Cup (Lonato, Italia)
  • Terzo nel Campionato Italiano Open Masters
  • Quinto nel Campionato Europeo CIK-FIA in FA
  • Campione nella WSK International Series nella categoria 125 Super-ICC
  • Terzo nella Coppa del Mondo 125 Super-ICC (Mariembourg, Belgio)

2007: Formula Renault[modifica | modifica sorgente]

  • FR2.0 Francia: Campione con 5 pole position, 5 vittorie, 11 podi in 13 corse (scuderia SG Formula)
  • FR2.0 Eurocup: 1 pole position in 3 corse (scuderia SG Formula)
Jules Bianchi sul circuito di Hockenheim, Formula 3 Euro Series 2009

2008: F3 Euroseries[modifica | modifica sorgente]

2009: F3 Euroseries[modifica | modifica sorgente]

  • Campione con 6 pole position, 9 vittorie e 12 podi (scuderia ART Grand Prix)

2009-2010: GP2[modifica | modifica sorgente]

Dopo esser stato costretto al ritiro nel primo appuntamento della stagione al Gran Premio di Barcellona, dove partiva dalla pole, ottiene il quarto posto a Montecarlo in gara 1 ed il terzo nello sprint di gara 2, agganciando la quarta posizione in classifica generale. Nel dicembre 2009 guida la Ferrari F60 a Jerez in un test per giovani piloti. Un anno dopo, a novembre, guida la Ferrari F10 a Yas Marina per testare i nuovi pneumatici Pirelli.

2011: GP2 Asia[modifica | modifica sorgente]

Il mini-campionato, formato da sole due gare, viene concluso da Bianchi al secondo posto con 18 punti dietro al vincitore Romain Grosjean, primo con 24.

2011: GP2[modifica | modifica sorgente]

Partito come grande favorito, nella stagione 2011 della GP2 il pilota francese è stato autore di una stagione di alti e bassi al volante della monoposto numero 5 del team ART. Protagonista di diversi incidenti (soprattutto durante le partenze), Bianchi mostra spesso le sue doti velocistiche, culminate con la vittoria nella gara corta di Silverstone. Rimane poi in lotta per il secondo posto con i piloti della Barwa Addax, Charles Pic e Giedo van der Garde, finché viene beffato a Monza da Luca Filippi e conclude terzo in campionato. Complessivamente, Bianchi ottiene una vittoria, altri cinque piazzamenti sul podio, sei arrivi a punti ulteriori, una pole position e tre ritiri.

Formula 1[modifica | modifica sorgente]

2012[modifica | modifica sorgente]

Nel 2012 è indicato come terzo pilota alla Force India.[2] guida in diverse prove libere (dalla Cina a Abu Dhabi )Tuttavia, a settembre, nei test delle giovani a Magny-Cours, guida anche la Ferrari[3] e ottiene il miglior tempo.

2013[modifica | modifica sorgente]

Bianchi al Gran Premio della Malesia 2013, a bordo della Marussia

Il 1º marzo 2013 viene ingaggiato dalla scuderia Marussia in sostituzione di Luiz Razia, i cui sponsor non avevano garantito la copertura prevista alla scuderia.[1] Il pilota francese debutta in modo positivo, mettendosi in luce nonostante la scarsa competitività della sua vettura. Nelle prime tre gare Bianchi riesce, infatti, a precedere sia in gara che in qualifica sia i piloti della Caterham che il compagno di squadra Chilton. In Bahrein, per la prima volta, si qualifica dietro ad una Caterham, quella di Pic, ed in gara chiude 19esimo dietro ad Esteban Gutierrez.

Nel dicembre del 2013 viene scelto dalla Ferrari, insieme a Pedro de la Rosa, come pilota per i test sugli pneumatici previsti per la stagione 2014.[4]

2014[modifica | modifica sorgente]

Nel Gran Premio di Monaco conquista i suoi primi punti iridati in grazie ad un 8º posto (poi retrocesso in 9ª posizione per una penalità di 5 secondi), i primi punti nella storia della Marussia. Poco più di un mese dopo ottiene a Silverstone il suo miglior piazzamento in qualifica, con un dodicesimo posto. A causa dell'incidente di Kimi Raikkonen nel primo giro del Gran Premio di Gran Bretagna, dal quale ha riportato lievi conseguenze per cui precauzionalmente la Ferrari ha preferito non impiegarlo nella due giorni di test di Silverstone della settimana seguente, e complice la contemporanea assenza di Fernando Alonso parteciperà nelle attività della scuderia di Maranello, affiancato dal collaudatore Pedro de la Rosa.

Risultati in Formula 1[modifica | modifica sorgente]

2012 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of South Korea.svg Flag of India.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Flag of the United States.svg Flag of Brazil.svg Punti Pos.
Force India VJM05 SP SP SP SP SP SP SP SP SP
2013 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of South Korea.svg Flag of Japan.svg Flag of India.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Flag of the United States.svg Flag of Brazil.svg Punti Pos.
Marussia MR02 15 13 15 19 18 Rit 17 16 Rit 16 18 19 18 16 Rit 18 20 18 17 0 19º
2014 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of Russia.svg Flag of the United States.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti Pos.
Marussia MR03 NC Rit 16 17 18 9 Rit 15 14 15 2
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Solo prove/Terzo pilota Non qualificato Ritirato/Non class. Squalificato Non partito

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Marussia, cambio di pilota: via Razia, arriva Bianchi, Sky Sport, 1º marzo 2013.
  2. ^ Fabrizio Corgnati, Jules Bianchi è pilota di riserva della Force India. in diariodelweb.it, 27-1-2012. URL consultato il 30-1-2012.
  3. ^ Test dei giovani, seconda tappa: Bianchi leader, tra Ferrari e Force India in F1WEB.it. URL consultato il 16-9-2012.
  4. ^ Ferrari: De la Rosa e Bianchi collauderanno le nuove Pirelli, 11 dicembre 2013. URL consultato il 12 dicembre 2013.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]