Gran Premio di Germania 2012

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Germania Gran Premio di Germania 2012
868º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 10 di 20 del Campionato 2012
Hockenheim2012.svg
Data 22 luglio 2012
Nome ufficiale LXXIII Großer Preis Santander von Deutschland
Circuito Hockenheimring
Percorso 4,574 km / 2,842 US mi
Pista permanente
Distanza 67 giri, 306,458 km/ 190,414 US mi
Clima Poco nuvoloso
Risultati
Pole position Giro più veloce
Spagna Fernando Alonso Germania M. Schumacher
Ferrari in 1'40"621 Mercedes in 1'18"725
(nel giro 57)
Podio
1. Spagna Fernando Alonso
Ferrari
2. Regno Unito Jenson Button
McLaren-Mercedes
3. Finlandia Kimi Räikkönen
Lotus-Renault

Il Gran Premio di Germania 2012 è stata la decima prova della stagione 2012 del campionato mondiale di Formula 1. Si è disputata domenica 22 luglio 2012 sul circuito di Hockenheim. La gara è stata vinta da Fernando Alonso su Ferrari davanti a Jenson Button su McLaren-Mercedes e a Kimi Räikkönen su Lotus-Renault.

Vigilia[modifica | modifica sorgente]

Sviluppi futuri[modifica | modifica sorgente]

Il 10 luglio 2012 Mark Webber annuncia il rinnovo del contratto che lo lega alla Red Bull Racing anche per la stagione 2013.[1]

L'altro circuito che ospita il Gran Premio di Germania, il Nürburgring, si dibatte in gravi difficoltà finanziarie. Per tale ragione Bernie Ecclestone propone il non pagamento della tassa dovuta per poter ospitare il Gran Premio nel 2013; Ecclestone annuncia anche la sua disponibilità a organizzare il Gran Premio egli stesso, sostenendone i costi e acquisendone i ricavi.[2]

Aspetti tecnici[modifica | modifica sorgente]

La Pirelli, fornitore unico degli pneumatici, annuncia per questo Gran Premio coperture di tipo medio e morbido.[3] La casa milanese porta un tipo di gomme dure di tipo sperimentale, che vengono testate nelle prove libere del venerdì.[4]

Vengono apportate delle modifiche alla via di fuga della NordKurve, al fine di penalizzare maggiormente i piloti, che sbagliando il punto di staccata, e andando lunghi, uscissero dal tracciato. Per tale ragione è stata ampliata la striscia di erba sintetica al bordo del tracciato.[5]

La zona per l'attivazione del DRS in gara viene stabilita sull'allungo Parabolika, con determinazione del distacco tra i piloti stabilito alla curva 4. È la prima volta che su tale tracciato viene indicata una zona per la determinazione dell'uso del DRS, essendo tale pista non utilizzata nel 2011.[6]

La Lotus sperimenta sulla vettura di Kimi Räikkönen un dispositivo sull'alettone anteriore che ripropone il concetto del F-duct. Il sistema prende spunto da quanto utilizzato dalla Mercedes F1 W03.[7] La soluzione non viene utilizzata per la gara.[8]

Aspetti sportivi[modifica | modifica sorgente]

Romain Grosjean, Nico Rosberg e Mark Webber sono penalizzati di cinque posizioni sulla griglia di partenza a causa della sostituzione del cambio.[9][10][11]

Derek Warwick è nominato commissario aggiunto, da parte della FIA, per il Gran Premio. Il pilota britannico era già stato indicato nel Gran Premio d'Ungheria 2010.[12]

Nella prima sessione di prove del venerdì lo spagnolo Dani Clos prende il posto di Narain Karthikeyan alla HRT, Valtteri Bottas quello di Bruno Senna alla Williams e Jules Bianchi quello di Paul di Resta alla Force India.[13]

Prove[modifica | modifica sorgente]

Resoconto[modifica | modifica sorgente]

La prima giornata di prove è caratterizzata dalla presenza di piogge intermittenti, nelle due sessioni. Jenson Button ha ottenuto il miglior tempo nella prima sessione, davanti a Lewis Hamilton e Fernando Alonso. Molte sono state le uscite dal tracciato con Valtteri Bottas che ha colpito le protezioni nella via di fuga al Motodrom.[14]

La seconda sessione è stata penalizzata da una forte pioggia che ha reso inizialmente il tracciato molto bagnato, mentre col passare dei minuti le condizioni meteorologiche sono migliorate. Nella parte centrale della sessione i piloti hanno potuto utilizzare gomme intermedie: in questo frangente Pastor Maldonado ha ottenuto il miglior crono della sessione. Pedro de la Rosa ha perduto molta parte della sessione per dei problemi tecnici. Successivamente, a causa di una sua uscita di pista, i commissari sono costretti a esporre le bandiere rosse.[15]

Nella sessione del sabato la pista si presenta asciutta, con la pioggia che colpisce il tracciato solo negli ultimi minuti delle prove. Il tempo più basso è di Fernando Alonso, davanti a Lewis Hamilton. L'altro pilota della McLaren, Jenson Button invece, concentradosi su un assetto da bagnato, risulta ultimo della sessione. Charles Pic della Marussia salta la prima parta del turno per la sostituzione del motore.[16]

Risultati[modifica | modifica sorgente]

Nella prima sessione del venerdì[17] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 3 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Mercedes 1'16"595 27
2 4 Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito McLaren-Mercedes 1'17"093 +0"498 22
3 5 Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari 1'17"370 +0"775 21

Nella seconda sessione del venerdì[18] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 18 Venezuela Pastor Maldonado Regno Unito Williams-Renault 1'27"476 14
2 8 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes 1'27"564 +0"088 24
3 1 Germania Sebastian Vettel Austria Red Bull Racing-Renault 1'27"902 +0"426 24

Nella sessione del sabato mattina[19] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 5 Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari 1'16"014 14
2 4 Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito McLaren-Mercedes 1'16"091 +0"077 21
3 15 Messico Sergio Pérez Svizzera Sauber-Ferrari 1'16"202 +0"188 21

Qualifiche[modifica | modifica sorgente]

Resoconto[modifica | modifica sorgente]

Le qualifiche iniziano con pista asciutta, anche se la possibilità che la pioggia arrivi sul tracciato è molto alta, tanto che tutti i piloti affrontano subito la pista. Inizialmente tutti i migliori team optano per gomme medie, prima di passare alle soft. Il miglior tempo è di Kimi Räikkönen, mentre vengono eliminati i due piloti della Caterham, i due della Marussia, i due dell'HRT e Jean-Éric Vergne, passato in classifica da Michael Schumacher solo all'ultimo tentativo.

La pioggia fa capolino sulla pista poco prima della Q2, tanto che la FIA bandisce l'uso del DRS. La pioggia rende problematica la scelta delle gomme e di quando affrontare il giro lanciato. Il miglior tempo è fatto da Lewis Hamilton, mentre vengono eliminati i due piloti della Sauber, assieme con Daniel Ricciardo, Felipe Massa, Romain Grosjean, Bruno Senna e Nico Rosberg.

Anche la Q3 è caratterizzata dalla pioggia. Alonso fa segnare il tempo migliore, e nessuno dei suoi avversari è capace di battere lo spagnolo che, anzi, riesce a migliorarsi nell'ultimo tentativo. Per Alonso è la seconda pole consecutiva, la ventiduesima in totale.[20]

Risultati[modifica | modifica sorgente]

Nella sessione di qualifica[21] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Q1 Q2 Q3 Griglia
1 5 Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari 1'16"073 1'38"521 1'40"621 1
2 1 Germania Sebastian Vettel Austria Red Bull-Renault 1'16"393 1'38"309 1'41"026 2
3 2 Australia Mark Webber Austria Red Bull-Renault 1'16"500 1'39"382 1'41"496 8[9]
4 7 Germania Michael Schumacher Germania Mercedes 1'16"686 1'38"010 1'42"459 3
5 12 Germania Nico Hülkenberg India Force India-Mercedes 1'16"271 1'39"467 1'43"501 4
6 18 Venezuela Pastor Maldonado Regno Unito Williams-Renault 1'16"181 1'38"731 1'43"950 5
7 3 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Mercedes 1'16"507 1'38"659 1'44"113 6
8 4 Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito McLaren-Mercedes 1'16"221 1'37"365 1'44"186 7
9 11 Regno Unito Paul di Resta India Force India-Mercedes 1'16"352 1'39"703 1'44"889 9
10 9 Finlandia Kimi Räikkönen Regno Unito Lotus-Renault 1'15"693 1'39"729 1'45"811 10
11 16 Australia Daniel Ricciardo Italia STR-Ferrari 1'16"516 1'39"789 11
12 15 Messico Sergio Pérez Svizzera Sauber-Ferrari 1'15"726 1'39"933 17[22]
13 14 Giappone Kamui Kobayashi Svizzera Sauber-Ferrari 1'16"481 1'39"985 12
14 6 Brasile Felipe Massa Italia Ferrari 1'16"265 1'40"212 13
15 10 Francia Romain Grosjean Regno Unito Lotus-Renault 1'16"685 1'40"574 19[9]
16 19 Brasile Bruno Senna Regno Unito Williams-Renault 1'16"426 1'40"752 14
17 8 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes 1'15"988 1'41"551 21[9]
18 17 Francia Jean-Éric Vergne Italia STR-Ferrari 1'16"741 15
19 20 Finlandia Heikki Kovalainen Malesia Caterham-Renault 1'17"620 16
20 21 Russia Vitalij Petrov Malesia Caterham-Renault 1'18"531 18
21 25 Francia Charles Pic Russia Marussia-Cosworth 1'19"220 20
22 24 Germania Timo Glock Russia Marussia-Cosworth 1'19"291 22
23 22 Spagna Pedro de la Rosa Spagna HRT-Cosworth 1'19"912 23
24 23 India Narain Karthikeyan Spagna HRT-Cosworth 1'20"230 24
Tempo limite 107%: 1'20"991

Con i tempi in grassetto sono visualizzate le migliori prestazioni in Q1, Q2 e Q3.

Gara[modifica | modifica sorgente]

Resoconto[modifica | modifica sorgente]

Prima della gara è messa in dubbio la regolarità della mappatura del motore della Red Bull: secondo la FIA la coppia del motore è molto bassa rispetto alla media degli altri Gran Premi. Ciò potrebbe significare che la coppia venga utilizzata per influenzare l'effetto aerodinamico tramite il soffiaggio degli scarichi.[23] Inizialmente la Federazione ha cancellato i tempi dei due piloti della Red Bull ottenuti nelle prove, così che gli stessi sarebbero stati costretti a partire dalla pit lane.[24] Successivamente, sulla base delle delucidazioni portate da Adrian Newey, progettista della casa austriaca, la FIA ha deciso di non applicare la sanzione e si è riservata di effettuare ulteriori indagini in futuro.[25]

La Ferrari di Alonso precede la McLaren di Button e la Red Bull di Vettel sull'asfalto dell'Hockenheimring, in una gara che vedrà lo spagnolo conquistare il successo finale.

La gara si svolge col sole e pista asciutta. Fernando Alonso mantiene il comando al via, seguito da tre piloti tedeschi (Sebastian Vettel, Michael Schumacher, Nico Hülkenberg) e Jenson Button; a centro gruppo Felipe Massa perde l'alettone anteriore in un contatto ed è costretto a fermarsi ai box. Come lui anche Bruno Senna e Romain Grosjean sono costretti a delle riparazioni. Pur in presenza di molti detriti in pista non viene fatta entrare in pista la Safety car. Pochi giri dopo anche Lewis Hamilton entra ai box, per sostituire una gomma forata.

All'ottavo giro Button passa Hülkenberg e, due giri, dopo anche Michael Schumacher. Un giro dopo iniziano i primi cambi gomme per i piloti di testa con Kimi Räikkönen. Al termine della girandola di cambi, al ventesimo giro, Fernando Alonso mantiene il comando della gara, seguito da Sebastian Vettel e Jenson Button. Questi primi tre montano tutti gomme medie. Un giro dopo Räikkönen passa Schumacher per la quarta posizione.

Vettel riesce ad avvicinarsi a Fernando Alonso, ma al trentacinquesimo giro il tedesco è passato da Lewis Hamilton, diciottesimo, che si sdoppia. Al 40º giro Button effettua il suo secondo cambio gomme, seguito il giro seguente da Alonso e Vettel. Al rientro in pista Alonso mantiene il comando della gara, ma Vettel è passato da Button. Dietro ai primi tre si trovano Kimi Räikkönen, Michael Schumacher e Nico Hülkenberg. Kobayashi passa al giro 45 il tedesco della Force India e agguanta la sesta piazza. Al giro 53 Schumacher va alla terza sosta e viene passato dalle due Sauber di Kobayashi e Sergio Pérez.

In questa fase Jenson Button si avvicina a meno di un secondo al battistrada Alonso, senza però impensierirlo. Negli ultimi giri lo spagnolo mantiene un ottimo ritmo, mentre l'inglese rallenta, fino a essere passato al tornante da Sebastian Vettel al penultimo giro. La manovra provoca le proteste del britannico, in quanto il tedesco ha posto tutte le quattro ruote della vettura oltre il limite della pista.

Per Alonso è la vittoria numero trenta, il 219º successo per la Scuderia Ferrari. Giunge secondo Vettel, davanti a Button, prima della penalizzazione del tedesco per la manovra di sorpasso sull'inglese, giudicata non corretta. Michael Schumacher conquista il suo 77º giro veloce nel mondiale, il primo dal suo rientro.[26]

Risultati[modifica | modifica sorgente]

I risultati del Gran Premio[27] sono i seguenti:

Pos Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 5 Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari 67 1h31'05"862 1 25
2 3 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Mercedes 67 +6"949 6 18
3 9 Finlandia Kimi Räikkönen Regno Unito Lotus-Renault 67 +16"409 10 15
4 14 Giappone Kamui Kobayashi Svizzera Sauber-Ferrari 67 +21"925 12 12
5 1 Germania Sebastian Vettel Austria Red Bull Racing-Renault 67 +23"732[28] 2 10
6 15 Messico Sergio Pérez Svizzera Sauber-Ferrari 67 +27"896 17 8
7 7 Germania Michael Schumacher Germania Mercedes 67 +28"970 3 6
8 2 Australia Mark Webber Austria Red Bull Racing-Renault 67 +46"941 8 4
9 12 Germania Nico Hülkenberg India Force India-Mercedes 67 +48"162 4 2
10 8 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes 67 +48"889 21 1
11 11 Regno Unito Paul di Resta India Force India-Mercedes 67 +59"227 9
12 6 Brasile Felipe Massa Italia Ferrari 67 +1'11"428 13
13 16 Australia Daniel Ricciardo Italia STR-Ferrari 67 +1'16"829 11
14 17 Francia Jean-Éric Vergne Italia STR-Ferrari 67 +1'16"965 15
15 18 Venezuela Pastor Maldonado Regno Unito Williams-Renault 66 +1 giro 5
16 21 Russia Vitalij Petrov Malesia Caterham-Renault 66 +1 giro 18
17 19 Brasile Bruno Senna Regno Unito Williams-Renault 66 +1 giro 14
18 10 Francia Romain Grosjean Regno Unito Lotus-Renault 66 +1 giro 19
19 20 Finlandia Heikki Kovalainen Malesia Caterham-Renault 65 +2 giri 16
20 25 Francia Charles Pic Russia Marussia-Cosworth 65 +2 giri 20
21 22 Spagna Pedro de la Rosa Spagna HRT-Cosworth 64 +3 giri 23
22 24 Germania Timo Glock Russia Marussia-Cosworth 64 +3 giri 22
23 23 India Narain Karthikeyan Spagna HRT-Cosworth 64 +3 giri 24
Rit 4 Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito McLaren-Mercedes 56 Foratura 7

Classifiche Mondiali[modifica | modifica sorgente]

Costruttori[modifica | modifica sorgente]

Pos Team Punti
1 Austria Red Bull Racing-Renault 230
2 Italia Ferrari 177
3 Regno Unito McLaren-Mercedes 160
4 Regno Unito Lotus-Renault 159
5 Germania Mercedes 105
6 Svizzera Sauber-Ferrari 80
7 Regno Unito Williams-Renault 47
8 India Force India-Mercedes 46
9 Italia STR-Ferrari 6

Decisioni della FIA[modifica | modifica sorgente]

Al termine del Gran Premio Sebastian Vettel è penalizzato di venti secondi a causa della manovra di sorpasso compiuta ai danni di Jenson Button al penultimo giro. Il tedesco viene così retrocesso dalla seconda alla quinta posizione. La manovra viene sanzionata in quanto la sua vettura era terminata con tutte e quattro le ruote al di là della riga bianca che delimita il tracciato di gara.[28]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Matteo Nugnes, Ufficiale: Webber ha rinnovato con Red Bull per il 2013, omnicorse.it, 10 luglio 2012. URL consultato il 20 luglio 2012.
  2. ^ Matteo Nugnes, Ecclestone pronto a tutto pur di salvare il Nurburgring, omnicorse.it, 19 luglio 2012. URL consultato il 20 luglio 2012.
  3. ^ Pirelli: la mescole fino al GP di Ungheria, duemotori.com, 2 luglio 2012. URL consultato il 2 luglio 2012.
  4. ^ Positivo il debutto Pirelli ad Hockenheim, omnicorse.it, 20 luglio 2012. URL consultato il 21 luglio 2012.
  5. ^ Hockenheim: piccole modifiche alla curva 1, omnicorse.it, 19 luglio 2012. URL consultato il 20 luglio 2012.
  6. ^ "DRS Zone" prima del tornantino ad Hockenheim, omnicorse.it, 17 luglio 2012. URL consultato il 20 luglio 2012.
  7. ^ Franco Nugnes, La Lotus sperimenta l'F-duct anteriore sulla E20!, omnicorse.it, 20 luglio 2012. URL consultato il 20 luglio 2012.
  8. ^ La Lotus non userà il Super DRS nel weekend, omnicorse.it, 20 luglio 2012. URL consultato il 21 luglio 2012.
  9. ^ a b c d Grosjean perde 5 posizioni in griglia ad Hockenheim, omnicorse.it, 13 luglio 2012. URL consultato il 13 luglio 2012.
  10. ^ Rosberg paga cinque posizioni in griglia, omnicorse.it, 20 luglio 2012. URL consultato il 21 luglio 2012.
  11. ^ Webber ha rotto il cambio: pagherà 5 posizioni, omnicorse.it, 20 luglio 2012. URL consultato il 21 luglio 2012.
  12. ^ Derek Warwick commissario FIA ad Hockenheim, omnicorse.it, 19 luglio 2012. URL consultato il 20 luglio 2012.
  13. ^ Dani Clos nelle libere di Hockenheim con la HRT, omnicorse.it, 16 luglio 2012. URL consultato il 16 luglio 2012.
  14. ^ Matteo Nugnes, Hockenheim, Libere 1: Button riporta la McLaren al top, omnicorse.it, 20 luglio 2012. URL consultato il 21 luglio 2012.
  15. ^ Matteo Nugnes, Hockenheim, Libere 2: il bagnato esalta Maldonado, omnicorse.it, 20 luglio 2012. URL consultato il 21 luglio 2012.
  16. ^ Hockenheim, Libere 3: Alonso spinge la Ferrari, omnicorse.it, 21 luglio 2012. URL consultato il 23 luglio 2012.
  17. ^ Prima sessione di prove libere del venerdì
  18. ^ Seconda sessione di prove libere del venerdì
  19. ^ Sessione di prove libere del sabato
  20. ^ Franco Nugnes, Alonso: seconda pole di fila nel bagnato!, omnicorse.it, 21 luglio 2012. URL consultato il 23 luglio 2012.
  21. ^ Sessione di qualifica
  22. ^ Sergio Pérez è stato penalizzato dai commissari di cinque posizioni sulla griglia di partenza per aver ostacolato Fernando Alonso e Kimi Räikkönen in Q2. Pérez penalizzato di cinque posizioni in griglia, omnicorse.it, 20 luglio 2012. URL consultato il 21 luglio 2012.
  23. ^ Hockenheim - Red Bull rischia la squalifica, italiaracing.net, 22 luglio 2012. URL consultato il 23 luglio 2012.
  24. ^ Hockenheim - Red Bull al via dalla pit-lane?, italiaracing.net, 22 luglio 2012. URL consultato il 23 luglio 2012.
  25. ^ Ultima Ora - Nessuna penalità per le Red Bull, italiaracing.net, 22 luglio 2012. URL consultato il 23 luglio 2012.
  26. ^ La cronaca del GP di Germania, italiaracing.net, 22 luglio 2012. URL consultato il 23 luglio 2012.
  27. ^ Risultati del Gran Premio
  28. ^ a b Sebastian Vettel è stato penalizzato di 20 secondi dai commissari per il sorpasso effettuato su Jenson Button al di fuori della pista. Vettel penalizzato per il sorpasso su Button, omnicorse.it, 22 luglio 2012. URL consultato il 22 luglio 2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 2012
Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of South Korea.svg Flag of India.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Flag of the United States.svg Flag of Brazil.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
2011
Gran Premio di Germania
Edizione successiva:
2013
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1