Gran Premio di Germania 1996

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Germania Gran Premio di Germania 1996
592º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 11 di 16 del Campionato 1996
Hockenheimring prior to 2002.svg
Data 28 luglio 1996
Nome ufficiale LVIII Grosser Preis von Deutschland
Circuito Hockenheimring
Percorso 6.823 km
Circuito permanente
Distanza 45 giri, 307.035 km
Clima Sereno
Risultati
Pole position Giro più veloce
Regno Unito Damon Hill Regno Unito Damon Hill
Williams in 1:43.912 Williams in 1:46.504
(nel giro 26)
Podio
1. Regno Unito Damon Hill
Williams - Renault
2. Francia Jean Alesi
Benetton - Renault
3. Canada Jacques Villeneuve
Williams - Renault

l Gran Premio di Germania 1996 si è svolto domenica 28 luglio 1996 sul circuito Hockenheimring ad Hockenheim. La gara è stata vinta da Damon Hill su Williams seguito da Jean Alesi su Benetton e da Jacques Villeneuve su Williams.

Prima della gara[modifica | modifica sorgente]

  • La Forti non partecipa alla gara, nonostante i camion del team arrivino al circuito; la squadra, afflitta da problemi economici e di gestione interna, non ha infatti pagato alla Cosworth la fornitura dei motori, che quindi è stata sospesa.
  • La Minardi sostituisce Fisichella con il Pay driver Giovanni Lavaggi.

Qualifiche[modifica | modifica sorgente]

La sessione di qualificazione è piuttosto combattuta; Schumacher resta in cima alla classifica dei tempi per gran parte del tempo, ma negli ultimi minuti a disposizione viene sopravanzato prima da Hill, che conquista così la settima pole position stagionale, e poi da Berger. Il pilota tedesco è quindi terzo, seguito da Häkkinen, Alesi, Villeneuve, Coulthard, Irvine e dalle due Jordan di Barrichello e Brundle, che chiudono la top ten. In fondo alla griglia Lavaggi, alla prima gara con la Minardi, rimane fuori dal 107% e non si qualifica per la gara.

Classifica[modifica | modifica sorgente]

Pos No Pilota Costruttore Tempo Distacco
1 5 Regno Unito Damon Hill Williams - Renault 1:43.912
2 4 Austria Gerhard Berger Benetton - Renault 1:44.299 +0.387
3 1 Germania Michael Schumacher Ferrari 1:44.477 +0.565
4 7 Finlandia Mika Häkkinen McLaren - Mercedes 1:44.644 +0.732
5 3 Francia Jean Alesi Benetton - Renault 1:44.670 +0.758
6 6 Canada Jacques Villeneuve Williams - Renault 1:44.842 +0.930
7 8 Regno Unito David Coulthard McLaren - Mercedes 1:44.951 +1.039
8 2 Regno Unito Eddie Irvine Ferrari 1:45.389 +1.477
9 11 Brasile Rubens Barrichello Jordan - Peugeot 1:45.452 +1.540
10 12 Regno Unito Martin Brundle Jordan - Peugeot 1:45.876 +1.964
11 10 Brasile Pedro Diniz Ligier - Mugen-Honda 1:46.575 +2.663
12 9 Francia Olivier Panis Ligier - Mugen-Honda 1:46.746 +2.834
13 15 Germania Heinz-Harald Frentzen Sauber - Ford 1:46.899 +2.987
14 14 Regno Unito Johnny Herbert Sauber - Ford 1:47.711 +3.799
15 19 Finlandia Mika Salo Tyrrell - Yamaha 1:48.139 +4.227
16 18 Giappone Ukyo Katayama Tyrrell - Yamaha 1:48.381 +4.469
17 17 Paesi Bassi Jos Verstappen Footwork - Hart 1:48.512 +4.600
18 20 Portogallo Pedro Lamy Minardi - Ford 1:49.461 +5.549
19 16 Brasile Ricardo Rosset Footwork - Hart 1:49.551 +5.639
NQ 21 Italia Giovanni Lavaggi Minardi - Ford 1:51.357 +7.445

Gara[modifica | modifica sorgente]

Al via Hill scatta male, venendo superato sia da Alesi che da Berger; al termine del primo passaggio l'austriaco conduce la gara davanti al compagno di squadra, Hill, Schumacher, Coulthard, Villeneuve e Häkkinen. La gara si sviluppa piuttosto linearmente, con i primi tre che guadagnano un buon margine sugli inseguitori, guidati da Schumacher; Hill, partito per effettuare due pit stop, è nettamente più veloce dei due piloti della Benetton, la cui strategia prevede invece una singola sosta, ma non è in grado di sopravanzarli in pista. Il pilota inglese rifornisce una prima volta nel corso del 16º passaggio, conquistando poi il comando della corsa quando i piloti della Benetton effettuano i propri pit stop; a questo punto Hill spinge al massimo e quando torna in pista si trova davanti ad Alesi, ma ancora alle spalle di Berger. Il pilota austriaco sembra in grado di controllare agevolmente la situazione, nonostante Hill rimonti rapidamente lo svantaggio e si porti alle sue spalle, ma a tre tornate dalla fine il motore della sua Benetton si rompe, costringendolo al ritiro. Hill conquista così la settima vittoria stagionale, davanti ad Alesi, Villeneuve, Schumacher, Coulthard e Barrichello.

Classifica[modifica | modifica sorgente]

Pos N. Pilota Costruttore/Motore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 5 Regno Unito Damon Hill Regno Unito Williams - Renault 45 1:21'43.417 1 10
2 3 Francia Jean Alesi Italia Benetton - Renault 45 +11.452 5 6
3 6 Canada Jacques Villeneuve Regno Unito Williams - Renault 45 +33.926 6 4
4 1 Germania Michael Schumacher Italia Ferrari 45 +41.517 3 3
5 8 Regno Unito David Coulthard Regno Unito McLaren - Mercedes 45 +42.196 7 2
6 11 Brasile Rubens Barrichello Irlanda Jordan - Peugeot 45 +1'42.099 9 1
7 9 Francia Olivier Panis Francia Ligier - Mugen Honda 45 +1'43.912 12
8 15 Germania Heinz-Harald Frentzen Svizzera Sauber - Ford 44 +1 giro 13
9 19 Finlandia Mika Salo Regno Unito Tyrrell - Yamaha 44 +1 giro 15
10 12 Regno Unito Martin Brundle Irlanda Jordan - Peugeot 44 +1 giro 10
11 16 Brasile Ricardo Rosset Regno Unito Footwork - Hart 44 +1 giri 19
12 20 Portogallo Pedro Lamy Italia Minardi - Ford 43 +2 giri 18
13 4 Austria Gerhard Berger Italia Benetton - Renault 42 Motore 2
Ritirato 2 Regno Unito Eddie Irvine Italia Ferrari 34 Motore 8
Ritirato 14 Regno Unito Johnny Herbert Svizzera Sauber - Ford 25 Cambio 14
Ritirato 10 Brasile Pedro Diniz Francia Ligier - Mugen Honda 19 Motore 11
Ritirato 18 Giappone Ukyo Katayama Regno Unito Tyrrell - Yamaha 19 Testacoda 16
Ritirato 7 Finlandia Mika Häkkinen Regno Unito McLaren - Mercedes 13 Cambio 4
Ritirato 17 Paesi Bassi Jos Verstappen Regno Unito Footwork - Hart 0 Collisione 17
NQ 21 Italia Giovanni Lavaggi Italia Minardi - Ford Regola del 107% /

Classifiche[modifica | modifica sorgente]

Costruttori[modifica | modifica sorgente]

Pos. Team Punti
1 Regno Unito Williams - Renault 125
2 Italia Benetton - Renault 47
3 Italia Ferrari 38
4 Regno Unito McLaren - Mercedes 34
5 Irlanda Jordan - Peugeot 14
6 Francia Ligier - Mugen-Honda 12
7 Svizzera Sauber - Ford 10
8 Regno Unito Tyrrell - Yamaha 5
9 Regno Unito Footwork - Hart 1

Fonti[modifica | modifica sorgente]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1996
Flag of Australia.svg Flag of Brazil.svg Flag of Argentina.svg Flag of Europe.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Spain.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Japan.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
1995
Gran Premio di Germania
Edizione successiva:
1997

Note[modifica | modifica sorgente]


Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1