Gran Premio di Germania 1989

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Germania Gran Premio di Germania 1989
477º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 9 di 16 del Campionato 1989
Circuito di Hockenheim
Circuito di Hockenheim
Data 30 luglio 1989
Nome ufficiale LI Grosser Mobil 1 Preis von Deutschland
Circuito Hockenheimring
Percorso 6,797[1] km
circuito permanente
Distanza 45[1] giri, 305,865[1] km
Clima Sereno
Risultati
Pole position Giro più veloce
Brasile Ayrton Senna Brasile Ayrton Senna
McLaren - Honda in 1'42.300[2] McLaren - Honda in 1'45.884[1]
(nel giro 43[1])
Podio
1. Brasile Ayrton Senna
McLaren - Honda
2. Francia Alain Prost
McLaren - Honda
3. Gran Bretagna Nigel Mansell
Ferrari

Il Gran Premio di Germania 1989 fu la nona gara della stagione 1989 del Campionato mondiale di Formula 1, disputata il 30 luglio sul Circuito di Hockenheim. La manifestazione vide la vittoria di Ayrton Senna su McLaren - Honda, seguito dal compagno di squadra Alain Prost e da Nigel Mansell su Ferrari.

Prima della gara[modifica | modifica sorgente]

  • Da metà stagione in poi i due piloti della Brabham, Caffi e Weidler non dovettero più prendere parte alle prequalifiche in virtù dei risultati fatti segnare dalle loro scuderie nella prima parte di campionato; al loro posto furono costretti a parteciparvi i due piloti della Larrousse, Moreno e Tarquini.
  • La Larrousse ingaggiò Michele Alboreto per il resto della stagione, dopo aver affidato la propria seconda vettura a Éric Bernard nelle due gare precedenti.

Qualifiche[modifica | modifica sorgente]

Senna conquistò la settima pole position stagionale, battendo di un secondo netto il suo compagno di squadra Prost; alle spalle delle due McLaren si piazzarono le due Ferrari di Mansell e Berger, seguite dalle Williams di Patrese e Boutsen. Chiudevano la top ten Nannini, Piquet, Pirro e Alesi.

Classifica[modifica | modifica sorgente]

Pos No Pilota Costruttore Tempo[2] Distacco[1]
1 1 Brasile Ayrton Senna McLaren - Honda 1:42.300
2 2 Francia Alain Prost McLaren - Honda 1:43.306 +1.006
3 27 Regno Unito Nigel Mansell Ferrari 1:44.020 +1.720
4 28 Austria Gerhard Berger Ferrari 1:44.467 +2.167
5 6 Italia Riccardo Patrese Williams - Renault 1:44.511 +2.211
6 5 Belgio Thierry Boutsen Williams - Renault 1:44.702 +2.402
7 19 Italia Alessandro Nannini Benetton - Ford Cosworth 1:45.033 +2.733
8 11 Brasile Nelson Piquet Lotus - Judd 1:45.475 +3.175
9 20 Italia Emanuele Pirro Benetton - Ford Cosworth 1:45.845 +3.545
10 4 Francia Jean Alesi Tyrrell - Ford Cosworth 1:46.888 +4.588
11 26 Francia Olivier Grouillard Ligier - Ford Cosworth 1:46.893 +4.593
12 7 Regno Unito Martin Brundle Brabham - Judd 1:47.216 +4.916
13 23 Italia Pierluigi Martini Minardi - Ford Cosworth 1:47.380 +5.080
14 15 Brasile Maurício Gugelmin March - Judd 1:47.387 +5.087
15 30 Francia Philippe Alliot Lola Larrousse - Lamborghini 1:47.486 +5.186
16 8 Italia Stefano Modena Brabham - Judd 1:47.511 +5.211
17 9 Regno Unito Derek Warwick Arrows - Ford Cosworth 1:47.533 +5.233
18 12 Giappone Satoru Nakajima Lotus - Judd 1:47.663 +5.363
19 3 Regno Unito Jonathan Palmer Tyrrell - Ford Cosworth 1:47.676 +5.376
20 21 Italia Alex Caffi Dallara Scuderia Italia - Ford Cosworth 1:47.679 +5.379
21 22 Italia Andrea De Cesaris Dallara Scuderia Italia - Ford Cosworth 1:47.879 +5.579
22 16 Italia Ivan Capelli March - Judd 1:48.078 +5.778
23 25 Francia René Arnoux Ligier - Ford Cosworth 1:48.266 +5.966
24 36 Svezia Stefan Johansson Onyx - Ford Cosworth 1:48.348 +6.048
25 10 Stati Uniti Eddie Cheever Arrows - Ford Cosworth 1:48.396 +6.096
26 29 Italia Michele Alboreto Lola Larrousse - Lamborghini 1:48.670 +6.370
NQ 24 Spagna Luis Perez-Sala Minardi - Ford Cosworth 1:48.686 +6.386
NQ 37 Belgio Bertrand Gachot Onyx - Ford Cosworth 1:49.004 +6.704
NQ 38 Germania Christian Danner Rial - Ford Cosworth 1:49.767 +7.467

Gara[modifica | modifica sorgente]

Al via Berger provò ad insidiare le due McLaren, ma fu sopravanzato nuovamente sia da Senna che da Prost. Il brasiliano mantenne il comando fino al cambio gomme, quando il suo pit stop fu piuttosto lungo e gli fece perdere la prima posizione a vantaggio del compagno di squadra. A tre tornate dal termine, però, Senna riprese la prima posizione, approfittando di noie al cambio che rallentavano Prost. Mansell chiuse in terza posizione, mentre il suo compagno di squadra Berger fu costretto al ritiro dallo scoppio di uno pneumatico; quarto giunse Patrese, seguito da Piquet e Warwick[3].

Classifica[modifica | modifica sorgente]

Pos Pilota Costruttore Giri Tempo/Causa ritiro Pos. Partenza Punti
1 1 Brasile Ayrton Senna McLaren - Honda 45 1:21:43.302 1 9
2 2 Francia Alain Prost McLaren - Honda 45 + 18.151 2 6
3 27 Regno Unito Nigel Mansell Ferrari 45 + 1:23.254 3 4
4 6 Italia Riccardo Patrese Williams - Renault 44 + 1 Giro 5 3
5 11 Brasile Nelson Piquet Lotus - Judd 44 + 1 Giro 8 2
6 9 Regno Unito Derek Warwick Arrows - Ford Cosworth 44 + 1 Giro 17 1
7 22 Italia Andrea de Cesaris Dallara Scuderia Italia - Ford Cosworth 44 + 1 Giro 21
8 7 Regno Unito Martin Brundle Brabham - Judd 44 + 1 Giro 12
9 23 Italia Pierluigi Martini Minardi - Ford Cosworth 44 + 1 Giro 13
10 4 Francia Jean Alesi Tyrrell - Ford Cosworth 43 + 2 Giri 10
11 25 Francia René Arnoux Ligier - Ford Cosworth 42 + 3 Giri 23
12 10 Stati Uniti Eddie Cheever Arrows - Ford Cosworth 40 Sistema di alimentazione 25
Rit 8 Italia Stefano Modena Brabham - Judd 37 Motore 16
Rit 12 Giappone Satoru Nakajima Lotus - Judd 36 Uscita di pista 18
Rit 16 Italia Ivan Capelli March - Judd 32 Impianto elettrico 22
Rit 15 Brasile Mauricio Gugelmin March - Judd 28 Cambio 14
Rit 20 Italia Emanuele Pirro Benetton - Ford Cosworth 26 Uscita di pista 9
Rit 30 Francia Philippe Alliot Lola Larrousse - Lamborghini 20 Perdita olio 15
Rit 3 Regno Unito Jonathan Palmer Tyrrell - Ford Cosworth 16 Motore 19
Rit 28 Austria Gerhard Berger Ferrari 13 Uscita di pista 4
Rit 36 Svezia Stefan Johansson Onyx - Ford Cosworth 8 Surriscaldamento 24
Rit 19 Italia Alessandro Nannini Benetton - Ford Cosworth 6 Impianto elettrico 7
Rit 5 Belgio Thierry Boutsen Williams - Renault 4 Collisione 6
Rit 21 Italia Alex Caffi Dallara Scuderia Italia - Ford Cosworth 2 Motore 20
Rit 29 Italia Michele Alboreto Lola Larrousse - Lamborghini 1 Impianto elettrico 26
Rit 26 Francia Olivier Grouillard Ligier - Ford Cosworth 0 Cambio 11
NQ 24 Spagna Luis Perez-Sala Minardi - Ford Cosworth
NQ 37 Belgio Bertrand Gachot Onyx - Ford Cosworth
NQ 38 Germania Christian Danner Rial - Ford Cosworth
SQ 39 Germania Volker Weidler Rial - Ford Cosworth Squalificato
NPQ 41 Francia Yannick Dalmas AGS - Ford Cosworth
NPQ 17 Italia Nicola Larini Osella - Ford Cosworth
NPQ 40 Italia Gabriele Tarquini AGS - Ford Cosworth
NPQ 18 Italia Piercarlo Ghinzani Osella - Ford Cosworth
NPQ 31 Brasile Roberto Moreno Coloni - Ford Cosworth
NPQ 32 Francia Pierre-Henri Raphanel Coloni - Ford Cosworth
NPQ 33 Svizzera Gregor Foitek EuroBrun - Judd
NPQ 35 Giappone Aguri Suzuki Zakspeed - Yamaha

Classifiche[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f (EN) 1989 Grand Prix of Germany, Teamdan.org. URL consultato il 3 marzo 2010.
  2. ^ a b (EN) Germany 1989- Starting grid, statsf1.com. URL consultato il 3 marzo 2010.
  3. ^ (EN) Grand Prix Results: German GP, 1989, Grandprix.com. URL consultato il 3 marzo 2010.
  • Tutti i risultati di gara sono tratti dal sito ufficiale Formula 1.com. URL consultato il 26 settembre 2008.
Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1989
Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Mexico.svg Flag of the United States.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
1988
Gran Premio di Germania
Edizione successiva:
1990
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1