Gran Premio del Portogallo 1989

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Portogallo Gran Premio del Portogallo 1989
481º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 13 di 16 del Campionato 1989
Circuit Estoril 1984-1993.png
Data 24 settembre 1989
Nome ufficiale XXIII Grande Premio de Portugal
Circuito Circuito di Estoril
Percorso 4,350[1] km
circuito permanente
Distanza 71[1] giri, 308,850[1] km
Clima Sereno
Risultati
Pole position Giro più veloce
Brasile Ayrton Senna Austria Gerhard Berger
McLaren - Honda in 1'15.468[1] Ferrari in 1'18.986[1]
(nel giro 49[1])
Podio
1. Austria Gerhard Berger
Ferrari
2. Francia Alain Prost
McLaren - Honda
3. Svezia Stefan Johansson
Onyx - Ford Cosworth

Il Gran Premio del Portogallo 1989 fu la tredicesima gara della stagione 1989 del Campionato mondiale di Formula 1, disputata il 24 settembre sul Circuito di Estoril. La manifestazione vide la vittoria di Gerhard Berger su Ferrari, seguito da Alain Prost su McLaren - Honda e da Stefan Johansson su Onyx - Ford Cosworth.

Prima della gara[modifica | modifica sorgente]

Qualifiche[modifica | modifica sorgente]

Senna conquistò la decima pole position stagionale, precedendo i due piloti della Ferrari Berger e Mansell ed il compagno di squadra Prost. Quinto si piazzò il sorprendente Martini, alla guida di una Minardi particolarmente competitiva grazie anche alle gomme Pirelli da qualifica; alle spalle dell'italiano si trovavano poi Patrese, Caffi, Boutsen, Perez-Sala e Brundle.

Pre Qualifiche[modifica | modifica sorgente]

Pos Pilota Costruttore Tempo
1 36 Svezia Stefan Johansson Onyx - Ford Cosworth 1:18.623
2 30 Francia Philippe Alliot Lola Larrousse - Lamborghini 1:19.164
3 31 Brasile Roberto Moreno Coloni - Ford Cosworth 1:19.780
4 29 Italia Michele Alboreto Lola Larrousse - Lamborghini 1:19.869
NPQ 37 Finlandia Jyrki Järvilehto Onyx - Ford Cosworth 1:20.880
NPQ 18 Italia Piercarlo Ghinzani Osella - Ford Cosworth 1:21.021
NPQ 33 Argentina Oscar Larrauri EuroBrun - Judd 1:21.326
NPQ 40 Italia Gabriele Tarquini AGS - Ford Cosworth 1:21.881
NPQ 35 Giappone Aguri Suzuki Zakspeed - Yamaha 1:24.116
NPQ 34 Germania Bernd Schneider Zakspeed - Yamaha 1:24.732
NPQ 32 Italia Enrico Bertaggia Coloni - Ford Cosworth 1:28.526
ES[2] 41 Francia Yannick Dalmas AGS - Ford Cosworth Squalificato
ES[3] 17 Italia Nicola Larini Osella - Ford Cosworth Squalificato

Qualifiche[modifica | modifica sorgente]

Pos Pilota Costruttore Q1 Q2 Distacco[1]
1 1 Brasile Ayrton Senna McLaren - Honda 1:15.496 1:15.468
2 28 Austria Gerhard Berger Ferrari 1:16.799 1:16.059 +0.591
3 27 Regno Unito Nigel Mansell Ferrari 1:17.387 1:16.193 +0.725
4 2 Francia Alain Prost McLaren - Honda 1:17.336 1:16.204 +0.736
5 23 Italia Pierluigi Martini Minardi - Ford Cosworth 1:16.938 1:17.161 +1.470
6 6 Italia Riccardo Patrese Williams - Renault 1:17.281 1:17.852 +1.813
7 21 Italia Alex Caffi Dallara Scuderia Italia - Ford Cosworth 1:18.623 1:17.661 +2.193
8 5 Belgio Thierry Boutsen Williams - Renault 1:17.801 1:17.888 +2.333
9 24 Spagna Luis Perez-Sala Minardi - Ford Cosworth 1:17.844 1:18.305 +2.376
10 7 Regno Unito Martin Brundle Brabham - Judd 1:17.874 1:17.995 +2.406
11 8 Italia Stefano Modena Brabham - Judd 1:18.589 1:18.093 +2.625
12 36 Svezia Stefan Johansson Onyx - Ford Cosworth 1:19.281 1:18.105 +2.637
13 19 Italia Alessandro Nannini Benetton - Ford Cosworth 1:18.115 1:18.359 +2.647
14 15 Brasile Mauricio Gugelmin March - Judd 1:18.124 1:18.277 +2.656
15 31 Brasile Roberto Moreno Coloni - Ford Cosworth 1:18.196 1:20.512 +2.728
16 20 Italia Emanuele Pirro Benetton - Ford Cosworth 1:18.340 1:18.328 +2.860
17 30 Francia Philippe Alliot Lola Larrousse - Lamborghini 1:19.306 1:18.386 +2.918
18 3 Regno Unito Jonathan Palmer Tyrrell - Ford Cosworth 1:19.172 1:18.404 +2.936
19 22 Italia Andrea de Cesaris Dallara Scuderia Italia - Ford Cosworth 1:18.442 1:18.511 +2.974
20 11 Brasile Nelson Piquet Lotus - Judd 1:18.482 1:18.682 +3.014
21 29 Italia Michele Alboreto Lola Larrousse - Lamborghini 1:18.563 1:18.846 +3.095
22 9 Regno Unito Derek Warwick Arrows - Ford Cosworth 1:18.711 1:18.892 +3.243
23 25 Francia René Arnoux Ligier - Ford Cosworth 1:18.767 1:19.979 +3.299
24 16 Italia Ivan Capelli March - Judd 1:19.079 1:18.785 +3.317
25 12 Giappone Satoru Nakajima Lotus - Judd 1:19.278 1:19.165 +3.697
26 10 Stati Uniti Eddie Cheever Arrows - Ford Cosworth 1:19.247 1:20.006 +3.779
NQ 4 Regno Unito Johnny Herbert Tyrrell - Ford Cosworth 1:19.515 1:19.264 +3.796
NQ 26 Francia Olivier Grouillard Ligier - Ford Cosworth 1:19.605 1:19.436 +3.968
NQ 39 Francia Pierre-Henri Raphanel Rial - Ford Cosworth No tempo 1:21.435 +5.967
NQ 38 Germania Christian Danner Rial - Ford Cosworth 1:21.678 1:22.423 +6.210

Gara[modifica | modifica sorgente]

Al via Berger scattò meglio di Senna, prendendo la testa della corsa; otto tornate più tardi il brasiliano fu sopravanzato anche da Mansell, il quale sopravanzò il suo compagno di squadra al 24º passaggio, portandosi in prima posizione. Tuttavia, nel suo cambio gomme il pilota inglese arrivò lungo, mancando la postazione dei suoi meccanici: invece di uscire dalla corsia dei box per ripetere l'operazione nel giro seguente, Mansell decise di inserire la retromarcia, cosa che gli costò un'immediata bandiera nera.

Nonostante la squalifica, Mansell, scivolato in terza posizione, proseguì imperterrito, ignorando sia gli avvisi radio della Ferrari che la bandiera nera che gli veniva esposta ad ogni passaggio sul rettilineo principale[4]; giunto alle spalle di Senna, l'inglese tentò un sorpasso improbabile, mettendo fuori gara entrambi. Berger mantenne il comando fino al termine, vincendo la prima gara stagionale davanti a Prost, che grazie al secondo posto aumentava ulteriormente il suo vantaggio in campionato; terzo giunse il sorprendente Johansson, che portò alla Onyx il primo podio della sua storia chiudendo davanti a Nannini, Martini e Palmer[5].

Classifica[modifica | modifica sorgente]

Pos Pilota Costruttore Giri Tempo/Causa ritiro Pos. Partenza Punti
1 28 Austria Gerhard Berger Ferrari 71 1:36:48.546 2 9
2 2 Francia Alain Prost McLaren - Honda 71 + 32.637 4 6
3 36 Svezia Stefan Johansson Onyx - Ford Cosworth 71 + 55.325 12 4
4 19 Italia Alessandro Nannini Benetton - Ford Cosworth 71 + 1:22.369 13 3
5 23 Italia Pierluigi Martini Minardi - Ford Cosworth 70 + 1 Giro 5 2
6 3 Regno Unito Jonathan Palmer Tyrrell - Ford Cosworth 70 + 1 Giro 18 1
7 12 Giappone Satoru Nakajima Lotus - Judd 70 + 1 Giro 25
8 7 Regno Unito Martin Brundle Brabham - Judd 70 + 1 Giro 10
9 30 Francia Philippe Alliot Lola Larrousse - Lamborghini 70 + 1 Giro 17
10 15 Brasile Mauricio Gugelmin March - Judd 69 + 2 Giri 14
11 29 Italia Michele Alboreto Lola Larrousse - Lamborghini 69 + 2 Giri 21
12 24 Spagna Luis Perez-Sala Minardi - Ford Cosworth 69 + 2 Giri 9
13 25 Francia René Arnoux Ligier - Ford Cosworth 69 + 2 Giri 23
14 8 Italia Stefano Modena Brabham - Judd 69 + 2 Giri 11
Rit 6 Italia Riccardo Patrese Williams - Renault 60 Surriscaldamento 6
Rit 5 Belgio Thierry Boutsen Williams - Renault 60 Surriscaldamento 8
Rit 1 Brasile Ayrton Senna McLaren - Honda 48 Collisione 1
SQ 27 Regno Unito Nigel Mansell Ferrari 48 Squalificato 3
Rit 9 Regno Unito Derek Warwick Arrows - Ford Cosworth 37 Incidente 22
Rit 11 Brasile Nelson Piquet Lotus - Judd 33 Collisione 20
Rit 21 Italia Alex Caffi Dallara Scuderia Italia - Ford Cosworth 33 Collisione 7
Rit 20 Italia Emanuele Pirro Benetton - Ford Cosworth 29 Sospensioni 16
Rit 16 Italia Ivan Capelli March - Judd 25 Motore 24
Rit 10 Stati Uniti Eddie Cheever Arrows - Ford Cosworth 24 Uscita di pista 26
Rit 22 Italia Andrea de Cesaris Dallara Scuderia Italia - Ford Cosworth 17 Impianto elettrico 19
Rit 31 Brasile Roberto Moreno Coloni - Ford Cosworth 11 Impianto elettrico 15
NQ 4 Regno Unito Johnny Herbert Tyrrell - Ford Cosworth
NQ 26 Francia Olivier Grouillard Ligier - Ford Cosworth
NQ 39 Francia Pierre-Henri Raphanel Rial - Ford Cosworth
NQ 38 Germania Christian Danner Rial - Ford Cosworth
NPQ 37 Finlandia Jyrki Järvilehto Onyx - Ford Cosworth
NPQ 18 Italia Piercarlo Ghinzani Osella - Ford Cosworth
NPQ 33 Argentina Oscar Larrauri EuroBrun - Judd
NPQ 40 Italia Gabriele Tarquini AGS - Ford Cosworth
NPQ 35 Giappone Aguri Suzuki Zakspeed - Yamaha
NPQ 34 Germania Bernd Schneider Zakspeed - Yamaha
NPQ 32 Italia Enrico Bertaggia Coloni - Ford Cosworth
ES[2] 41 Francia Yannick Dalmas AGS - Ford Cosworth
ES[3] 17 Italia Nicola Larini Osella - Ford Cosworth

Classifiche[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g (EN) 1989 Grand Prix of Portugal, Teamdan.org. URL consultato il 13 marzo 2010.
  2. ^ a b Yannick Dalmas fu escluso dalla competizione per un'irregolarità tecnica.
  3. ^ a b Nicola Larini fu escluso dalla competizione per aver saltato un controllo del peso della sua vettura.
  4. ^ Cesare Maria Mannucci, Ayrton, pag. 77
  5. ^ (EN) Grand Prix Results: Portuguese GP, 1989, Grandprix.com. URL consultato il 14 marzo 2010.
  6. ^ Per la regola degli scarti, solo undici risultati per ogni pilota erano considerati validi per l'assegnazione del titolo mondiale; tra parentesi sono indicati i punti totali conquistati, fuori dalle parentesi quelli validi per il campionato.
  • Tutti i risultati di gara sono tratti dal sito ufficiale Formula 1.com. URL consultato il 27 settembre 2008.
Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1989
Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Mexico.svg Flag of the United States.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
1988
Gran Premio del Portogallo
Edizione successiva:
1990
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1